Archivio digitale veneto

Ruzante, Lettera all'Alvarotto [ms. Correr Cicogna 3085/IV]

 

 

[1] Messer Marco mio caro, lo spasso, che me scrivette haver hauto a caccia, mi ha datto spasso fin qui; et perché credo che un altro, che io ho hauto che non è molto, farà il medesimo effetto con voi, acciò che se n’andiamo di spasso in spasso, ho voluto dirlovi.

[2] Voi dovette sapere che io, vedendo questo mondo essere il più bel paese del mondo, entrai un dì in una voglia terribile di dovervi star sempre, et almanco d’essere de gli ultimi che se ne partisse; ma sapendo che questo non si poteva fare se non col mezo di una vita, che havesse più de la vita, che non hanno gli huomini da bene più de gli altri huomeni, et per doverla trovare parlai longamente con li miei compagni libretti, che mi affirmarono esser possibile di viver longo tempo, et anche eternamente, ma bisognava trovar prima una certa donna, chiamata madonna Sophrosina da alcuni, et da alcuni altri madonna Temperanza (non già quella che tempera il vino con l’acqua), la quale può dare, a chi la vol, quanta vita il sa domandare; et che già gran tempo certi buoni compagni, che si facevano dire Magi, per favore di lei non solo vissero gran tempo, ma fecero cose fuor di natura.

[3] Adimandai loro se alcun de’ favoriti de costei si trovasse anchor vivo a’ giorni nostri. Mi dissero de duo hebrei et d’un certo altro, che, per non sapersi la morte loro, si stima che viveno, benché di ciò non mi certificassero; onde apersi la boca per dire: Libri, fratelli, queste sono baglie. Costei è come quel’herba, che ha virtù de far ire invisibile chi la porta adosso, ma la non si trova al mondo. Pure, pensando che sono così homini da bene che per mille scuti non diriano una bugia, mi taqui, et rivolsi tutto l’animo di dover cercare questa donna tanto da bene e, s’ella fosse ben la più mala roba che non è l’invidia, far tanto l’imbertonato, ch’io l’inducessi a trar meco d’una vitazza, che non se desvitasse mai, o stesse longo tempo avitata. Ma rivoltato un mondo di carte, et cercato tanto ch’io era andato col cervello più in là che le navi di Spagna, né trovando pur de’ suoi piedi orma, disperato un dì come un giuocatore, che havesse hauto cativa dita a primiera, diedi il cancaro a le carte e bastemmiando, ma non ch’io fossi udito, mi distesi sopra certa herbetta.

[4] Quando mi montò questa colora, io era sopra d’una de le nostre montagnette da Este a caccia rimaso solo aspetando i brachi che ritornassero d’oltra un colle, dove haveano cacciato un lievore, et erano tanto lontani ch’io non li sentiva più, onde pareva che ogni cosa tacesse; et però tra quel scilentio et la fatica del cervello pian piano, che non me ne accorsi, il sonno mi entrò ne gli occhi, et non fu così tosto dentro che gli misse il catenazo a l’uscio, et serò fuora me di me stesso. Et voglio, et debbio esserli obligato in vita mia, se io havessi ben quella longa o eterna che io cercava d’havere, perché il fu il più soave et gracioso sonno, che chiudessi mai occhi de huomo, et mi fece vedere et udire cose sì belle, che il bello serà a redirle, et più bello a crederle.

[5] Così serato, et chiuso fuore de mi medesmo, come vi dico, mi si appresentò davante il nostro tanto caro, et tanto piacevole barba Polo, tanto quello istesso, et in niuna cosa mutato da quel barba Polo che ’l fu mai, che non mi bastò l’animo de dirle se ’l era o vivo o morto. Esso haveva indosso la sua bona gonnella de festa, et pareva venire alhora alhora dal barbiere, con una ciera più tosto d’havere fatta collatione, che no. Non so donde diavolo havesse inteso de quel mio desiderio di vita; io credo per esser l’anima una cosa divina. Basta, da poi il bon dì, et il buon dì buon anno, si diede dua forbite al naso, una a la dretta l’altra a la riversa, et chiaritosi due altre volte, senza sputar però, così cominciò a dirme:

[6] Se te te affaigessi pi, Ruzante, drio i libri, che non se affaigé mè braco drio anemale, te no porissi cattare in vita d’agni la femena che te circhi, se mi no te la mostro, e an si è con iera quelù, che su i libri iera scritto Cecarello, e sì i ge disea Ballotta. Mo viemme drio a mi e sta’ su, che a’ te menerè a la so corte, che è sbandia per i buoni compagni con t’iè ti, che sa far rire con le tuò comielie o comiegie, a’ no sè ben dire.

[7] Io ringratio il riso, che al suon di queste parolle si portò tanto bene, che ’l non mi svegliò, et mi fece ridere smascellatamante, ché, se apriva gli occhi, rinegava Dio. Et pareva che io me gli aviassi drietto, et esso andasse pur dicendo:

[8] Non sèto che un bon snaturale si è miegio assè ca cento slibrazon? Perqué la snaturalitè fo inanzo d’igi, e igi si ha imparò da ella. Et per ella mi a’ me rezo, e ella me ha insegnò sta femena che te circhi, che no ha negun de quî nome, che i te ha ditto egi, mo el so dretto chiamare si è madonna Legracion. Questa si è la madonna e la parona del vivere assè; questa si è sora le vite de gi huomeni; questa si è quella, che fa vivere l’homo in vita d’agni; questa si è quella, che slonga le vite arzonzando vita per longo e per traverso; e no neguna de quelle da quî nome stragni. E sì no slonga metando una vita da cao de l’altra, che le se dirave vitesse longe, e sottile, e prigolose, ma l’arzonze da pe via la vita, con serae se uno arzonzesse un palo a una vigna. Non seravella pi frema e pi segura, se ’l arzonzesse el palo a pe la vigna, ca azonzerlo de cao? Mo cancaro è! Mo cussì falla an ella, che l’arzonze vita da pe via de la vita.

[9] Te vuò mo dir ti che, se l’arzonze, la no slonga, perqué a vivere assè besogna haver vita longa, e la vita no è pi longa d’una vita, chi no la slonga con un’altra vita, e el zonzere mo da pe via non ven a essere slongare. Mo te no la pigi dal bon cao, ché l’arzonta da pe via slonga. [10] E aldi. No ge n’è assè al mondo de zente, che de vivere de vita longa ha zonto a cento agni, e an de tal, che ha passò de qualche puoco? Che questo si è mo quanto pò esser longa una vita. Tira pur, se te sè tirare. Tamentre quisti no ha mè sapù d’esser vivi se no quando gi è stè muorti, che i se ha accorzù che, se i no foesse stè vivi inanzo, che i no sarave muorti daspò. [11] Mo no sapiando mo de esser stè vivi, quando i ne iera, vuòto dir vita a sta so vita? Mo no. S’te ge ne arzonzissi ben un megiaro de vite una da cao l’altra, la no se porrà dir vita. Mo se uno vivesse mo nomè un anno solo, e saesse de esser vivo, no serave pi vita la soa, e pi longa, ca de uno che vivesse mill’agni e no saesse mè d’esser vivo? Mo donca la ven a slongare la vita a sto muò, che la fa che quigi che è vivi sa da esser vivi. E un’hora de vita de un che sapia de esser vivo, si è pi vita, e pi longa ca de un che viva in so vita e no sapia pi d’esser vivo con se ’l non haesse mè habù vita in so vita. [12] Mo an per arzonta la sa slongare per datorno via la vita. E aldi. S’te haisi indosso cento gonelle o cento zupariegi, e che un zuparello o una gonella sola te fesse, con la fa, per lo portare d’un homo, habiandone ti solo cento, no vieto havere gonelle e zupariegi per cento huomeni? Mo chi no ’l dirave, questo? Mo chi te mettesse mo sora sta vita cento vite, no vegneristo havere ti solo vite per cento huomeni? Habiando vite per cento, te vié haver cento vite; pi che ’l se ha vite, pi se vive; vivandose pi, pi se slonga la vita. Dasché el slongar de vita non è altro ca vivere assè, donca, se la fa vivere assè, la slonga an la vita. Zonza pur vita per que via la vogia, mo de sto zonzere te ’l sentirè int’un dì, che te stagi con ella, che te te sentirè zonzere atorno la vita vita per cento huomeni. Pensate mo int’un mese, int’un anno, che te ge stiessi, se te te sintiressi arzonzere vite per un mondo de huomeni!

[13] Te harissi mo an dapiasere da saere on la cata ste tante vite da dare, si l’ha così bella massaria de huomeni e de femene per ca’, con te aldissi mè dire, che tutti grandi e pìzoli no lavora nomè a vite in s’un so tegnire puoco lunzi de chialò, che a bel ponto sto trozo ne ge mena. Agnon de ca’ porta vite a ca’, e la Legration tende a dare a questo e a st’altro so amigo, e an laga che tal bota i s’in tuole da so posta, perqué pi che la in dà, pi g’in roman da dare.

[14] No andagon pi de longo, che stagando sotto sto polaro su sta elta, senza che ti te stagi alzare in deele, te porè vêre agno cosa. Véte, guarda: tutto quanto te può guardare si è el tegnire dela Legracion. Hetu, per un paese de terituorio, visto mè el pi bello, cercenò da monteseliitii fiorì, con boscheegi che par fatti de penne de pigozo sì verdezegii, con quî femisiegi che va corrando che i no se vé annare longo quî prè de soto via quelle postige de salgari metù tutti a filo? Chì entro le nasce le vite senza somenare, che ’l no se ha faiga nomè de sunare. [15] E si è tutto mettù in passagia sto luogo. E vìtu quella femena, che va datorno via la passagia sì destramen, che ’l par che la no se muova de passo, e sì par che la no alze gi uochi, e sì veza da per tutto? Quella si è la prima massara de ca’ che habia la Legracion. I ge dise la mea Savianza. Vé che la va mettando mente che ’l no vegne destropò la passagia o desvaonò o fàtoge buso, che ’l vegne po entro zente a far danno in le vite.

[16] Vé po barba Sollazo e so frello Piasere, che va atorno con quella caretta e con cavagi, e an tal botta in barca, con la ge butta miegio. Te no vì po quelù, che se va arvoltando per terra con la boca avierta, che ha quigi uochi sborrì, imbampolò in lo viso che ’l par che ’l vuogia crepare? Mo ’l è el Riso, quello, vé, frello de la Legracion. E so figiuollo Sgrigno si è po quellù che ha le scarpogie de gi uocchi pini de lagreme, che ’l no osa darla fuora, e int’un mendecao el trà qualche schiozzo. [17] Guarda po quella femena sì ben vestia, con tante dindarelle atorno e cuotoli e bandinelle. L’è la Festa, quella. La pare una spiziaria da la vîlla de Nale, sì èlla ben dobà, col grembo pin de nibiè e braciegi. So frello si è quello, che se trà le scarpe e che se ha tratto el cassetto. ’L è el Ballo. Vétte che par che ’l diga: Tegnì duro e no voltè? ’L è suò, scalmanò con se ’l haesse lavorò s’una tibia.

[18] Da’ mente a quelle do, che inse fuora de l’usso tegnandosse per man. Vìto che voltazon ardio si ha quella prima con quegi uocchi risuotoli? Mo l’è la Legrisia, quella, e l’altra è la Zuogia, che par che la no posse star in la pelle, sì no stalla mè frema, che int’una botta la vorà cantare, balare, sunar fiore, zugare al bal dele botte.

[19] Te arecuordito mè de haver vezù un solo in quatro e quatro int’un solo? Mo véttel là drio a quel, che è assentò su quella cariega in balcona. A guardare i par quatro, al sentire par nomè un. Mo i ge dise a quello el Cantosona, che sa fare d’un solo in forma da quatro, e da quatro in forma de un solo. L’asentò dalla cariega si è el Contento. Vétte che ’l no se incura d’altro che de star da quigi e ge ten voltò una regia sola, perqué da l’altra el no ge sente?

[20] Quigi po che par che i no posse esser pi de nuove né manco de tri, tutti si ha una nome: i ge dise i Buoni Compagni. E quella che è in mezo d’igi abbrazò con quell’altro scavigiò (véte, vé, che ’l par che tutti i Buoni Compagni la brame, e che tutti la vuogie, e ella no par con negun, e si è con tutti?) i ge dise a ella la Compagnia, e a colù el Trepo. Vìto che ’l pare el beco mal guardò, che tutti el spelate, e ello no se corezza mè con negun?

[21] Mitti mo mente a quella vestia de bianco che pare un bel pavegio. La è la Bontè, quella. Vìtto che l’ha in man a muò un ligambe verde, e sì porze un cao a quelle tre per fare una noella alla Compagnia e al Trepo, ligargi con i Buoni Compagni che i no se posse desligare, e una de quelle tre, che è l’Amistè, se va arguaglivando el cao del ligambe in man? La Pase e la Caritè si è po quelle do che se porta a cavaletto una con l’altra.

[22] Aldi mo, tasi. Sìntito quella osetta che a iro a iro se alde? Aldi: “Aiaro! Aiaro! Aiaro!”. Quando mè sentisto el pi bel cristalaison o la pi bella gluoria de questa? Aldi: “Valla! Valla!”. L’è drio a qualche nemigo de la Legracion, che ’l ge n’è mo assè atorno via sta passagia, che ten gi uocchi se i poesse intrare a farse un marchetto de vite; e perzò sta femena no sta mè de dì a ca’, mo int’el albezare l’è fuora; e perqué la ten sempre cazzè via quî, che porave danezare la Legracion, i ge dise la mea Cazza, no per lo pigiare mo per lo cazzare. Sta femena si è sempre de buona vuogia, perqué ’l Spasso va dagnora con ella e no laga mè insorire; o sea sole o vento o pioza no laga mè far male, perqué el porta un capelazzo con ello da pegoraro, che ten covierti tutti, e un mantelon con è una schiavina, don tutti se ge arvolze entro, che niente no ge nuose; e s’in sta fina l’imbrunire de la serra, e po ven a ca’, e el Beneveneriata i sta aspitare su l’usso.

[23] Con gi è entro, cata el Peteto, che ge ha paregiò una cena con un magnare da un Labate, e tende a menestrare, e el Sabon a conzare le menestre, la Proficiata portar le scuelle sul desco. E man po no so que tosatiegi, che a’ no te gie posso mostrare, perqué i sta sempre in ca’ dal fuogo, tutti, con è rivò de cena, si g’è atorno. I ge dise i Zuogoli a questi, perqué i se tende nomè a chiapare un con l’altro, e scomenza a zugolare: chi vo fare una sciravoltola o na corpilata e dà del culo in terra, chi ha intento el viso che ’l pare un muro d’una hostaria, chi ha ligè gi uocchi e tutti adosso con una scarpa perhom, chi dise fiabe int’un canton, chi fa mille altri cancari de bagatelle.

[24] In sto mezo el Filò ven via col gaban pin de ravi e butta in fuogo, e col sen pin de pomi e castagne, e va porzando a questo e a st’altro, e con i ravi è cuotti dagando sonda e da bevere. E sempre la Legracion è con igi da questo da st’altro, hora sentà a pe de un, hora pozà alle spalle d’un altro, tal botta la ge senta su i zinuocchi, favellando risando trepezando.

[25] El ven po che te vì vegnere un vecchiaruolo con gi uocchi pesuochi, con un bastonzello in man, e va fagando no sè que zuogo, che se chiama el zuogo del Reposo, che così hallo nome an ello. El zuogo si è a sto muò: ’l ha intenta una man, e sì va intenzando sora gi uocchi a tutti, e po corre a sconderse int’un letto, e man el primo intento trà un sbachio e gi altri drio a trare an igi, un se destira, gi altri così. Que è que no è, tutti corre a sconderse drio el vechieruolo. I no è sì tosto ascunti, che la Cita scomenza andar per ca’, leziera che la no se sente, coverta che la no se vé, e cazza fuora el Remore. L’Insuonio po drio la Cita si va con le pi belle devise, che te visi mè, e se mena drio un gran schiapo de frobole, de noelle, de garbinelle da rire, da dar piasere: chi va da questo, chi da st’altro, fagandose sentire e vêre le pi belle filatuorie, che s’aldisse mè dire, tanto che così dromando se sconven rire.

[26] La Hora po, che iera partia e non haea mè refinò d’andare su e zo, torna e mena con ella la Stella Boara. Uno, che ha nome Gallo, si è el primo a sentirla, e ge va incontra, e ge dà el bon dì cantando. Co ’l Spasso sente cantare, salta in pe con un corno in man, e man tuli tuli tuli, e tutti su fuora e via a cazzare gi anemisi de le vite, che va roelando intorno alla passagia, che i par luvi arseè intorno a una verara de pozo. E se te i vuò vêre, a’ t’i posso mostrare; mo el besogna che te zuogi a vis con vis, che don te è volto el culo, te ge vuolti el viso.

[27] Véte là fuora de la passagia la corotosa tutta vestia de bruna, quella che sgassa le vite con fa una biestia i pianton? La sta sola da so posta, con le man inchiavè una in l’altra, col cao su i zinuocchi. La è la Melenconia, quella. Vìto che la sta con gi uocchi deveusi, che ’l par che la tribola sora un morto? Mo làgela pur stare, che la Cazza te la sburirà ben de lì, ché l’ha un braco, che ha nome Avezù, che la sente d’usta d’un megiaro, un altro, che ha nome Remilio, che la tegnarà cazzà da un’avemaria a l’altra.

[28] Te no fe fantasia a quella fraschezuola figadello de toso con quel arco in man e quî bolzon sotto zentura, che va per datorno via la passagia con se ’l andasse a betuzzi? A’ te dago quella cossezuola per così gran deroinamento de vite, così gran consumamento, ché te no ’l crerissi mè co ’l le daneza. El no g’è sì bella calmà de vita chì entro, che ’l no deroinasse. Que ha far ruse né verme che magne megole? ’L è piezo! E ello solo farà pi danno in le vite, che no farà sette cavere int’un bruolo. ’L ha nome l’Amore. Vé mo, no l’Amor bon, che fo figiuolo del Desasio e de la Ubertè. A’ no sè de chi cancaro fosse figiuolo sto toso, a’ crezo de la Malesion e del Malano.

[29] Véte quella che ge va drio e mè no ’l laga de pesta, che ha gi uocchi de lievore e, con se muove una frasca, la trema? La se va volzando indrio e pare che agno ose, che la senta dige: “Dai! Dai!”, e agno mosca che ola la dibia becare. L’ha nom la Zelosia, quella, pruoprio vestia con la dê essere, con quella vestura fatta a busiti, che agno cosa possa intrare entro e pigiar da per tutto e tegnir fremo.

[30] Da’ mo mente a quî du chiapi de narration stragne, de pi fatte e de pi devise, che no fo atorno Pava el primo anno da le muzaruole. Quî nigri tutti è Fastibii. Quî beretinazi mufoligni bissoni si è po tutti Pensieri. Heto mè vezù le pi ciere d’apichè, i pi vulti d’amorbè, i pi visi da desgraciè, che tutti par caire da quel bruto male? Tuo’ su la Duogia, che va là desgrendenà, tragando sospiri, che te impigierà un fuogo. Vé po l’Incendore, che se va fregolando el cul per terra con farave un can brao el so letto. Vé che ’l no reffina mè da trare. E la Fantasia, che no pò requiare, mo don l’è la no g’è, e don la no è la vorrà essere, e vorrà esser un’altra e no esser ella. Mitti mente a l’Affanno, che va inarconò con la schina tegnandose le man al magon con se ’l haesse bevù vin basso, che ge haesse metù mal de paron in la panza. Te no vì el Spisimo, che no sa mè de que vuogia el sia, e se pensa sempre el piezo che pò intravegnire? No guardar pi, che te no fiesse con fa quî che vé el lovo e perde la ose, che te no pierdi la vista de vêre la Legracion.

[31] Viemme drio, che a’ l’andagon a cattare, che la te arzonza cento vite adosso per longo e per traverso. Mo la ’l farà an a vêrla solamentre, ché, con la te butte una botta gi uocchi adosso, el te parerà sentirte stravolzere a secchie roverse per dosso un piasere (pi piasere ello solo, ca tutti i piaseri a un), sì che d’una legrisia (pi legrisia ella sola, che quante in fo al mondo assunè int’un muchio), che andarà per longo via el filo de la schina su le ongie di piè, e po te te la sentirè tornare su per i schinchi e per la panza e vegnirte in lo magon con no sè que sgrisolette legrezuole risotole, che te no te porè tegnire d’andare dagando di calcagni in lo culo a muò ballo. Te te fregolerè le man, le trarè sgrigni, sguzzi, che te parerè un luzato nomè pigiò che no possa star in stropa.

[32] Que ha far guardature d’amore? Amor in le nege! Te no torissi vita da papa, e an de desora da papa, se ’l g’in pò essere! Almanco la toa se porà dir vita, in persona te saverè pi de vivere, che no sa el vivere, in so presentia. [33] Mo con te la sinti favellare? Cope fiorin, vage pur al bordello uorgani e sigoluoti e quanti pivari venne mè de Ferarese con i suò trombonazi! Heto mè sentio cantare agnoli o arcagnoli? Mo cossì te parerà aldirla favellare. Te lagerissi stare un desco cargo de braciegi e pan scafetò quando te he ben gran fame per starla aldire, che te sintirè parolle tutte inzucarè de miele d’entro via e de fuora via, che te anderà da le regie via fina a mezo el cuore, e agno parolla portarà entro una vita, e tal parolla diese vite: una vita al polmon, una a la coraella, e po a tutti i buiegi, che te parerà una man, no man fatta de man, mo man de latte arpigià, che te vage per la panza ragonandote l’intragie a una a una, mettando ogno cosa a so luogo, con farave uno, che andesse ragonando una massaria per ca’. Te no sintirè pi né sbrombolare de buegi, né urlar de panza, né suppiar de magon, né malore, né brusore per negun luogo, né d’entro via né de fuora via, ché tutto serà metù in riequia, tutto arpasò, tutto accordò, tutto artasentò, perqué te no haverè in la panza altro che vite, e agno cosa sarà vita: el pan vita, el vin vita e tutto el magnare vita, e co ’l pigiar fiò per el naso te tirirè su agno botta una vita. E in colusion te no te sentirè atorno se no cielo e vite.

[34] Mentre esso diceva queste parolle, mi parve sentire una musica, non di canti o di suoni, ma de non so che di più concento et di più armonia, che non saprei darla ad intendere se non a chi dormisse, como faceva io; et poco dapoi (come fa chi sogna) mi pareva vedere tutta quella gente de la Legracion ristretta insiema, e di tutta po farsene una cosa sì bella, che in mill’anni non si diria con mille lingue. Io voleva guardarla fisso per non perder di contemplarla (tanto ne pigliava diletto), ma gli occhi mi parevano impediti da non so che gravezza; onde volendo sforzarme d’aprirli, il sonno se ne fugì, et io rimasi con gli occhi aperti da dovero. In questo i brachi se ne tornavano col lievore inanzi tanto stanco, che uno de loro me ’l prese dinanzi, et gliel tolse di bocca mezo vivo. Et ritornato a pensare sopra la vision mia, mi riccordai che la voce di quei brachi nel cacciare si assomigliava molto alla musica che io haeva udito in sogno, anzi mi pareva quella istessa. Et così quel vedermi quell’animaletto tante volte passar dinanzi, e quelli cagnoli seguirlo con tanta sagacità, mi pareva che tenesse somiglia de quella sì bella cosa che io sognava, che fu causa che io aprissi gli occhi.

[35] Questo fu el mio spasso, il qual goderette insieme con qualche buon compagno, ché so che siete fra più d’un paro. Basando inanzi la mano, et riccomandandomi a chi sapete che mi è signore, la gratia de’ qualli, et salute non dessidero manco che la vita longa cercata tanto da me.
 

Da Padoa il giorno de la Epiphania del 1536.
Vostro fratello Ruzante