Archivio digitale veneto

Pronostico alla villotta sopra le Putane

 

 
 
 Orsù, bella brigà,
 se sì chì per ascoltà,
 fichève tutti quanti
 chive alò davanti,
5se vu volì sentire
 quel che a’ ve vuoio dire
 sora la mia conscientia
 adesso a la presentia
 de quanti che sarì,
10perché vu intenderì
 di secreti del cielo.
 Chialò stè in cervello
 e che non fè remore,
 perché ’l è stò un dotore
15di nostri da la villa,
 che gh’è vegnù la chilla
 per tanto stuggiare.
 Costui se fa chiamare
 per nome Salvaore,
20’l è anche de i migliore
 che se acata,
 ’l è nassù de la schiata
 de la ca’ de i Bolpati.
 Se ben ghe n’è de matti,
25quest’è de gran’honore
 e sì è fatto dottore,
 dottore adottorò.
 Lu è quel ch’ha strolegò
 col so cervelo
30di pianeti del cielo
 tutto quel che i dà fare,
 e lu ve sa schiarare
 del Sol e de la Luna,
 e po a una a una
35anche tutte le stelle,
 le pi alte noelle
 che mè sentissi a dire.
 A’ me sento morire
 e da sgrignare
40del so pronosticare
 che ’l ha fatto.
 El dise che un matto
 si n’ha niun sentimento,
 e che l’oro e l’arzento
45si val pi che l’azzale,
 e ’l dise ch’un stivale
 se farà de pedame
 de pelle de bestiame
 che sia scortegò.
50Sì el dise ch’un bo
 è stà prima veello,
 e anche ch’un crivello
 si serà pien de busi,
 e che tutti pelusi
55nascerà i cavretti.
 Sì el dise che i pianeti
 del Sol e de la Luna
 menazza gran fortuna
 sora delle putane
60che sta in Carampane
 o in de ’l bordello.
 El ge menazza el cielo
 a quelle poverette
 che pan e scalognette
65ge mancherà ben spesso.
 Ancora el scrive esso,
 sto nostro Salvaore,
 astrologo e dottore
 dell’Anguillara.
70Lu si è quel che dischiara
 e prova per rason
 della destination
 che menazza le stelle
 sora ste putanelle
75che sta per corte e cale:
 ge menazza gran male
 con una gran ruina,
 e po una disciplina
 a quelle che passa i monti.
80El dise che su i ponti
 le starà su un storolo
 co una ghirlanda al colo
 de piatole e peocchi
 e intorno dei zenocchi
85scantie de boletini
 e con quei bagatini
 che qualcun gli darà,
 con quei le viverà
 così miseramente
90e così con gran stente
 le passerà sua vita.
 E quelle de Santa Margarita,
 là atorno al Casonetto,
 tutte per un panetto
95andarà a San Salvaore
 e a San Zorzo Maore
 e altri monestieri.
 E quelle di Crosechieri
 anch’esse in compagnia
100harà gran carestia
 quest’anno de rodelle,
 digo, alle poverelle
 ch’in povertà s’acchiappa,
 che per non haver cappa
105convien portar facciolo,
 per non haver lenciolo
 dormirà in su la pagia.
 E apresso a quella fragia,
 digo, da San Fantin
110le farà le male fin
 con l’altre in compagnia.
 E quelle de Frezzaria,
 che sta in quelle casette,
 quest’anno poverette
115farà la tremarola,
 per n’haver mezarola
 le andarà al bastion
 con la zucca o il boccalon
 e con la pignatella,
120e po una fassinella
 e un bezzo de cappe,
 anderà po con le fiappe
 fin a Lizafusina.
 Quelle po de Piscina
125e da la Trinitade
 serà spesso frustade
 e an messe in preson
 o in qualche scamuzon
 per le so robarie
130o qualche truffarie
 che le sé use a fare:
 quando le puol chiapare
 la borsa in la scarsella,
 le ghe fa la novella
135de tutti quei marcheti,
 e po corezze e petti
 ge dà sora mercà.
 E quelle de San Thomà
 e intorno a i Fra Minori
140si viverà in dolori
 tutto quest’anno
 e sempre con affanno
 né mai serà contente
 con triboli e con stente
145sempre filando lana.
 El ciel sì le condanna
 perché le son fratiere,
 discorrete e previere
 e senza discretion.
150E quelle de San Pantalon
 e quelle de Corte Nova
 el strolego si prova
 tutto per strologia
 che tutte attorno via
155che non è mariè,
 che ’l gh’in serà assè
 ch’anarà all’hospeale
 per amor del gran male
 que le harà in la vita:
160el ge darà tal fitta
 e purassè punture
 e per tutte le zonture
 a una a una.
 Quest’el mostra la Luna
165che serà el so destin.
 E quelle da San Martin
 e anche le bregolane,
 a tutte quelle putane
 el ghe menazza el cielo
170che pan e ravanello
 si serà el so magnare,
 e così a tribulare
 le starà tutto st’anno
 in pena et in affanno
175e tutte malcontente,
 che poco o quasi niente
 si serà i so guagni:
 le menerà i calcagni
 tre hore per un soldo.
180E quelle de San Boldo
 con quelle de San Stai
 le torà sempre mai
 camise e drappi a nolo
 e alla fin un storolo
185si serà el so stramazzo,
 in cambio de pimazzo
 le haverà un quarelo.
 Questo si mostra el cielo
 a quelle grame,
190né mai via la fame
 le se porà cazzare,
 né manco satiare
 le porà la sua gola.
 E quelle da San Marcola
195e atorno San Lunardo
 le ha el becco lecardo
 e sì è tanto golose
 che sempre mè strazzose
 le anarà in so vita,
200né mai vestia polita
 no ge ’n serà nissuna.
 Quest’el mostra la Luna
 e ’l so pianeto.
 Quelle da San Beneto
205e là atorno San Luca
 le anderà con la zucca
 al bastion per vin.
 Questo si è el so destin
 che ’l strolego si dise.
210E quelle da San Felise
 e da Santa Caterina
 serà messe in berlina
 apresso a la mittà
 e frustà e incoronà
215con so vergogna e dano,
 e po tutto quest’anno
 ste grame dê patire.
 El me sé forza dire,
 se ben g’anesse el collo.
220E quelle da San Polo,
 ch’è apresso al magazen,
 quest’ano ge sconvien
 far una disciplina:
 sempre sera e mattina
225starse a grattar la rogna
 e sonar de sampogna
 menando el molinello,
 sempre mè col guarnello
 tutto pin de tacconi,
230e po atorno i galoni
 de quelle putanazze
 le harà certe brosazze
 grande co è mozanighi,
 e caroli e porrifighi
235d’intorno alla botega,
 e se le non se miega
 le tirerà i calcagni,
 e quest’è i so guadagni
 che st’anno ha da fare;
240per el so biastemare
 che le fa de Dio e di Santi
 le starà sempre in pianti
 da tutte quante l’hore.
 Disse pur Salvaore
245de quell’altra baruffa
 che sta in rua Gaiuffa
 e a San Zane Nuovo.
 Appresso queste trovo
 in cale di Albanesi
250che per quatro tornesi
 l’in darà a chi ge ’n vole.
 E quell’altre mariole
 che sta a San Zane Polo
 le starà sempre in dolo
255pi che le non si cre.
 El strolego si vé
 el so destin palese
 che st’anno el mal francese
 ge vignerà sì grando
260che le anarà criando
 ahimè per ogni via.
 E con elle in compagnia
 insirà delle so tane
 quelle altre putane
265che sta a San Samuelo:
 a tutte ghe mostra el cielo
 una ruina granda
 tanto che d’ogni banda
 le haverà che fare,
270hora da suspirare
 hora da strangosciare
 e hora da sgangogiare
 da la marza fame,
 e presto queste grame
275serà tutte impiaghè,
 e po sarà menè
 su per i ponti in caretta
 mostrando la vendetta
 che ’l ciel fa sora d’elle,
280perché inique e felle
 le sé stà sempremè
 e per i so pecchè
 questo le ha da patire,
 e po el so morire
285serà miseramente.
 Per adesso al presente
 el nostro Salvaore
 astrologo e dottore
 dell’Anguillara
290altro non ve dischiara
 de sto so strolegare.
 Questo ve pò bastare,
 a’ digo, per adesso,
 se no che ’l m’ha comesso
295ch’a’ ve deba avisare
 s’a’ gh’in volì comprare,
 ch’a’ me porté i danari
 e non siè così avari
 a posta d’un bezetto
300d’haver tanto diletto
 e così bel solazzo.
 E se mi v’ho dà impazzo
 co sto mio faellare,
 a’ ve vogio pregare
305che vu me perdonè,
 e de tutto que g’he
 vegnì che v’in darò.
 E si ben anche no
 a’ n’in volì comprare,
310a’ no voio restare
 que a’ no ve sipia amigo,
 e altro no ve digo.
 A’ me ve ricomando
 a tutte ste brighè.