Archivio digitale veneto

Ruzante, Lettera all'Alvarotto [ms. Vr. Civica 36]

 

 

[1] Messer Marco mio caro, lo spasso che me scriveti haver havuto a cacia, mi ha dato spasso fin qui; et perché credo che un altro spasso, che io hebbi non è molto, farà quel medesimo effeto con voi, che ha fato il vostro con me, aciò che andiamo di spasso in spasso voglio dirlovi.

[2] Dovete sapere che, vedendo io che questo mondo è il più bel paese che sia al mondo, era entrato in una voglia terribile di starvi sempre, o almanco esser de gli ultimi, che se ne partisse; et sapendo che questo non poteva essere se non con el mezo de una vita più longa delle vite usate, per trovarla parlai longamente con li mei compagni libreti, li quali mi dissero che era possibile e che io vivesse longamente, et anco eterno, ma bisognava ch’io trovassi una certa donna, detta da alcuni Sophrosina, da alcuni Temperanza (non mica quella del vino con l’aqua), che ella mi daria quanto viver sapessi dimandare, et che certi boni compagni, che già gran tempo se chiamano Magi, per favor di questa donna non solo vissero assai, ma fecero molte cosse sopra natura.

[3] Io dimandai loro se si trovava vivo anchora alcuno de gli amici di lei. Mi dissero de un certo Enoch, et un suo compagno, hebrei, et anche de un altro, che, non sapendosi che anchora siano morti, si stima che vivano, ma di questo non me ne fecero certo; onde apersi la boca per dir loro: Libri, fratelli, le vostre sono baglie. Questa donna è come quell’herba, che fa andar invisibile chi la porta adosso, ma la non si trova al mondo. Pur, pensando che sono tanto huomeni da bene, che non diriano una bugia per mille scuti, mi taqui, et rivolsi tuto l’animo a dover cercar di questa donna da bene, e trovata ch’io l’havesse, se la fosse ben più mala roba della invidia, far tanto l’imbertonato con lei, ch’io la fesse trarre de una vita, che non se desvitasse mai, e che stesse più longo tempo avitata de le altre vite. Ma havendo rivoltato un mondo, et cercato tanto ch’io era ito più in là, che non sono andate le navi spagnole, né trovando pur de’ suoi piedi orma, disperato un dì come un giocatore, che havesse perduto a primiera, diedi el cancaro alle carte, et biastemando anche, ma non che fosse udito, mi distesi in terra sopra certa herbeta.

[4] Io era, quando mi montò questa còlora, sopra una de le nostre montagnete da Este alla caccia solo, et stava aspetando che i brachi ritornassero alla mia volta con un lepore, che havevano in piè, et lo caciavano oltra un colle, tanto lontani da me, che io non li poteva più udire; et parendo che ogni cossa tacesse, tra quel silentio et tra la fatica, il sono pian piano mi entrò ne gli ochi, et non fu cossì tosto dentro, che si chiuse, ch’io non me ne accorsi. Et sarò obligato in vita mia a quel sonno, se io havesse ben quella vita longa, ch’io cercava de havere, perché il fu il più soave, et gratioso sonno, che si serrasse mai in ochi del mondo, et mi fece vedere, et udire cosse sì belle, che il bello sarà a redirle, et il bordel a crederle.

[5] Quel sonno mi appresentò dinanzi alla fantasia il nostro tanto piacevole et caro barba Polo, tanto quello istesso, et in niuna cossa mutato de quel barba Polo che fu mai, che non mi bastò l’animo de dire: Siete vivo o morto? Esso haveva indosso la sua bona gonella da festa, et pareva venir alhora dal barbieri, con una ciera più tosto de haver fato collation che no. Io non so onde diavolo ’l havesse inteso de quel mio desiderio; credo perché l’anima è una cossa divina. Basta, dapo’ il bon dì et il bon dì bon anno, si diede con la mano due forbite al naso, una alla drita e l’altra alla riversa, et chiaritossi due altre bote, senza che ’l sputasse, cossì mi cominciò a dire:

[6] Se te te affaigesse pi, Ruzante, drio libri, che no se affigé mè braco drio nemale, quando i gi parra, te no porissi catare in vita d’agni la femena che te circhi, se mi a’ no te meno on la è e mostrartela; perqué la nomenaggia no te la lagerà mè catare, che là è con colù, che giera scrito su i libri Zacarello, e sì i ge disea Balota. Mo vieme drio a mi, che andaron da ella, ché la so ca’ si è con è una corte sbandia per i boni compagni, con t’iè ti, che sa far rire con le to comielie o comegie, ch’a’ no sè ben dire.

[7] Io ringratio il riso, che al suon di queste parole si portò tanto bene che, anchora che ’l mi fesse smasselatamente ridere, pur non mi svegliò, ché haverei rinegato Dio. Et pareva ch’io me gli aviasse drieto, et esso andasse pur dicendo:

[8] No sètu che un bon naturale è miegio assè ca cento slibrazon, perqué el fo inanzo la snaturalitè ca igi, e igi ha imparò da ella? Mo ben, mi per ella me rezo, e ella me ha insegnò sta femena che te circhi, che no ha negun de quî nome che i te disse igi, mo el so derto lome si è la Legration. Questa si è la madonna e la parona del vivere asè; questa si è sora le vite; questa è quella che sa far vivere uno in vita che ’l vive; questa è quella che sa longar le vite; questa è quella che sa arzonzere vita alle vite e per longo e per travesso, e no neguna de quelle da quî nome stragni. E sètu mo a comuò la slonga? No metando una vita de cao da l’altra, ché le sarave vitesse longe e sotile e perigolose, mo l’arzonze per da pe via la vita. Se uno volesse arzonzere un pallo a una vigna, no saràvela pi frema e pi segura se ’l arzonzesse el palo a pe la vigna che arzonzerlo da cao? Mo cancaro sé! Mo così arzonzella an ella da pe via, che intorno a una vita la ge mete de le altre vite.

[9] Te vuò mo dire ti: se l’arzonze, la no slonga, perquè a vivere asè besogna havere vita longa, e la vita no pò essere pi longa de una vita, chi no la slonga, e el zonzere da pe via no ven a essere slongare mo. Mo te falli, ti no la pigi da ’l bon cao.

[10] No ge n’è assè al mondo de zente, che ha arivò a cent’agni de vivere, e an de tal che ha passò de qualche puoco? E questo mo si è quanto mè pò essere una vita longa: tira pur, s’te sè tirare. Tamentre igi no ha mè sapù de essere vivi, se no quando gi è muorti, che i se ha acuorti che, se i no foesse stè vivi inanzo, i no sarave muorti daspò.

[11] No sapiando mo de esser stè vivi quando i giera vivi, a sta vita ge vuòtu dire vita? Mo la no se porà dir vita s’te ge n’arzonzissi ben un megiaro de vite, una da cao de l’altra! Mo se uno vivesse lomè un anno solo, e saesse de esser vivo, no sarave pi vita la soa, e pi longa, de uno che vivesse mill’agni e no saesse mè de esser vivo? Mo donca la slonga la vita a sto muò, che la fa che quigi che vive sa de essere vivi. E un’hora de vita de un, che sapia de esser vivo, si è pi vita longa de un che viva in so vita e no sapia pi de essere vivo, con se ’l no haesse mè habù vita in so vita.

[12] Mo anche a quel altro muò la slonga, per arzonta datorno via. E aldi a comuò. S’te haissi indosso cento gonelle o cento zupariegi, e che un zuparello o una gonella te fesse per lo portare de un homo, habiandone mo cento no vegneristu havere gonelle e zupariegi per cento homeni? Mo cancar è che te vegnerissi havere! Mo s’te haissi mo cento vite sora sta to vita, no vegneristu an havere vita per cento huomeni? No vientu haver cento vite, habbianto mo ti vita per cento huomeni? Pi che se ha vite, no se vive pi assè? Vivandose assè, no se slonga la vita, perqué el slongar de vita no pò essere altro ca viver assè? Mo tornom mo a ca’. Viver assè si è slongar de vita. Se la fa viver assè, la sa an slongar la vita. Zonza pur a comuò la vuogia, che int’un dì, che te stagi con la Legration, te te sentirè arzonzere vita per cento huomeni. Pensate se ti ge stè un mese, un anno o diese anni, se te te sentirè arzonzere vite per un mondo de huomeni!

[13] Te haresi mo depiasere de intendere on la cata ste tante vite da dare. Mo a’ te vuò dir questo: l’ha così bella massaria in ca’ de huomeni e femene, con te aldissi mè dire, e tuti, grandi e pìzoli, no laora lomè a vite in sul so tegnire, che l’ha puoco luonzi de chialò, e sto truozo ne ge mena. Agnon tende a portar vite a ca’, e ella tende a dare a questo o st’altro so amigo, e laga an che i se ’n tuole da so posta; perqué el pare che pi che la g’in dage, pi g’in romagne da dare.

[14] No andagon pi de luongo, perqué stagando su sta elta, senza alzarse in deelle te porè vêre tuto el suò paese. Per un tegnire, a’ no crezo che te vîssi mè el pi bello. Guarda con ’l è ben cercenò da sti montesiegi tuti fiorii, con quî boschiti che par penne de pigozzo, sì verdezegi! Vìtu quî biè fimeseliti, che va per quigi prè longo a quelle postigie de salgari, che par metù a filo? Mo chì entro nasse le vite senza somenare e senza gniente, che ’l no se ha lomè briga de sunare.

[15] Vìtu che ’l è tuto metù in passagia? Vìtu quella bella femena, che va atorno via la saragia, e si va sì destramen, che ’l par che la no se muova de passo, et sì vee da per tuto e par che la no alze gi uochi? Mo quella è la massara de ca’ de la Legration. I ge dise la Savianza. Vìtu che la va metando mente che ’l no vegne destropò la passagia o desvaonò in qualche luogo, e che ’l vegne zente a far danno in le vite?

[16] Vìtu po barba Solazo e so frello Piasere, che va via con quelle carete, con quî cavagi, con quelle barche, e hora i desmonta de una e monta in l’altra, segondo che ’l ge ven vuogia? Te no he vezù colù, che se va arvoltando per terra, che ’l par che ’l ge sborre g’uochi fuora del cao, sì èllo imbampolò in lo viso? Sètu chi ’l è, colù? Colù è el Riso, frello de la Legration. So figiuolo Sgregno po si è quel che ge dà mente, che ha gi uochi pini de lagreme, che ’l no se pò tegnire de rire e no ossa.

[17] Vìtu mo quella femena co tante bindarelle atorno, co tante cuotoli, sì ben vestia, e con tante bandinelle? Mo l’è la Festa, quella. Guarda che la pare una speciaria da Nale, sì èlla ben adobà, col sen pin de nibiè e braciegi. So frello Ballo si è po quello, che se trà le scarpe e se ha trato zà el casseto. Vìtu che ’l è tuto suòo, scalmanò, con se ’l haesse lavorò su una tibia?

[18] Vìtu quelle du, che inse fuora de l’usso tegnandosse per man? Vìtu che voltazon ardio ha quella prima, co quigi uochi risuotoli? Mo l’è la Legreza, quella, e l’altra la Zuogia. Guarda che ’l pare che la no posse tegnire el cul fremo! La vorà fare agno cossa int’una bota. La vorà ballare, cantare, zugare, sunar fiore, e no riva mè de fare né un né l’altro.

[19] Te recuorditu mè de haver vezù un solo in quatro, e quatro int’un solo? Mo vélo là de drio da quel che sta sentò su quella cariega in balcona. S’t’i guardi, i te par quatro; s’t’i senti, i te par un solo. Sètu co i ge dise a colù? El Cantasona. E quel che giera assentò, i ge dise barba Contento. Vìtu che ’l no se cura se no de stare con quel da i quatro, e se ha colgà soto una lumbria, e tal bota su una riva de fosso, e se i lo chiama ben, el no sente, ché ’l è un puo’ sordo da quella regia de qua, ma da l’altra el ge alde?

[20] Quigi puo’ che par che no posse essere pi de nove, né manco de tri, si è i Buoni Compagni. Quella femena, che è in mezo de igi abrazò con quel altro scavigiò, (vé, vé, che ’l par che tuti la brame, che tuti la vuogie, e ella sa essere co tuti, e sì no par co negun d’igi da so posta): la femena è la Compagnia, e l’homo si è el Treppo. No vìtu che ’l pare el beco mal guardò, che tuti ge corre atorno a spelazarlo e ello non se correza mè?

[21] Miti mo mente a quella tuta vestia de bianco, che la pare un pavegio. Vé che l’ha in man a muò un ligambe verde. L’ha lome, ella, la Bontè. Vé che la vol fare una noella: la porze el cao del ligambe a quelle tre, e sì cercena tuti quî Boni Compagni e el Treppo, che le i vorae ligargi int’una fassina tuti. Quella che va argualivando quî cavi del ligambe si è la Pase. La Amistè e la Caritè si è po quelle du che se porta a cavaleto una l’altra.

[22] Aldi mo, tasi. Sentitu quella oseta che a iro se alde? L’è una femena de la Legration. Aldi: Aiaro! Aiaro! Ah, leveriero!. Quando sentistu mè el pi bel chirialaison o cristalaison de questo? Aldi che la ciga: El va là! El va là!. La è drio a qualche nemigo della Legration. El ge n’è mo assè torno via sta passagia, che ten g’uochi se i poesse entare a farse un marcheto de vite; e perzò sta femena che ciga no sta mè de dì a ca’, ma int’el albezare del dì la è fuora; e perqué la ten sempre cazè via quî che porave dannezare la Legration, i ge dise madonna la Caza, ché, pigia o no pigia, sempre la cazza. La è una che è sempre de buona vuogia, perqué sempre el Spasso si è de drio ella. Sea pur sole, vento, pioza, sempre el Spasso no la laga né far male né insorire. La ha un capellazo che ’l pare un pegoraro, che tien coverti tuti, un mantellon maor de una schiavina, don l’arvolze tuti entro che niente no ge nuose. E si in sta fin int’el brunire della sera. E po vien a ca’, e cata el Peteto col desco aparechiò con una cena de messier Labbà e de un sora Papa. El Sabon tende a menestrare, el Bonprò a portare in tavola; e man po no sè que tosatiegi, che a’ no te gi he possù mostrare perqué i sta sempre in ca’ da ’l fuogo, mo ben tuti si g’è intorno. I ge dise i Zuogoli a questi, che no fa lomè zugolare, che i par gatiegi: chi fa scopilate, chi sciravoltole, chi ha intento el viso che ’l par un muro da ostaria, chi ha ligè g’uochi e giostra co un legno int’un cercene, chi disse fiabe, chi se core drio co una centura in man, chi fa mille altri cancari de noelle. In sto mezo po el Filò ven col gaban pin de rave e buta in fuogo, e col sen pin de pumi e castegne, e va porzando a questo e quello, e co i ravi è cuoti, dagando sonda e da bere. E la Legration sta sempre an ella, hora con questo hora co st’altro, favelanto risanto trepezanto.

[23] El ven po un vechiarello, che ha gi vuochi pesuochi, con un bastoncello, e va fagando un zuogo. Questo si è el Reposso, e co una man intenta el va intenzanto suora gi vuochi a tuti, e po se corre a scondere int’un leto; e man el primo intento scomenza a trar sbachi, e l’altro drio, un se destira e l’altro se deslonga. E che è che no è, tuti corre a sconderse drio al vechieto. I no è per megio soto, che la Cita scomenza andar per ca’ coverta a iro a iro che ’l se ge vé gi vuochi, leziera che la no se sente andare. E l’Insuonio drio, vestio co le pi belle dovise che te vissi mè, e va da tuti a un a un, e an tal bota ’l è da tuti int’una bota, e ge fa parere le pi belle frobole, le pi belle noelle, che tuti se la ri così dromanto.

[24] In sto mezo la Hora, che no ha mè requio de andare entro e fuora, in su e in zo, torna menanto co ella la Stella Boara. Un po, che i ge dise Galo, è el primo a sentirla e ge va incontra cantando. Co ’l Spasso alde cantare, salta in pe, e man co un corno alla boca scomenza a cornare tu tu tu; e tuti su e fuora drio a cazzare via i nemisi delle vite, che va intorno la pasagia, che i par luvi arseè che vage roellanto intorno una verara de pozzo. E se te te fe al zuogo de vis con vis, che te vuolti el viso don te havevi el culo, te i porè vêre. Oh, cusì, ben.

[25] Vìtu quella corotosa vestia de bruna, che magnerà cento vite al bocon? Vìtu co la sta solla da so posta in quel machion, co le man inchiavè una co l’altra, co ’l cao su i zenuochi, con gi vuochi deveusi, che ’l par che la fage la guarda a un morto? La è la Melenconia, quella. Mo laga, che la Cazza la borisse ben ella, che l’ha un braco, che ha lome Avezù, che la sente de un megiaro de usta. La ne ha po un altro, che ha lome Remilio, che, co la è boria, la cazzerà de naso da un’avemaria a l’altra.

[26] Te no he metù fantasia a quella fraschezuola figadello de toso, che va atorno la passagia co quel arco in man e quî bolzon soto centura, co se ’l andaesse a betuci? A’ te dago quella cosezuola per cossì gran deroinamento de vite, cossì gran consumamento, che te no ’l crerissi mè co ’l ge nuose. El no g’è sì bella calmà de vita chì entro, che ’l no la malmetesse. Que ha a far ruse, verme che magne megolle? El fa piezo ello solo in la vita ca sete cavere int’un bruolo. ’L è l’Amore, quello. Mo no quel buon, figiuolo della Ubertè e del Desaio. A’ no sè de chi cancaro fosse figiuolo questo, a’ crezo del Malano e della Malision.

[27] Vìtu quella che ge va drio alle pege, co quegi vuochi de lievore, che, co se muove una frasca, trema tuta? Vé, vé, che la se va voltanto indrio hora da un lò, hora da l’altro: agno cosse che la sente par che diga: Dai, dai!, e che tute le mosche la dibia secare. La è la Zelosia, quella. Vé, l’è pruopio vestia co la dee essere, co quella vestura fata a busiti, perqué agno cossa ge possa pigiare e tegnir fremo.

[28] Da’ mente a quî du schiapi de narazion stragne, che par de pi fate, de pi dovise, che no fo mè l’anno delle muzaruole atorno Pava. Quî nigri tuti è Fastibii. Quî altri de tante fate, beretinazzi mufoligni bissone, tutti si è Pensieri. Hetu mè vezù le pi ciere de apichè, i pi visi d’amorbè, i pi vulti da desgratiè, che par cair tuti da quel burto malle?

[29] Tuo’ su la Duogia, che va là co le drezze zo per spalla desgrendenà, traganto sospieri che impigierae un fuogo. Vìtu l’Incendore, che se va fregolanto el cul per terra, co farà un can. El Susto, che no refina mè de trare. Vé po la Fantasia, che no pò requiare né haver mè ben. Vé che la vorae agno cossa, e don la è la no ge vorae essere, e don la no è la ge vorae? Miti mo mente a l’Affanno, che va inarconò co la schina tegnandosse le man al magon, co se ’l aesse bevù vin basso, che ge aesse metù mal de paron in la panza. Te no vì el Spisimo, che no sa mè de que vuogia el sia, e sempre se pensa el pezo che pò intravignire?

[30] A’ crezo che te habbi fato co fa quigi che vé el lovo, vezanto quisti, che igi perde la ose, e ti t’he perdù la ciera liegra. Mo andagon a catare la Legration, che, con te la vizi e te la sinti, la te arzonza cento vite adosso per longo e per travesso. La ’l porà ben an fare che, co la te bute una bota gi vuochi adosso, el parerà un che te tegne vuò sechie de no so que piasere miegio ca piasere, sechie de no so que legrezza, pi legrezza che legrezza no fo, che te scomenzerà dalla cimegiuola del cao e te andarà longo via el fil de la schina fin su le ongie di piè, e po te tornerà su per la panza via in lo magon co no sè que sgrizolete legrezuole risuotole, che te no te porè tegnire de andar traganto sgrigni, fregolandote le man, tragandote di calcagni in lo culo, che te parerè un luzato lomè pigiò, che sguize e no vuogia star in la stropa. Que ha far guardaure de amore? Amore mè in lo culo! Le no ge tegnerae la lume, quelle guardaure, a queste! Te no torissi vita de papa, né vita de imperaore, perqué almanco la toa se porà dir vita, che te saverè de esser vivo.

[31] Mo po co te la sinti favellare! Cope fiorin, vage pur al bordello vuorgani e sugoluoti e quanti pivari venne mè de Ferrarese co i suò trombozonaci! Hetu mè sentio agnoli e arcagnoli? Mo cossì è el so favellare. Te lagerissi stare un desco cargo de braciegi e de pan scafetò, per starla aldire. Te sinti tute parolle inzucarè de miele dentro via e de fuora via, che te va per le regie al cuore portando agno parola una vita, che te va aluongo el polmon e la coraella, e po per la panza, che pare una man, no man fata de man, mo man de late arpigià, che te vaga regonando l’intregie tute a una a una, metando agno cossa a so luogo, co farà uno che andesse regonanto una massaria per ca’. Te no te sentirè né sbrombolar buiegi, né urlar in la panza, né supiare el magon, né malore, né brusore per negun luogo, ma agno cossa arpassò, agno cossa acordò, agno cossa artasentò. E in la to panza no ge intrerà altro che vita: el pan, vite, el vin, vite, tuto el magnare serà se no cielo e vita.