Archivio digitale veneto

Stanze pavane

 

 
 
 Daspò che agno gallina è andà a ponaro
 e che agno biestia tase e osel no canta,
 né ’l vento muove fogia o scorla pianta
 e la luna a muò ’l sol el dì fa chiaro;
5daspò che ’l me pensar è cossì a caro
 alla Betta, che ’l cuor sì me despianta
 dalla raise, e la mia penna è tanta
 ch’agn’altra penna no ge starae a paro,
 farè a muò quel osel che, le dreane hore
10vezando a la so vita, canta e muore.
 Mo se ella, che porae col so guardare
 dar le parole a i mutti e vita a i muorti,
 corere i zuoti e far drezar i stuorti,
 aldir i surdi e le biestie armiliare,
15no vosse gi uogi incontra mi mè alzare,
 né i suò cavigi d’oro schieto intuorti
 per farme al dì mille despieti e tuorti,
 perqué a’ no i vêsse, al sol vosse mostrare,
 s’aliegra del me mal, no pur se duole,
20chi me darà la vose e le parole?
 Me le darà fuossi i sospir de fuogo,
 che m’inse del magon ben mille a l’hora?
 Me le darà la duogia, che m’accuora
 sì che in sto mondo a’ no cato pi luogo?
25Me le darà chi zà m’ha tegnù in zuogo,
 quel che a muò dio gi huomeni gruossi hanora,
 che senza dar mè furto el mondo infiora
 e fa che de me man la morte a tuogo?
 No, no, mo quella morte, ch’hora bramo,
30me le darà, che per soccorso a’ chiamo.
 Sì dura pria no cherzo che Dio fesse,
 che ’l tempo e l’acqua in piezi non la fazza;
 né nieve in monte o in mezo fime giaza,
 che ’l sol a puoc’a puoco no desfesse.
35Mo ’l duro e fredo cuor (oimè, chi ’l cresse?)
 de quella Betta, che ’l me spinaza
 muò lin chigiò, acqua non è che ’l faza
 tendero o sol che ’l scalde o che ’l rompesse.
 Ben duro e fredo è un cuor che no se pole
40romper cum l’acqua né scaldar col sole!
 Deh, quante botte he armiliò pianzando
 piegore, biestie, osiegi e salbegure,
 e sechè e brusè l’herbe e ste verdure,
 col vento e fuogo ch’a’ fea sospirando!
45Deh, quante botte al dì sempre digando:
 «Betta ingrata! Amor crudele e rie sagure!»,
 ho fato per pietè monte e pianure
 vegnirme drio le mie penne ascoltando!
 Mo, oimè, tutto ’l me fiò è vegnù in cao
50e seco è ’l fime che m’insia del cao.
 Solo el me mal si è pur senza recetta,
 perché no ’l posso e palesar no ’l vuogio,
 ché, se ’l cielo intendesse el me corduogio,
 de tanta crudeltè ’l farae vendetta.
55Mo perché ’l mal de la mia cara Betta
 me serae ferze al cuor, de patto a’ tuogio
 dar d’un pe in la mia luse e spander l’uogio,
 e tasando sofrir morte maletta,
 nanzo ca dirlo e che per mi po el cielo
60per sto peccò mai ge torcesse un pelo.