Archivio digitale veneto

Alvise Cornaro, Orazione per il Cardinale Marco Cornaro

 

 

[1] Misier Segnore Sgardenale Reveletitisimo, el nuostro Taratuorio pavan, femene e huomeni e tuta la roversa naration del Taratuorio tuta a scansafazo, che me ha slezù mi pre so sprologaore e pre so messetto alla Vuostra de vu Segnoria, sì ve manda el bon dì e sì me manda che a’ ve toche la man in so lome e che a’ ve base; e così a’ ve ’l dago: “Bon dì”; a’ ve la toco: cinque e cinque diese; e sì a’ ve baso (mo trève in qua), e a’ ve baso de bon cuore che a’ supiè el ben vegnù e el ben catò.

[2] E fuosi che ve parerà a muò da stranio che in me pè el no supia vegnù uno di nuostri preve o uno de quigi da Pava, che porta le centure inzafranè, de quigi sletran che se chiama dotore; mo no maravegiè de questo preché, se i citaini in Pava ten quigi per do tore, el Taratuorio ten mi per pì de quatro delle tore, preché l’à provò l’uno e l’altro e sì m’à vogiù mi, se ben per uno paro de galline l’arae posù havere uno de quigi sletran. Mo el fatto del Taratuorio è che chi intende ben el so bisogno e che chi lo sa ben dire slainamen, siché si à ben intendù che quello faze el so messo e, sapianto che neguno è megiore de mi, preché a’ intendo e a’ se el besogno e che a’ ’l dirè con la mia favela naturale e no contrafatta, che chi contrafà el so naturale la inrogia, e prezontena el m’à slezù mi sapianto certamen che a’ no la inrogierè e che, con a’ me harì aldù, che m’arì ben intendù e che a’ farì provision che sarà bona per el Taratuorio e per Pava e per nu; che, se ’l mandava un preve o uno sletran, oltra che igi no sa così le cose, i no vo favelare in la so favela per strafare mo o in gramego da messa o in moscan fiorentinesco, tute do favelle che n’è suò e favele rie e gropolose da sprovinciare e da orferire perché le è fuora del so naturale, siché no sarae stò ditto né intendù el besogno e el fatto del Taratuorio.

[3] Pre certo, Segnore, l’è pure an mal fata cosa che gi uomeni pre volere strafare ense del so naturale e intra in t’el puorpio d’altri e no guarda se i fa ben o male, che i dorave pur vere ch’i no va per la bona via della natura, con andagon nu, tengnandoge el so naturale derto per carezà con a’ fazon e ovrando la lengua, sì con ella g’à insegnò, alla pavana, che è favella bonetitissima e miegio che la gramega o la moscana e ben cognosua per megiore per Mesiere Ceco Spetrarca, che fu pure sì gran zarlatan in tutte do quelle favelle, con i dise i nuostri preve, che ’l fo un Rolando in saere ben favelare, che inchin le pri, l’erbe e i fime l’intendea, che ’l favelava con igi, né è da crere che un sì savio homo favelesse con chi no l’intendese; e pure perché ello cognosea che la nostra favella giera megiore delle suò, ello lagè ca’ so e parente e amisi e vene chì da nu per imparare la nostra favella e desparare le suò; mo la no g’andè fatta, perché el ge vegné masa vegio, basta che no manchè da ello e perzò el volse morire pavan adasché per sagura el no ge havea posù nassere, e vose essere soterò sul Pavan e no in Pava. E sti cogombari da Pava, che n’è mo Spetrarchi, laga la so puorpia per imparare quella che ello volsc desparare.

[4] Mo criu, Segnore, che, se mi andesse favelare in quelle suò favelle, che a’ no ’l sarae far miegio d’igi? Mo l’è un gran fatto! Sì, haverae mosche! A’ no sarae dire: “Segnore Sgardenale Slotrissimo, io mi hom da bene che siamo, io mi siamo contadino dello Taratuorio pavano e siamo sta mandao io mi pre basaore alla Vuostra de vu Spaternitè Magnificata”? Mo chi cancaro sarae mè quelù che volesse pensare che mi a’ foesse pavan e che no cresse ch’a’ foesse puorpio un politan de Talia da Robin moscan naturale? Mo sì, che a’ no sarae an favelare pre gramego? No, a’ harae el tiro! E a’ dighe, miegio che se a’ foese nasù in Gramegaria. Mo aldì, a’ dirave: “Rebelissisimom Segnorem Sgardenalem, ego mene son status mandatus da nobisa dal Taratuoribus a vobisa e ego mene racomandum le femenas et maschios detrique seso a vobisa”. Mo dìme, per la vostra cara fe’, chi no crerave ch’a’ foesse puorpio un preve? Mo a mi me basta asè che a’ sapia che an mi a’ son sletran s’a’ vuogio.

[5] Mo a’ no vuogio favelare in ste faele, perché, a dire la veritè, le è a nu pavani, con a’ è ancora ditto, cative da sprovinciare con la nuostra lengua e pì gropolose da orferire che n’è cativo traversare a piè descalzi una terra che supia stà arà da nuovo con el gan seco, che l’à levò sì gran zopon e sì gran gason duri con è prie de montagna, che no se pò mè metere pè che ben vage, siché quelù no pò mè caminare ben mo male; e così chi vo favelare con ste favele no pò ben favelare e dare ben a intendere el so besogno, perché inchin mi, che a’ ge favello ben, con haì sentio, e che a’ sè quello che a’ he da dire, a’ no le intendo masa ben. Pensè con le pò intendere chi no sa zò que se vuogia dire. A’ ve dige, Segnore, che le è favelle che gnian Domenedio no le intende, con a’ ve ’l proverè.

[6] Mo disìme, Mesier Giesudio no halo fatto el Paraiso, e sì grande con l’è, perché l’è pì grande che n’è sto mondo seanto ’l so capello, pre la naration humana e pre quella che dirà e farà del ben? Mo no dise tutti i preve e tutti i frare che puoca o ninte della naration delle citè va in paraiso ma asè asè de quella dalle ville? Mo dasché criu che questo vegne? Mo el ven perché Domenedio no intende le suò ration con l’intende le nuostre, perché nu a’ le haen pur conzè che le n’è sì aspere con le fa fatte in gramego, che a’ ge haen tolto via asè parole delle pì rabite che e fatte trare alla nuostra favella, siché le se intende pur miegio; e an vu, Segnore, a’ le intenderì miegio. E perché an vu a’ no butesé via el tempo, a’ ve insegneron el patanostro con el va, quando ch’a’ vorì. Mo aldì se ’l sta sprefetamen: “Pare nostro Cristo in ciello santi santificetena nome tua, regna tua, filantas tua così in ciello e io terra. Pare nostro inquotidiana Dona Bisuodia dimiti ai mussi saco de nose in luca in tentacion no sì malamen”. Mo no stato asè miegio? Poh, l’è un gran fatto! Mo aldì con haon conzò quella precantola che se dise quando trà el ton perché el no dage, che dise: “Ieso in alto intransito per malorum per mal batti”.

[7] Mo sì, che a’ no haon conzè an asè Guagnilii che s’intende ben, co è quello che no se intendea, quando l’agnolo dise alla Cara Mare: “Madona Santa Maria, femena muliere tole sgrabatole e sambula e tole puero e muza in l’Agito”. Mo le haon conzè che le se intende miegio e questo perché a’ le haen pur tirè al nostro favelare, che è favella, per dire la veritè, da conzare tute le altre e, con a’ he ditto, favella che se intende miegio inchin in paraiso, e favella che se pò miegio imparare a sto mondo tutte le sintie che con ogn’altra, con a’ ve farè vere, che nu a’ imparon con la nostra tutte le sintie che se pò imparare a sto mondo, che le è queste che a’ ve lominerò: e pre la prima, la leza de Misiere Iesundio; le do, delle stelle del ciello, del solle e del far della luna; le tre, de saere de mesine e de megare; le quatro, de cognosere chi ha rason in la roba; le cinque, con dee essere castigè i malli huomeni; le siè, de saer fare cunti de abeco; le sette, de saer cantare e sonare. E tutte ste sintie che l’omo vuovra al mondo, tutte nu a’ le imparon da pre nu con la nostra favella da nostro pare e così con a’ imparon a favelare che, apena che a’ seon insù della scarpogia del vuovo, che a’ le imparon e senza faiga; e i citaini le impara con tanta faiga e in tanti agni perché igi imprima impara da so pare la so favella e po, con i l’a imparà, i va a despararla pre imparare la gramega e la moscana, e po con la gramega g’impara le sintie che, con a’ he ditto, nu a’ le imparon al primo tratto. Pensè mo se gi è mati e se i la intende sì ben con la intendon nu, che a’ le imparon al primo colpo!

[8] E per la prima. Sì, che nu a’ no saon della leza de Mesier dominedio Ieso, che dise no fare a gi altri quello che te no vorissi che te foesse fatto a ti, sì che a’ no saon quanti è i peché mortale, e sì con Iesundio morì pre nu, e del paraiso e de l’inferno e del purgatuorio, se ben sti frare de fra Lutrio co no sè che suò rason ge ha dò che pensare?

[9] Le do. Sì, che nu a’ no saon del ciello qualle è la Stella Boara, le Falze, la Chioca, i Sette Biron? Sì, che a’ no saon quando fa la luna, e incontra on è el Mezodì e la Tramontana senza busolo calamitario ?

[10] Le tre. Sì, che nu a’ no saon de mesine e zoare pì a uno amalò con una erba biota che no fa i miegi da Pava con tutte le suò speciarì e mesine e pirole e sborsette? Sì, che nu a’ no saon guarire ferì e conzar vuosi rutti e limbri strasandè?

[11] Le quatro. Sì, che nu a’ no saon de rason in ogni gro, e se la robba è sotto fi de comesso, e chi de’ essere reditto, e de rason de dotte?

[12] Le cinque. Sì, che nu a’ no saon se chi roba dee essere apicò, e a chi tagiòge ’l cao, e a chi squartò e a chi brusò?

[13] Le siè. Sì, che a’ no saon nu de far cunti e miegio co una tessera tegnirgi, e le rason de tutta la villa, che non fa quigi da Pava co i suò slibri? Sì, che a’ no saon pertegare campi senza abeco e stemare dotte e levare la valità?

[14] Le sete. Sì, che nu a’ no saon cantare senza rason de so sa fa la? Mo naturalmen da nuostra posta a’ imparon, siché a’ canton miegio nu in du suli che no fa quigi solfezaore da Pava in quatro; perché, a dire la veritè, igi no la intende che la bute miegio in du che in quatro, perché in quatro, siando tanti, l’è el cancaro a avegnirse e a acordarse, perché chi canta pian, siché no se alde, e chi sberega, siché no laga sentire gi altri; e po chi per strafare dise le parole ananzo del compagno e chi po de drio, e po per ancora pì strafare uno a pruova de l’altro la vo sminuzolare e farla sotile e sì fa triemoli a so muò che pare che i bate i dente da ferdo o can che se morsege, e così i magna le parole tanto che g’inroegia le parole e el cantare che no se sa zò que i cante né zò que i dige, e perzontena chi gi alde cantare è defato stuffo. Sì con pì che se alde i nuostri canti, pì i piase, e questo perché gi è naturale; e in du suli: un fantuzatto, che fa tenore a una putta, tegnandolo ello ’l so tenore fremo e duro senza ponto calare o mancare ma arbasandose e alzandose a tempo e luogo e besogno e po, ella, che fa ’l soran, stagando sempre de sora in aire, fazanto mille biegi gropiti e pontiti con la lengua, volzantola e rivolzantola e smisiantola e sminuzantola per sotile sì che un calandratto o un rusignato ge perderae, così che fa un gran piasere, perché l’è piasere fondò sul naturale che è cantare in du e no in quatro. Mo che supia la verité, aldì la rason con la spirintia: a’ saì, Segnore, che al mondo mè no ge fu né è né serà né pò esere in bisecola bisecolorum el megiore e pì bel cantare de quello de quelle pute Done Gergete dalle Veniesie, che (con i dise tutti i solfezaore e chi n’è solfezaore e ognom tutto a casafazo e così an nu dalle ville a’ ’l digon, che a’ le haon aldù asè fiè, che le ven col nostro Paron in villa), che, per dire la veritè, le canta che le sona agnoli, arcagnoli de vita biata. Mo saìu preché? Mo prequé elle ha imparò da so posta, naturalmen, e sì canta se lomè in du, elle do, tenore e soran, e sì canta co una allegrisia e così tutte pine d’alegrisia e averte e chiare e aierose, e canzon fatte da elle e an asè delle nuostre, e no fatte de so sa fa la, se ben le g’in sa con sa i solfezaore; mo elle, che la intende, laga quelle imbregose e sì se aten alle naturale, e per zò, con le canta, se sente tutte le parole con le va, che elle no le magna, e sì a’ se sente tutti i suò sminuzolari fatti con sason e a tempo, e perzontena i suò canti piase tanto, sì che no ge è homo che a sentirgi da sdolzore no se ge desconisa el cuore; e questo è, sì con ho ditto, perché le canta naturalmen.

[15] Mo sì che de sonare nu a’ no ge saon senza imparare se lomè da nu, con fa tuti i nuostri pivari, che da so posta igi impara, e sì sona tanto ben che vorae ben essere uno amalò, impocolò e amelanò che aldandole se poesse tegnire de balare, o igi o el cuorege. Mo no ge è tal fantuzato di nuostri che con uno sigolotto solo sa sonare sì ben che no g’è puta che aldandolo se posa tegnire de balare? E pì che quelù ten duro, ella ten pì fremo remenandose e smisiandose, a’ dige, tanto che ella, no preché la sea stuffa mo preché la è stanca e tuta slavagia e andà in suore e mezza morta, tirà dal gran piasere alla gran faiga, siché pre no poere pì la se tira da un lò, ma ben co so gran despiasere, preché quel sigoloto ge piase pì che mè. E questo preché, con a’ dige, l’è son naturale e si è altro son che n’è quello con che balla le citaine in Pava, de quel stromento che i ge chiama scracimbalo, che sona senza darge fiò mo co i di delle man, che par ch’i grate su na cassata de morto, che fa un son che sona quando se smisia in uno cason de viri ruti, così ’l fa un son roto, morto e indromenzò; e prezontena le citaine, che bala con quel son, le pare an elle morte e indromenzè e sì vale pian che squase che le no se muove de peca. Mo ca sì che, se elle balase con quigi nuostri siguluoti, che le se moverave e sì se remenerave e tosto per poerse manizar miegio le se trarae d’intorno le tante pelize che le porta, e sì harae pì piasere che quelù tegnise ben duro che se ’l metesse a monte presto. E questa è la rason, preché el naturale piase pì pì che ’l se sente, (siché) pre balare no g’è megiore son del sigolotto che nu overon, che è altro che scracimbali. E può sto sonare a’ l’imparon da nu e così tute le altre sintie, con a’ he ditto, da pre nu e con la nostra faela e senza andare a stugiare in Pava.

[16] L’è ben mo la veritè che in Pava el se ge stugia in altre quatro sintie, che nu dalle ville a’ no le haon né a’ le vogion; e de queste nu a’ no ge ne saon, preché a’ le haon pre fiabatole e menchionarì e no pre sintie, che è: la prima, la strologiaria de saere indivinare quel che dee vegnire; le do, de fare precantole e cose de regomancia de Piero d’Abano; le tre, de fare de rame oro; le quatro, de catare con precantole, vision e con scrivaure al muò de orario sototerario catario. E tutte quatro queste sintie, con a’ v’è ditto mi, a’ no le haon preché a’ saon che le n’è sintie mo menchionarì, e prezontena a’ le lagon a qui menchion da Pava, preché i ge perde el tempo, el celibrio e la roba, co ben asè fiè i fa. Siché tutte le sintie ch’è bone nu, con haì intendù, a le imparon con la nuostra favella, siché, seanto la nostra favella bona pre saere tutto quello che se pò, e favella pre conzare le altre e che è intendua miegio delle altre inchin in paraiso, el Taratuorio ha vogiù mandare mi dalla Vostra Segnoria de vu, e no un preve o uno sletran dotore; e sì n’ à vogiù ch’a’ vegne in Pava sapianto ch’a’ gieri pre vegnire in villa, pre vegnire in megiore aire e pre arposarve e pre farve tornare el celibrio a so luogo, che ve giera muzò pre tanti tragagi e che fare e spese, che haì habù in Pava in pastezare e dare tanto da magnare a quigi deciparoba de i citaini, che tanto haì butò via, con a’ ve dirè po, e pre el gran che fare che haì habù in arpazare frare con frare e monege con monege; e mo adesso che sì arposò e tutto alturiò in sti oto dì che a’ sì stò chialò in villa, a’ son vegnù a farve intendere de la gran allegrisia che haon pre la vostra vegnua de vu dalle Rome.

[18] Tutto el Taratuorio ge ne à tanta, preché ne è tanta pre tutto el Taratuorio che se vé se no ciello e allegrisia vegnuage con la vostra vegnua de vu, che a’ g’aì portò altro che cavalete mo ogni ben. Che Dio sea laldò, che a’ ve veron pure con gi uochi e a’ galderon el nuostro Papa, nostro Vescoo e ’l nuostro Pastore Pegoraro; e vu, Segnore, a’ verì le vuostre piegore, ch’a’ seon nu, che l’è tanti agni che a’ son stè senza pegoraro quanti è che morì quella beneta anema del Vescoo Sberozo, che fo asè bon pre nu; mo a’ seon pì che cierti che vu a’ sarì asè miegio preché a’ sì an maore, che ello no fo se no Vescoo, che vu a’ sì Sgardenale, che è de gran ponto sora e sotto de puo’ a Papa, che ancora a’ ve ge veron se a’ sarì governarve, con a’ ve insegneron, della vitta e del magnare, che pre ste malision a’ no morì zovene.

[19] Mo, con a’ v’he ditto, a’ ve insegneron e vu, pre fare ’l vostro debito de iostisia e de rason, a’ saon che, con a’ me harì aldù, che a’ farì tal prevedimento che a’ no saron così mal tratè da i citaini; e pensanto nu a tanto nostro ben a’ seon in tanta alegrisia huomeni e femene a scasafaso, con è ditto, che tutta la note a’ se insonion, con vìu, e che a’ ve bason e che a’ ve carezon e che vu a’ fè a nu l’incontro e che, se nu a’ ve tegnon da compagno con veramen a’ ve tegnon, che vu a’ ne tegnì da friegi; e prezontena a’ fazon cantare a i nuostri preve e a i nuostri tosati in precesion quella beneta ration che se canta d’alegrisia, che dise: “Giuoria in le ciese de Dio e in tera pasen a gi ominibus de bona volontè”, che a’ seon veramen nu, e po l’altra che dise: “Benitus el Domenedio de Sdraele che n’à arvisitò” che a’ sì vu, e sì a’ sì an quello altro “benitus” che dise l’altra ration, che dise: “Benitus che vegne pre gi uomeni e pre le done”, che, con a’ v’è ditto, a’ tegnon e sì a’ saon che a’ sì quel beneitus, el bon benitus, el benetetorio, el benetetissimo pre ognia besecola culorum amene.

[20] Pota, Segnore, a’ sì pur stò asè a vegnire e nu a’ ve haen pì aspitò che n’è aspitò da cavalla magra l’erba novella, e pì desirò che n’è soradesirò da un fantuzato ben innamorò e de pì agni la serra dello adoarse e del ben iroigiarse atorno alla so morosa, che pensanto a questo è in tanta veregagia e in tanto robore che da volontè se ge desconise el cuore né ge pò armiliare se ben pre armiliarge fa con ’l pensiero e con el cuore e con la man tutto quello che mè ’l pò fare. Tamentre nu a’ ve haon con maore dosodierio aspitò, e mo ch’a’ sì vegnù da gran contento e allegrisia a’ posen ben mo dire: “Muza da nu, melencuonia! Trève da un lò, pensieri rii! Vate mo imbusa, malla fortuna! Tuòte mo, descontento! Ascondìve, despiasere!” E, al contrario: “Trève in qua, risi canti suoni e bagi, che l’è vegnua la vostra sason, vegnuage con un Segnore mezo Domenedio!” Che un dì a’ ge sarì tuto e no haron po pì paura che tempeste né che ge vegne cavalete, che l’è ’l bel pecò che sto Pavan habia malle, perché huomeni e femene e pan e vin e zò que ge nasse è pì ca bon.

[21] Mo perqué an vu, Segnore, a’ sapiè miegio, che a’ no saì, de che paese a’ sì paron, a’ ve ’l vuogio dire, preché ’l ve sarà po pì al cuore. Mo de paese che è pre prima de megiore aire che supia inchin in paraiso, e sì è paese tuto da lò e canton che furta, e tutto piantò e avignò, e tuto pin de biegi fimi, che se pò con comilitè andare in barca da per tutto, pin tutto de belle ville, a’ dige pì belle, sì con dise i nuostri preve che è stò per tuto lo mondo, che n’è in li altri paese le terre amurè; e sì è, sto paese, una parte de montagnole tute abrolè de furti d’ogno fata e le do altre parte è de pianure con i suò lagi da pesse, con bagni d’ arsanare un morto che ogni dì ge ven d’altri paese i muorti amalè con le casse al cullo e sì torna via arsanè; e po pin tuto, sto paese, de huomeni da ben, che a’ sen nu pavani, zenia amorale e careciera e slibrale che, se a’ haon se no un pan, a’ ’l fazon magnare a chi ven a ca’ nuostra; e huomeni po da faiga e fuorti e gagiardi e no muzzafaiga, che quigi che ge iera, con a’ intenderì, è muzè via, siché a’ seon tutti da vuovera e huomeni da fatti.

[22] Mo le femene, po! Cristo da Loretto, mo con èlle potente e gagiarde! Mo on è po le pì belle femenaze e pì ben fate e de pì bella vita? E scomenzanto don se dee da i piè, che igi porta tuta la vita che gi è con è i fondaminti de le ca’: pota, mo che biegi piazon grande e frimi! Sì, guarda che le zope pre grande e dure che le supia o i scataron pre frimi e gruossi che i sea, che urtandoge elle dentro così descolce con le va con i piè, che le zope no se sfregole e i scataron no se arbase! E po va’ pì ’nsù: quelle belle gambe grosse con quel bel lachetto pasù, che pare purpio el corpeselo d’un tosatello d’uno anno quando l’è ben pasù che l’à magnò asè delle suò paparelle! Mo quelle so cosonaze po, reonde grosse e norie che le no se pò strafenzere se lomè chi no le pigia con tutte do le man, a’ dige con le brazze atraverso, con se fa una fassina; bianche e dure che le no se pò picegare, e slisie e gualive che le somegia puorpiamen du gran ramonazzi de qualche bella gran nogara o de qualche albara, de quigi che è bianchi nisii frisii muorbi e gualivi de scorza, che trà al somegiare la carne naturale. Mo ben, così è quelle suò carne de quelle suò cosonaze, bianche e d’uno bianco naturale e no contrafatto che tuole la vista, con è quello delle citaine da Pava, che è fatto con calzina e zesso. Mo le suò nege po, reonde che fa pì bella volta che n’è quella de uno di nuostri botazi de du sigiegi; nege purpio da schiapezare e nege da tirare a forza ogni omo che le vé a basarle e po a darge un pizegon, se se pò, ma almanco una schiapezà così a man averta per sentirle sonare, che le sona con se se desse in cima una pria de montagna.

[23] Mo quella so altra cosa da l’altro lò in migola miezo le suò cosonaze, che è elta un bon somesso, che a’ no me aldego de dirge ’l lome, perché a’ sì, la Vostra Segnoria, pur sì con preve. Mo l’è pur an malefata cosa e malessima usitè che a’ no se aldegon a lominare una sì gran dolce fatta cosa, che tutti tuti a’ ge seon tanto ubigè, che a’ seon pre ella al mondo e senza ella el no sarae mondo. Che beneta sìtu, sì gran potincia con ti è, che ti è pì grande de quella d’ogno Re, Papa e Imperaore, e ti è sola lo uso del mondo, mare de tutti, sostentamento de zò que è sotto ’l cielo, e da pì che oro intesorò, e da pì che zoventù, belezza e fortezza, e da pì che pan e vin. Pota, mo l’è pur gran pecò pre certo che supia sta mala usitè che a’ no aldegon a dirte ’l to lome. Mo ben, Segnore, le nuostre femene, con a’ v’è ditto, se l’à de pina man.

[24] Mo andon po pì nsù, che è la panza, che è granda e larga da poere portare tri puti in t’un portò, con quelle tetonaze grande che se ge asconderae el cao entro tete purpio da far latte con è quelle d’una bregola da latte. E po quelle spalaze da portar ogno gran carga, che dise: “Cargame pur ben, s’te sè, che a’ porterè da saco o a bigolon”. E po quelle brazonaze freme e norigè dal solle, con quelle man forte che, con le picega, ge perderae tenagie! Man e braze purpio da sapa e da baile e vanga e posente pre cargare mille barelle al dì de terra, che stanca pì tosto ogno baille che ’l baile elle e che intorze e rompe asè fiè el manego da tanta forza de potincia che è in elle.

[25] Tornen po pì ’nsù: quel bel voltonazo con quelle maselle rosse e bianche inverzelè purpio con è una feta de persuto inverzelò o con è un ravo bianco e roso che supia ben lavò, con quella boca liosa che spiecie ge perderae, con quella lenguaza muorbia e pastosa che t’impie la boca miegio che un gran ruffiuolo o mezo un baldon, mo pì dolce po che n’è zacara inzacarà. Mo perdonème prezontena, Segnore, se a’ son insio così rasonanto un puo’ de carezà, che no è stò colpa de mi mo della mia lengua, che s’à lagò tirare dal piasere a laldare quello che tanto ge piase.

[26] Mo i dente po, bianchi e fuorti pre rompere ogno forte nose e per desgropare ogni forte gropo che foesse fatto in t’una corda bagnà! Con quigi vuochionazi de sole inrazè che, con i trà, i paserae le muragie de Pava e gi ancuzene, con quel aire largo belo e bon, purpio aire del Pavan. E pre no ve stare a dire ogni cosa, che a’ no compirae de sti tre dì, e sora quelle che, se ben le importa asè, le no se dise, e prezontena a’ le lago.

[27] Mo a’ ve dige che le nuostre femene è tutte belle e tute bone a bel fatto, e da derto e da roverso, e pì belle in t’un nu per nu che n’è le citaine vestie d’oro e tesoro; e femene che cresse in le man e che è forte con è huomeni, che se pò far de elle quello che se pò fare d’uno homo, preché le no teme sfraza de mal tempo né vento né sole, e sì è femene da fatti e no da parole e da overarse e afaigarse, e no bele in banca con è le citaine.

[28] A’ no sè, Segnore, se a’ ve lavè el cao, preché haì sì scurzè i cavigi. A’ vuogio dirve che, adesso che a’ sì chialò in villa, che a’ ve ’l fazè lavare a una delle nuostre femene, che a’ verì se le ve ’l laverà ben e se le ve ’l fregolerà e sgaregierà con muò e con vostro piasere, siché a’ no vorì altro barbiero e sì a’ ve vorì lavare po ogni dì. Le è, alla fe’, femene fate purpio pre besogno de l’omo, ste nuostre che nase chì sul Pavan.

[29] Pavan, an? Mo ’l pan e el vin che ge nase po, sì bon e in tanta quantitè! Mo tante carne d’agno fata e tanto pesse, mo tanto polame, che ge nase tal gallina a Polverara chì da nu che stagando in terra le magna le fregugie del pan su i nuostri dischi, che è pur an elti. Mo tanti altri bestiami da late e da fromagio, da vuovera e da magnare che nase chì sul Pavan, che el se ten pre fremo che, quando Domenedio sunè l’arca de Loè, che giera pina de bestiame, che ello la sunè chiallò sul Pavan.

[30] Pavan, an? Mo sì che no ge nasse an vuolio su i nuostri monte, che è con è miele? Mo sì che no ge nase mielle e cerra e legname pre nostro brusare e pre nostro ovrare? Mo sì che no ge nase cavalier da far velù de sea, che le nuostre femene i sa così ben arlevare e far che i vegnia così presto gruosi de pina man e così ben bavare la bava con faze altre al mondo? Mo sì che no ge nase chialò lin per far bone telle e lana pre fare buoni pani? Mo sì che no ge nase legumi e biave d’ogni fatta e furti d’ogni rason e erbami e fortumi e raisami?

[31] Pavan, an? Mo che vuogie pì dire de sto beneto Pavan, che inchina le ciese e i fosè rende furto e dà utilitè: le ciese de more e brombiuoli e sbrogiaculi, che è buoni per i nuostri tosati, e i fosè fa po rane che in gresta g’in magnerae un Papa, e scardoe che sotto la cendere rostie ge magnerae un Imperaore; siché, Segnore, sto vuostro Pavan è ’l pì bel e megior paese de tuto sto mondo, e prezontena el Segnore Misiere Tenore al gran lome del Pavan vene de Turcaria pasanto tanti rnari e tante montagne pre vegnire a fare una terra o in su ’l Vesentin o in su el Ferarese, Dio te guarde! A’ voselo ben farla in miezo del Pavan preché la no fose a pè de neguno de quigi altri luogi e, quando ello la fé, el la fé con consentimento de nu dalle ville, preché, con a’ saì, ge iera le ville imprima che ge foese fatto Pava, e nu a’ volesemo che alla citè ge foese metù lome da femena preché se cognosese che la fosse suzita al Pavan con è le femene a l’omo, siché ello la tegnise sotomità ella, con è ben de rason. E mo adesso la va a altro muò, che ella el sotomita ello. Mo vu, Segnore, a’ conzerì le cose. E conzè po, se die m’aì, che a’ tegno che un dì Domenedio vegnerà a farge chialò el Paraiso Teresto, che l’è purpio luogo da paraiso, che ognuno d’ogni naration ge trà a vegnire e inchin gi osiegi. Mo no ven le cisiole chiamentre dal coaro del sole de là da Calacuta chì sul Pavan pre fare i suò figiuoli con nu in le nuostre ca’? Mo po i rusignatti no vengi da l’altro cao del mondo pasanto tante montagne e tante nieve pre vegnirge a cantarge? Mo le quagie no ven da un altro lò del mondo pasanto tanti mare pre vegnirse a ingrasare chialò per darge con la so carne ben da magnare? E così i turdi e altri osiegi?

[32] Pavan, an? Mo di’ che uno vage alle Rome a tuore el iubelerio ai suò timpi de quigi che ven dalla volta de Treviso, s’i no passa sul Pavan! [33] Pavan, an? Savìu, Segnore, con se chiamava el Pavan la prima bota al tempo delle antigitè di nuostri antesori, che in quel tempo ancora no ge giera Pava, co zà a’ v’è ditto? Mo ’l se chiamava Pan e no Pavan, con el se chiama a ste itè. Mo saìu mo prequé el se chiamava Pan? Mo perqué el se guagnè quel lome con rason, preché no g’è taratuorio che face miegio biave d’ogno fatta da fare pan del Pavan, e pre questo al Pavan ge fu metù lome Pan. E po con fo fatto Pava, con è ditto, dal Segnore Tenore, no ge fo metù lome Pava mo Panà, sì preché ella haesse lome de femena pre le rason che a’ ve è ditto, con preché no se pò far panà senza pan, siché la se chiamava Panà. Mo quigi cancari di citaini, che no havea piasere de sto lome, che ge parea pur male che i nasesse in Panà, che è la menestra de gi amalè, e po pre strafare con gi à fatto sempre, i ge muè ’l lome e de Panà i ge meté lome Pava e al Teretuorio Pavan; e an nu a’ s’ in contentasimo, preché al gran lome del pan tute le naration del mondo vegnia a fare habitanze chialò, e, preché a’ no fosen po massa striti, a’ contentasimo an nu de muarge ’l lome, siché ’l taratuorio se chiamava Pan e la citè Panà. Mo che supia la veritè che ’l taratuorio con rason se chiamesse Pan, mo no vìu che, oltra che ’l fa pan per ello, el ne fa an per i paese oltra Basan e po pre la gran citè delle Veniesie, che è così grande e senza taratuorio, che la è in migola mezo le acque, che senza ’l Pavan la n’arave da vivere? E sto Pavan fa tante biave preché i suò campi furta ogni anno, che i campi de gi altri taratuorii furta ogni 4 o cinque agni, mo neguno no reposa manco de uno anno, sì con i nuostri furta sempre.

[34] Pavan, an? Èl mo paese, Segnore, de no se degnare d’eserge nasù? Mi, a dire la veritè, a’ no torae d’essere nasù in lo Agito de Betelen don nassé Iesundio pre n’esere nasù pavan. Sti cogombari de citaini pre mostrare che i no sea pavani gi à muò la lengua; e, se die m’aì, che la ge starae ben investia che i fose nasù Spagnuruoli o de pezor naration, se ge n’è al mondo. Pavan, an, nasù sul Teretuorio l’è altro che Roman! Mo in vu, Segnore, a’ no trovon altro de male se no che a’ no ge sì nasù. L’è la veritè che a’ se l’apason, preché a’ ge sì in t’ogno muò mezo, preché i nuostri antesore fo quigi che fé le Veniesie muzanto dalle guerre, e vu a’ sì delle Veniesie siché a’ sì di nuostri; e quigi menchion de i citaini, crezanto laldarve, dise che a’ sì delle Rome, con nu a’ haon intendú da i nuostri preve che à aldù in Pava i spruoluochi che i v’à fatto e tante rengarì e in tute gi à ditto che a’ sì vegnù de naration delle Rome. Doh, morbo i magne! Fuosi mo che i no v’à dò un bel laldo? Mo sotto Spagnaruoli no g’è gnian la pezor naration né la pi malla zenia con è Romagnuoli. Mo n’ègi Sbresegiegi o che ’l g’è puoca deferincia? Mo n’ègi tuti a bel fatto senza fe’ e senza sleza e renegaore de Dio e de Santi, che a’ ge tragi ’l cancaro con se i ’l trese in t’un salgaro? O se igi gi aese fatti con un cortelazo, i no farae piezo, che nu a’ i cognoson in ste guere e muzaruole e scagabore pasè. Alla fe’, i ve dà un bel laldo. Mo mi a’ ve ’l darè ben con se de’ e con veritè, che a’ dige che a’ sì dalle Veniesie venitian e di buoni e di maore, e sì a’ sì della citè che è parona de Pava e del Pavan, mo fatta dal Pavan se ben la è so parona: e sora Pava e el Pavan no g’è zà altra citè se no le Veniesie, no el g’è Roma. Mo cancaro la magne ananzo, che nu pavani a’ no se adegneson d’esere sottomitè de una terra che foesse ella stà sotomità de le itè pasè da altri e da malla naration, con è stà Roma. Le Veniesie elle no fo mè sotomitè da neguno, se no da quigi che le ha fate, né no ha bù mè altro Segnore sora d’igi né lo haverà mè, prequé la n’è fatta con è fatte tutte le altre né mè pì g’in pò essere una così fatta. Siché a’ sì nasù e vegnù de quella e da ca’ Cornaro, che è delle maor ca’ del mondo e quella che se mantegnerà pì e che starà pì in pè e frema, e sì a’ ge fu metù lome così prequé ca’ Cornaro sarà la pì dureole, la pì forte e pì frema de tute le altre.

[35] Cornaro, an? (Sì con el cornaro è legno megiore de tuti gli gi altri. Cornaro, an?) Dì che se faza una (bona caegia o una) bona zugià se la no è de cornaro né un bon dente da molin né una vischia da batere la lana! E così ’l cornaro è bon e de necesso che ’l supia pre fare arare, pre masenare e pre far pani da vestire. Cornaro, an? L’è altro che salgaro, e pre questo fo metù lome così alla vostra schiata e alla vostra ca’; e quigi da Pava, che no sa zò que i dige, i dise che così a’ ve chiamè preché a’ vegnissi d’uno Cornegio o Corniuolo da Roma. Doh, mati, adasqué l’è miegio cornegiati o corniuoli che n’è un sì bon e besognente legno! Mo no vìu che i dise ogni cosa alla rovessa? Mo no dìsegeli po che a’ sì un gran homo? A’ vorae mo mi che a questo a’ g’asé respondù neganto che i no disea la veritè sì con è, preché quello che se vé no se pò negare, che a’ no sì gran homo mo picollo, che mi, che a’ no son grande, a’ son pì grande de vu. Mo levè in pè, per la vostra cara fe’, che a’ se mesureron. E par che la supia con a’ dige, che a’ sì piciolo seanto pì piciolo de mi.

[36] Mo l’è ben la veritè che pre pizolo haì ben una gran cosa che igi ne ve l’à sapù dire. Mo a’ ve ’l dirè ben mi: che haì gran cuore con a’ he intendù da asè che, con a’ sì alla cazza a’ n’aì paura de cengiaro pre grande che ’l supia e pre abavò che el sea, che vegnantove incontra a’ no ge dé ’l trozo mo a’ desmontè da cavallo da pordon e sì lo afrontè e sì lo amazè. Alla fe’, Segnore, che se ben mi a’ son pì grande de vu, a’ no me fasé fare ste matierie, che mi a’ me trarae da un lò e an s’a’ foese a cavallo, pre miegio segurarme e che ge foesse qualche erbore de invelò via, mi a’ me ge tirerae su e sì a’ me ge incrucherae in cima.

[36] Volìu, Segnore, che a’ ve dage un consegio che no ve l’à sapù dare quigi da Pava? No fè pì ste menchionarie, preché un dì un cengiaro ve descoregierà e, con a’ sarì morto, a’ sarì desfatto del mondo né arì pì che fare de Vescoè né de Sgardenalè ; e prezontena fè con a’ ve dige: con un cengiaro ve ven incontra, trève da un lò, che mi a’ ve consegio da frello sì con a’ no ve tegno gnan altramen; preché, a dire la veritè, in lo vostro gro e in lo vostro esere, che a’ no sì soldò o braoso mo preve, el fa pì pre vu da vivere da poltron che da morire da valentomo. Mi a’ ve sè dire che, con a’ fossé morto, che a’ ve aguresé de essere vivo e, se ben a’ fosé stò al mondo un Rolando, a’ tosé de pato de tornarge e essere un Tono dalla Fava, che fo maor poltron del Pavan. Siché trezì al vivere e lagè agno altra cossa e legève sto consegio al deo, che quigi da Pava no ve l’à sapù dare, che i no sa se no frapare e dire quello che no besogna e alla roversa.

[37] A’ disigi po, con a’ v’è ditto che è intendù da i nuostri preve, che ’l vostro lome de Sgardenale ven a dire e che l’è cavò da quello de uno de quigi fieri che ten su gi usi, che nu a’ i chiamon un cancaro, e che, sì con quigi ten su gi usi de sto mondo delle nostre ca’, che così vu a’ tegnì quello del paraiso; e si igi à mè vezù paraiso né le porte né quigi che le ten su, che nu, con a’ v’è ditto, a’ i chiamon cancari, a’ vorae che ’l cancaro me vegnise a mi; mo se i no ha vezù ste cose, che ’l ge vegnise a igi, o mati, adasché a dire Sgardenale ven a dire (el) cancaro. Sì alla fe’, l’è tutto quel son!

[38] Mo a’ ve dirè ben mi zò que ven a dire Sgardenalle, che è cosa che è purpio del so bon son. Sgardenale è sgardenare, e preché vu Sgardenale a’ sgardenè, e prezontena v’è stà metù sta nominanza; e sì a’ ve dirè an fuosi e senza fuosi cosa che a’ no ’l saì, pensè mo se la sarae quigi da Pava. Mo aldì. Con a’ saì, tutti a’ moron e an vu a’ scognerì morire, se ben a’ sì Sgardenalle, e quando che vu a’ morì, se n’aì minga fatto a sto mondo massa ben, preché andè cargi in là de tanti perduni e iubilieri, che a’ ve in dè e an v’in tolì da vostra posta senza dinari (quanti a’ volì), con a’ rivè alle porte del paraiso con quigi a’ le desgardenè e sì a’ intrè pre forza, siché pre sto desgardenare che a’ fè pre tal via delle porte del paraiso a’ ve chiamè Sgardenale , e no preché a’ supiè un cancaro che le ten su. E che ve paresestene, Domine, de questa? Ve la ègie catà? A’ sì mo seguro de andare in paraiso e con sta segurtè a’ porì fare a sto mondo zò que a’ vorì e darve piasere e bon tempo. E habiantove mo mi dò sì bella seguranza del paraiso e po preché a sto mondo nu dalle ville a’ ve dagon el vivere del magnare e bevere, che senza nu a’ la fasé malle, e prezontena l’è de rason che a’ fazè a nu sti apiasere che a’ ve domanderè, che pre questo a’ son vegnù pre lome del Taratuorio a farve sto messo.

[39] El primo. Che a nu dalle ville a’ ge lagè scurzare ancora el patanostro. Mo a’ sen ben continti che lo slongè a i preve, prequé igi è huomeni da parole e no da fatti e nu a’ sen da fatti e no da parole, che nu con i nuostri suore e con le nuostre braze e faige a’ fazon e pure masa ben le gran caritè de dare da vivere a tuta la naration e a preve e a frare e a monege, e igi n’è buoni se no da magnare e bevere e gratarse la panza e da dire parole.

[40] Le do. A’ vogion che a’ fazè che in le ville no se dige pì quel gran Guagnilio (della pasion) de Iesundio, preché in t’ogni muò a’ la saon, perché digandose a’ se perde tempo pre aldirlo che in tanto tempo non è homo che no bruschese diese salgari con le suò vi. E fuosi mo che la no importa a bruscare a tal timpi, che chi score brusca e vendema a un tratto perché le vi dà fuora?

[41] Le tre. A’ vogion che a’ fazè che in villa no se preiche pì preché ge ven de quigi de fra Lutrio che i dise che le perdonanze n’è bone e che no se tegne Sante Marie in t’i giesiè, con se i giesiè foesse stalle, e che no g’è purgatuorio e mille cancari che i magne, preché i n’à miezi inroigiè.

[42] Le quatro. A’ vogion che a’ fazè che nu de villa a’ no sean obigè a zunare prequé, con a’ saì, el lavorare farae paire pri e, con se à paio, chi no magna se ge desconise el cuore e va a risego de spuare ’l polmon che ge va in salio che ge ven in boca; e se va po in letto e, preché non seanto pasù no se pò dromire, chi ha mogiere pre cavarse la fame e farse vegnire sono fa quello che i no farae preché i se adormenzerae e se no se ha mogiere el se ha ben le man fatte pre i suò besuogni, e pre farse passare quel sorimento se fa piezo che no zunare.

[43] Le cinque. A’ vogion che pre poere nu stare, quando a’ seon al giesiò, pì con el cuore invellò e a Dio, che a’ fazè che a’ posan magnare ananzo messa, preché a quel muò a’ no haron el cuore a ca’ al magnare mo a Dio e alla messa.

[44] Le siè. A’ vogion che a’ fazè che al tempo del tagiare i forminti che ’l laorare de festa no supia pecò, prequé da una hora a l’altra ven una sfraza de tempesta che ne porta via tutte le faige de un anno e el vivere, e nu po desperè a’ biastemon. Mo a dire la veritè, chi cancaro è quellù che no biastemase? E po pre vivere a’ scognon andare a robare, e così per no fare un pecò soletto del laorare de festa, a’ ne fazon du grande che è el biastemare e el robare.

[45] Le sette. A’ vogion che a’ fazè che a’ posan tuore a i nuostri paron della so parte senza pecò, perché igi pre strenzerge ben ge ha metù le posession alla parte che è pì che n’è un gran fitto, e con tal muò i ge tuole tanto che a’ no posson vivere dandoge ’l so inderto. Mo ben, a’ vogion che senza pecò ge posan tuore tanto che ge faze pre lo vivere, cosa che è pì (che) onesta. Mo an la è de necesso, perché se nu a’ moriron da fame, i n’arà chi ge laora le posession alla parte; siché, Segnore, fèla an pre ben d’igi, preché, a’ dirve la veritè, a’ la haon an zà fatta da nu, che a’ ’l fazon senza farsene consincia.

[46] Le otto. A’ vogion che a’ fazè che ogno preve de villa se possa mariare e, se ’l no vorà mariarse, che ’l supia castrò, preché l’è ’l cancaro la frazilitè della carne, che la dà tal bota tanto che fare e tanto fastibio che no se sa in che buso cazarse e se i preve è ben preve, el no è che i no sea huomeni con a’ seon nu, e asè d’igi an pì maschi e, preché i n’à femene, i va in tanta veregagia che, con i se imbate la prima bota in t’una delle nuostre femene, che an elle ge trà a volerge ben, i le ingravia de fatto e nu poveritti a’ fazon po le spese a suò fegiuoli, che la n’è zà rason. Mo se igi harà mogiere, i n sarà sì rabiusi né si in veregagia, che so mogiere i tegnerà monzù; e se pure igi ingravierà le nuostre femene, nu a’ ingravieron le suò; e si nu a’ faron le spese a i suò fegiuoli, igi le farà a i nuostri, e così a’ saren su e su.

[47] Le nuove. A’ vogion che a’ fazè un gran ben a i frare e le monege e a i pì poveritti e alle pì poverete delle ville, che è gi arsente e le arsente, e cosa che sarà de rason e che ne deslibererà an nu d’asè che fare che ne dà sti frare e ste monege; e a sto muò a’ ve parerì da gi uochi ste mosche cagnine, preché se ben adesso che a’ sì stò in Pava a’ gi aì arpasè tra igi, inchin da mo gi è zà tornè a cavarse gi uochi, preché i no pò fare altramen, con anche i dise igi, che a’ he favellò asè fiè con frare e monege de questo, e tamentre con quigi che è stè fichè quando i giera zovenatti a forza in t’i monestieri, che quigi è pure della manco malla sorte. Mo ben, quigi dise che la colpa de sto tragagiarse tra igi no ven da igi mo dalla roba, che igi ha e che i galde, che è tutta roba fatta de mal aquisto e la pì parte venta con litte e con costion tra parente e parente pre lagarla a frare e monege, siché seando roba de sta fatta, che l’è forza che la sea galdua da igi con tal muò, con nemistè e costion, e che prezontena la colpa è della roba e no d’igi. Mo supia mo preché se vuogia, l’è pur an mala fata cosa che sti frare e ste monege se vage a fare ficare in t’i monestieri pre no laorare e pre muzare i cargi che dà sto mondo, mo pre magnare col cao in la sacheta, con fa i cavagi, e a spese de muorti che g’à lagò la roba a sta zente che n’è da utelle, preché almanco le ge dige del ben pre l’anema stando in pase e vivanto in amore tra igi, che altramen ration no pò essere bona; e igi fa tuto al contrario e dise malle e fa piezo, magandose e gratandose la panza pre l’anema de quel mato che ha robò e tolta malamen la roba a uno homo da ben pre darla e lagarla a cento poltroni e poltrone; preché an igi se cognose pre quigi che gi è e preché sta roba ha besogno de arnovarse pre tornare de bon aquisto, e prezontena a’ vogion che a’ fazè che agno monega se marie in t’uno arsente de villa e che ella habia la so parte della roba che ge tocherà del so monestierio pre darla in dota a quelù, e così che a’ fazè che ogni frare se marie in t’una arsenta dandoge in dotta la parte che ge tocherà, con è dito de sora, a tale arsenta; e preché gi arsente e le arsente è naration de puoco governo e i frare e le monege tutti muzafaiga e che no vo el cargo de governare, a’ ve acerto che in puoco tempo i despenserà la roba e alla fin in vechieza, se i vorà vivere, i scognerà laorare, che sarà la penitincia del so pecò. E de sto tanto ben a’ sarì cason vu.

[48] Le diese. Preché in colusion a’ no poson pì vivere soto i citaini, che i ne scortega con se a’ fosen can e ne persieguita e ne caza sì che no cazè mè tanto smerivolo lodola o falcheto celega, e perzontena a’ segon astriti de fare un dì una bela bota de levarse a romore tuti a pin puovolo, e femene e maschi tuti a scasafazo e intrare in Pava e cecolargi tutti in piezzi brusandoge inchin le ca’. E preché la porae an tocare alla vostra del Vesco in sto furore (che a’ saì, quando a’ seon infuriè e agarzè, se a’ menon le man e se a’ vegon quello che a’ fazon), e prezontena la sarae se no segura cosa che a’ conzessè le cose con a’ ve arecorderon, preché a’ farì po cosa che piaserà a igi, a nu e a vu e a Dio e che la no ge porà butare puzo, con tornare tuti, igi e nu, con a’ gieremo la prima volta al tempo delle antigitè d’agni passè de i nuostri antessori, al tempo che no ge iera Pava, con zà a’ ve è dito, che in quella bota a’ ieremo tuti uno e tuti amisi e parente; perché igi, con doì saere, è nasù tuti de nu e della pì mala naration che foesse tra nu, che giera tuti i muzafaiga che, no vogianto faigarse a laorare, se messe chi per una mala via chi per un’altra robando e asasinando a fare della roba, e po fata i sbusè fuora de nu e sì andè in Pava a citainarse. E preché gi à despiasere che se sapia che i sea insù de nu, gi à muò favela, vestire, casaminti e an magnare e ogno cosa pre no parere quigi, con fa uno che habia fatto qualche gran male, che se stramua e se strafà e straveste tutto pre n’essere cognosù. E, con a’ v’è ditto, i ne vole pre questo gran male e senza descrition né piattè i ghe fa pagare tanti gran fiti delle posission che i ne ha tolto pre male vie, con a’ v’è dito, che a’ seon vegnù a tanto che, se ben a’ se faigon tuto l’ano con ferdo e caldo e con nieve e pioze e vento, con tanti suore e firdi, a’ no posson haver tanto pan bioto che ne fage, che i no ge ’l laga; e sì porae mo farlo e lagarge vivere an nu fazantoge pagare manco fitto. Mo questo de pì, che i ne tole contra ogne rason, i lo fa preché i no se contenta de vestirse de panno de lana, mo i vole vestirse de velù de sea, che è fato pre vestire le Vergene Marì in t’i gisiè e gi altari e le messe; e cossì pre alterezza e no pre besogno gi entra in sto decipar robba, che così se arpareravegi dal ferdo con pano e miegio che con velù, e così e pì se conserveravegi in le ca’ de pria cota che i no fa in ca’ de pria de montagna indorà, che quella è fata pre fare i gesiè pre gi santi; e così e miegio se mantegneravegi sani a magnare pan, carne e pesse e menestra e fruti che i no fa, con a’ ve dirè e a’ ve proverè, tante torte e sorfritti e tante golusitè; e se così i volesse fare, el no ge acazirave de farge pagare tanto gran fiti, siché nu a’ posan vivere e an igi starà miegio.

[49] Mo con è dito, el decipare della roba che i fa in vestire e in t’i casaminti, i lo fa pre alterezza e supierbia e vanagiuoria, che è tre serore così fatte; e el decipare che i fa po in el magnare i lo fa pre golusitè, che i no magna pre vivere mo i magna pre piasere che gi à del magnare, che uno magna pre quatro, che pre magnare i no stema roba che, se i poesse, i la magnerae tuta e vita eterna in uno pasto pre farse maor piasere; e se ben i n’à fame, i magna sapianto che la boca è mata e che chi la mena la papa, e così i se fa vegnire fame, mo una fame contrafatta che no ven dal bon. Mo igi no pensa altro se no al magnare asè e così magnanto i carga tanto el magon che elo po no pò paire tanto, e quella roba no paia deventa in t’el corpo tosego intosegò, e quello buta fuora a chi gote, a chi mal franzose, a chi levera, a chi mal de San Slazero, a chi el cancaro, a chi pria, a chi pissasangue e chi el mal drean della morte ananzi tempo. E così pre volere magnare asè i magna puoco, che i muore zuveni.E preché con gi à magnò tanto, con è dito, i se sente pini e pre svoarse e pre farse vegnire fame e an crezanto de guarire da i male che gi à, i magna ogni tratto mesine e pilore e se fa po ficare ogni dì in le neghe quelle pive con tanta broachiaria de mesine calde che le pelerae un porco de dosento lire; e così pre ogni via e pre ogne muò i decipa roba, e sora tuto per sto gran magnare.

[50] Mo sì che, se a’ volì dire la veritè, che a’ dirì che in sti dì, che gi aì apastezè in Pava, che tal cento d’igi à decepò pì roba in magnare e che valea pì dinari che no valle mille d’egi a vendergi pre quello che i valese, che i no se venderae se lomè pre far leame, e che tal roba e tal valità harae dò da magnare a tutto el Taratuorio pavan e, on aì fatto male a deciparla, asé fato caritè a darla pre besogno. Mo a’ ve scuson, preché an vu a’ scognì fare con se usa, se no che quella mala zente harae po ditto che a’ fosé usularo e no slibrale, con a’ sì. Basta, a’ sì stò sforzò a impirli ben, e mi a’ ve sè dire che ge è tale che è pì impio che no fo mè impio sì ben baldon. Mo guardè pur, Segnore, che no ve archiapè an vu de sto magnare asè, perché, con a’ saì, se dise “chi con lovo usa, con lovo urla”: igi magna con fa luvi afamè e vu, vegantoli magnare, no porì fare che a’ no magnè così, e così magnanto asè a’ no sarì mè Papa, che a’ morirì zovene e pre la papa a’ perderì ’l Papò, siché lighève an st’altra al deo. Se die m’aì, Segnore, che a’ ge zugerae tri tron che pre lo so tanto magnare che gi à fatto, che la maor parte d’igi è pre questo amalè, e così farà la penitincia del pecò che haì fatto vu e an igi. El me è daviso de sentirgi criare chi pre gote e chi pre altro male, e biastemare a muò can reneghè, e an fare invò de no magnare pì tanto, no zà pre mantegnirlo, che gi è tanto malusè e tanto golusi e tanto furi che no fo mè sì furo un gato furo e afamò. Mo ghe è ben una via sola de remeliare a sto gran male e vu solo poì armiliarghe fazanto con a’ ve insegneron, siché i no deciperà tanta roba e sì viverà sani e longe itè con a’ fazon nu che, con a’ saì, nu a’ no decipon roba e sì vivon sani e de longe itè, e questo preché a’ magnon se lomè pan e menestra biota, e sì a’ no magnon mè tanto che a’ no posan magnare ancora pì; mo questo a’ ’l fazon con rason pre no caregare tanto el magon, preché ello possa paire, e po an a’ se faigon e pre questo a’ no haon nu né gote né tanti male. E così pre magnare puoco a’ magnon asè che vivon asè, e vivanto asè a’ magnon pì agni d’igi, e po a’ magnon sempre con pì piasere e con pì peteto, preché sempre a’ haon fame; e si igi magna do fiè al dì, nu a’ magnon quatro, preché, con a’ è dito, a’ magnon se lomè pan e menestra e no a panza pina mè.

[51] E chi vuol fare che an igi se mete a sta vita e no decipe la roba, che a’ n’aeren besogno, besogna trovare muò che i torne da villa con i giera prima; e preché i no se gi adaga, che i darae indrio, besogna che a’ i cazan con razon e con muò mostrandoghe una cosa pre l’altra, siché a’ i piagian con piasere con se fa gi osiegi con la zoeta a vischio. E questa sarà la zoeta, che a’ fazè una leza che a’ dirì vu po che a’ ’l fè de ordene delle Segnorì delle Veniesie, che vo far ogni cosa preché vuò paese smultiplichè de zente veganto che la zente è quella che manten le Segnorì, e che perzò a’ fazè, con è dito, una leza che ogni citain sea ubigò a tuore diese mogiere, mo de villa, e che ogni citaina sia ubigà a tuore diese marì, mo de villa igi e elle, che, se igi trà alle nuostre femene, elle trà a i nuostri huomini. Tutti de sta leza se stracontenterà e sì ge parerà leza de Dio vegnua dal Cielo né de ella mè se arpelerà; e con questo desidierio de havere tante femene e le femene d’haver tanti huomini de fatto se farà un gran smisiamento e parentò tra igi e nu, e così pre tal via a’ comenzeron a tornare su le antighitè e a vegnire an nu in roba, e no vargherà diese agni che a’ saron tuti una cosa miesima; e a forza a’ i tireron al nostro vivere, con a’ poì ben pensare, siché i no deciperà tanta roba con i fa, e sto decipantola ge ne haren an nu; siché, Segnore, no ge è altra via de apasarge e de agualivarge e senza remore mo con piasere de tuti.

[52] Siché fèlla, Segnore, che, oltra tanto ben a’ ne farì de l’altro che piaserà an a Dio, che ha piasere che se crese e che a’ se smultipliche, con dise la so leza, e si a sto muò no se cresirà e smultiplichirà, a’ n’in vuogio marcheto, preché tute le femene a sto muò anderà gravie, che adesso ge è tal femena che no se pò ingraviare con uno homo solo, che con l’averà diese gran fatto che uno no ge cate la via? Siché se verà da pre tuto se no ciello e femene gravie, e così a’ creseron tanto che, se ’l tornerà Spagnaruoli o Toischi in sto paese, a’ se defenderen miegio e an a’ i bateren; e po no se farà quel pecò de andare, con se va adeso, dalle femene d’altri, preché no sarà una femena sola mo diese, e ognon harà che fare quanto che ’l vorà a ca’ suò. Siché la sarà purpio leza de Dio vegnua dal Cielo, e de uno dì che a’ la harì fata de l’altro a’ sarì pì adorò sul Pavan che Santo Antuogno, siché San Marco, che è el vostro lome, ge intrerà inanzo, e così senza che a’ siè martore o confesore, a’ dige vivo con a’ sì, a’ ve verì insantare e farve atornove un giesiò e impigiòveghe le candelete dananzo; e Domenedio veganto sto tanto ben che harì fato e con a’ sarì adorò e che, zà con a’ poson pensare che havea deslibrò de fare de sto paese el Paraiso Terestone habiantolo fato sì bello, e po pensanto che tanta zenia nasirà chì sul Pavan e tuta zenia da paraiso, con la è, pre no se strenzer masa don l’è ve farà vu Domenedio de chialò, e così harì scapò su sta brombeta d’esser fatto santo e sora santo senza morire e de mala morte, con ha fatto i Santi, e po de pì de essere indomenediò.

[53] Siché a’ la vegon fatta che, con a ’desegnon, così Dio Grande vorà e, con a’ ve vegan ben indomediò volìu altro che a’ ve insegneron a fare pì bello el nostro paraiso del so, preché a’ faron che in questo se magnerà e che se harà tuti gi altri piasere che se pò havere chì zo de vivi. Mo prequé con a’ se saese pre lo mondo, che de fatto el se sarae, tuta la naration lumana vorae vegnire chialò, e pre no se strenzere massa a’ ve insegneren apasarla de fuora e miegio che con muragie o mare, mo con uno agiere ben atosegò che cercene tuto ’l Pavan pre diese perteghe de groseza, che con uno homo o anemale intrerà in quello pre uno pè morirà de fato, con intraven in quel luogo de là dalle Rome che, con dise i nuostri preve, chi passa uno segno de fato muore; e a’ faron che sta pasagia comenzerà dal cielo e paserà infin in lo abisso della terra.

[54] Mo prima che a’ lo apasè, a’ vogion che a’ fazè intrarge el nostro Paron con tuta la so brigà, che in ella ge è cinque putati puorpio da far bello un paraiso, e tuti i suò parente pì cari e così i suò cari amighi; e sì a’ vogion che a’ fazè tornare vivo so frelo e el Foscaro e l’Alvaroto e Ruzante e el Zacaroto e Barba Polo e Pacalonio e Moro e Pasin e ’l Schirinzi e tuti i suò tanti buoni compagni e tuti i suò cazaore e i suò buoni can che è muorti, e che a’ mandè de fatto a posta alle Venesie a tuore le pute Gergete che canta, che senza elle el paraiso no sarae mè bon de fato; e po, con sta brigà sarà entro, a’ voron che a’ lo passè e che a’ fazè che in ello ge supia aire bon e bello, averto, chiaro con sole sempre no niole né pioza né nieve né vento, sora tuto né ferdo né caldo mo sempre con è de avrile. E po a’ voron che a’ fazè che tuti i puti e le pute, che harà manco itè de vinti agni, che i devente de vinti agni, e così tuti quigi che gi arà passè che i torne de tale etè; che tuti supia biegi, così huomeni con femene, e che neguno posse mè haver male né morire, mo stare sempre in bisecola così, e che tutti sia buoni compagni amoraoli, carecieri, piaseole, servitiale, e così tute le femene, e che in neguno ge sea gozzo de altereza mo tuti sì con friegi nasì in t’un portò, e che no ge posse essere là entro malvolere, nemistè, invilia, zelosia né neguna de ste malision, mo che tuti se vuogie ben con se vo ben g’inamorè un con l’altro, siché ge supia se no amore, allegrisia, risi, canti, suni, bagi e piasere detrique sesso.

[55] E preché se tante femene con sarà là entro se ingraviesse creserae tanto la naration che a’ se strenzeron massa, e prezontena a’ faron che le femene pre ben, che le se solaze con gi uomeni, le no se ingravie, con fa asè vache sterpe che, se ben le va in sason e al troro, le no conten e no furta. Mo preché ge supia femene asè, a’ in faron nasire diese o vinti megiara, preché ne supia pì in abundantia.

[56] E po pre lo magnare a’ voron che ’l pan nasa caldo e ben fato e ben regonò, e el vin nasa de fontana e d’ogno sorte inchin malvasia, e la carne che la nassa cota, allessa e rosta, e così el pese, e menestre e torte e saoriti e sorfriti e le altre cose da magnare, e le salate conzè con vuolio bon e megior aseo e con sale, e che la late nassa de fontana pre no havere briga de stare a monzere vache, e che ’l fromagio e le poine e tal robe nasa fate, e così che nassa carne salè e salcizon e luganega fatta, e così pesse salò, e furti d’ogni rason mo sora tuto molon asè, e tute le cose che nasse in t’i urti con è agio, ceole e tal cose, e ogno altra cosa che supia al mondo che supia bona da magnare; preché in quella fià el rnagnare no porà far malle, mo sì con se magnerà e beverà, el pasto e tutto se tramuerà in aire e che, con se vorà magnare, che supia i dischi aparegiè e con mantile nieti, e, con s’arà magnò, che sea desparegiò che i no se veghe da chi, che i lieti supia asiè e con linzuoli niti e ben conzè, e asiè le camise de lisia pre muarse. De vestiminti, che i nassa fatti sì con i piaserà a quelù che n’arà besogno. De casaminti po, che i supia fati pì biegi che n’è i gisiè e fatti de i giesiè e di monestieri, preché i no ghe besognerà pì.

[57] A’ voron po che a’ fazè nasire asè cavagi e d’ogno fata e con le sele, brene e de tuto ponto, e che ge supia metù i speron e trati che no se sapia da chi, e pre le donne che ge supia carete e mule; e che a’ fazè po nassire asè ciervi, cengiari, caviriuoli, lieori e tal anemale da cazza e buoni can d’ogno sorta e brachi, preché a’ ge voron andarge ogni dì. Mo a’ no vogion luvi né volpe né bisse né sti stumeghi né mosche né tavani né senzale né pulze né cimese, e che a’ fazè nasire asè fasan pernise e quaglie e osele e buoni osiegi da pigiarle, mo sora tutto zoete pre le done, che an elle possa oselare, e pesse asè e d’ogno fata, preché le possa pescare.

[58] Segnore, a’ è rivò e vu me haì ben intendù. E preché quanto che ve è domandò fa pì pre vu che pre nu, a’ dirè a chi m’à mandò che a’ farì el tuto, e sì tornerè po a tuore el spatafio. Die v’aì.