Archivio digitale veneto

Ruzante, L'Anconitana [ed. Alessi 1551]

 

 

[1r] ANCONITANA COMEDIA DEL FAMOSO TASCO RUZANTE
NUOVAMENTE VENUTA IN LUCE.



[Prologo primo]


[2r] IL TEMPO
 
Che non pò fare la cortesia di un spirito valoroso? Io, che sono il Tempo, vincitore di quanto è creato, sono da la cortesia d’un huomo vinto. Et me, che con il fuggir mio gli anni, i mesi, [i] giorni, et l’hore, etadi, secoli, et lustri consumo, et le longe memorie delle mortali fame meno in preda, ha condotto nuntio di novo caso; né di ciò mi pento, poi che a tanti nobilissimi spiriti, che quivi veggio, son venuto a porger diletto. Lasciate ogni altro pensiero, poi che un novo caso amoroso sete per udire; che vi prometto, mentre che alli piacevoli ragionamenti, che a [2v] succedere hanno, darete udienza, anchor che la prontezza de l’hore non possi ritenere, nondimeno farò che per voi, né per conto del viver vostro, voleranno, ma per il rimanente del mondo; sì che alla fine pervenuti, più da me guadagnato, che perduto havrete. Et acciò di questo prendiate certa fidanza, io in uno di questi canti, lasciato ogni mio costume, mi ponerò a sedere fino alla fine.

Il caso è novo, et in Padoa avenuto; dipoi a consolatione vostra ridotto, secondo lo antico costume, in comedia, et a quella dato il titolo della “Anconitana”; et son certissimo che favola non si racconti più bella di questa. Et udite l’Argomento.


[3r] Argomento
 
Tancredi, et Theodoro, giovani siciliani, et Isotta,donna di Gaietta, che sotto habito di huomo si fa chiamare Gismondo, furno presi tutta tre da corsali, et venduti ad uno moro; dipoi da uno mercadante venitiano riscattati, et condotti a Vineggia, con promessa di non mai da lui partirsi, se intieramente non era da loro di suoi danari sodisfatto, li quali havevano in Sicilia mandati a togliere. Et perché erano tutta tre di virtù gentilissime vestiti, vennero in questa città, fatti suoi avisi di acconciarsi, per mezo delle virtù loro, a’ servigii di alcuna valorosa donna, da quella trahendo li dinari per sodisfare al mercadante. Et mentre questi tre giovani raccontano le virtù sue ad una cortigiana, chiamata Doralice, che ad una finestra dimorava, avenne che una bellissima donna, moglie di uno ricchissimo vecchio già sensale stato, chiamato sier Thomao, inamorossi di questo Gismondo, credendolo huomo, et induce il vecchio marito suo a riscuoterlo; il quale amando sconciamente Doralice, mentre che per mezo di uno suo famiglio, detto Ruzante, che altresì in una fantesca di Doralice ferventemente è inamorato, cerca di venire a l’ultimo amoroso diletto.

Avenne che Ginevra, donna vedova anconitana, veduto Gismondo in Ancona, et falsamente credendolo [3v] huomo, del suo amore ardentissimamente si prese; et con una sua sola fante, Ghitta chiamata, in habito di huomo ambedue sono venute in questa città per ritrovarlo; et dopo lunghi ragionamenti, et accidenti amorosi, venne a ritrovar quella esser una sua sorella otto anni peregrina andata, et da lei per morta pianta. Ultimamente si maritano: Isotta prende per sposo Tancredi, et Ginevra Theodoro, tratti di servitù da certi gentilhuomini padoani, et a godersi tornano nella loro patria. Sier Thomao et il famiglio suo Ruzante ordina con Doralice et Besa fante il modo di godersi questa sera insieme; vanno ad una villa non guari lontana.

Ma parmi udir che quello, che in breve parole vi ho divisato, essi si acconciano con lungo ordine, et con piacevoli parole a raccontarvi. Onde, se vago disio di nuove cose vi move punto l’animo, alle sue parole date benigna udienza.


[Prologo secondo]


[4r] RUZANTE
Perqué g’intrigi, g’incatigi e i schiapuzzi del mondo in purassè vie e muò el celibrio e le fantasie de gi huomeni va volzanto e revolzanto e sbragagnanto, e perzóntena el se vé que uno ha piasere de anare co le biestie e doentare boaro, n’altro vacaro, n’altro pegoraro; n’altro harà piasere de laorare in campagna, n’altro de essere massaro de ca’ e de smassarizare, quel altro de guagnare roba, quel altro de costionezare e farse braoso; e ’n altro, que serà stò sbolzonò d’Amore, no zarlerà mè d’altro, e se penserà sempre mè a que muò el porae menar via la so morosa, e cognosce le morose de tutti, e tutti quigi que è inamorè, hora el sta de buona vuogia, hora de cattiva, hora el sgnica, hora el se la ri. E de quisti inamorè ge n’è pi que no g’è celege al tempo di migi. E perzóntena mo mi, que a’ son mi mo, e que a sè quello que se pò saere, de Amore a’ vuogio rengare e no d’altro, e chive chialò quénvena chialóndena chivelò chì in sto luogo a’ ve vuogio far sentire straparlamento d’Amore, con se sentisse mè, intravegnù chì in Pava; que adesso chì, con a’ saì, e’ no g’è se no cielo e amore, e chi no è inamorò e chi faella d’altro, la no ge butta bianco.

A’ g’he intendù fremamen [4v] que Amore, per paura de Turchi ch’i no l’impalasse adesso in ste moeste, è partù de Cipro, da ca’ so, ello e so mare, e sì è vegnù a ficarse in ste muraggie per essere alla segura, e in luogo pi forte, e fa inamorare tutti. Mo no vîvu che chi no è duniarin e inamorò, e que no vage con el regazzo e co la muletta donianto, tutti el trogna? Mo no vîvu [che le femene], que n’è cortesarine, i dise que le n’è belle? Mo chi cancaro faellerae d’altro? E tanto pi que, se no foesse Amore, vache, piegore, scroe, cavalle, né altre biestie del roerso mondo farae mè furto.

Amore, an? Puh uh, mo a’ vivassom debotto, si no foesse Amore! Mo no se ficalo, per farge vivere, chinamentre in la terra? Chi se ge ficherae, se no ello, a inamorare la terra per norigar le biave? A’ murissan pur da fame!

Amore, an? El no sa andare in gi arbori (No, ’l ha el tiro!) a fargi far furto? Amore, an? Mo guardè si ’l è hom da ben, sto Amore, e se ’l ne [vuò] ben, e si ’l è de descrition: perqué el cognosce que, con ’l entra in gi arbore, el g’inamora, e perqué i stropari, con gi è inamorè, le strope no ten, qué le n’è bone, e per no ge far sto dano el sta tanto a intrarge, que da quel tempo haon rivò de bruscare e no haom pi besogno de strope.

Amore, an? No faellare de Amore, que el poeretto, per amor nostro e per farge comilitè al magnare, se fica sotto aqua a far inamorare i pesci e fargi smultiplicare. Chi fa nare le anguille in frega? Solamen Amore.

Amore, an? Mo per farge piasere no falo vegnire [5r] i russignati a inamorarse in sto paese, que i sona sì bon a cantare, que ge perderae agnoli, arcagnoli, troni, marziegi e smozzanigi e scudazzon?

Amore, an? Andassom a scazzafasso! No faellare mè d’altro e no voler ben a altro. Mi inchindamò a’ son sì inamorò in Amore, que ge farae così ontiera un servisio, com a’ faesse mè. Mo se no fosse Amore, sessen vivi, né negun mè nasù? Mo a’ cherzo ben de no, qué Amore, con dise la Leza, fa mario e mogiere de du uno, que la dise: “Erante duo in carne l’uno”. Qué, se ’l mario è d’una voluntè e la mogiere d’un’altra, e uno se voltasse in qua e l’altro in là, a’ nassesun de bello! Mo l’Amore se cazza de mezo e fa de du uno; e a quel muò se ven a impolare e nascere. Mo no sa tutt’homo que incalma que, se un arbore, e sea pur vivo e fresco se ’l vuò, se ’l calmo e el calmetto n’è inamorà, el no s’arpigierave mè? [Poh], ’l è un gran fatto!

Amore no sal ficare in le putte e in gi huomeni gruossi de[l] celibrio? Con sarae mo que, co un putato boarolo sente Amore, de fatto el vuole vestirse da festa? Amore, an? No, l’Amore no fa doventare ballarin? No, ’l ha ferdo! El no sa far doentar saltarin e gagiardin? No, ’l ha mosche! El no sa far doventare cantarin? No, el trogna! El no sa far doventar spadacin? No, ’l ha paura!

Amore, an? Mo chi cancaro sarae quel cancaro de quellù, que volesse mè faellare de altro ca d’Amore? Amore per mare e per terra! Per amore de vu, bella briga, e per farve cosa que ve sea [5v] in piasere, a’ fazzon sta comieria, que è tutta cielo e amore. E per amore que ’l ge n’è de quigi slettran, que dise que “comieliare” vuò dire “magnare”, azzò que a’ no intiendissi per sta via, que sarae ben el cancaro, Amore, per amor me, ve prega que aspittè que a’ rivom questa, ch’a’ ne farom n’altra. E mi, an mi per amor de Amore a’ ve priego, brigà, que per so amore, azzò que chi sente d’Amore no se desnamore, e quigi que no va in amore se inamore. E perqué el puoverhom de Amore si è con ierinu nu, quando muzzavemo per i Toischi e per i Spagnaruoli, ’l è muzzò an ello da ca’ so per amore de no essere impalò; e perzóntena a’ ve priego ch’a’ no ’l vogiè refuare da tegnirlo infra vu, femene e huomeni a bel fatto tutti, perqué el dà piasere ello do’ ’l se fica. E con a v’he ditto de sora, se ’l no foesse ello, da que sessange al mondo? E tanto piezo vu, femene, que a’ no sassé cognessù. Mi, a’ vuò dir de mi, s’a’ foesse na femena, vegnisse pur Amore da hora, da strashora, a l’albergerae sempre ontiera!

Questa è la veritè, qué, inanzo ch’a’ cognoscesse Amore, an mi, perqué haea aldio dire que ’l giera ria cosa, a’ me ’l cercava de parar da cerca da mia posta. E a’ ve dirè an pi: co me sentia muovere l’amore, de fatto a’ tolea la sappa in man, e sì me spuava su i palmuzzi delle man, e man mena e laora tanto a sapare, a vangare e sbailare, inchinamentre tanto che ’l poveretto d’Amore arbassava el cao, e andasea in là, e no me dasea pi fastidio. Mo [6r] dasché el provié la prima fiè, a’ ve dige que a’ he habù de gran piaseri da ello, que pensantomelo a’ no posso stare ch’a’ no spue. E da tanto ben que a’ ge vuogio, ho sì incattigiò el celibrio e la smalmuoria, que a’ no sè quel que a’ giera vegnù a fare chivelò.

Ben, an, da davera. Mo el vegnirà tri, tri e può l’uno, que ’l ha lome quattro, e po du altri, e sì sarà inamorè. Oh, cancaro i magne, mo la sarà pur la bella filatuoria, la bella noella! E quelù que faellerà a ella. E po uno, que no ge serà mè pi stò, vegnirà an ello. E po, com ’l haerà ditto e ditto, el vegnirà po un altro. Oh, cancaro, la serà el bel cancaro de noella!

Tasì pure, a’ i vuò anare a chiamare. Tasì pure, mostrè que n’habiè intendù zò que habbi ditto, que i se scorrozzerave. Tasì pure. Aldi, e’ sento ch’i vien mo a dire.


[6v] Interlocutori: TANCREDI, THEODORO, GISMONDO, giovani; DORALICE cortigiana; SIER THOMAO vecchio; GINEVRA, ISOTTA, sorelle; RUZZANTE, MENATO, servi; BESA, GITTA, serve.


[7r] Atto primo
 
TANCREDI, THEODORO, et GISMONDO, già stati schiavi de’ Turchi, et per uno mercadante venitiano riscossi, parlando insieme; et dipoi a DORALICE si voltano.
 

[1] TANCREDI
Io non ci veggio altro modo a liberarsi, che il mezo delle virtù nostre. Elle sono di sorte, che deveno piacere a tutte le donne, et maggiormente alle donne di questa famosa città; le quali, secondo che ho udito ragionare, oltra che sono cortesi et bellissime, sono anchora amatrici delle virtù, et delle persone, in cui fiorisse esse virtù. Facilmente potrà cadere nell’animo di queste madonne voler imparare di queste nostre scientie, et per riscatto di noi daranno al mercadante quello che egli diede per noi al moro. Lo esser lontano dalle case nostre ci concederà senza alcuna vergogna andar visitando le altrui, et alle gentildonne di quelle far le virtù nostre chiare, et a loro aiuto dimandare, et seco stare a’ suoi servigii, fino che o lettere o dinari dalla patria nostra verranno. Et [7v] se per tutto ciò avenisse che mai non venissero, a quali più degne, a quali più benigne persone potremo essere suggetti, che a queste nobilissime madonne? Io per me più cara mi tenirei tal servitù che altra libertà.

[2] THEODORO
Veramente et io altresì sono del tuo parere; et se mi credesse di divenire il maggior signore del mondo, non gabbarei il mercadante; il quale, oltre che per riscatto di noi, che eravamo schiavi, pagò quella quantità di moneta, ci ha dato anchora libertà, che ove più ne piace andiamo per ritrovar modo di rendergli li suoi danari; che è stata gran cortesia, senza voler esser sicuro.

[3] GISMONDO
Non facciamo queste ragioni adesso, quello che habbiamo cominciato seguitiamo. Et tu, Tancredi, saluta quella gentildonna che a quella finestra dimora; et a lei dipoi raccontiamo il caso nostro, et le virtù nostre. Forse, se ella non ne aiuterà, ne provederà di aiuto per altra via.

[4] TANCREDI
Ben hai detto, Gismondo. Ben possa star Vostra Signoria, nobilissima madonna.

[5] DORALICE
Siate ben venuti, gentilhuomini.

[6,1] TANCREDI
Nobilissima madonna, noi fummo presi da certi corsali sopra una nave di nostre mercantie carica, et dipoi venduti ad uno famoso moro, sotto la podestà del quale fra molti disaggi aspra vita fin hora habbiam menata, ogni speranza lassando di mai di tal servitù uscire, se non sopravenia uno mercadante venitiano; il quale conosciuti noi per cristiani, [8r] per riscatto nostro diede certa quantità di moneta al moro, a cui eravamo stati venduti, et noi seco fino a Vineggia trasse, con promessa nostra fattali di mai non partirsi di qui, se intieramente delli suoi danari non era da noi sodisfatto. Et perché si ritroviamo lontani dalla patria nostra, che è Sicilia, ove con littere a’ parenti nostri ne habbiamo avisato; ma perché per la longhezza del viaggio avien talhora che si sogliono smarrire le littere, habbiamo fra noi stessi deliberato mettersi a’ servigii di alcuna nobilissima gentildonna, et ella per noi pagando li dinari al mercadante che per riscatto di noi spendeo, allui in un medesimo tratto, et a noi, et alla gentildonna sodisfare: allui, che de’ suoi dinari non patirà longo disaggio; a noi, che del’obligo che cum esso habbiamo, ci libereremo; alla cortese donna poi di che sodisfaremo intenderete.

[6,2] Et prima da me incominciando, dico quella gentil madonna, per la cui cortesia di cussì fatto obligo sarò tratto, oltre che ad uno piccol cenno in tutte le cose, che in piacer li sieno, me haverà pronto, et oltre che potrà lodarsi di un parangon di fideltà, di alcuna particular virtù potrà servirsi di me. Et questa è che io nella mia giovanezza disposi li mei primi pensieri alla dolcezza di versi della volgar lingua. Mi obligerò dunque, fino che mi basterà la vita, consecrare al bel nome suo li pensieri, l’ingegno, la lingua, la mano, il stile; et quella, cum ogni mio studio, mi [8v] sforciarò a far risonare fra li nobili intelletti, tessendo in rime ellette, et cum amorose lode dipingendo hor li occhi suoi leggiadri, hor le bionde treccie, hor l’honesto petto, hor la bianca mano, hor li cari sguardi, le parolle, li atti, la leggiadria, la honestade, l’habito, l’andare; et in diverse compositioni: in capitoli, in epistole, in egloge, in canzone, in sestine, in sonetti, in madriali, in stanze, in ode, in barzellette, in ballate.

[6,3] Et veramente non piccola offerta, all’altezza dell’animo di qualunque donna, deve essere questa mia, né poco cara, pensando quanto grandi sieno le forze della penna. Le forze della penna sono troppo maggiori, che coloro non istimano, ché quelle cum conoscimento provate non hanno. Veramente io direi così fatte cose in lode di una bella donna, che non che a se stessa piacendo si teneria cara, ma dal mondo tutto seria tenuta cara, et appreggiata; et così del contrario direi cose, che udendole, non potendo morire, le faria venir in odio la vita, et dal mondo altresì esser odiata.

[6,4] Né crediate, per tutto ciò che ho detto, che di tanta presontione sia, che poeta mi voglia dire, ma amante di essa poesia mi dirò ben; et bene o male che mi dica, lascio nel benigno iudicio di quelle persone, che più di me sanno.

[6,5] Voi dunque, i miei compagni, il cominciato ragionamento seguendo, a questa gentil signora li vostri intendimenti farete noti; et ella intendendo le virtù nostre, per lei sciegliendo il più confacevole a sue [9r] bisogna, li altri dui, a vicine e amiche o parente servendo, potrà far liberare.

[7,1] DORALICE
Veramente gentilissima virtù è questa vostra, e poche donne o niuna è che se ne faccia cunto. Da che siamo noi, levatane via questa poca bellezza, la qual pochi anni guastano? Da nulla! Onde che un scrittore ne faria sempre rimaner belle doppo’ morte anchora. Guardate che è avenuto di madonna Laura, tanto lodata dal Petrarca, che se trovano al dì d’hoggi di quelli, che infiammati della sua bellezza, anchora sospirano, et si dogliono non esser stati al suo tempo, overo che ella non sii stata al nostro. Gran forcia hanno e’ versi!

[7,2] Horsù, et di questo altro giovane, qual virtù è la sua dite, di gratia.

[8,1] THEODORO
Allo incontro de l’oro, che quella cortese anima di qualunque valorosa madonna spenderà per riscuotermi, serò sempre a quella cordialissimo servitore. Et perché commune disio è di ciascuna donna, anci dirò summa cura, di accrescere le sue bellezze naturale, et in ciò et tempo, et dinari inspendeno in mille maniere: in aque incorporate con solimato, in belletti cotti, in chiarimenti, in lustri, in bianchigiamenti di capelli, in sottigliamenti di peli, in colorimenti di carne, et in mille altre brutte unture; le quali cose, quanto più per picciol spatio di tempo vi facciano parere, a gli occhi di coloro che vi mirano, belle, et riguardevoli, tanto più, quanto comminciate a discendere alla tepida [9v] etade, vi mostrano sozze et brutte; percioché mancata nel vostro viso la prima virtù de’ belletti, de’ lustri, di chiarimenti, che più vaghe, et colorite a gli huomini vi facea vedere, rimane nelle delicate carne vostre la sua feccia, ch’è possente di mutar la loro morbida natura nella sua ruvida qualità; et quindi nascono le spesse crespe, che per la fronte, per le guancie, per il petto, inanzi alla debita etade appaiono; quindi divengono rari, et canuti e’ capelli; quindi il pallido colore; quindi si infrigidiscono, et cadeno i denti inanzi tempo; quindi gli occhi par che continuamente lacrimino, quasi la lor presta perduta leggiadria piangendo; senza che le labra de’ mariti vostri, che al volto per basciarvi vi si accostino, ne ritornano spesse volte inveschiate; et aviene che men belle parete, quanto più cun questi imbrattamenti vi cercate di imbellire.

[8,2] Ma quella, alli cui servigii sarò, non haverà di questi empiastri, né onguenti, ma pure aque senza corpo di semplici herbe, stillate a’ fochi di odorifere legna; la virtù delle quali non solamente in abellire il viso, il petto, il collo valerà, ma reimpierà la carne di più soavi odori, che in eccellentia siano: aqua da crespare, et biondeggiare le treccie, aqua da allargare et serenare la fronte, aqua da inarcare, et imbrunire le ciglia, aqua da collorir le guancie, aqua da arroscir le labra, aqua da far li denti bianchi, aqua da far la gola bianca, aqua da far morbido il petto, aqua da far bianche le mani; [10r] la virtù delle quali, nel loco dove seranno adoperate, durerà per tre giorni, et altretante notte; et non averrà di loro, come di questi volgari belletti avviene, che, quando la mattina vi levate, vi lasciano nel viso, et sotto gli occhi, et nella carne, una certa pallidezza di mille varii colori adombrata. Imaginassi adunque quella leggiadra donna, a cui serò servitore, quanto dall’altre sarà istimata eccellente, quanta virtù acquisterà, cum picciola quantità di moneta.

[8,3] Oltra di questo, di odori, di profumi, potrà tutte le altre donne di gran longa avanciare, perché io toglio l’odore al muschio, al zibetto, all’ambra, al belzuin, al spico, alla storace, a cui più, a cui meno, et di quelli compono una mistura, mescolando cum essa alcuni suchi di herba, alcuni fiori, che diventa di tanta soavità, che per ferma opinion tengo che, a l’odor di quella, si potria insiememente l’alma, et il corpo nutrire. Le aque rose, [le aque] di proffumo, le aque nanfe, le aque di gelsomini, le aque di fior di melangole, le aque di fior di cedri per nulla le reputo, perché io stillarò aque di non conosciute herbe, né mai a notitia d’altro huomo pervenute che alla mia, che vinceranno di odore li più mirabili, che hoggi siano in pretio.

[8,4] Porgete hora orechie alle virtù di questo altro compagno, che di un’altra [guisa di] virtù è dottato.

[9] DORALICE
Oh, galante virtù sì, per mia fe’! Ma voglio pur in questa parte diffender le donne. Quelle che si fanno belle, [10v] si sono maridate, lo fanno per piacere alli mariti loro, acciò non si svogliano di loro, et vadino all’altrui femine; né per tutto ciò non li possono far rimanere, che non le lascino sole, et fredde la notte ne’ letti loro, et vadino altrove procacciandossi di novo cibo. Ma lasciamo queste parole. Et questo altro giovane, di che altra virtù è dottato?

[10,1] GISMONDO
Non posso, gentilissima madonna, fare ch’io, in quello che servirò quella magnifica madonna, per la cui generosità sarò riscattato, non dica che il padre mio doi figliuoli hebbe sencia più; et egli è il vero che la madre, noi d’un medesimo parto havendo partoriti, passò di questa vita, per il che dall’avo materno nostro fummo fino alli sette anni allevati; dipoi per odio di nostri parenti a noi portato, et per fugire le insidie loro a noi nella vita tese, fummo disgionti. Quello che di mio fratello avvenisse, non potei mai risapere. Io in habito di donna fino alli diciotto anni stei rinchiuso in un monasterio di monache, ove, in cambio delle littere, allo aco, alla roca et al fuso diedi opera; et prima imparai a tirar in fillo il lino et la lana, dipoi a comporre et tessere le tele, et dipoi cum l’aco di seta di varii colori trapongerle, et ricamarle d’oro et d’argento, et in quelle dipingere, et colorire figure di huomeni, di animali, di arbori, di paesi, di lontani, fontane, boschi. Et in brieve, quello che faria un penello da un dotto dipintore, io cum l’aco, cum la seta tinta di varii colori farò. [11r] Et ciò che per me si dipinge è cum atti, moventie, con gerature, con panni, ignudi, in maestà, in perfilo, in cortio, adombrati, et coloriti, cum reflexi, cum ombre morte. Et se di dieci mille figure le più belle parti scegliesse, quelle scio benissimo accompagnare, il che in pochi si ritrova; et dipoi colorire di azzurro, di giallo, di perso, di vermiglio, et più et meno, come richiede lo effetto della figura. Li lavori di camise et di gorgiere, di traponti auratti, et serici benissimo li scio fare.

[10,2] Oltre di ciò ho perfettissimo iudicio, et intiera cognitione di adornare una donna di vestimenti, di scuffie, di balzi, di treccie, di gorgiere. Et so quali colori di drappi siano più confacevoli alla donna bianca, et quali alla bruna, et quali panni meglio si accompagnano alle divise, et alle nove livree; d’imprese, come significano, o amore o speranza o gelosia, et altre simile cose; come si deveno portare le faldigie, come la scuffia in balzo riesca meglio o coprendo tutti li capegli o lasciandone vedere un dito o doi; a quali donne riesceno le orechie forate, et come meglio se gli confaccino o le perle o la fila d’oro, et in anella rivolte; le guise di cassi come vogliano essere a far parer il petto morbido, et far mostrar le mamelle o poche o meno; gli monili, le catene d’oro, le perle ordinate in filza, come faccino parere più altera la donna; delle anella anchora, quali diti si debbano ornare; come deve movere il passo la donna, come deve ridere, come volger gli ochi, come far riverentia, et in quali atti più di [11v] gratia, et più d’honestà si trova; come si deve freggiare una vesta, et nove guise di aggiongere diversi colori di panni che più leggiadri paiano.

[10,3] Et invero ha veduto in questa città molte madonne, tanto inordinatamente acconcie, et ornate, che, se alloro stesse fussero cussì note, come a chi le mira, si andariano tutte a riporre. Elle nel spechio cum li proprii ochi si rimirano, o al iudicio cieco delle fantesche si riportano; le quali più presto di una scanciera di scudelle, che di ornamenti di donna saperiano iudicare.

[10,4] Alcune donne ordinano li capelli egualmente castigati, et tutti ad uno ordine posti, che uno l’altro non passi; alcune lassandoli cussì inordinati hanno di accrescimento di gratia, et di beltà, tanto che non si potria cum mille lingue raccontare. Cum sofferenza vostra, madonna, tirate un dito quella scuffia inanci, che non si veggiano tanto i capegli. Oh, vedete che più di gratia havete, perché il viso vostro è alquanto scarmo. Sì che alla donna che mi riscuoterà, sarò servo et fante, et huomo et femina.

[10,5] Piacendovi adunque uno di noi, pigliarete quello che più vi piace, ché io non ho a dire altro, alli effetti rimettendomi.

[11,1] DORALICE
Bellissima, oh, bellissima virtù è quest’altra! Et veramente io al iuditio della mia fante mi acconciai il capo questa mattina, et vedete come stava fresca! Elle dicono poi, queste tristarelle, quando le si crida: “Voi sete fastidiosa. Ella è brutta, et vole ch’io la faccia bella. Mai non se li può vivere!”. Ma lasciamole cum il malanno.

[11,2] Invero, leggiadri giovani, le [12r] virtù vostre sono sommamente da commendare, et da esser tenute care da l’altezza di l’animo di qualunque donna. Io per me non posso comperare tante virtù, ma non potevate capitar in meglior città di questa, percioché ci sono di gran signore, et madonne, tanto amanti delle virtù, che credo che cum il sangue loro, non havendo altro modo, vi riscoteranno. Cercate. Sono le donne di questa città cortesi, generose, liberali, magnifiche. Io non sono da porre nel numero loro, ch’io sono forestiera. Duolmi della adversità vostra, ma cercate cum bona speranza, che troverrete chi vi trarrà di così fatto obligo.

[12] TANCREDI
Non poco ci adolciscono le vostre parole, poi che vi dolete, gran mercé di Vostra Signoria. Siamo stati da alcune altre gentilissime madonne, da’ quali però grandissima speranza habbiam riportato. Rimanetive in pace.

[13] DORALICE
Andate, che Idio ponga fine al vostro disio.

[14] TANCREDI
Cortesi invero, et pietose sonno le donne di questa città. Cum quante dolci parole, tutte hanno mostrato che ’l caso nostro gli rincresca! Gismondo, quella, cum chi parlamo presente il marito, ti havea sempre li occhi adosso. Io mi creggio per certo che ella ti habbia a riscuotere.

[15] GISMONDO
Volesselo Idio.

[16] THEODORO
Questo madesimo parve a me. Cerchiamo altrove. Andiamo.

[17] TANCREDI
Andiamo.

[18] GISMONDO
Andiamo.


[12v] Atto secondo
 
Sier THOMAO, RUZANTE, BESA
 

[1,1] SIER THOMAO
El sé una gran cosa, che son vegnuo in sta terra zà tre mesi per muar àgiere, e per star cum l’anemo contento, che no me possa anchora drezzar a viver in pase con sta mia mogier! La vuol pur che butta sempre via el mio e contentar i so apetiti, e no varda alla mia impossibilitae. La vuol adesso che traza un schiavo, che sé stao in man di Turchi, e tegnirlo con essa per imparar vertue. E’ la vogio compiaser in questo, perché, si no ’l fesse, sempre la me rosegerave, sempre la me tegnirave strucolao. ’L ha bona ciera de zovene, el sarà anche bon da far altri servisii. La dise che ’l sa cussì ben cuser, cussì ben tagiar, e che l’ago ge par tanto bon in man, e che ’l fica sempre i ponti con tanta galantaria, con tanta misura. Che diavolo, la sé vertue anche questa, galante e piasevole, da donne. El sarà anche bon da vegnirme drio anca mi per fante, e sì credo che ’l habia bona forza per vuogar de mezo.

[1,2] Che gran quantitae de danari sé questa? E’ ne spenderave volentiera el dopio, e poder haver el mio intento cum quella forestiera, che son inamorao. Si [13r] mia mogier haverà sto schiavo, l’attenderà a l’ago, a farse tagiar e striccar le veste, e sì no me varderà sempre drio, e sì no vorrà sempre saver onde son stao: “Che havéu fatto dalla tal? e dalla tal?”. Anche mi sarò più libero di quel che son.

[1,3] Onde poràvio cattar costori? Anche Ruzante ge sé andao drio, anche esso, e sì no vien ni un ni l’altro. E’ vogio andar cercando per le contrae. La vista no me serve troppo ben: si no i vedo da lai, da lonzi no i porò figurar.

[1,4] Sto tanto caminar no fa a proposito per el mio catarro. E’ me vogio voltar de qua, forsi i catterò.

[2,1] Cancaro a i Turchi e a i Mori, e an a i pigià preson de Turchi! A’ he cercò bonamen tutta Pava, e sì a’ no i vezo. Orbéntena, chi n’ha ventura, no vage a pescare!

[2,2] La me parona, que s’è andà a inamorare in quel smenueto que pare un luzzo firto, e sì vuò que messiere ge ’l scuoa, e sì dise que la ’l vuò, perqué el sa cossì ben tagiare e cosire e arrepezzare, e que ’l ge piase tanto el so overare de gusela, e que ’l sarà bon an per messiere; e ello ge ’l vuò scuòere, e sì me ha mandò a cercare s’a’ i catto.

[2,3] Cancaro el magne. l’ è inamorà la me parona in ello, ch’a’ ’l sè ben mi! Almanco faellésselo con a’ fazzon nu. In malhora, dasché la se ge dêa inamorare! El va intoescando con la lengua “che l’amore che l’hano fatto de la vita mia, che lo sano fare delle scuffie che le parano bon”. Cancaro el magne! Oh, cancaro, el m’è viso che a’ i vogiam far biegi i punti! El m’è cossì [13v] doiso que la ’l vuogia per altro, ca per cosire! A’ me smaravegio lomè de sto vegio, que ’l se pensa qualche male, che poerà intravegnire. Masì, ’l è inamorò an ello, el se pensa d’altro. Orbéntena, l’amore è orbo, el no ge vé gozzo!

[2,4] A’ sè que ’l ge n’è tri de gi amore s’un pecolo! Matta la scroa, matti i porciegi. El me paron è inamorò in madonna Rarice, mi in la so massarola, e la me parona in quel turco pigliò da Turchi. Cancaro, l’è la bella noella! Se Die m’aì, a’ cherzo d’indivinarla miegio mi ca negun d’igi.

[2,5] A’ vuò anar a vêr se la posso mè vêre, e cattarla deschiapà, e faelarge. A’ vago in ca’ da per tutto, e sì a’ n’he comelità de faelarge. Pur que a’ no me perda, con a’ la veza. Dégio aspittare che la vegne, o che dégogi fare? S’a’ sbatto a l’usso, la so parona sentirà; s’a’ no sbatto, a’ me porae fuossi cossì abirare, que la no vegnirae ancuò.

[2,6] Aldi? Tasi. A’ sento pur sfregezare. A’ vuò sigolare. Sbio sbio. ’L è miegio sbattere e muzzare. Ta ta ta, don don don. A’ vuò tornare. Ta ta ta, don don don.

[3] Musi de giutti, assèvu sechè le man! I sbatte e po muzza.

[4] Sbio, ou! A’ no vossé po gnian [ch’i] le haesse sechè! A’ son mi. Co stèo, an?

[5] Sì stò vu? A’ crea que ’l foesse stò sti musi de giutti de tusi. A’ stago ben, mi. E vu?

[6] A’ starae ben, mi, s’a’ no me fassé sgangolire. A’ me fè pur stentare, mi.

[7] A’ no fago stentar negun, mi. Que ve fàgogi?

[8] [14r] A’ no me fè gnente, mo a’ no me lagè gnan fare a mi.

[9] A’ sì ben de quî vergognosi, que se laga morire. No haìu do man pichè al busto da poerve aiare?

[10] No, aldì, una cosa me conforta, que, con dise quelù... Vì, serore, una fià a’ trognè. Mo a’ trognerè an mi con questo, que a corozzar non vagia.

[11] A’ no trogno de gnente. A’ sè che ’l no se pò pi sentire andar cantando da quenze. Haì pur el bel soran, se Die m’a i, ch’a’ son inamorò in vu pi per el vostro ben cantare e bel ballare, ch’a’ no vissi mè, que ’l m’è viso que supia in paraiso co a’ v’aldo.

[12] No, aldì, a’ ve l’he ditto, serore, anchora: no me trognè.

[13] Alla fe’, alla fe’, sora de l’anema mia, que a’ no ve trogno.

[14] Cancaro, mo se a’ ne hassé sentù l’altro diazzo, que a’ gierino du, e sì cantavino in quattro, e mi a’ fasea de soran, hassé ditto que a’ sonavino suguolotti o pivi de Ferarese! A’ se inorganavino, que le ose e ’l cantare andasea uno in l’altro, que a’ dissé: “I canta per ponto de rason”. Cancaro, el m’è viso que a’ se vegnissan, da vi a vu, a cantare! Mi a’ farae de gruosso e vu da sottile, o mi de sora, con a’ vossé, que a’ la fassan andare in l’àgiere.

[15] A’ se avegnissan, se me vossé tanto ben, con a’ ve vuogio a vu.

[16] Al sangue del cancaro, volzìve da qual lò volì, a’ ve butterae de sotto da ben volere! Mo ve ’l poéssio così mostrare, co a’ v’in vuogio, qué, al sangue del cancaro de merda, a’ meno pi duramen la me vita, [14v] pensantome de vu, que no fé mè can! El par que ’l me supia stò becò el cuore da un gran bresparo, que ’l me vage sfregolanto per lo magon, per i buegi, tanto que ’l me butta una insagnia, una smagnia per adosso, que ’l pare que supia cargo de fuogo salbego. E po a’ volè dire de ben volere? A’ ve vuò pi ben a vu, e sì a’ son pi inamorò in vu, in lo fatto vostro de vu, que no fo mè can de chizza.

[17] Oh, Ruzante, no è tanti luvi in un chiapo! Se a’ me volì sì gran ben, que no fèo que ’l vostro paron, que è inamorò in la me parona, no guarde a dinari, que a’ stassan po tutti quattro de brigà? Qué a altro muò no g’è ordene, perqué, aldì in la recchia, ’l è stò ditto tanto male del vostro paron alla me parona. Puù sì, que ’l è de qua, que ’l è de là, e que...

[18] A’ intendo, potta del cancaro! A ella de ello? Sì, sì, sbolso. Sì, andè drio. ’L è vero, poh oh.

[19] A’ stassan tutti ben, po.

[20] Mo m’impromettìvu fremamen? Mo tochème la man.

[21] A’ v’imprometto, e sì v’attenderè.

[22] O man, manetta groriosa! A’ ve la vorrae poer tuore senza far male, sta man. A’ n’haverae assè. L’è pur toffolotta. A’ sì pur tutta bella, coluoria con è un pomo cielà.

[23] Mesì, a’ me hegi sentio dagnora male, da no so que dì in qua. A’ vorrae que a’ me hassé vezua zà assè. Segnore, a’ giera pur bella! A’ giera pì sfripia, que n’è na verza! Mo a’ vuò anare, que a’ me sento chiamare. Volìvu vegnir su da madonna, vu?

[24] [15r] No, cancaro, a’ tornerè ben. A’ vuò anare a ca’, que ’l me paron me ha mandò a cercare no so que preson de Turchi, que ’l ne volea scuòer uno per me madona. A’ dirè que a’ he cercò per tutto e que a’ n’i catto. Moa, quel ch’è ditto è ditto, que no me fassé po..., intendìvu? Lagème pur far a mi de quello. An, an?
Oh, cancaro me magne, a’ m’he desmentegò el megiore, de dirge que a’ ge vuò ben. Ma a’ ge ’l dirè n’altra fià. Cancaro, a’ son pur venturin! L’è inamorò in lo me ballare e in lo me cantare, ella. A’ ge n’he inamorò de l’altre, alla fe’! Tandaran, tarirondon, tarirondon. Làgame vêr s’a’ saesse far de quî piripuoli, de quî revelin, ch’i fa a Pava. Tiron tirondon.
A’ vuò andare mo a ca’, ché quî Turchi dê esser tornè. I se harà accorto que la me parona ne haverà vuogia de igi, i serà tornè. Poh mo, con el vegio sapia che quelù habbi ditto tanto male d’ello a madonna Rarice, el se despererà fremamen. Orsù, vuò anare a ca’.

[25,1] SIER THOMAO
Alle vagnelle, e’ me ho levao un gran cargo dalle spalle a rescuoder sto schiavo a mia mogier! L’attenderà mo a farse taiar nuove sise a esso, de cassi, de visture e de sto diavolo de sbalci, che, con i sé pi grossi e più grandi, i ge piase pi, e sì dise che le par megio. E’ poderò attender al mio amor, intravegnando l’inzegno de Ruzante de mezo, che me drezza su la via che habbia el mio intento. Benché credo che sarà gran fadiga, ché sto bestion sé tanto pegro che mai no ’l compie. El sé do hore che ’l sé andao a cercar sti schiavi, e sì no vien mai, nianche [15v] no se pensa che i poderave esser tornai a casa. ’L ha più dell’aseno ca del cavallo.

[25,2] E’ me vogio metter i occhiali si ’l vedesse mai. E’ no ’l vedo. E’ vogio andar passizando davanti la casa de madonna Doralice; in sto mezo el porae vegnir.

[26] Poh, poh, poh, potta del cancaro, que hégio aldio? Que hégio sentio? Que hégio vezù mè a sto mondo? Rescuòere un homo e essere na femena! Al sangue del cancaro, l’ha crezù rescuòere un maschio, e sì ha rescodù una maschia! L’ha fatto con fé Dondo, que crête comprar na spa, e sì compré lomè la guaìna, e co ’l volse metter la man sul manego, el catté lomè la busa della guaìna. Potta, mo l’è la gran noella, questa! Chi n’harae mo cherzù que colù foesse stò un homo? La me parona pianze, la se sbatte, la se tribola, que ’l pare que ge supie morto pare e mare: “Oh, che no cosiron pi, qué la gusela ha scavezzò la ponta! A’ no tagiaron pi gonelle alla devisa, a’ no faron pi strapunti né sorapunti, qué le forbese è doventè smozenge!”. El me ven quel cancaro de riso, ch’a’ cago da per tutto. Ah, ah, ah.

[27] SIER THOMAO
Chi diavolo è costù, che vien ridando? ’L è esso. O’ diavolo estu stao imbusao? Ti me fa parer una bestia, insensao, a cercar tutto ancuo.

[28] Mo a’ giera andò cercanto quî que me mandiessi, e sì a’ no gi he cattè mè. A’ he cercò bonamen per tutta Pava. A’ son po stò là, saìvu?

[29] SIER THOMAO
Onde, là?

[30] Da madonna Rarice.

[31] SIER THOMAO
[16r] Co, madona Rarice? Madona Doralice, ti vuol dire.

[32] Messier sì, messier sì. A’ son stò là.

[33] SIER THOMAO
Ben, co hastu fatto, fio bello?

[34] Mo haea paura de star massa, e de fatto a’ dié spazamento, e sì tornié a ca’.

[35] SIER THOMAO
Ben, hastu visto el preson che ho rescosso? Piàselo a madona?

[36] Cancar è, que a’ l’ he vezù! A’ sassé cattivo da comprar bestiame, vu: tossé una maschia per un maschio, una porcella per un verretto!

[37] SIER THOMAO
Co, cussì?

[38] Mo ’l è na femena, quelù que haì rescodù; e madona l’ha vezù e toccò.

[39] SIER THOMAO
Che diavolo, una femena? Che dirastu?

[40] Mo a’ sè que al presente l’è na femena, mi. E madona pianze, e sì se strucca, que la n’haverà mè ben, que la è pi desgratià dell’altre, que la se haea pensò de far fare e de dire, e que la se ha cattò le man pine de brusche. Una pianze, l’altra sgnica, que haea tanto riso, que cagava da per tutto. A’ me son tolto via, e sì a’ le he lagè sgnicare.

[41] SIER THOMAO
Che besogna che mia mogier se destruzza, ni che la pianza? El sé megio per essa, che la sia una femena, ché la ge farà compagnia. E’ ’nde son anche mi pi contento, che haveva qualche suspition. Una femena! L’è cara per quei danari.

[42] La no fa tanto per ella, quanto per l’atto, que è stò bruto. E po el ge recresce pi de vu, perché el sarae stò bon da vegnirve drio a vu; per questo madona [16v] se tribola.

[43] SIER THOMAO
No sarastu cussì bon ti, che ti ha ciera d’esser pi gagiardo; ché ello haveva una ciera de smenueto e da puoca forza? Ti sé ben informao de i to membri.

[44] L’è vera, mo mi no porè fuossi tendere a desgramegnare tante gramegne, qué el besogna que vage in qua e in là, intendìu?

[45] SIER THOMAO
A so posta, malviazo essa! Dìme un puoco co ti ha fato là. Ben, hastu parlao cum essa? L’hastu vista? Hastu parlao con essa?

[46] Messier sì, a’ he favelò con la so massaruola. Puh, si saessé!

[47] SIER THOMAO
Che, caro fio bello? Dì, via.

[48] Mo, no èlla inamorò in mi, la putta, que la fregola el cul da per tutto? E que la è inamorà in lo me cantare, puh sì, e que no g’è mè stò negun, que l’habia possù far inamorare lomè mi, puh sì, e que a’ he gi vuochi que, co a’ vuogio, a’ le fazze inamorar le putte, puh sì!

[49] SIER THOMAO
Oh, te vegna el cancaro, ti ha bon, donca! Onde te halla aldio cantar? Che canzon cantavistu? Stramotti o barzellette?

[50] Stramuorti messier no. La m’ha aldio de fuora, ch’a’ cantavino mi e un altro di Sgnanferlati, que la dise ch’a’ he el pi bel soran, que la vêsse mè, e ’l pi gaiardo, que sempre mè sta il l’àgiere, puh sì.

[51] SIER THOMAO
Che canzon cantavistu? Canzon che se usa adesso o pur canzon vecchie?

[52] Cantava:

 “Della mala morte,

 deh, dal mio amore

 che [17r] mi son stato”.
Puh sì!

 “Deh, levàme d’una bella mattina”.
Que sègi mi? Mo a’ cantava mi solo:

 “Deh, Stella Diana,

 stella relusente,

 de che fa spiendore

 mo a tutta questa zente”.
Va’ là, po. A’ fasea, perqué el no paresse que cantasse per ella, e ella de fatto sboria fuora.

[53] SIER THOMAO
Ti ha una bona vose e una bona gorza. Oh, si ti savessi le canzon che so mi, o che mi havesse la vose che ti ha ti, cantessemo ben! Si te bastasse l’anemo de imparere qualche una, te ne dirave quattro o cinque...

[54] Dìlle pur, messiere, mo dì delle pi belle.

[55] SIER THOMAO

 “Melchisedech concesse quindese anni...”.

[56] Mesì-me-leca, la merda! Dìme canzon, que dige “dello amore, che lo me hano fatto della vita mia”.

[57] SIER THOMAO
Aldi quest’altra. Ti no ha intelligentia, però le te despiase:

 “Andemo, amanti, tutti in Barbaria...”.

[58] Que, a farse rasare la barba? El ge vuol altro que esser rasè, alla fe’, a piasere alle putte! El besogna que le habie don pigiare. La no menzona de l’amore. Disène una così:

 “Anema mia, se sola te catasse,

 o cavato ve vorria esser lo cuore,

 o cortello in lo magon per mezo el cuore”.
De queste que menzone “amore della vita mia”, qué altramen le n’è belle.

[59] SIER THOMAO
Aldi:

 “Quattro suspiri te vorria mandare,

 e mi meschino fosse l’imbassadore...”.
Te piase questa mo?

[60] Messier sì. Oh, de sti sospiri a’ vorrà mo la diesse de mi, e no de vu.

[61] SIER THOMAO
Aldi, bestia, ti no intendi. La canzon dise cusì, ti la puol voltar po, perché, quando ti canti ti, el par che te sii ti:

 “Quattro sospiri te vorria mandare,

 e mi [17v] meschino fosse imbassadore”.

[62] Mo vîu, mo, que la disì vu: “mi meschino”? Sbio, cope fiorin: “e mi meschino”! A’ me la vossé cazzare in lo carniero, vu, compagnon. Con a’ la cantasse, a’ la cantarae per vu!

[63] SIER THOMAO
No, diavolo, lassa che compia, si te piase.

[64] 
A’ vorrae que haessé bel e compio, mi. Dî pur, que ve ascolterè.

[65] SIER THOMAO

 “Quattro suspiri te vorria mandare

 e mi meschino fosse ambassatore.

 Lo primo si te deza salutare,

 l’altro si te conta lo mio gran dolore,

 lo terzo si te deza assai pregare

 che ti confermi questo nostro amore,

 e lo quarto te mando inamorato,

 no me lassar morir desconsolato”.

[66] Uh, mo a’ la sè an mi, questa, mo la no va a sto muò. La dise:

 “La mia cara serore bella de Biranza,

 no me lassar morir desconsolato.

 Doridon, doridon, doridon”.

[67] SIER THOMAO
Eh, eh, eh, ti me fa pur rider. Ti diè haver nome Ruzante perché ti ruzi, n’è vero?

[68] El me derto lome è Perduocimo, ma quando giera puttatto, que andasea con le biestie, sempre mè a’ ruzava o con cavalle o con vacche o con scroe o con piegore. E po haea un can, que me haea arlevò, que a’ l’haea usò, que a’ ’l menave a man, que a’ diessé: ”’L è un asenello”. A’ ruzave sempre mè co ello. A’ ge dasea in lo volto, pur que a’ me poesse deschiapare, e anar drio qualche machion a ruzar co ello. E perzóntena i [me] messe lome Ruzante, perqué a’ ruzave.

[69] SIER THOMAO
[18r] La ge va. Ben, che dise madona Doralice? Hastu parlao con essa?

[70] Mi a’ cherzo che a’ no farì gniente, per quanto m’ha ditto la so massaruola, qué con ella a’ n’he favellò; perqué el g’è stò ditto tante zanze, tante noelle, que ’l è ’l cancaro.

[71] SIER THOMAO
Co, zanze? Co, noelle? Chi ge ha ditto ste zanze? Chi sé stao?

[72] A’ no sè chi ’l supia stò. El ge ha ditto a ella: “Ti è inamorà in quel viegio, in quel viegio sbossò?”; e que a’ sì scarso co è una petima; e que, se a’ la vessé morire, a’ no spendessé un bezze; e co harì habù zò que a’ vorì, que no ve drezzessé dal scagno per farge un servisio; e que ’l ve puzza el fiò a muò de vuovi marzi, e que i piè e i scagi ve puzza da freschinazzo, da ongie de cavallo muorto, que ’l no ve se può star a pe.

[73] SIER THOMAO
Mi? Mi? Oh, diavolo, can, laro! Mi, an?

[74] Vu, messier sì. Aldì. E que, se ge stassé a pe una notte, la imboassesé tutta, quel ’l parerae que ’l ge foesse andò lumage per adosso; e que a’ fè tal sgargagion, que pare schitton de chioca; e que a’ ge fè drio tal corezon, que ’l sona un schioppetto; e que haì tanta chila, que ’l par un cassil da piva sordina, e que per questo a’ no poì caminare.

[75] SIER THOMAO
Oh, diavolo! Oh, diavolo, varda zò che i s’ha impensao de dir! Si no fosse qua, e’ te farave pur veder, e sì ti tocheravi con man che ’l mente per la gola, sto laro. Chi diavol è costù?

[76] [18v] A’ cherzo que ’l supie un scolaro. Puh, aldì: e que haì no so que altro male in le nege.

[77] SIER THOMAO
Che mi me vaga a negar?

[78] Vu, messiere, que haì no so que male in le nege, de drio del sguregiozzo.

[79] SIER THOMAO
In le nadege, ti vuol dir.

[80] Messier sì, messier sì. Un male a muò sbardelle, smarsarelle, merdarelle, a’ no sè ben dire.

[81] SIER THOMAO
Maroelle, ti vuol dir.

[82] Messier sì, messier sì. Que ’l pare que a’ fazzè un putto, quando a’ cagè.

[83] SIER THOMAO
El mente per la gola! No ’l saveràvistu ti? Ti me ha pur visto cagar.

[84] Puh, sì, e que a’ sì sbossò, e que a parì fatto con un cortellazzo, e que despogiò in zupparello a’ pari un rigobello e na spauragia da columbi, e que haì na spalla pi alta de l’altra un gran pe, e que parì un gallo sbarozzò. Puh sì, a’ no ve porae mè rivar de dire.

[85] SIER THOMAO
Che diavolo non rispondévistu che ’l no giera vero?

[86] A’ disea que a’ no v’he mè vezù in zupparello despogiò, e que ’l porae essere, mo tamentre que a’ no ’l creéa.

[87] SIER THOMAO
E’ vogio pur che ti vedi. Zaffa qua sta manega, tira. Te pàrio mo sì desfigurao?

[88] A’ sì derto co è un scatto, vu! Caminè mo pian. Volzìve mo da l’altro lò. No da st’altro, da l’altro. Oh, trottè mo inviò.

[89] SIER THOMAO
Co, trottar? Che tombola, ti vuol dir.

[90] [19r] Messier sì, que a’ gieri stombolò, vu. Caminè de trotton, cossì, vì. Oh, cazzève mo a correre.

[91] SIER THOMAO
Iesù! Sóngio vasto? Me hògio fatto gran mal?

[92] Messier no, a’ no haì mal negun. Poh, a comuò a’ sì così incapò?

[93] SIER THOMAO
El sé stao sti zocoli, che malviazzo essi!

[94] Al sangue del cancaro, que i mente per la gola, qué a’ sì gagiardo, idente su le gambe con è un bel levriero! Cancaro i magne, ’l è lomè que i dise que sì tanto scarso, e le femene trà a i danari, perqué a’ saì pure que con i dinari se fa zò que se vuò. El besogna que a’ no supiè sì scarso.

[95] SIER THOMAO
Torna là adesso e di’ che, si l’ha besogno de danari, che la me comanda, e che la no vogia vardar a zanze de sti lari, che per invidia dise ste parole; e che la puole esser certa che mi no andarò ancuo drio a questa, doman drio a quell’altra, co fa i zoveni che quella che ge fa pi piaseri, essi ge vuol manco ben; e che veste e danari no ge mancherà, e che la sarà dona e madona del mio, che la ’l manizerà come ge piaserà, pur che la me vogia ben. Va’ via, fio bello, adesso adesso, che mi andarò a casa a veder zò che fa madonna. Va’ via e torna presto.

[96] Andarè ontiera, e sì a’ ge dirè -lagème pur far a mi- que a’ v’he vezù e que a’ sì derto co è una ferza in la schiena, e que haì una gamba trelada -lagè pur far a mi-, e que a’ ge volì ben a ella, e que no haì mè ben.

[97] SIER THOMAO
Aldi, torna presto, mo no me dir niente che madona [19v] alda, sastu?

[98] A’ ge ’l dirè que la me alde lomè da ella e da mi.

[99] SIER THOMAO
Aldi, dìge che ti me ha visto despogiao, e che ho bella persona, mo no dir che sia cazuo per gniente.

[100] No, messier no. Cancaro, a’ son pi scaltrio que a’ no cri.

[101] SIER THOMAO
Aldi, aldi. Va’ via, no te vogio dir altro. Fa’ pi presto che ti puol.

[102,1] Lagème pur far a mi.

[102,2] Cancaro, l’è stà la bella noella! A’ l’he mo fatto despogiare. El dé un staleson in terra, que ’l soné un gran ceston que caisse. L’intraven pur le gran noelle, e chi le diesse, questa el no g’è cuor que ’l creesse. Un vecchio, que ha ottanta agni pichè al cullo, sipia inamorò?

[102,3] A’ cherzo que l’usso è averto. Olà, olà, o da la ca’? A’ vegnirè de longo, mi. G’è can?


Atto terzo
 
GINEVRA, GITTA, RUZANTE
 

[1] GINEVRA
Guarda che né per piazza, né a l’hostaria ti uscisse di bocca che io fusse femina, per quanto hai cara la vita mia, ma dimi nome di huomo in ogni cosa.

[2] GITTA
Madonna sì, non vi dubitate, che sarò ben accorta.

[3] [20r] GINEVRA
Anc’hora te lo dissi: dimi messer sì, et chiamami patron, et dimi per nome messer Caco.

[4] GITTA
Come voleti che vi chiama? Cacca?

[5] GINEVRA
Cacco, Cacco, smemorata.

[6] GITTA
Cacco, madonna? Oh, è troppo brutto nome! È più netto nome Pisso ca Cacco.

[7] GINEVRA
Taci, per tua fe’, né l’un né l’altro non me dire. Tu hai cussì poco cervello, che due parolle o tre che dicesti, saria scoperta, et in eterno vituperata.

[8] GITTA
Vituperata potrai essere più presto in questo habito, perché, per quanto si dice, el Studio è in questa terra, et dottori, et scolari, che sono giovani, più presto le giovani donne rimirano, et se ti vegono, ti verranno drieto, credendo che tu sii un scolaro, per conoscerti o per pratticarti; il che non averria, se in habito di donna vestita fusti, perché crederiano che fusti una matrona di questa città.

[9,1] GINEVRA
Taci, bestia, che in questo habito potremo gir più sicuramente. Al primo che all’incontro ci vegna, voglio dimandar di loro, che facilmente ne intenderemo; ma voglio fingere che io cerchi d’un mio fratello, et non di uno amante. Et tu, guarda di stare in cervello, se sarai dimandata a rispondere.

[9,2] Oh, colui che esce di quella casa, sarà forsi buono per informarci. Ascolta, tu.

[10,1] Moa, moa, no me dî altro. Cancaro, a’ m’he pensò de fare la bella noella al vegio! A’ son pur venturin, a’ in guagnerè, mi, de sta noella, e sì a’ me darè piasere. La m’ha donò sto bel fazzoletto. O fazzoleto, [20v] fazzoletto, te sarè cason que ’l me tirerà sempre mè el cuore a quelìe, que te me he donò! A’ me sborerè con ti, co a’ no la posse haere ella.

[10,2] Chi cancaro -[a’] son pur allegro!- chi cancaro è costoro? Spagnaruoli? I m’ha cossì ciera de quel che ha comprò me madona, de no esser compì di so limbri. A’ i vuò pur saluare. Sanitè, messier segnore.

[11] GINEVRA
Ben puossi star, fratello. Haveresti tu veduto tre giovani, già stati pregioni de’ corsali? Et vanno cercando chi li riscuota, et entrano nelle case delle gentildonne, pregandole che li voglino riscuotere, che essi a’ servigii suoi si acconciariano?

[12] Quî pigiè preson da Turchi? Sì, sì, a’ gi he vezù zà un pezzato. El ge n’è uno que sa cossì ben cosire e tagiare!

[13] GINEVRA
Quelli dico io. Saprestemegli insignare? Uno di loro è mio fratello, et sono venuto per riscuoterlo.

[14] El ge n’è uno vostro frello? Dîme mo a mi qual ’l è, fuossi ve saverègie mettere su la via, que ’l catterì.

[15] GINEVRA
Egli è il più picolo di persona, cum bellissimo aspetto humano, riverente, gli atti suoi sono pieni di alcune gentilezze, che par tutto amore, tutto leggiadria.

[16] Sì, un tal scarmetto, smenuetto, bianchetto, cuolorio co è na rava in volto, cum du ochitti que par stelle a limigare. Sì, sì, ’l è ello, sì.

[17] GINEVRA
Egli è più picciol di persona de gli altri dui, ma è più grande di gratia, et di bel’aria.

[18] ’L ha n’àgiere toffollotto. Sì, ’l è quello, sì, sì.

[19] [21r] GINEVRA
Come ne hai dimestichezza, che ne sei cussì ben informato? Conoscilo tu?

[20] Poh, s’a’ ’l cognosse! La mia parona si l’ha rescosso, ella, que la ’l vuole tegnire per serviore a pe d’ella sempre, perqué el sa così ben cosire e tagiare, e conzare scuffie, gonelle de sea. Sì, el me paron ge l’ha rescodù, ello. E sì è vostro frello, quello?

[21] GINEVRA
Egli è quello. Ahi, sventurata me, costei è stata più saggia, et più presta di me!

[22] GITTA
Di’ “più saggio e più presto”. Dirai di me, che mi buccina il cervello!

[23] GINEVRA
Eh, che non scio più che mi dire! Io mi voglio scoprir a costui, che altro rimedio non ci veggio. L’amor deve esser come si dice in proverbio, che la piaga si deve portar sopra la palma della mano. Io me gli voglio scoprire.

[24] GITTA
Fa’ tu, come ti piace.

[25] A’ no intendo. Mo sta’ a dar mente, te verrè que questa vuole essere na bella noella per mi. Tasi pure.

[26] GINEVRA
Giovane, poi che mi sei stato così cortese, io ti voglio palesare un mio secreto; et oltra de ciò pregarti che aiuto o consiglio mi doni, perch’io de’ dinari, et care gioie, che meco mi attrovo, te ne farò quella parte, che ti contenterai.

[27] Mo ontiera, pur que a’ possa! Made in bona fe’ sì, perché no? Se Die m’aì, sì, sì ben mi que ve aierè. A’ son stò an mi per lo mondo, a’ sè ben que cosa è a essere in luogo don no se cognosce negun. Dî pure.

[28] GINEVRA
Io son donna, et son anconitana, vedoa, ricca et [21v] inamorata.

[29] Vu a’ sì una femena, vu? Ih, poh, el no g’è cuore que a’ no diesse que a’ no foessé un homo, a veérve drio in le spalle! E denanzo a’ parì un de sti putachion, a muò scolaro.

[30] GINEVRA
Ascolta. Amor mi ha guidato cussì. Capitorno questi giovani in Ancona, né prima vidi colui, che dici che ha riscosso la patrona tua, che di lui ferventemente mi inamorai; et non che piccola quantità de dinari haverei speso per riscuoterlo, ma lo avanzo delle mie facultadi, che vagliono pur da vinticinque in trenta millia fiorini d’oro; ma per la fretta, che hebbe il mercadante di partirsi, avenne che non potei più vederlo che quella prima volta. [Et] intesi che verso Vineggia haveva dritto il suo camino; onde io disposi di doverlo seguire. Et postami, cum gran quantità di monetta in borsa, sopra un picol legnetto, li seguitai in questo habito, come mi vedi, et cum questa mia sola fante; et gionta a Vinegia intesi loro in questa famosa città di Padoa esser pervenuti. Drieto mi li sum condutta, credendo fermamente rihavere il mio amante, il che vedi bene come mi è tornato fallace; onde non creggio mai più vivere lieta, ma sempre sconsolata.

[31] Orbéntena, quel che no fa uno inamorò, no ’l farà gnan un soldò! A quanto prìgolo a’ ve sì mettù vu, poveretta! An mi, al sangue del cancaro, a’ no sè con supia vivo, che no supie stò mazzò morto diese fiè. Quando a’ giera inamorò, andasea tutto ’l dì, de notte, [22r] per segrà, a’ dromiva sotto nogare, que no sè que no supie inorcò, insperitò, que no habie trenta megiara de spiriti adosso. No pianzì, poveretta, no ve destruzì, que a’ v’imprometto de fare que a’ l’harì. Stè de bona vuogia.

[32] GINEVRA
Oh, volesselo Idio, ché, oltra quello che spenderei per riscuoterlo, te faria uno presente a te di altratanta quantità.

[33] Andè, che inchinadamò a’ me ubigo squaso que a’ l’ haverì. In que luogo stèvu?

[34] GINEVRA
Alla hostaria della Torre è la stantia nostra. Vieni, et desinerai con esso noi, et imparerai la stantia. Ma dimmi, come li dirai? Che fittione troverai, che la tua madonna non se ne accorga?

[35] A’ ve dirè mi: ello no ge sta ontiera. A’ ge favellerè a ello, e sì a’ ge dirè... Lagè pur far a mi. Tornè de chialóndena fina un pezzato, que ve aspitterè, e sì a’ ve saverè dire con haverè fatto. Una fià crezo fremamen da fare que l’haverì. A’ ve zuro que a’ me hi tutto contorbolò el magon. S’a’ fossé altra que vu, a’ no ’l farae miga per un’altra, vî; mo perqué a’ sì vegnù d’oltra el mare, a’ me fè pecchè.

[36] GINEVRA
Eh, fallo di gratia, ti prego, ché la mia vita in questo punto dimora.

[37] Muora? A’ no vuò ch’a’ ’l muore negun. Andè e tornè de chialóndena fina un pezzato, que a’ spiero que a’ ve darè bone noelle.

[38] GINEVRA
Andarò adunque.

[39] GITTA
Andiamo, madonna sì, poi che cossì largamente ti [22v] promette.

[40,1] Moa, andè pure. Al sangue del cancaro, el me ven pure le gran venture! A’ scaperè su ste puoche de brombette de soldi an da st’altra; mo el no bisogna ch’a’ dige que la supia na femena, qué a’ no farae gniente.

[40,2] Al sangue de mi, an st’altra farà de quelle della me parona: con la creerà metter le man alla pria da gusare, la catterà el coaro vuogio. A’ no cherzo que ’l foesse la pi bella fiaba de questa al mondo. Vage pur al bordello quisti, que fa le comierie! I dise può’ que l’amore no fa fare. Te pare que st’altra, que è na femena, supia vegnua d’oltra el mare in qua per que? Per amore!

[40,3] Orbéntena, a’ he sentio dire que l’amore è un puttato, e que ’l va co gi vuochi abindè, e que ’l ha le ale. Altri dise que ’l è un puttatolo desordenò. E mi a’ dige, e sì a’ tegno fremamen, -e de questo a’ vorrae contrastare cum quanti slettran imparé mè lettre, se ’l foesse ben Sostene bonamen-, que amore no è altro que potintia e desierio, e que un tira l’altro. Te parsele brombe tirare na femena d’oltra el mare in qua, e po drio n’altra femena? Que te parsestre? Onde se aldì mè dire que na vacca andesse drio a n’altra vacca per amore, né na scroa drio a n’altra scroa, né na piegora drio a n’altra piegora? Èllo tirare, mo? Èlla potintia?

[40,4] Mo dasché la va da tirare e da poere, a’ vorrò veére an mi s’a’ posso tirare sti puo’ de bizziti. Alla fe’ de homo, el besogna que supia perdhomo. Una fià la me parona, pur que l’habbi i suò dinari, [23r] a’ cherzo que de punti [e] de strapunti la sipia pi stuffa, que n’è can de carogna.

[41] TANCREDI
Theodoro, cortesi, magnifici, et liberali gentilhuomini ha questa città per certo. Come hanno cortesemente dato a noi li dinari per potersi liberare, et poi dittone che il stare nelle case loro è a piacere nostro! Mai non mi uscirà di mente tanto beneficio. Io gli sarò sempre tenuto, et obligato fino alla morte.

[42] THEODORO
Io ho sempre udito lodare questa città per bella città; ma invero le persone che l’habitano la fanno parer molto più bella. Chi sarà quello ingrato, che non habbia fin che viva sempre, tanto beneficio davanti gli occhi? Io per me ovunque mi sia, sempre ne tenirò conto, come di cosa degna di eterna memoria.
Deh, Tancredi, vogliam noi partirci, si non ritroviamo Gismondo? Oh, gran fallo sarebbe così dolce compagno lasciare, anchor che non sia della nostra città!

[43] TANCREDI
Anci voglio che lo rimeniamo cum noi, si egli vorrà venire. Et ti voglio dir più, che, se egli fusse femina, sarei di lui inamorato ardentissimamente, tanto mi sono sempre piacciuti li laudabili costumi suoi; et parmi, di poi che siamo separati da lui, che io habbia meno una parte del core. Che si sia non lo scio, né onde ciò venga.

[44] THEODORO
Oh, egli aviene che in questa miseria, in questa tristitia, siamo fatti tutti tre compagni, et meglio si giongono i petti di amicitia nelle calamitadi, ne’ disagi, che nelli commodi et piaceri. Ma io mi sento [23v] nel core un non so che, che mi rallegra tutto, et par che mi prometta grandissima allegrezza. Cerchiamo, di gratia, Gismondo. Andiamo all’albergo di quella gentildonna, che lo riscattò.

[45] TANCREDI
Andiamo.

[46-48] GINEVRA
Eh, non mi confortare, che so ben io che spero invano. Credi tu che quella gentildonna se l’habbia riscosso per lasciarlo poi, perché io lo rihabbia? Eh, che speranze frali son queste! Eh, chi non l’ama, che lo habbia una fiata veduto, creggio che non deve amare se stesso. Parti che quelle siano bellezze da non amare? Anzi son io certissima che quella, più aventurosa di me, mai li debia levar le braccia dal collo, et in casa et fuori non se li debba levar mai dapresso: adesso se lo debbe vageggiare, adesso lo abbraccia, adesso li dice che egli è il suo core, la sua vita, la sua speranza, la sua colonna, el suo conforto, adesso, adesso... Sventurata me! Ah, fortuna crudele!

[47-49] GITTA-
Colui deve pur haver fondata la sua opinione sopra qualche cosa. Chi pò sapere li cori delle persone? Forsi non l’ama ella tanto ferventemente, come lo ami tu; forsi che ’l marito di lei, entrato in qualche gelosia, non vorrà che li stia in casa. Chi può saper tutte le cose di questo mondo?

[50] GINEVRA
Eh, Amore non li insegnerà il modo di far star cheto il marito? Non saperà ordir qualche sua favola, qualche sua ciancia? Quando il marito la crucciasse sopra ciò, non saperà ella dire: “Che credete [24r] voi, che io sia scesa de villani, ch’io voglia far copia di me ad uno schiavo? Non mi havete già riccolta dil fango! In mal ponto vi venni in casa, per non esser mai lieta. Alla croce de Idio, meritareste che vi facesse pensare dil vero, come fanno delle altre! Voi non eravate degno di fatti miei!”. E che vòi che li risponda il marito, se non che si taccia?

[51] GITTA
Tu ti imagini gran cose per certo.

[52] GINEVRA
Io mi imagino quello che facilmente potrebbe essere. Hor torniamossi allo abergo. Questui non ritornerà hoggi. Io sarei andata da l’altro capo di questa città, et ritornata.

[53] GITTA
Forsi con il pensiero li saresti andata. Non deve essere anchora per aventura gionto a casa.


Atto quarto
 
RUZANTE, GISMONDO, GINEVRA, GITTA, SIER THOMAO, ISOTTA, DORALICE.
 

[1] El dise que ’l è de oltra el mare, de una terra, que ha lome... A’ ravo. Con ste imagene que se depenze in su le carte e se ten apichè a i muri...

[2] GISMONDO
Statue. Deve esser Capua.

[3] No, cancaro, statole. De quelle que porta quigi que ven da Loretto. El se ven an [24v] de lì via. De queste que se avre e que se sarra. Quando uno vuole biastemare, i dise: “Te me farè cattare la anconetta!”. De Anconetta.

[4] GISMONDO
De Ancona deve essere.

[5] Sì, sì, l’è ella. Mo ben, ’l è de lì, ello.

[6] GISMONDO
Oh, quanto m’incresce haver lasciata la madonna tua! Li havea posto già lo maggior amore del mondo. Ma dimmi, dove habbiam a trovare questo gentilhomo di Ancona?

[7] Chialò dinanzo. O, se a’ no ’l cattaron, andaron a l’hostaria, que ’l sta là, ello. Cancaro, ’l è un huomo da ben, vIo? El me ha voiù menare ch’a’ disnasse con ello, el me ha an promesso de darme dinari, se fasea que ’l ve favellasse.

[8] GISMONDO
De Ancona. Chi puote essere costui? Se egli fusse femina, io mi dubiterei che egli fusse in quel medesmo error, che poco dianci era la patrona tua; ma essendo huomo, et di Ancona, potrà esser che haverà tolto me per un altro.

[9,1] In fallo? No, cancaro. El me ha pur dè i contrasigni tutti a comuò sì fatto. I no pò stare ch’i no sponte. Vîgi, vîgi, gi è quisti.

[9,2] Ve ’l dissi que a’ ve ’l menarae? La me parona no vuol dinari, la g’ha dò libertà que ’l vage on el vuò ello. Andom in bonhora tutti. Mi a’ he priessia, a’ no vuò pi stare con vu, a’ vuò anare. S’a’ me volì dare gniente, dème.

[10] GINEVRA
Alla tua patrona, et a te sarò sempre obligato. Ma dove vòi gire? Vòi venire a l’albergo, et dicinerai con noi?

[11] [25r] Messier no, messier no, a’ he priessia.

[12] GINEVRA
Se rimaner non vòi, piglia adunque questi, et te ne farai un giuppone, et un paro de calze, et quelle per amor mio porterai.

[13] A’ i torrè, e sì a’ me le farè an alla devisa, le calze. Moa, stè cum Dio. Con a’ vegnirè a Loretto, a’ ve vegnerè ben a cattare.

[14] GISMONDO
Tu te ne vai, Ruzante?

[15] Mosì mi, a’ vago.

[16] GISMONDO
Saluterai il patrone per parte mia.

[17] Moa, moa, sì, sì. A’ me vuò snettare presto, inanzo que le se accorze que le supie femene tutte do. A’ n’he fatto un schiappetto de du vache, e tre con la massara. A’ no sè mo chi serà el toro.

[18] GISMONDO
Gentilhomo, parmi di havervi altrove veduto, et ho pensato, et penso, et finalmente non posso raccordarmi dove; però ditemi, di gratia, chi siete, et la cagione che vi fa cercare di me.

[19,1] GINEVRA
Sapiate, gratioso giovane, ch’io sopra tutte le cose del mondo vi amo, né altro che l’amor, che vi porto, mi ha condotta, femina, et peregrina, a seguirvi in questo habito, come [Amor] cum suo consiglio mi ha insignato. Io sono donna, et in Gaietta nata; ma per alcun caso, che longo seria a raccontare, mi fuggî dal mio padre, et in Ancona divenni moglie d’uno ricchissimo giovane; il quale morendo non è anchor finito l’anno, mi lasciò di tutte le cose sue ricchissima posseditrice, et herede.

[19,2] Hor advenne che, quando voi capitasti in Ancona, io vi [25v] vidi, né prima affissai li occhi miei nella luce de gli occhi vostri, che mi piacquero sommamente, insieme cum le leggiadre fattezze vostre; et una, et un’altra volta riguardandovi, mi pareva, da non scio che cosa occulta mossa, che altre volte vi havesse similmente veduto, et come carissimo amico amato; et tanto si fermò in me questo pensiero che, o per sogno credeva havervi altre volte veduto, et amato, o che un’altra volta fossemo stati al mondo insieme, se esser può. Et da questo pensiero nacque in me un cussì subito, et ardentissimo amore, in modo che mi disposi, se per oro si potessi rihavervi, non risparmiar dinari. E mentre cercava modo di parlarvi, et cum il mercadante, avenne che cum gran prestezza vi partisti, perciò più crebbe lo amore in me; per il che, avenga quello si voglia, disposi di seguirvi, et tanto operare che, o cum furto, o cum dinari, o cum promesse, vi ritornasse in libertà, et di poi di me farvi signore.

[19,3] Il che mi è successo meglio di quello mi pensai; onde ringratio Idio, et appresso vi prego che di me vogliate haver pietade, et de lo amor vostro vogliate farmi cortese dono, come io di me, et delle cose mie vi faccio, et voglio ne siate signore. Et benché dello amor mio sia stato non leggier segno lo havervi seguito, pur per più vostra sicurtà in quello, che più a grado vi sia, mi comandareti, ché mi havereti sempre pronta ad obedirvi.

[20] GISMONDO
Eh, eh, ehimè!

[21] [26r] GINEVRA
Ohimè, come sospirate voi! Vi sono forse nogliose le parole mie? L’amor mio non vi è a grado?

[22] GISMONDO
Quando non mi fusse a grado lo amor vostro, madonna, né anco la vita mia istessa mi potria esser a grado; ma sospirai di altro.

[23] GINEVRA
Perché sospiraste voi?

[24] GISMONDO
Per la recordatione che havete fatto di Gaietta. Ma, di gratia, non mi negate che io sapia chi fu il padre vostro, poi che in Gaietta sete nata.

[25] GINEVRA
Messer Gabriotto de gli Honesti fu il padre mio, et la madre mia madonna Dionora di Neri.

[26] GISMONDO
Hebbe il padre vostro più figliuoli o figliuole di voi?

[27] GENEVRA
Sì, hebbe. Un’altra figliuola ci rimase, poi che da lui mi fuggî in Ancona; et intesi quella da un homo d’arme esser stata levata, et guidata via. Dove capitasse, né il padre né io habiamo mai potuto risapere, per il che per morta è stata pianta.

[28] GISMONDO
Conoscereste la sorella vostra, se viva la vedesti?

[29] GINEVRA
Se la età non l’havesse transformata da gli anni puerili, io mi creggio di tenir tal commemoratione di lei, che facilmente la conoscerei.

[30] GISMONDO
Poniamo che la ritrovaste. Quanto vi saria caro?

[31] GINEVRA
Quanto che aquistar la gratia vostra, signor mio caro, che desidero sopra tutte le cose del mondo; però che trovandola parerà avenire a me, come avenne a uno peregrino, che solo per un strano diserto caminava, et ritrovò un suo carissimo amico, che, quanto meno sperava di trovarlo, tanto più [26v] si rallegrò; perché io son senza alcuno delli miei parenti o congionti al mondo, et mi posso dir sola.

[32] GISMONDO
Non mi maraviglio che, da la celata virtù mossa, così grande amor, et subito, mi habiate posto, però che il sangue vostro, et le carne vostre istesse amate. Io sono la vostra sventurata sorella Isotta, da voi come morta pianta, otto anni peregrina andata, et tre schiava stata. Lodato Idio, che inanci alla mia morte mi vi fa vedere, et in lieto stato ritrovarvi.
 
Quivi si gettano le braccia al collo.
 

[33] GITTA
A che è riuscito lo amor di mia madonna: in una sua sorella! Che novo caso è questo? Chi raccontasse questo esser in Padoa intervenuto, ne saria riputato bugiardo. E pur è cussì in effetto.

[34] GINEVRA
Ahi, dolcissima sorella, a gran fatica ritengo le lachrime per tenerezza. Andiamo allo albergo, dove raccontaremo più ad agio le nostre sventure, et senza rispetto. Oh, quanto di allegrezza mi è aggionta! Quanto spero di menar lo avanzo di mia vita lieta, cum cussì dolce compagnia come tu! Haverò cum cui partir gli affanni, et piaceri, che mi porgerà la fortuna.

[35] GITTA
Io mi maravigliava ben che quella gentildonna, che lo havea fatto riscuottere, così facilmente lo havesse licentiato; ma hora mi accorgo: perché ella non havea ritrovato il gambo al finocchio.

[36] SIER THOMAO
Co le cose no va a so vogia, sto diavolo de sta mia mogier trazerave el mondo in aqua, si la l’havesse [27r] in man! Perché l’ha trovao che culie, che la credeva che fosse homo, sé una femena, da desperation la l’ha licentiao senza danari. El me recresce pi de essa, che no fa di danari. El me giera vegnua la ventura in casa, e la fortuna no ha volesto che me ge habia trovao, ché mai no la lassava partire. E’ me haverae sborao con essa tal volta de sto mio inamoramento. Horsù, patientia. Vegnisse amanco costù! El sé tanto pegro.

[37,1] Que? Ch’ a’ no donesse via el fazolletto? A’ donarè inanzo via no so que. N’habiè paura de questo, stè con Dio.

[37,2] Andaron tutti du da ella, sta sera. Tondoron, dorin dorin. Al sangue del cancaro, ma la m’ha basò! Que me vuò mè lecare sta massella, don la m’ha basò, con la lengua. Hh, uhu! O bocca mellata! O man toffolotta, que m’ha toccò sta man! O saoretto pi lioso, que n’è na specialia! Vî, vî, cancaro, a’ vuolo tutto! Inchina le scarpe me vuole! Ehi, eh, ehi.

[38] SIER THOMAO
Estu ti, Ruzante, an? A chi digo, mi?

[39] Messier sì, messier sì, a’ son, a’ son mi. Cancher è ch’a’ son mi, e sì a’ vuolo da zilibetto, da sadabon. La me n’ha buttò per adosso, sentio? Inchinamen in la schina, sentìo? La m’ha dò tanti pimenti! A’ tegnia passè gi uochi, e sì la lagava fare. L’haea una zuchetta, e sì me buttava tanta aqua. Nasè: le scarpe inchina me vuole. Marco! Marco! Al sangue del cancaro!

[40] SIER THOMAO
Sto sferdimento no me laga sentir, sta’ in pase. Vié za, bestia, dìme co ti ha fatto.

[41] Miegio ch’a’ fesse mè in me vita, e la megior noella [27v] pre mi, que foesse mè.

[42] SIER THOMAO
Ben, che cosa? Di’ via, caro fio bello.

[43] La putta m’ha impromesso, ella, a mi.

[44] SIER THOMAO
Va’, diavolo! E’ digo de mi. Co hastu fatto de quelle zanze?

[45] Ben, messiere. [Poh], cancaro, se no fosse stò mi, a’ no fasivi mè gniente. Volìu altro? A’ no volivi gnam altr’hom ca mi, qué, se no foesse mi, qué mi..., m’intendìu? La m’ha ubigò a mi. Volìu altro, ch’a’ sarì servio?

[46] SIER THOMAO
Ben, a che muodo? Quando? In che luogo?

[47] Mo aldì, messiere. Quando a’ giera puttato, que a’ lagé stare de nare co le biestie, que haea quel can, que a’ me ’l menave drio, con a’ ve dissi, a’ scomencié cussì a muò a trare alle putte, que ’l no me trasea el cuore cussì al bestiame. A’ scomencié a nare a filò tutte le sere, tal fiè tre e quattro megia lunzi, que ’l gera scuro con è na bocca de lovo.

[48] SIER THOMAO
Che diavolo de preposito è questo? Che ha da fare la luna co i gambari? Te domando a che semo del fatto mio; ti me disi de to menar de bestiame, de to filoi, de to merde.

[49] Prepuositi bestiame. Aldì pure, tasì pure. Gi è buoni, i prepositi. Ascoltème, s’a’ volì. E sì, con a’ ve dego rivar de dire de anare a filò, andasea tal fiè pi de otto megia. Mosì sì, a’ stimava cossì, con farae a magnare na nibià o un brazelo. E po, con a’ ve dego rivar de dire, mo no cattiégi na notte un lovo, che haea du occhi, que parea do candelle, grande con è un gran aseno?

[50] SIER THOMAO
[28r] Potta, ti me farà cattar san Buovolo! Che diavolo ha da far lovi con el fatto mio de mi? E’ vogio parlar de amor, e ti me rasoni de lovi, che magna i cristiani.

[51] A’ ve vuogio faellare an mi de amore, e del vostro amore de vu. Mo aldì, s’a’ voli.

[52] SIER THOMAO
In mio proposito? In mia specialitae de mi?

[53] In prepuosito, in spetabilitè de vu.

[54] SIER THOMAO
Horsù, va’ drio, mo compi pi presto che ti puol.

[55] E sì, con a’ ve dego rivar de dire de sto lovo, a’ catto sto lovo, e sto lovo me guardava mi, e mi el guardave ello, e ello me guardava mi. Ben, ben, saìvu quel ch’a’ fié per farge paura? A’ fié bruuu! bruuu!

[56] SIER THOMAO
Te vegna el cagasangue, ti e i to lovi! Ti me ha fatto scampar quanto sangue, che haveva adosso. No te usar a farme de sti spasemi e de sti atti da bestia!

[57,1] Mo a’ he fatto per fare con a’ fié. E sì, con a’ ve dego rivar de dire, el no vosse haer paura, sto lovo. A’ ’l lagié stare. Haea un sponton, a’ me ’l strapegava drio; e sì a’ me fié ben pi de cento crose con le man, con la lengua, dissi el Triabita, la Salve Rezina...

[57,2] E sì, con a’ ve dego rivar de dire, andasea a filò. Bessà que de fatto tutti saea que a’ giera cantarin. A’ se mettìvinu a cantare, a zuogare a purassè zuogi, al becco mal guardò, alla passarella... E con haìvino zugò, a’ se mettìvino a far ravalò, e man per tutto el fogolaro lomè cielo e gussi de rave! E ella dasea da bevere a tutti, e mi a’ bevea; e ella dasea tal fià sonda, e mi in tolea, e sì a’ magnava; e ella se la risea, [28v] e mi me la risea; e ella me cignava, e mi a’ ge cignava a ella; la me guardava mi, e mi la guardava ella.

[58] SIER THOMAO
No te digo che ti no favelli a preposito? Ti parli del fatto to de ti, e mi vogio saver del fatto mio de mi.

[59] Potta, mo a’ sì infuriò! Mo lagème dire, que a’ vegnerè col me in lo vostro.

[60] SIER THOMAO
No puol far, mi e chi me ha inzenerao, che sta cosa sia al mio preposito! E’ ho pur bon natural, no ge catto zà ni cao ni coa che la possa vegnir a mio proposito.

[61,1] Mo s’a’ ve dige que a’ intrarè col me in lo vostro! A’ sè an mi que, a no dir pi altro, el no ge vegnirà; mo aldì, habiè un puo’ de pacintia. E sì, con a’ ve dego rivar de dire, quando me partia, a’ disea cossì pian ch’a’ ge volea ben a ella, e ella disea que la m’in volea a mi; e mi disea que giera inamorò in lo fatto so d’ella, e ella in lo fatto me de mi. Con andasea de festa a messa, a’ me parava de fatto alle reze, fra li huomeni e le femene, e mi a’ fasea vista de dir paternostri, e sì a’ disea: “A’ ve vuò ben a vu. A’ son inamorò in lo fatto vostro de vu. A’ ve vorae vu”; e ella disea que la fasea così an ella.

[61,2] E po andasea al so canelò a faellar co ella. E haea un cortello que rasava. A’ tolea una canuolo, e sì a’ fasea così di suoldi, e con un bachetto a’ segnava in terra, e sì a’ favellava co ella. L’haea na bambasina bianca, que la parea un pavegio. E mi disea: “A’ sì pur bella, a’ me piasì pure”. E ella disea: “A’ sì bello an vu, a pari un pomo musetto”. [29r] E mi disea: “A’ pari un pomo ciellà, bianco e rosso con è un velù de sea”. E ella disea: “Mo vu, que a’ parì e somegiè un calandrato a cantare!”. E mi disea: “E vu, que a’ parì un guindolo a ballare!”. A’ no me voleva lagar buttare de parolle.

[62] SIER THOMAO
Mo compi ancuo, per l’amor di Dio! Hastu compio o estu alla mittae?

[63] Messier sì, adesso a’ riverè. Aldì pure, tasì pure. E sì, con a’ ve dego rivare de dire, andasévino alla festa, e mi andasea da i pivi, e sì ordenava un ballo (a’ no volea mè altro que pavana), e man a’ tolea su sta putta, e po man a ballare, dagnhora con sto pe maistro inanzo. E man sta putta se dindolava, que l’harae ballò s’un dinaro; e mi a’ fasea pieripuoli e presore così, que a’ dissé que haesse imparò per ponto de rason.

[64] SIER THOMAO
Ti compirà pur, co ti haverà ballao. Che diavolo de collegii me dastu? E sì ti vuol che sta cosa vegna in mio preposito? No vedistu che ti disi de ti?

[65] Mo s’a’ ve digo que vegnirè col me in lo vostro!

[66] SIER THOMAO
Ben, horsù, ti ballavi e ti saltavi.

[67] Mesì, a’ no saltava, qué a’ no giera massa saltarin. A’ ballava. Chi ve ha ditto que a’ saltava? Mesì!

[68] SIER THOMAO
Ti ballavi. Horsù, e po?

[69] A’ ballava per certo! El no giera gniam lomè uno, que me avanzasse, e sì a’ ve dirò an chi. Saìvo, la Vostra Smagnificentia, cognoscissi mè questù... Oh, agièmelo a dire, cancaro el magne. Que andasea ballanto su quante feste giera mè in Pavana... Quel saltarin, saìvu?

[70] SIER THOMAO
[29v] Sì che lo cognosso, che importa questo?

[71] Mo chi gierelo? Con havevelo lome?

[72] SIER THOMAO
Ah, diavolo, e’ me son andao a intrigar da mia posta! E’ no te vogio pi respondere.

[73] A’ dî ch’a’ ’l cognessì, e sì no saì gnian co ’l haea lome! ’L iera quelù, que so frello menà via quella putta de quella massaria, que a’ i vene in costion, que i fé po litta, que la putta g’haea impromettù, e so mare no volea, e so serore; e ello e so frello ge dé a igi, perqué ello no ge la volea dare. El ge menà de ramazzon, così. A’ no cognessì gnian altri?

[74] SIER THOMAO
Mo compi pur.

[75] A’ he rivò adesso, lagème dir lomè questo. E sì, con a’ ve dego rivar de dire de ballare, la giera mo na puttata compia, que no ge mancava gniente. A’ ge strenzeva la man. [O man], manetta da impastare tre forni de pan al dì, man da bragagnar mescole da menar polenta e peverà e favetta! E po la lagava, e sì trasea un saltarello o na carpiolla, que andasea in l’àgiere. E po, con haea rivò de ballare, a’ me andasea a imbusare drio qualche cisotto. Pensève con a’ fasea. A’ m’andasea remenanto, pensantome d’ella e de quella man, que g’havea toccò, que havesé dito: “Questù è [inorcò]!”. A’ stravolzea gi uocchi da tanta smagna que haea.

[76] SIER THOMAO
Al corpo, che no digo! Ti me fa vegnir ambastia e stravolzer i occhi anche a mi! E’ me vien i suori de la morte! Havéssio almanco donde sentare! El me besogna star ascoltar sti bertonazzi al mio despetto. [30r] Varda se ’l diavolo fa ben!

[77] Mo a’ taserè, s’a’ no volì que dige. Que me fa a mi? El dê essere fuossi pre mi, questo? A’ ve dige per vegnir a dire de vu, mi.

[78] SIER THOMAO
Va’ drio, per to fe’, mo compi presto.

[79] E sì, con a’ ve dego rivar de dire, una festa... A’ no m’arecordo ben que festa foesse, da San Lorenzo o da San Piero. A’ fallo: el fo na domenega o un sabbo que giera festa, que magné scardoe su la grella, ch’a’ no me ’l desmentegherè mè. [O] fo pure na zuobia?

[80] SIER THOMAO
Sia che zorno se vogia, un zorno de festa. Una volta, compi!

[81] Messier sì, messier sì. A’ la menié da un festaro, e sì a’ g’impié un gremiale de bracciegi, de nibiè, de fugacine, de bracciegi forti, ch’a’ spisi bonamen pi de cinque marchiti.

[82] SIER THOMAO
Ben, buzzolai ti comprassi. E po?

[83] E po, con a’ ve dego rivar de dire, a’ la compagnié a ca’, que la stasea su una possession d’un me amigo, que giera così un certo poltronazzo, con a’ foessé mo vu ch’a’ foessé me amigo, intendìvu? E po, con fussimo a ca’: “Sta’, la bona sera. Andè, la bona sera”.

[84] SIER THOMAO
Bona sera bon anno! Ti ha compio? Ben, che séla a preposito del mio amor?

[85] No, aldì. El vene po le guerre, con a’ saì, que tutti muzzava, e mi a’ fu pigiò. Cancaro, el me pigié no so que Toischi, que i me scapé squaso le ongie. I faellava in toesco, cancaro i magne! Sta putta muzzé per le muzzaruolle, e mi e ella a’ no s’havìvino miga [30v] imprometù anchora. La muzzé per le muzzaruolle. A’ no l’he mè pi vezua, ella, messier no.

[86] SIER THOMAO
Ben, hastu compio?

[87] Mo a’ he compio. Mo no ve ho gniam ditto quando i Toischi me pigié a comuò i fé. Cancaro, l’è na filatuoria longa! Mo a’ he compio de questo, messier sì.

[88] SIER THOMAO
Mo che diavolo de mio proposito sé questo? Ella, ella, ella. Chi sé, sta ella? E’ vorave pur saver si la sé madona Doralice.

[89] No, cancaro, l’è la putta, que sta co ella! La s’ha recordò adesso di bracciè forti, e sì ha favellò ella pre vu a madona Ralice.

[90] SIER THOMAO
Va’, diavolo, va’, adesso intendo. Ti me ’l podevi dir in do parole, e sì ti m’ha tegnuo tre hore con sto to parlar. Ti vuol dir che per i buzzolai, che ti ge comprassi, la te ha fatto sto servisio, che l’ha parlao per mi a madona Doralice. Tu ’l podevi pur dir in do parole.

[91] Mosì, i dê essere celegatti da cavar fuora d’una busa in do branchè!

[92] SIER THOMAO
Ben, che ordene hastu mettuo con ella, tandem?

[93] Mo a’ no he mettù ordene negun, mi.

[94] SIER THOMAO
Va’, potta de santa Neffissa, semo intrai into i primi termeni! Con chi son intrigao mi ancuo? A che muodo sarògio mo servio? Onde sé sta bona noella che ti disevi?

[95] A’ no harè gniam fatto niente que vagia! N’hagie fatto assè, que la no cre que a’ sipiè così burto, con [31r] ge giera stò ditto, e que vu a’ ge favellerì?

[96] SIER THOMAO
Donca ti no ha parlao con essa?

[97] Va’, cancaro, va’. No ve dige que a’ he favellò con la so putta pre vu? Le se favellerà mo l’una co l’altra, e po vu a’ ge andarì a favellare. Mo el bisogna que a’ no ve perdè, con a’ ge favellerì, que ge sapiè dire el fatto vostro de vu: e que a’ ge volì ben; e que a’ sì inamorò in ella, e que debiò mè ella; e que, se no havessé mogier, a’ no tossé mè altra femena que ella; e que la farì stare a muò na donna, intendìvu? E favellège an de quell’altra, que me vuogia ben a mi, que dabiè mè elle tutte du.

[98] SIER THOMAO
Andarògio a casa, a parlar con essa, o da i balconi?

[99] No, cancaro, da i balcon besogna que ge favellè, perché no g’è ordene que andagè in ca’, stagando ella in sta terra; mo l’anderà de fuora.

[100] SIER THOMAO
Mo si qualcun di soi me vedesse?

[101] A’ no saverì miga far vista que ’l fatto no supia vuostro? Fè vista de aspittar qualcun. A’ no ve saverì miga pensare qualche noella?

[102] SIER THOMAO
E’ digo, che i no havesse per mal, che i disesse: “Che fastu qua? Che vuol dir sto parlar qua?”, e darme qualche feriazza, intendistu?

[103] Potta del cancaro, a sì pauroso! Hassé fatto male, co a’ fasea mi, a’ sessé andò de notte, con a’ fasea mi, que ’l sarae stò un piasere! Que crivu que supie paura? La paura no è altro que smagenarse, pensare. Fè cossì, aldì. A’ vuogio que a’ fagè a sto muò: mi andarè in ca’, e vu in sto mezzo andè drio sta viazzuola, [31v] e tornè que ’l para que ’l fatto no supia vostro, intendìo? Mi a’ sarò sul balcon co ella. S’a’ me sentì cantare, guardè in su e favellège; s’a’ no me sentì cantare, andè via de longo. Moa, andè.

[104] SIER THOMAO
Co ti canti, che varda in suso?

[105] Messier sì, perqué, co a’ cante, no ge sarà prìgolo. Moa, andè. El besogna essere animusi, alla fe’, chi se vuole inamorare. A’ son pur bon da sto mestiero, mi. A’ no harae paura de Rolando, co a’ son inamorò. Olà, olà, o da la ca’! A’ vegnirè entro, mi. Olà.
 

[106] GENEVRA vedova, et ISOTTA sorelle.
 
GINEVRA
Io non ho desiderato cosa al mondo altro tanto come ritrovar te, dolcissima sorella, et perché vòi che hora non ti compiaccia? Io voglio che tu me sii sorella, padre, madre, maestro e balia. Quello che ti è più in piacere dillo pur sicuramente, che né più né meno farò.

[107] ISOTTA
Odi, carissima sorella. Tu sei vedova, et io senza marito, et consumando la nostra gioventù sanza marito daremo materia ad ognuno di dire che siamo men che honeste; sanza che grandissimo dispiacere ne fia, quando saremo divenute vecchie, che staremo a dir le favole con la gatta a canto il focolare. Io voglio che se rimaritiamo; et perché questo è uno nodo perpetuo, dovemo con ogni diligentia cercare di pigliare huomeni confacevoli alli nostri costumi. Io son, come allo albergo ti dissi, tre anni stata schiava insieme cum quelli dui giovani, Tancredi et Theodoro; et anchora che [32r] a niuno di loro per donna mi sia manifestata, io però ho notato cussì ben li costumi suoi, che mi pare esser certa che sariano degni di haver per moglie ogni gran donna; et di Tancredi son stata ferventemente inamorata. Oltre di ciò, sono siciliani, et ricchissimi; però mi pareria a me, quando paresse a te, ch’io dovesse divenir moglie di Tancredi, et tu di Theodoro, et tutti quattro sanza indugio ritornarsi nella patria nostra, a godersi il nostro.

[108] GINEVRA
Io son disposta a compiacerti. Fa’ tu.

[109] ISOTTA
Cerchiamo adunque, ché, se non haveranno ritrovato chi gli habbia riscossi, gli riscuoteremo noi; et hor hora alla volta di Vineggia imbarcati, se ne andaremo. Et hora che le miserie nostre hanno havuto fine, non più in questi panni, ma in habito feminile rivestite, insieme cum li sposi nostri nella patria nostra torneremo. Vogliamo cussì?

[110] GINEVRA
Non t’ho detto, sorella mia, che fazzi tu?
 

[111] GENEVRA, et ISOTTA vanno dentro, RUZANTE, stando sopra la finestra di madonna Doralice, canta, et MESSER THOMAO passeggia per sotto detta finestra, et parla con madonna DORALICE.
 

 “E caro amore, e dolce amore,

 donème una balestrina”.

[112] SIER THOMAO
Dio ve contenta, perla mia, zogielo caro!

[113] DORALICE
Ben venga, Vostra Signoria, signor mio.

[114] SIER THOMAO
Horben, a che semo nu, an?

[115] [32v] DORALICE
La vostra cortesia mi ha vinta in modo, che non posso esser, se non vostra, signor mio caro.

[116] SIER THOMAO
Vu trazzé ballotte, an? Havé torto.

[117] DORALICE
Io nacqui a sdegno di fortuna, perché il pare che le mie parole mai non possino esser credute! Io son pur vostra, quando vi piaccia ch’io sia. Benché la moglie vostra me n’habbi fatto minacciare, io non mi rimarrò però di amarvi.

[118] SIER THOMAO
Quel diavolo de mia mogier? Al sagramento mio, gie vogio dar diese bastonae per ste parole! E però, fia bella zentilesca, le nostre cose fémole secretamente. No stago ben qua su la via, ché la zente me vede int’el passar.

[119] DORALICE
Io vi faria entrar in casa, ma queste mie vicine sono troppo maledette. Ci sono di quelle, che mi fanno la guardia fin a meza notte, solum per haver che dire di me: “E che la tal fa così, e la tal fa colà”.

[120] SIER THOMAO
Oh, diavolo, mala cosa la cattiva vesinanza!

[121] DORALICE
Io son disposta a compiacervi, ma in questa terra non vi è ordine alcuno. Et se io non rimanessi per un poco de impaccio, adesso adesso me n’andaria in villa, et voi ne verreste, et questa istessa sera saressemo insieme; ma rimango per un certo intrico.

[122] Iz, iz. Olà, olà. Messiere! Messiere, fè vista.

[123] SIER THOMAO
An, che sé?

[124] El n’è gnente, cancaro. L’è stò le buelle que me bogie. A’ crêa que ’l foesse un. Moa, andè drio.

[125] SIER THOMAO
Va’, diavolo, butta i occhi de qua e de là.

[126] Buttè le regie an vu lunzi, s’a’ sentissé qualconsa. [33r] Aldì, con a’ subie na botta, tolìve via de fatto, se a’ no volì lagarge del vostro de vu.

[127] SIER THOMAO
An, ben mio? An, fia bella, che disèvu, che volé andar in villa? Magari, ché vu no havessé visinanza, che ve desse fastidio. E perché restévu?

[128] DORALICE
Per un certo impaccio, che da Ruggiante intenderete.

[129] SIER THOMAO
Ruzante sa, esso? Basta. Pur che possa, alle vagnele, no mancherò mai per far mentir per la gola sti lari, che dise ste zanze de mi, che i meriterave d’un pugnal int’i petti.

[130] DORALICE
Non è peggior cosa, che la mala lingua.

[131] SIER THOMAO
Mo la vostra, tesoro mio, no sé trista, ella. E’ credo che la sia pi dolce che coronella de zucaro fin. Ben, zugaremo po, co saremo in villa, an, carne mia?

[132] DORALICE
Io non imparai mai a giuocare.

[133] SIER THOMAO
No, an? Fina le massere sa zuogar a sti zuoghi, che digo mi.

[134] DORALICE
Come si chiamano questi giuochi?

[135] SIER THOMAO
Alle panze, alla scondaruolla: mi sconderò e vu tegneré occhio.

[136] Sbio, sbio, iz, iz, sbio. Togionse via. No g’è tri o quattro que ven de cao de sta viazuola?

[137] SIER THOMAO
Mogia, me recomando, fia bella.

[138] La no g’è pi alla fenestra, cancaro, que l’ha bu paura an ella. Cancaro, no vogio dire ve magne, s’a’ vuogio, messiere! A’ no sî de quigi da Figaruolo, de quî buoni! A’ sè que a’ g’haì ditto el fatto vuostro fina [33v] mè in cao. Cope fiorin, al sangue del cancaro, a’ no me l’harae mè pensò! Po i dise, po, an?

[139] SIER THOMAO
Co, co, cossì.

[140] Co, co. A’ dige: “So so, via dal me cortivo!”. A’ parì così un stizzo cuerto in lo viso, e sì a’ sî un mal sbregon, vu. A’ no l’harae mè crezù. I provierbi no fale mè: gatta piatta, fievera te batta. Cancaro, te parsele brombe?

[141] SIER THOMAO
Al sagramento mio, no intendo zò che ti vuol dir de brombole.

[142] Oh, el no m’intende! Sì, le fige! Mostrève da buona villa! A’ sè que a’ le sai fare inamorare, mi, le putte.

[143] SIER THOMAO
Varda, Ruzante, al sagramento de san Balaram, la no sé stà mai imbertonà in mi nomè adesso. E sastu a che muodo?

[144] Mosì, mosì, ch’a’ no ’l sè inanzo que adesso! A’ no ve l’he sempre mè ditto que la smagnia e que la rabbia pre vu?

[145] SIER THOMAO
Custie, quando la se accorzé che mi giera imbertonao in essa, la se impensà de tegnirme su sti imbertonezzi, de farme bona ciera, perché no me desbertonasse, e forsi con anemo pensao de farme trazer. Mo Dio me ha aidao, che la se ha imbertonà essa int’i fatti mié, che la no se ne sé accorta.

[146] Cussì purpiamen, cussì sperciso. Que ve disévogi mi? Ve hala ditto zò que dî fare?

[147] SIER THOMAO
No, la m’ha ditto che ti sa ti, e che ti me ’l dirà ti.

[148] La me ha ditto que no g’è muò, que a’ possé anare in ca’ da ella, stagando ella in sta terra; mo, perqué [34r] a’ ge possé anare, la vuole anare de fuora a Arquà.

[149] SIER THOMAO
La me ha ditto cussì anche a mi; e che l’ha un certo intrigo che la no puol.

[150] Mo, a’ ve dirè. La dê dare no so que dinari a uno, e sti dinari la no gi ha adesso, mo la i dê ben scuòere fina un mese. Se l’haesse da dargigi ancuò de bel ancuò, l’andarae de fuora de bel adesso, e de bel sta sera po an nu andassan da elle, da tutte du, intendìu?

[151] SIER THOMAO
Ben, danari. Te hala ditto la quantitae?

[152] Quanti dinari? Messer sì, cento liere de lì via.

[153] SIER THOMAO
Lire de grossi o de pìzzoli?

[154] A’ crezo que a’ fassé miegio darge smozzanigi o marciegi, que darge bezze, qué la porae stare tanto a lombrargi, que a’ non andassan stassera. E mi a’ ge dissi que la no guardasse a dinari, con a’ me haivi ditto, e se no bastava cento, a’ g’in dassé an un megiaro, e que i poltron, que ge ha dito le parole de vu, no farae miga così, igi.

[155] SIER THOMAO
Ti ha fatto ben. Oh, ti sé stao accorto, potta de chi no digo!

[156] Ve vàgogi mo per carezà? Chi crivu que supia? A’ no darae la me lengua de mi a un altro, per faellare.

[157] SIER THOMAO
Andemo a casa, che te darò i danari, che ti ge porterà. Magari andassemo sta sera! Ge fosse ordene!

[158] Que? ’L è anchora grandhora a sera. Mo no me l’halla ditto a mi?


[34v] Atto quinto
 
RUZANTE et MENATO entrano in scena, et cantano appresso la casa di madonna Doralice, poi che han cantato, Ruzante verso Menato dice.
 

[1] Caro frello, cantóne un’altra, e nu du cantemola in quattro. Mi solo a’ cantarè ben per du. Aldi:

 “E de la mala morte...”.
Vì, co ’l grosso tase, el sotile canta, et co ’l sotile tase, el gruosso canta.

[2] Al sangue del cancaro, la sarà ben bella, chi poesse fare que na vacca tiresse per du, e un pan fesse per quattro!

[3] Per magnare, a’ magnerà ben per du, e per cantare; mo per laorare, a’ laoro lomè per mez’uno. Moa, scomenza.

[4] A’ te dige ch’a’ he prissia, ch’a’ g’è Menego Tralesato que me aspieta fuora della porta. Làgame anare. T’he bon cantare ti, zà que la te va da canto.

[5] Di’ lomè questa na botta, caro frello.

[6] A’ dirè per farte così apiasere, disse quelù; mo, alla fe’, a’ he priessia.

[7] Poh, va’ al bordello! Te sè pure se an mi, con disse quelù...
 

[8] [35r] Cantano, et finito el cantare MENATO dise.
 
Moa, a’ vuò anare. Portate da predhomo. La te buta ben a ti, e sì la te va da canto, que te magni con fa i cavagi di tiraore, col cao in lo sacco.

[9] Poh, que vuòtu que fage? A’ stago con sto zentilhomo viegio, e sì magno. ’L è inamorò, ello, e mi a’ ge porto i messiti. El no sa que farme. Se nomè sempre mè drio: “Magna, Ruzante!”, e mi magno; “Ruzante, bivi!”, e mi a’ bevo; “Ruzante, merenda e fa’ colation!”, e mi a’ la fago. Puoh sì! E può madona ha tanto piasere del me cantare, que no besogna dire.

[10] Mo la dê esser inamorà an ella, n’è vera?

[11] Pensa mo: matto el carro, matti i buò, e matto quelù ch’i para. El se faella lomè d’amore in quella ca’, e massare e madona, tutti a scazzafasso! Fina le banche, i scagni, le casse sente d’amore. El no g’è vaso in ca’, né ordegno, que no sappie d’amore.

[12] Mo a’ no dî stare lomè in veregagia tutti, vu.

[13] No faellar de piasere: el no se sente lomè cantare per quella ca’. Mo laga. S’te saissi, le pi gran noelle! Oh, s’te n’haissi priessia, a’ te farà pur rire.

[14] Te me le dirè n’altra fià. A’ vuò anare. Roman ti.

[15,1] Mo va’ in susio, s’te vuò che romagne mi.

[15,2] A’ ve he ben vezù zà un pezzato, mo perqué el no se n’avedesse, a’ no ve guardave. Haon cantò pre vu, vì.

[16] A’ sè que la smenuzzolè, mi. Vergene mare de me pare, que haìvu mè in quella lengua?

[17] [35v] Masì, el no me sa gniam agiare! Se haesse chi me aigiasse, a’ farae ben de bello, ve sè dire. Chesì, el no fo mè zarambella, né zugolare, que sonesse miegio de quel che a’ fassan nu! Vegnì arvì, que a’ he i dinari. To tari, don dori, don dore.
 

[18] BESE apre l’uscio et RUGIANTE entra, poi esce fuora messier THOMAO et solo dice.
 
SIER THOMAO
E’ son in gran fastidio, che no me so pensar che scusa cattar con sta mia mogier, si per ventura ancuo el me scovegnirà andar in villa cum madona Doralice, tanto el me sbatte el cuor. E’ no so che farà Ruzante, si ’l ge catterà ordene. E’ vogio tornar a casa per passar tempo, infina che vien Ruzante. Dio vogia che sta bestia de mia mogier sia contenta che vaga.

[19,1] Oh, sea laldò Dio, andaron pure sta sera tutti a Arquà! El vegio n’harà magnò indarno el confetto, né i pignuoli arpigiè, né de quigi che ven d’oltra el mare, mastachi, morachi, que fa bona forza. Gnan mi a’ n’harè magnò indarno le croste del formagio salò, né quî tri pan tanto fatti, né bevù indarno quel vin, che ha na vena de rozzetto, che cria e dise: “Bìvime, s’te sè bevere!”.

[19,2] Cancaro, l’è pur la bella putta! L’è lomè latte e vin. La dê havere tanto de gamba, tanto de lachetto, tanto de zenochio, tanto de cossa. Oh, potta, ch’a’ no dige male, que bel piasere [36r] a’ se daron in quî buoschi!

[19,3] El vegio el sta assè a vegnire. El m’ha pur ditto que l’aspette de chialò via.

[20] SIER THOMAO
E’ no posso star fermo, e’ ho el mal de la formigola. L’amor sì me travagia, che ’l par che aspetta una sententia de lite. E..., e..., el me vien i susti della morte, e’ sento ben mi. Oh, Dio el vogia che no traza i danari. Ruzan... Ruz... E’ no te osso domandar a che semo.

[21] La megior noella! La no possea andar miegio. El besogna mo que a’ supiè un huom, da chì indrio. Le va via adesso, e sì m’ha ditto que debiamo andare, que debiò mè vu, que ’l g’è lomè cielo e buschi, que no harom paura almanco que negun ne fage la guarda. On volìu la pi bella comelitè al mondo? E sì a’ se daron piasere de dì e de notte. On volìvu i pi biè continti?

[22] SIER THOMAO
Fatto sta che tutti no sarà contenti, si me parto, Ruzante.

[23] Mo chi seràgi?

[24] SIER THOMAO
Mo madona no sarà contenta.

[25] Poh sì, a’ vuò ch’a’ cattè qualche scusa. A’ crezo que la no serà gniam contenta, se ge stessé ben a pe, mi.

[26] SIER THOMAO
Per che rason?

[27] Perqué, daspuò que l’have quel despetto de quelù, que la crea que foesse un homo, e sì gera na femena, la è stò sempre deveosa, de mala vuogia, a muò un dugo a pesso; e perzóntena a’ dige que la no serà gnian contenta, s’a’ ge stessé ben a pe.

[28] SIER THOMAO
Che diavolo de scusa me poràvio impensar? E’ me [36v] vogio consegiar cum ti. Si digo de andar a muar àgiere, el sé una matierìa.

[29] Mo aponto questa è bona.

[30] SIER THOMAO
No, perché son vegnuo in sta terra per muar àgiere. La dirà: “Onde voléu andar? No sé bon àgiere qua?”. E’ vogio dir che vogio andar a veder certe terre, per comprar. Séla al preposito, questa?

[31] Oh, messier sì, messier sì. Potta, a’ ve l’haì pensà bella! Andè a ca’ presto, e mi starò chialò a vêre se in sto mezo le andasse via; qué a’ vuò che andagan in la barca don le va elle, que smorezaremo con gi uocchi almanco. Andè via presto, asiè le robe, ch’a’ volì ch’a’ portan, que a’ le tornarè a tuore po, mi. Mo andè via presto, mo corì presto.

[32] SIER THOMAO
Va’, diavolo, vustu che me scavazza el collo? E’ vogio portar puoche robe: una vesta alla polentina che me metta, sum spazzao.

[33,1] Mo ben, mo ben, andè via presto.

[33,2] Guardè que la no se despiere, madona, perqué el vage via. Fuossi mo que no è bello da tegnire a pe, el zigio? L’è miegio purassè na fassina de spini! Sì, che la n’è inamorò? Se Die m’aì, la no vé l’hora que ’l se tuogie via. La farà ben vista que ’l ge rencressa, mo la pianzerà con gi uogi, e sì se la rirà col cuore.

[33,3] A’ vuò anare ascoltare s’a’ le se mette in via, al so usso. Aldi, tasi. A’ sento sfuregare, a’ sento fare un gran tampellamento de scagni, de banche, de chiave, de armari. Le va da l’altr’usso fremamen. Aldi, aldi que la dise: “Passa ben l’usso”. Gi è andè via.

[33,4] Cancaro, sto viegio sta assè a [37r] vegnire. Cancaro, haron pur piasere in quî buoschi! E’ se andaron imbusando de qua e de là dalla so ca’, que a’ pareron levoraton. Aialo, va’ via! A’ baleron po, me Dio, perqué el se ge fa mo festa fin al zenuogio. E sì a’ me farè un bel paro de calce schiapè di dinari, que m’ha dò quella femena d’Ancona, e de quigi, que a’ he robè al viegio; perqué so que ’l piase alla me putta veder que habie un bel paro de calce alla doisa, e un bel zuparello, e na berretta russa con una penachia que chiame putte de mille megia. A’ son ben mo informò di miè limbri, que ’l no g’è putta, que me veésse, que no m’agoresse. E po a’ cante ben, e così vestio... Pur poesse pure soplire a tanto! A’ me vuò comprare na spa, qué chi n’ha na bella spa e la porte per traesso, no par bon da inamorarse.

[33,5] Làgame vêre se haverè tanti dinari, que ge fage. Cancaro, gi è assè! A’ no vorrà che negun me vêsse. Questo è un ducato d’oro dalle Vegniesie, venetian. Questo è un ranese. Cavaluotti, moragie, de quî da siè bezze, scarantani... Cancaro, gi è assè dinari. Làgeme partirgi in tanti biè muchitti. Sto muchietto è le calce, quest’altro mucchietto è el zuparello, st’altro è la beretta. Mo la penna? Tuo’ un puoco d’uno di muchitti, hossù la penna. Mo la spa? Tuo’ un puoco del muchietto delle calze, del muchio del zuparello e del muchio della beretta, harè fatto mo una spa. El m’avanzarà an dinari da ballare.

[33,6] A’ vuò tornare a sentire se gi è andè via. A’ no sento negun, gi è andè [37v] via fremamen. Oh, vegnisse mo sto vegio!

[33,7] Oh, laldò sea Dio, a’ vignirì pure! Stè a dar mente, que a’ vuò anare a tuor le besenelle.

[34] SIER THOMAO
Vate a far dar quelle mie robe e vien presto. I mié zoccoli frattoni, la mia beretta de notte, i scuffoni e l’albarello da l’onguento per la mia sciatica, e l’orinal. E varda no romper gniente.

[35] Poh, a’ me le arecorderè in lo culo tante besenelle!

[36] SIER THOMAO
Ho asiao ogni cosa in portego. Vien presto.

[37] Buttè gi uogi in qua e in là, se ’l vegnesse mè la massaruola, que la ne andasse cercanto.

[38] SIER THOMAO
Mo ben, va’ via presto. E’ sarò pur contento sta sera. Ho anche fatto tanto, che madona sé restà contenta. Ogni muodo el sé stao bon aviso andar in villa. Megio ca qua, per mille boni rispetti. E’ ’nde son anche più contento, mi.
 

[39] TANCREDI et THEODORO, et GENEVRA, ISOTTA, et GITTA fante tutte tre vestite d’habito feminile, entrano in scena, et TANCREDI dice.
 
TANCREDI
Deh, perché, dolce Isotta, moglie mia, non vi siete manifestata a me nel tempo, che siamo stati schiavi? Quanti lieti giorni habbiamo noi perduti! Le passioni nostre seriano state men gravi, et li primi frutti d’amore haveressemo al manco colti honestamente insieme. Ma converrà che radoppiamo gli amorosi abbracciamenti, et avanciar quello, [38r] che per l’adrieto habiamo perduto. Et saremo, come in volgar proverbio si suol dire, quattro corpi, et una sol’anima. Non serà così, Genevra, cognata mia?

[40] GINEVRA
Signor sì. Et quanto per me, non pregherò Dio tanto di altra cosa, quanto che ’l rimanente di nostra vita sia in modo, che tutti quattro d’un medesimo volere viviamo. Così potessimo hora le nozze cellebrare! Ma le cellebraremo nella patria nostra.

[41] THEODORO
Et perché non doverò io pregare Idio continuamente altressì? Qual compagnia mi potrà esser più grata di questa? Et moglie et sorella mi siete, et l’una et l’altra.

[42] ISOTTA
Cussì Idio il viaggio nostro prosperi, et lieti, ove hoggi intendiamo di andare, ne conduca, come ch’io desidero che d’una medesima voluntà, di un medesimo desire viviamo.

[43] TANCREDI
O città gloriosa, che sei stata la fine delle nostre aversità, et il principio di tanto nostro bene, il guidardone, che meritareste, non posso, né (se havesse più potere de tutti gli huomini del mondo insieme) potria a tanto dono darloti conveniente; ma il Sommo Motore ne prego che te lo rendi, come quello a cui nulla è impossibile, et l’amore, la cortesia, la gentilezza, et la magnificentia de’ tuoi Signori, de’ tuoi egregi Cittadini, et delle tue nobilissime Madonne, sempre in honore tenga, et te sotto tranquilla pace governi, et di abondantia [38v] ti colmi, ti difenda contra il furore de’ tuoi nemici, et ti guardi da ogni loro insidia. Et più tosto di ogni tuo lieto, et pacifico stato si dogliano li mali vicini tuoi, che tu ad alcuno porti invidia; et il nome de li chiari spiriti, che in te albergano, rimanghi al mondo cum eterna fama. Padova, per mille opre, et mille, famosa, rimanti in pace.
 

[44,1] RUGIANTE entra in scena biastemando per haver rotta parte delle robbe de messier Thomao, et dice.
 
Potta del caìre! Vegne el cancaro, con pi se ha priessia, el cancaro intanta pi! Te par mo [che] a’ he rotto e rinali e pittaruotti e el cancaro?

[44,2] Que ’l cancaro la magne, la no vêa l’hora de mandarme fuora de ca’, st’altra brama-caviggie-dal-cao-grosso! “Va’ presto, tuoge mo su!”. E no dego saere que l’ha fatto vegnire in ca’ el so berton? Vegna el cancaro..., squaso ch’a’ no dissi, a’ m’he sbregò un zenuogio de bel sbregare! La pianzea, con a’ me partî; adesso la sgrigna, que la pare na cavalla, quando la ge brusa sotto coa. Cancaro a ella, e i suò berton!

[44,3] Moa, aviève inanzo. Caminè.

[45] SIER THOMAO
Hastu ogni cosa?

[46] Messier sì, caminè pur via.

[47] SIER THOMAO
Hastu i zocoli frattoni?

[48] Messier sì, caminè. A’ he ogni cosa. Caminè.

[49] SIER THOMAO
Hastu la mia baretta de notte?

[50] [39r] Messier sì, cancaro alle berette. Caminè, que a’le azonzam, caminè.

[51] SIER THOMAO
Hastu i scoffoni?

[52] Messier sì, caminè, ch’i dego pur haere. Caminè, potta del cancaro, que andagan in la barca, don le va elle! Caminè, caminè.

[53] SIER THOMAO
I hastu tutti do, i scoffoni?

[54] Messier sì, que a’ crezzo de sì, que ’l cancaro a i scoffoni. Caminè, fè i passi lungi, s’a’ volì mo.

[55] SIER THOMAO
Hastu l’albarello da l’onguento?

[56] A’ l’ho ben, sì. Caminè, caminè.

[57] SIER THOMAO
Ti no ha zà rotto gniente, no?

[58] Rotto gnente, no. Caminè, messier no, caminè.

[59] SIER THOMAO
La mia cinquedea l’hastu tolta?

[60] Ho tolto le manezze e agno cosa. Caminè.

[61] SIER THOMAO
No digo i vanti: la storta!

[62] A’ falon, cancaro a i stuorti e an a i derti! Andagon de chì, que l’è pi curta.
 

Il fine.