Archivio digitale veneto

Ruzante, L'Anconitana [ms. Marc. It. XI 66]

 

 

[126r] Comedia del ditto.



[Prologo primo]


Prima il Tempo pronuntia la festa.
 
TEMPO
 
Che non può fare la cortesia d’un spirito valoroso? Poi che sono el Tempo, vincitore di quanto è creato, sono de la cortesia d’ un huomo vinto; et me, che con el fugir mio gli anni, i mesi, giorni et hore, etade et secoli, [et] lustri consumo, et le lunge memorie de le mortali fame meno in preda, ha condotto nuntio di nuovo caso; né di ciò mi pento, poi che a tanti nobilissimi spiriti, che qui veggio, son venuto a porger diletto. Lassate ogni altro pensiero, poi che un nuovo caso amoroso siete per udire, ché vi prometto, mentre che a li piacevoli ragionamenti, che ad sucedere hanno, darete udientia, anchora che la prontezza de l’hore non posso ritenire, non di meno farò che per voi, né per conto del vivere vostro voleranno, ma per el rimanente del mondo sì; et a la fine loro pervenuti, più di me guadagnato che perduto haverete. Et aciò di questo prendiate certa fidanza, io in uno di questi canti lasciato ogni mio costume mi ponerò a sedere fino [126v] a la fine.

Il caso è novo, et in Padua advenuto; dipoi ad consolatione vostra ridotto secondo l’antiquo costume in comedia, et a quella dato el titulo de la “Anconitana”; et son certissimo che favola non si raconti più bella di questa. Et audite l’argumento.


Argumento


Tancredi et Theodoro, gioveni siciliani, et Isotta, donna di Gaieta, che sotto habito di huomo si fa chiamar Gismondo, furno presi tutta tre da’ corsali, et venduti ad un moro; dipoi da un mercatante venetiano riscatati, et condotti a Vinesia con promissa di non mai da lui partirsi, se intieramente non era da loro de’ suoi denari sodisfatto; i quali havevano in Sicilia mandati a togliere. Et perché erano tutta tre di vertù gentilissime vestiti, venero in questa cità fatti suoi avisi di aconciarse per mezo de le virtù loro a’ servigii di alcuna valorosa donna, da quella traendo li denari per sodisfare al mercatante. Et mentre questi tre giovani racontano le virtù sue ad una cortegiana, chiamata Doralice, che ad una finestra dimorava, avene che una bellissima donna venetiana, moglie de un richissimo vechio, similmente venitiano, già sensale stato, chiamato sier Thomao, inamorassi di questo Gismondo credendolo huomo, et induce il vechio marito suo a riscuoterlo; il quale amando sconciamente Doralice, mentre che per mezo de un suo fameglio detto Ruzante, che altresì in una fante de Doralice ferventemente è inamorato, cerca da venire a l’ultimo amoroso diletto.

Aviene che Ginevra, donna vedova anconitana, veduto Gismondo in Ancona, et falsamente credendolo huomo, del suo amore ardentissimamente presa, con una sua sola fante, Gita chiamata, in habito di huomo ambodua en venute in questa cità per ritrovarlo, dopo lungi ragionamenti et acidenti amorosi viene a ritrovare quella esser una sua sorella otto anni peregrina andata, et da lei per morta pianta. Ultimamente si maritano: Isota prende per isposo Tancredi, e Ginevra Theodoro, tratti di servitù da certi gentilhuomeni paduani; et a goder si tornano ne la loro patria. Sier Thomao et il fameglio suo Ruzante ordina con Doralice et Bese, sua fante, il modo di godersi questa sera insieme, vanno ad una villa non guari lontana.

Ma parmi udire che quello, che in breve parlare vi ho divisato, essi si aconciano con lungo ordine, et con più piacevoli parole a ricontarvi; onde, se vago disio di novelle cose vi muove punto l’animo, a le sue parole date benigna attentione.


[Prologo secondo]


RUZANTE
Perqué g’intrigi de assè fatte, i scapuci del mondo in purasè vie e muò el celibrio e le fantasì de gi huomeni va volzanto e revolzanto e sbragagnanto, e perzóntena el se vé che uno ha piasere de andar con le biestie, e deventa boaro, un altro vacaro, un altro pegoraro, un altro harà piasere de laorare in campagna, un altro de essere massaro de ca’ e de smassarizare, quel altro de guagnar roba, quel altro de costionizare e farse braoso; e l’altro, che sarà stò sbolzonò d’Amore, no zarlerà mè d’altro, e se penserà sempre mè a che muò el porae menar via la so morosa, e cognose le morose de tutti, e tutti quigi che è inamorè, hora el sta de bona vuogia, hora de mala, hora el sgnica, hora el se la ri. E de quisti inamorè ge n’è pi ca no g’è celege al tempo di megi.

[127r] E perzóntena mo mi, che son mi mo e che a’ sè quello che se pò saere, de Amore a’ vuogio rengare e no de altro, e chive chialò quéncena chialóndena chivelò chì in sto luogo a’ ve vuogio far far sentire straparlamento d’Amore com se sentisse mè, intavegnù chì in Pava; ché adesso chì, com a’ sai, e’ no ge è se no cielo e amore, e chi no è inamorò, e chi favella d’altro la no ge butta bianco.

E’ g’he an intendù fremamen che Amore, per paura de Turchi ch’i no l’impalesse adesso in ste moeste, è partù de Cypro da ca’ so, elo e so mare, [e] si è vegnù a ficarse in ste muragie per essere a la segura e in luogo pi forte, e fa inamorare tutti. Mo no vîu che chi no è duniarin e inamorò, e che no vage con el regazo e con la muleta dunianto, tutti el trogna? Mo no vîu che le done, che n’è cortesarine, i dise che le n’è belle? Mo chi cancaro favelerae d’altro? E tanto pi che, se no foesse Amore, vache, piegore, scrove, cavale, né altra biestia del roerso mondo farae mè furto.

Amore, an? Mo a’ vivessam debotto, se no foesse Amore! Mo no se ficalo, per farge vivere, chiamentre mè in la terra? Chi se ge ficherae se no ello, a inamorare la terra per norigar le biave? A’ morisam pur da fame.

Amore, an? El no sa andare in gi arbore (No, ’l ha el tiro!) a fargi far furto? Amore, an? Mo guarda se ’l è homo da ben, sto Amore, e si el ne vo ben, e si ’l è de descricion: perché el cognosse che, com ’l entra in gi arbore, lo g’inamora, e perché i stropari, com gi è in amore, le strope no tien, ché le n’è buone, e per no ge far sto danno el sta tanto a intrarge, che da quel tempo haom rivò da bruscare e no haom pi besogno de strope.

Amore, an? No favelare d’Amore, che ’l povereto per amor nostro, e per darge comelitè al magnare, se fica sotto aqua a far inamorar i pesse e fargi smultiplicare. Chi fa andar le anguille in frega? Solamen Amore.

Amore, an? Mo per farge apiasere no falo vegnire i rosignuoli a inamorarse in sto paese, che i sona sì bon a cantare che se perderae agnoli, arcagnoli, guangelista, martore, confessore? Mare Biata!

Amore, an? Andasan a scazafasso! No favelare mè d’altro, e no voler ben a altro. Mi inchindamò a’ son sì inamorò in Amore, che ge farae così vontiera un servisio com cosa che a’ faesse mè. Mo se no foesse Amore, sasem vivi, né negun mè nassù? Mo a’ cherze ben de no, ché Amore, com dise la Leza, fa mario e mogiere de du uno, che la dise: “Eren duo in carne l’una”. E se el mario foesse de una volentè e la mogiere de un’altra, e uno se voltasse in qua e l’altro in là, e’ naseson in le nege! Mo l’Amore se caza de mezo e fa de du uno, e a quel muò se ven a impolare e nassire. Mo no sa tutt’homo che incalma? S’te sè un arbore, e sea pur vivo e fresco se el vo: se ’l calmo e el calmeto no è in amore, el no se arpigierave mè. Poh, ’l è un gran fatto!

Amore, an? Amore no sa ficare, int’i putti e int’i huomeni grossi, celibrio? Con sarae che, com un putto boaruolo sente Amore, de fatto el vol vestirse da festa? Amore, an? No, l’Amore no fa deventare balarini? No, ’l ha ferdo! El no sa far deventar saltarini e gagiardini? No, ’l ha mosche! El no sa far deventar cantarini? No, el trogna! El no sa far deventar spadarini? No, ’l ha paura!

Amore, an? Mo chi cancaro sarae quel cancaro de quelù che volesse mè favelare d’altro ca d’Amore? Amore per mare e per terra! Per amore de vu, bella brigà, e per farve cosa che ve sea in piasere, a’ fazon sta comieria che è tutta cielo e amore. E per amore che ’l ge n’è de quigi sletran che dise che comidiare vol dir “magnare”, azò que a’ no intendessé per sta via, che sarae ben el cancaro, Amore per amor me ve priega che aspitè, che, com haem rivò questa, a’ ne farom un’altra. E mi an mi per amor de Amore

[127v] a’ ve priego, brigà, che per so amore, azò che chi sente d’Amore non se desnamore, e quegi che no va in amore se inamore; e perqué el poverhomo d’Amore si è com a’ ierenu nu quando muzavinu per i Toischi e per i Spagnaruoli, ’l è muzò an elo da ca’ so per amore de no essere impalò; e perzóntena a’ ve priego che a’ no ’l vogiè refuare da tegnirlo infra vu, femene e huomeni a bel fatto tutti, perqué el dà piasere ello solo do’ ’l se fica. E com a’ v’he ditto de sora, se ’l no foesse ello, da che sasénge al mondo? E talmentre vu, femene, che a’ no sasé cognosù. Mi a’ vuò dir de mi, se foesse una femena, vegnisse pur Amore da hora e da strasora, a’ l’albergerae sempre ontiera.

Questa è la veritè, ché inanzo ch’a’ cognoscesse Amore, an mi, perqué aea aldio dire che ’l giera ria cosa, a’ me ’l cercava da parar da cerca da mia posta. E a’ ve dirè an pi: come me sentiva muovere l’amore, de fatto tolea l’ordegno in man, e sì me spuava su i palmuzi de la man, e man mena e laora tanto a zapare, a vangare, a sbailare, infin de tanto che ’l povereto arbassava el cao e andasea in là e no me dasea pi fastibio. Mo dasché a’ la provié la prima fià, a’ ve dige che a’ he habù de gran piasere da ello, che pensantomelo a’ no posso star che a’ no spue. E da tanto ben che a’ ge vuogio, a’ m’he sì incatigiò el celibrio e la smalmuoria, che a’ no sè quel che a’ era vegnù a fare chivelò.
Ben, an, da davera. Mo el vegnirà tri, tri, tri, e po uno, che ha lom quatro, e po du altri, e sì sarà inamorè. Oh, cancaro i magne, mo la sarà pur la bella filatuoria, la bella noella! E quelù che favelava a ella. E po uno che no ge serà mè pi stò vegnirà an ello. E po, com ’l haverà ditto e ditto, el vegnirà po un altro. Oh, cancaro, la sarà la bella cancaro de noela!

Tasì pure, a’ i vuò andare a chiamare. Tasì pure, mostrè che no habiè intendù zò que habia ditto, ché i se scorezarave. Tasì pure. Aldi, a’ sento ch’i ven mo a dirve.


Atto I


TANCREDI, THEODORO, GISMONDO, già stati schiavi de’ Turchi, et per uno mercatante veniciano rescossi, entrano in sena parlando uno a l’altro; et dipoi ad una finestra a DORALICE cortesana parlano.
 

[1] TANCREDI
Io non ci vedo altro modo a liberarci, che il mezo de le virtù nostre. Elle sono di sorte che deveno piacere a tutte le donne, et magiormente a le donne di questa famosa cità, le quali, secondo che ho udito ragionare, oltre che sono cortesi et bellissime, sono anchora amante de le virtù, et de le persone in cui fiorisse essa vertù. Facilmente potrà cadere nel’animo di queste madonne voler imparar di queste nostre scientie, et per riscatto di noi daranno al mercatante quello che egli diede per noi al moro. Lo esser lontano da le case nostre ci concederà senza alcuna vergogna andar visitando le altrui, et a le gentildonne di quelle far le virtù nostre chiare, et a loro adiuto adimandare, et seco stare a’ sui servigii, fino che o letre o denari da la patria nostra verranno. Et se per tutto ciò avenisse che mai non venissero, a quali più degne et quali più benigne persone potremo esser serventi che a queste nobilissime madonne? Io per me più cara mi tenerei tal servitù che altra libertà.

[2] THEODORO
Veramente et io altresì sono del tuo parere, e se mi credessi de divenire il maior signore del mondo, non gaberei il mercante; [il quale] oltre che per riscatto di noi, che eravamo schiavi, pagò quella quantità di [128r] moneta, ci ha dato anchora libertà che ove più ne piace andiamo per ritrovar modo di rendergli li suoi denari; che è stata gran cortesia, senza voler essere securo.

[3] GISMONDO
Non faciamo queste ragioni adesso. Quello che habiamo cominciato, sequiamo. Et tu, Tancredi, saluta quella gentildonna che a quella finestra dimora; et a lei dipoi racontiamo il caso nostro, et le virtù nostre. Forse, se ella non ne aiuterà, ne provederà de adiuto per altra via.

[4] TANCREDI
Ben hai detto, Gismondo. Ben possi star, vostra signoria, nobilissima madonna.

[5] DORALICE
Siate ben venuti, gentilhuomeni.

[6,1] TANCREDI
Nobilissima madonna, nui fummo presi da certi corsali sopra una nave di nostre mercancie carica, et dipoi venduti ad un famoso moro, sotto la podestà dil quale fra molti disagii aspra vita fin hora habiam menata, ogni speranza lassando non mai di tal servitù ussire, se non sopravenia uno mercatante venetiano; il quale, cognosciuti noi per cristiani, per riscatto nostro diede certa quantità di moneta al moro, a cui eravamo stati venduti, et noi seco fin a Vinegia trasse, con promissa nostra fattali mai non si partir da lui, se intieramente de li soi denari non era da noi sodisfatto. Et perché ci ritroviamo lontani da la patria nostra, che è Sicilia, ove con lettere a’ parenti nostri ne habiamo avisato; ma perché per la lungezza del viagio adviene talhora che si sogliono smarire le lettere, habiamo fra noi istessi deliberato mettersi a’ servigii di alcuna nobilissima madonna, et ella per noi pagando li denari al mercadante, che per riscatto di noi spendeo, a lui in un medesimo tratto, et a noi, et a la gentildonna sodisfare: a lui, che di sui denari non patirà lungo disagio; a noi, che de l’obligo, che con esso abiamo, ci libereremo; a la cortese donna poi in che sodisfaremo intendereti.

[6,2] Et prima, da me incominciando dico quella gentil madonna, per la cui cortesia di cossì fatto obrigo sarò tratto, oltre che ad un piciol cenno in tutte le cose che in piacer li sieno me havrà prompto, potrà lodarsi di un parangon di fideltà; et oltre di alcuna particular virtù potrà servirsi di me. Et questa è che io ne la mia giovinezza disposi li mei primi pensieri a la dolcezza de’ versi de la volgar lingua. Me obligerò adonque, fino che mi basterà la vita, consecrare al bel nome suo li pensieri, l’inzegnio, la lingua, la mano, il stile, et quella con el mio studio mi sforcerò di fare risonare fra li nobili inteletti, tessendo in rime elette, et cum amorose lode dipingendo hor li ochii suoi legiadri, hor le bionde trecie, hor lo honesto petto, hor la bianca mano, hor li cari sguardi, le parole, gli atti, la legiadria, la honestate, l’habito, lo andare; et in diverse compositioni: in capitoli, in epistole, in egloge, in canzoni, in sestine, in sonetti, in madriali, in stanze, in ode, in barzellette, in ballate.

[6,3] Et veramente non piciola offerta, a l’altezza de l’animo di qualunque donna, deve esser questa mia, né poco cara, pensando quanto grande siano le force de la penna. Le force de la penna sono tropo magiori che coloro non istimano, ché quelle con cognossimento provate non hanno. Veramente io direi cossì fatte cose in lode di una bella donna, che nonché a se stessa piacendo si teniria cara, ma dal mondo tutto saria tenuta cara, et apregiata; et cossì del contrario direi cose che udendole, non potendo morire, li faria venir in odio la vita, et dal [128v] #mondo altresì esser odiata.

[6,3] Né crediate, per tutto ciò che ho detto, che di tanta presuntione sia che poeta mi vogli dire, ma amante di essa poesia mi dico bene; et bene o male che mi dica, lascio nel benigno iudicio di quelle persone che più di me sano.

[6,4] Voi donque, li miei compagni, il cominciato ragionamento sequendo a questa gentil signora li vostri intendimenti fareti noti; et ella intendendo le virtù nostre, per lei segliendo il più confacevole a sue bisogna, li altri dui, a vicine o amiche o parente servendo, potrà far liberare.

[7] DORALICE
Veramente gentilissima virtù è questa vostra, et poche donne o niuna è che se ne facia conto. Da che siamo noi, levatone via questa poca belleza, la quale pochi anni guastano? Da nulla! Unde che un scrittore ne faria sempre rimaner belle dopo’ morte ancora. Guardate che è avenuto di madonna Laura tanto lodata dal Petrarca, che si trovano al dì d’hozi de quelli, che infiamati de la sua belleza anchor sospirano et si dogliono non esser stati al suo tempo, overo che ella non sia stata al nostro. Gran forza hanno e’ versi!
Horsù, et di questo altro giovine, qual virtù è la sua? Dite, di gratia.

[8,1] THEODORO
A lo incontro de l’oro, che quella cortese anima di qualunque valorosa madonna spenderà per riscuotermi, sarò sempre a quella cordialissimo servitore. E perché comun disio è di ciascuna donna, anci dirò somma cura, di acresser le sue bellezze naturale, et in ciò et tempo et denari ispendeno in mille maniere: in aque incorporate cum sulimato, in belletti cotti, in chiarimenti, in lustri, in bianchizamenti di capelli, in sotigliamenti de’ peli, in colorimenti di carne, et in mille altre brutte unture; le quali cose quanto più per piciol spacio di tempo vi faciano parere, a gli ochi di coloro che vi mirano, belle e riguardevoli tanto più, quando cominciate a discendere a la tepida etade, vi mostrano soce e brutte; percioché mancata nel vostro viso la prima [virtù] de’ belletti, de’ lustri, de’ chiarimenti, che più vage e più colorite a gli huomeni vi facea vedere, rimane in le delicate carne vostre la sua fecia, che è possente di mutar la lor morbida natura ne la sua ruvida qualità; et quindi nascono le spesse crespe, che per la fronte, per le guancie, per il petto inanti a la debita ettade apaiono; quindi divengon rari, et canuti e’ capegli; quindi il palido colore; quindi si infragidiscono e cadeno i denti inanci tempo; quindi li occhii par che continuamente lagrimino, quasi la lor presta perduta legiadria piangendo; sanza che le labra de’ mariti vostri, che al volto per basarvi vi si acostano, ne ritornano spesse volte invescate; et aviene che men belle parete, quanto più con questi imbratamenti vi cercate di abellire.

[8,2] Ma quella, a li cui servisii sarò, non haverà di questi impiastri, né unguenti, ma pure aque senza corpo di semplici herbe, stillate a’ fochi de odorifere legna; la virtù de le quali non solamente in abellire il viso, il petto e il collo valerà, ma reimpierà la carne de’ più soavi odori che in excellentia siano: aqua da crespare e biondegiare le trecie, aqua da alargare et serenare la fronte, aqua da inarcare et imbrunire le ciglia, aqua da colorir le guance, aqua da arossir le labra, aqua da far li denti bianchi, aqua [129r] da far la gola bianca, aqua da far morbido el petto, aqua da far bianche le mano; la virtù de le quali nel loco dove sarano adoperate durerà per tre giorni, et altretante notti; e non averà di loro come di questi volgari belletti aviene, che, quando la matina vi levate, vi lasciano nel viso, e sotto li occhi, e ne la carne una certa palidecia de mille varii colori adombrata. Imaginisi adonque quella legiadra donna, a cui sarò servitore, quanto da le altre sarà istimata excelente, quanta virtù aquisterà con picola quantità di moneta.

[8,3] Oltre di questo, di odori, di profumi potrà tutte le altre donne di gran longa avanzare, perché io toglio l’odore al muschio, al zibetto, a l’ambra, al benzuì, al spico, al storaze, a cui più, a cui meno, e di quelli compono una mistura mescolando cum essa alcuni semi de herbe, alcuni fiori, che diventa di tanta suavità che per ferma oppinione tengo che a l’odor di quella si potria l’alma “et” el corpo insiememente riunire. Le aque rose, le aque di gelsomini, le aque di fior di melangoli, le aque di profumo, le aque nanfe, le aque de’ fior de’ cedri per nulla le reputo, perché io stilierò aque di non conosciute herbe, né mai a noticia di altro huom pervenute che a la mia, che vinceriano di odore li più mirabili che hoggi siano in precio.

[8,4] Porgete hora orechie a le virtù di questo altro compagno, che d’un’altra guisa de virtù è dotato.

[9] DORALICE
O galante virtù sì, per mia fe’! Ma voglio pur in questa parte diffendere le donne. Quelle che si fanno belle, se sono maritate, lo fanno per piacere a li mariti loro, aciò non si svoglino di loro, et vadino a l’altrui femine; né per tutto ciò non li possono far rimanere che non le lasciano sole et fredde la notte ne i letti loro, et vadino altrove procaciandosi di novo cibo. Ma lassiamo queste parole. Et questo altro giovine, di che altra virtù è dottato?

[10,1] GISMONDO
Non posso, gentilissima madonna, in che servirò quella magnifica patrona, per la cui generosità sarò riscatato, far che io non dica che il padre mio dui figliuoli hebbe senza più, et egli et la madre noi d’un medesimo parto havendo partoriti passò di questa vita, per il che di uno avo materno fummo fino a li sette anni alevati; dipoi per odio di nostri parenti a noi portato, et per fugire le insidie loro a noi ne la vita tese, fummo disgiunti. Quello che del mio fratello advenisse non potei mai risapere. Io in habito di donna fino a li diciotto anni stei rinchiuso in un monasterio di monache, ove in cambio de le lettere a l’aco, a la roca, al fuso diedi opera; et prima imparai a tirare in filo el lino et la lana, dipoi a comporre et tessere le tele, et dipoi con l’acco di sete di varii colori trapugnerle, e ricamarle d’oro et d’argento, et in quelle dipingere et colorire figure d’huomeni, d’animali, d’arbori, di paesi, di lontani, fontane [e] boschi. Et in breve, quello, che faria un penello da un dotto dipintore, io con l’acco, con la seta tinta de varii colori farò.

[10,2] Et ciò che per me si dipinge è con atti, con moventie, con girature, con panni, ignudi, in maiestà, in profilo, in scurcio, adombrati, et coloriti, con reflessi, con ombre morte. Et se de diecemille figure le più belle parte scegliesse, quello so io benissimo acompagnare, il che in pochi si ritrova; et dipoi colorire di azuro, di gialo, di perso, di vermiglio, et più et meno, come richiede lo effetto de la figura. Li lavori di camise e di gorgiere, di trapunti aurati et serici benissimo li so fare.
Oltre di ciò ho [129v] perfectissimo iudicio, et intiera cognitione di adornare una donna di vestimenti, de scuffie, de balci, di trecie, di gorgiere. Et scio quali colori de drapi siino più confacevoli a la donna bianca, et quali a la bruna; et quali panni meglio se acompagnano a le divise et a le nove livree; de imprese, come significano o amore o speranza o gelosia, et altre simile cose; come se deno portare le faldigie, come la scuffia in balzo riesse meglio o coprendo tutti li capelli o lassandoli vedere un dito o dui; a qual donne rieseno le orechie forate, et come meglio se li confacino o le perle o le fila d’oro et in anella rivolte. Le guise de’ cassi, come vogliono essere a far parere il petto morbido, et far mostrar le mamelle o poco o meno; gli monili, le catene d’oro, le perle ordinate in fila come facino parere più altera la donna; de le anella anchora, quali diti se debano ornare; come deve movere il passo la donna, come deve ridere, come volgere li ochi, come far riverentia, et in quali atti più di gratia et più di honestà si trova; come si dee fregiare una vesta, et nove guise da agiungere diversi colori de’ panni, che più legiadri paiano.

[10,3] Et invero ho veduto in questa cità molte madonne tanto inordinatamente aconcie et ornate, che, se a lor stesse fussero così note come a chi le mira, se anderiano tutte a riporre. Ele nel spechio con li proprii ochi si rimirano, o al iudicio cieco de le fantesche se riportano; le quali più presto de una scancia de scudelle che di adornamenti di donna saperiano iudicare.

[10,4] Alcune donne ordinano li capegli equalmente castignati, et tutti ad un ordine posti, che uno l’altro non passi. Alcune lasciandoli cossì inordinati hano di acressimento di gratia et di beltà, tanto che non si potria con mille lingue racontare. Con sofferenza vostra, madonna, tirate quella scuffia un dito più inanci, che non si vedino tanto e’ capelli. Oh, vedete che più de gratia havete, perché il viso vostro è alquanto scarmo. Siché a la donna che mi riscoterà sarò servo e fante, e homo et femina.
Piacendovi adunque uno di noi, pigliareti quello che più vi piace; che io non ho a dire altro, a li effetti remettendomi.

[11,1] DORALICE
Bellissima, oh, bellissima virtù è quest’altra! Et veramente io al iudicio de la mia fante mi conzai il capo questa matina, et vedete come stava fresca! Elle dicono poi, queste tristarelle, quando li si grida: “Voi siete fastidiosa! Ella è bruta e vuol ch’io la facia bella. Mai non se li pò vivere!”. Ma lasciamole con el malanno.

[11,2] Invero, legiadri gioveni, le virtù vostre sono somamente da commendare, et da esser tenute care da l’altezza de l’animo di qualunque donna. Io per me non posso comperar tante virtù; ma non potevate capitar in miglior cità di questa, percioché ci sono di gran signore, et tanto amante de le virtù, che cregio che con el sangue loro, non havendo altro modo, vi riscoteriano. Cercate. Sono le donne di questa cità cortesi, gratiose, liberali, magnifice. Io non son da porre nel numero loro, ché io son forestiera. Duolmi de la adversità vostra; ma cercate con buona speranza, che troverete chi vi trarà di cossì fatto obrigo.

[12] TANCREDI
Non poco ci adolciscono le vostre parole, poi che vi doleti, gran mercé di Vostra Signoria. Siamo stati da alcune altre gentillissime madonne, da’ quali però grandissima speranza habiamo riportato. Rimanetivi in pace.

[13] DORALICE
Andate, che Idio ponga buon fine al vostro disio.

[14] TANCREDI
Cortese, invero, et pietose sono le donne di questa cità. [130r] Con quante dolci parole tutte hano mostrato che ’l caso nostro gli incresca! Gismondo, quella, con chi parlammo presente il marito, ti haveva sempre gl’ochi adosso. Io mi credo per certo che ella ti habia a riscuotere.

[15] GISMONDO
Volesse Idio.

[16] THEODORO [Thodaro]
Questo medemo parve a me. Cerchiamo altrove. Andiamo.

[17] TANCREDI
Andiamo.

[18] GISMONDO
Andiamo.


Atto secondo
 
Messer Thomao vechio
 

[1,1] THOMAO
El sé una gran cosa, che son vegnuo in questa terra zà tre mesi per muar àiere e per star con l’anemo contento, che no me possa anchora drezar a viver in pase con sta mia moier! La vuol pur che sempre buta via el mio e contentar i so apetiti, e no varda a la mia impossibilitae. La vuol adesso che traza un schiavo che xe stao in man de Turchi, e tegnirlo con essa per imparar vertue. E’ la voio compiaser in questo, perché, se no ’l fesse, sempre la me rosegerave, sempre la me tegnerave strucolao. ’L ha bona ciera de zovene, el sarà anche bon da altri servisi. La dise che el sa cossì ben cosir, cossì ben taiar, e che l’ago ge par tanto bon in man, e che el fica sempre i ponti con tanta galantaria, con tanta mesura. Che diavolo, la sé vertue anche questa, galante e piasevole, da donne. El sarà anche bon da vegnirme dadrio anch’ a mi per fante, e sì credo che ’l habia bona forza per vogar de mezo.

[1,2] Che gran quantitae de danari sé questa? E’ ’nde spenderae volentiera el dopio e poder haver el mio intento con quella forestiera che son inamorao! Se mia moier haverà sto schiavo, la tenderà a l’ago, a farse taiar e stricar le veste, e sì no me varderà sempre drio, e sì no vorà sempre saver donde son stao: “Che havéu fatto da la tal? e da la tal?”. Anche mi sarò più libero de quel che son.

[1,3] Onde poràvio trovar costori? Anche Ruzante ge sé andà drio, anche esso, e sì no vien ni un ni l’altro. E’ voio andar cercando per le contrae. La vista no me serve tropo ben: se no i vedo la lai, da lonzi no i porò figurar.
Sto tanto caminar no fa a proposito per el mio cataro. E’ me voio voltar de qua, forsi i caterò.
 

[2,1] Ruzante solo
 
Cancaro a i Turchi e a i Muori e an a i pigiè preson de Turchi! A’ he cercò bonamen tutta Pava, e sì a’n’i vezo. Horbéntena, chi n’ha ventura no vaga a pescare.

[2,2] La mia parona, che s’è andà inamorare in quel sberozaeto, in quel smenueto che par un luzo firto, e sì vo che messiere ge ’l scuoa, e sì dise che la ’l vo perché el sa così ben taiare e cosire e arpezare, e che ’l ge piase tanto el so ovrar de gusella, e che ’l sarà bon an per messiere; e ello ge ’l vo scuòere, e sì me ha mandò a cercare s’a’ ’l cato.

[2,3] Cancaro el magne, l’è inamorà la mia parona in ello, ch’a’ el sè ben mi! Almanco favellésselo com a’ fazon nu. In malhora, dasché la se ge dêa inamorare! El va intoescando con la lengua che “l’amore che l’ano fatto de la vita mia, che lo sanom fare de le scuffie che le pareno bon...”. Cancaro el magne! Oh, cancaro, el m’è viso che a’ i voiam far biegi i punti! El m’è così doiso che la ’l voia per altro ca per cosire! A’ me smaravegio lomè de sto vegio che ’l no se pense qualche male che porà intravegnire. Ma sì, ’l è inamorò an ello, el se pensa d’altro. Orbéntena, l’amore è
[130v] orbo, lo no ge vé gozo!

[2,3] A’ sè che ge n’è tri de gi amore su un picolo. Mata la scroa, mati i porciegi. El me paron è inamorò in madona Raralice, e mi in la so massarola, e la mia parona in quel turco pigià da Turchi. Cancaro, l’è la bella noela! Se Die m’aì, a’ cherzo de indivinarla megio mi ca negun d’eggi.

[2,4] A’ vuò andar a veér s’a’ la poesse mè veére o catarla deschiapà, e favelarge. A’ vago in casa da per tutto, e sì a’ n’he comelitè de favelarge. Pur che a’ no me perda com a’ la veza. Dégogi aspitare che la vegne o que dégogi fare? S’a’ sbatto a l’usso, so parona sentirà; s’a no bato, a’ me porà fuosi così abirare, che la no vignerae ancuò.

[2,5] Aldi? Tasi. A’ sento pur sfregezare. A’ vuò sigolare. Sbio sbio. ’L è megio sbatere e muzare. Ta ta ta, don don don. A’ vuò tornare. Ta ta ta, don don don.
 

[3] BESE fantesca aperto l’uscio credendo che siano fanciulli che batteno, dice.
 
Musi de giutti, hasséu secchè le man! I sbate e po muza.

[4] Sbio. Ou? A’ no vossé po gnan ch’i l’haesse secchè! A’ son stò mi. Con stèu, an?

[5] A’ sì stò vu? A’ crêa che ’l foesse stè sti musi de giutti de tusi. A’ stago ben mi. E vu?

[6] A’ starae ben, se no me fassé sgangolire. A’ me fè pur stentare, mi.

[7] A’ no fago stentare negun, mi. Que ve fàgogi?

[8] A’ no me fè gniente, ma a’ no me lagè gnian far a mi.

[9] A’ sì ben de quî vergognusi che se laga morire. N’havìu do man pichè al busto da poerve aiare?

[10] No, aldì, una cosa me conforta, che, com disse colù... Vì, serore, una fià e trognè, mo a’ trognerè an mi con questo, che a corozar no vagia.

[11] A’ no trogno de gniente. A’ sè che ’l no ve se pò pi sentire andar cantando da quenze. Haì pur el bel soran. Se Die m’aì, ch’a’ son inamorà in vu pi per el vostro ben cantare, e bel balare, ch’a’ no visi mè, che ’l m’è viso che supia in paraiso co a’ v’aldo.

[12] No, aldì, a’ ve l’he ditto, serore, anchora: no me trognè.

[13] A la fe’, a la fe’, sora de l’anema mia che a’ no ve trogno.

[14] Cancaro, mo se m’aessé sentù l’altro diazzo, che a’ ièrinu du e sì cantàvinu in quatro, e mi a’ fasea soran, hassé ditto che a’ sonàvinu sigoloti o pivi de Ferarese! A’ se inorganàvinu che le oxe e ’l cantare [andasea] un in l’altro che a’ dissé: “I canta per ponto de rason”! Cancaro, el m’è viso che a’ se avegnessan da mi e vu a cantare! Mi a’ farae de grosso, e vu da sotile, e mi de sora, com a’ vossé, che a’ la fassam andar in l’àiere.

[15] A’ se avegnessan, s’a’ me vossé tanto ben com a’ ve vuogio a vu.

[16] A sangue del cancaro, volzìve da quel lò là o’ volì, a’ ve buterae de sotto da ben volere! Mo ve ’l poesse cossì mostrare com a’ v’in vuogio, ché, a sangue del cancaro de merda, a’ meno pi duramen la mia vita, pensantome de vu, che no fé mè can. El par che ’l me sipia stò becò el cuore da un gran bresparo, che ’l me se vage fregolanto per lo magon, per i buegi, tanto che ’l me buta una insagna, una smagna per adosso, che ’l par che sipia cargo de fuogo salbego. E po a’ volì dire de ben volere. A’ ve vuò pi ben a vu, e sì a’ son pi inamorò in vu, in lo fatto vostro de vu, che no fo mè can de chiza.

[17] Oh, Ruzante, i n’è tanti luvi in un schiapo! Se a’ me volì sì gran ben, ché no fèu che ’l vostro paron, che è inamorò in la mia parona, no guarde a dinari, che a’ stassam po tutti quatro de brigà? Che altro muò no g’è ordene, perqué, aldì in [131r] la rechia, ’l è stò ditto tanto male del vostro paron a la mia parona. Puh sì, che ’l è de qua, che ’l è de là, e che...

[18] A’ intendo, pota del cancaro! A ela de elo. Sì, sì, sbossò, sì. Andè drio. ’L è vero po.

[19] A’ stassam po de brigà tutti.

[20] Mo m’imprometìvu fremamen? Mo tochème la man.

[21] A’ v’imprometto, e sì a’ ve attenderè.

[22] O man, manetta giuriosa! A’ ve la vorae poer tuore senza far male, sta man. A’ n’haverae assè. L’è pur tofoletta. A’ sì pur tutta bella, coloria com è un pomo cielà.

[23] Mesì, a’ me hegi sentio dagnora male da no sè que dì in qua. A’ vorà che a’ me avesé vezua zà assè. Segnore, a’ giera pur bella! A’ giera pi sfripia che n’è na verza. Moa [a’] vuò andare, che a’ me sento chiamare. Volìu vegnir su da madona, vu?

[24,1] No, cancaro, a’ tornerè ben. A’ vuò andare a ca’, che ’l me paron me ha mandò a cercare no so que preson de Turchi, che ’l ne volea scuor un per mia madona. A’ dirè che a’ he cercò per tutto e che a’ n’i cato. Moa, quel ch’è ditto è ditto, che no me fassè po..., intendìu? Lagème pur far a mi de quello. An, an?

[24,2] (Andando via) Oh, cancaro me magne, a’ m’he desmetegò el meiore, de dirge che a’ ge vuò ben. Moa, a’ ge ’l dirè un’altra fià. Cancaro, a’ son pur venturin! L’è inamorà in lo me bel ballare e in lo me cantare, ella. A’ ge n’he inamorà an de le altre, a la fe’! Tandaran, tarirodon, torirodon. Làgame vêr s’a’ saesse far de quî pieripuoli, de quî revelin ch’i fa a Pava. Tirò, tirondò, tirondò.

[24,3] A’ vuò andar mo a ca’, che quî turchi dê esser tornè. I se harà acorto che la mia parona ne haverà vuogia de igi, e serà tornè. Poh mo, com el vegio sapia che quelù habia ditto tanto mal de ello a madona Rarice, se despererà fremamen. Osù, a’ vuò andar a ca’.
 

[25,1] Messier Thomao solo.
 
THOMAO
A le vagnele, me ho levao un gran cargo da le spale a rescuoder sto schiavo a mia moier! La tenderà mo a farse taiar a esso nuove sise de cassi, de investiure e de sto diavolo de sbalci, e co che i sé pi grossi e pi grandi, i ge piase pi, e sì dise che le par meio. E’ poderò mo atender al mio amor intravegnando l’inzegno de Ruzante de mezo, che me drezza su la via che habia mio intento. Benché credo che ’l sarà gran fadiga, ché sto bistion sé tanto pregro che mai non compie. El xe do hore che ’l sé andao a cercar sti schiavi, e sì no vien mai, gnianche no se pensa che i poderave esser tornai a casa. ’L ha pi de l’aseno ca del cavalo.

[25,2] E’ me voio metter i ochiali se ’l vedesse mai. E’ no ’l vedo. E’ voio andar spassizando davanti casa de madona Doralice, in sto mezo el porave vegnir.
 

[26] Ruzante e messier Thomao
 
Po, po, potta del cancaro, que hegio aldio? Que hegio sentio? Que hegie vezù mè a sto mondo? Rescuòere un homo e essere una femena! A sangue del cancaro, ’l ha crezù rescuoere un maschio, e sì ha rescodù una maschia! ’L ha fatto con fé Dondo, che crêtte comprar una spa e sì comprà se lomè la guaena, e co ’l vóse meter la man sul manego, el caté nomè la busa de la guaena. Pota, mo l’è la gran noela, questa! Chi n’harà mo cherzù che colù fosse stò un homo? La mia parona pianze, la se sbate, la se tribola, che ’l par che ’l ge supia morto pare e mare. “Oh, ch’a’ no cusiron pi, che la gusela ha scavazò la ponta! A’ no taieron pi gonelle a la devisa, a’ no faron pi strapunti né sorapunti, ché le forbese è deventè smocegon!”. El me ven quel cancaro da riso ch’a’ cago da per tutto. Ah, ah, ah.
 

[27] [131v] Messer Thomao solo.
 
THOMAO
Chi diavolo xe costù che vien ridando? ’L è esso. On diavolo estu stao imbusao? Ti me fa parer una bestia, insensao, a cercarte tutto ancuo.

[28] Mo a’ iera andò cercanto quii che me mandiesi, e sì a’ no gi he catò mè. A’ he cercò bonamen per tutta Pava. A’ son stò là, saìu?

[29] THOMAO
Onde, là?

[30] Da madona Rize.

[31] THOMAO
Co, madona Rice? Madona Doralice, ti vuol dir.

[32] Massier sì, massier sì, a’ son stò là.

[33] THOMAO
Ben, co astu fatto, fio bello?

[34] Mo haea paura de star massa, e de fatto a’ dié spazamento e sì a’ tornié a ca’.

[35] THOMAO
Ben, astu visto el preson che ho rescosso? Piaselo a madona?

[36] Cancar è che a’ l’he vezù! A’ sasé cativo da comprar bistiame, vu: tossé una maschia per un maschio, una porcella per un verro.

[37] THOMAO
Co, cussì?

[38] Mo l’è una femena quelù che haì rescoù, e madona l’ha vezù e tocò.

[39] THOMAO
Co, diavolo, una femena? Che dirastu?

[40] Mo a’ sè che al pissare l’è una femena, mi. E madonna pianze, e sì se trubula che la no haverà mè ben, e che la è pi desgratià de le altre, che la se haea pensò de far fare e de dire, e che la se ha catò le man pine de brusche. Una pianze e l’altra sgnica, che havea tanto riso che cagava da per tutto. A’ me son tolto via, e sì a’ l’he lagè sgnicare.

[41] THOMAO
Che besogna che mia moier se destruza, né che la pianza? El sé meio per essa che la sia una femena, la ge farà compagnia. E’ ’nde son anca mi pi contento, che havea qualche sospicion. Una femena! L’è cara per quei danari.

[42] La no fa tanto per ella, quanto per l’atto che è stò burto. E po el ge recresse pi de vu, perché el sarae stò bon da vegnirve drio a vu, e per questo madona se trebola.

[43] THOMAO
No sarastu cusì bon ti, che ti ha ciera da esser pi gaiardo, ch’elo haveva una ciera da smenuetto, da puoca forza? Ti sé ben informao de i to membri.

[44] L’è vera, mo mi no porè fuosi attendere a desgramegnare tante vaneze, che ’l besogna che vage in qua e in là, intendìu?

[45] THOMAO
A so posta, malviazo essa! Dìme un puoco co ti ha fatto là. Ben, astu parlao con essa? L’astu vista? Astu parlao con essa?

[46] Massier no, a’ he favelò con la so massarola. Puoh sì, s’a’ saessé!

[47] THOMAO
Che, caro fio bello? Di’ via.

[48] Mo no èla inamorà in mi, la puta, che la fregola el cul per tutto? E che la è inamorà in lo me cantare, puh sì, e che no g’è stò mè negun che l’heba possù far inamorare lomè mi, puoh sì, e che a’ he gi uochi che, com a’ vuogio, a’ le fazo inamorare le pute, puoh sì.

[49] THOMAO
Oh, te vegna el cancaro, ti ha bon, donca! Onde te hala aldio cantar? Che canzon cantavistu, stramoti o barzelette?

[50] Stramoti, massier no. La m’ha aldio de fuora, ch’a’ cantavinu mi e un altro di Sganferlati, che la dise che a’ g’ho el pi bel soran che la veésse mè, e el pi gagiardo che sempre mè sta in l’àgere, puoh sì.

[51] THOMAO
Che canzon cantavestu? Canzon che se usa adesso o pur canzon vechie?

[52] Cantava:

 “Deh, la mala morte,

 deh, dal mio amore

 che a’ mi son stato”.
Puh sì.

 “Deh, levàme d’una bella maitina”.
Que sègie mi? Mo a’ cantava mi solo:

 “Deh, Stella Diana,

 stella relusente,

 deh, che spiandore mo

 a tutta quella zente”.
Va’ là po. A’ fasea perqué el no paresse che a’ cantasse per ella, e ela de fatto sboria fuora.

[53] THOMAO
Ti ha una bella bose e una bona sgorza. Oh, se ti savessi le canzon che so mi, o che mi havesse la bose che ti ha ti, cantessemo ben! Se te bastasse l’anemo de impararne [132r] qualche una, te ’nde dirave quatro o cinque...

[54] Dìle pure, massiere, mo dì de le pi belle.

[55] THOMAO

 “El papa si ha concesso quindese anni...”

[56] Ma sì, papa! La merda, papa. Dìme canzon che dige “de lo amore che lo me hano fatto de la vita mia”.

[57] THOMAO
Aldi quest’altra. Ti no ha inteligentia, perzò le te despiase.

 “Andemo, amanti, tutti in Barbaria...”

[58] Que, a farse rasare in la barberia? El ge vuol altro ca esser rasè, a la fe’, a piaser a le pute. El besogna che le habia don pigiare, e no esser rasè. La n’è bella gnan questa, la no menzona de l’amore. Disìne una così:

 “Anema mia, se sola te catasse,

 o cavato ve voria esser lo core,

 o cortelo in lo magon per mezo el core”.
De queste che menzona “core, amore, de la vita mia”, ché altramen le no è belle.

[59] THOMAO
Aldi:

 “Quatro sospiri te voria mandare

 e mi meschino fosse ambassadore”.
Te piase questa mo?

[60] Massier sì. Oh, de queste de sti sospieri a’ vorae mo che la diesse de mi e no de vu.

[61] THOMAO
Aldi, bestia, ti non intendi. La canzon dise cusì, ti la puol voltar può’, perché quando ti canti ti el par che ti sì ti:

 “Quatro sospiri te voria mandare

 e mi meschino fosse ambassadore...”

[62] 
Mo vî mo che la dise de vu “e mi meschino”? Sbio, cope fiorin: “e mi meschino”. A’ me la vossé cazare in lo carniero vu, compagnon. Com a’ la cantasse, a’ la canterà per vu!

[63] THOMAO
No, diavolo, lassa che compia, se te piase.

[64] A’ vorae ch’avessé bel e compio, mi. Dì pur, che a’ ve scolterè.

[65] THOMAO

 “Quatro sospiri te voria mandare

 e mi meschino fosse ambassatore.

 Lo primo si te deza salutare,

 l’altro te conti lo mio gran dolore,

 lo terzo si te deza assai pregare

 che tu confermi questo nostro amore,

 e lo quarto te mando inamorato,

 no me lassar morir desconsolato”.

[66] Uh, mo “a’” la sè an mi questa, mo la no va a sto muò. La dise:

 “La mia cara serore bella de Biranza

 no me lassar morir desconsolato.

 Dorindon dorindon torindon”.

[67] THOMAO
Eh, eh, eh, ti me fa pur rider. Ti diè haver nome Ruzante perché ti ruzi sempre, non è vero?

[68] El me derto lome è Perduocemo, mo quando giera putato, che andasea con le biestie, sempre mè a’ ruzava o con cavale o con vache o con scroe o con piegore. E po haea un can, che a’ me haea arlevò, che a’ l’haea usò ch’a’ me ’l menava a man, ch’a’ dissé: ”’L è un asenelo”. A’ ruzava sempre mè con ello, a’ ge spuava in lo volto, pur che a’ me poesse deschiapare e andar drio qualche machion a ruzar con ello. E perzóntena i me messe lome Ruzante, perché a’ ruzava.

[69] THOMAO
La ge va. Ben, che dise madona Doralice? Astu parlao con essa?

[70] Mi a’ cherzo che no farì gnente, per quanto me ha ditto la so massarola, ché con ela a’ n’he favelò; perque ’l g’è stò ditto tante zanze, tante noelle, che ’l è el cancaro.

[71] THOMAO
Co, zanze? Co, novelle? Chi ghe ha ditto ste zanze? Chi sél stao?

[72] A’ no sè chi ’l supia stò. El ge ha ditto a ella: “Ti è inamorà in quel vechio, in quel vechio sbossò?”; e che a’ sì scarso co è na pétema; e che se a’ la vessé morire, a’ no spendessé un beze; e co harì habù zò che a’ vorì, che no ve drezassé da scagno per farge un servisio; e che ’l ve puza el fiò a muò da vuovi marci, e che i piè e i scagi ve puza da freschinazo, da onge de cavalo morto, che ’l no ve se pò star a pe.

[73] THOMAO
[132v] Mi? mi? Oh, diavolo, can, laro! Mi, an?

[74] Vu, massier sì. Aldì: e che, se ge stasé a pe una notte, la imbavessé tutta, che ’l parerae che ’l [ge] foesse andò lumege per adosso; e che a’ fè tal sgargagion, che par un gran schiton de chioca; e che a’ ge fè drio tal corezon, che ’l sona un schiopetto; e che haì tanta chila, che ’l par un cassil da piva, e che per questo a’ no poì caminar inviò.

[75] THOMAO
Oh, diavolo! Oh, diavolo, varda zò che i se ha impensao de dir! Se non fosse qua, e’ te farave pur veder, e sì ti tocheravi con man che ’l mente per la gola, sto laro. Chi diavolo è costù?

[76] A’ cherzo che ’l supia un scolaro. Puh, aldì: e che haì no sè que altro mal in le nege.

[77] THOMAO
Che mi me vage a negar?

[78] Vu, massiere, c’haì no sè que mal in le nege, de drio del scoreguzo.

[79] THOMAO
In le nadege, ti vuol dir.

[80] Massier sì, massier sì. Un male a muò sbardele, smasarele, merdarele, a’ no sè ben dire.

[81] THOMAO
Maroele, ti vuol dir.

[82] Massier sì, massier sì. Che ’l par ch’a’ facè un puto, quando a’ cagè.

[83] THOMAO
El mente per la gola! No ’l saveràvestu ti? Ti me ha pur visto cagar.

[84] Puh sì, e che a’ sì sbossò, e che parì fatto con un cortelazzo, e che despogiò in ziparelo a’ parì un rigobelo e na spauragia da columbi, che haì na spalla pi elta de l’altra un gran pezzo, che parì un gallo sberozò. Puh sì, a’ no ve porae mè rivar de dire.

[85] THOMAO
Che diavolo non respondévestu che ’l non iera vero?

[86] A’ disea che no ve he mè vezù in ziparelo despoiò e che el porae essere, mo tamentre che a’ no ’l crêa.

[87] THOMAO
E’ voio pur che ti vedi. Zaffa qua sta manega, tira. Te pario mo sì desfegurao?

[88] A’ sì derto co è un scato, vu! Caminè mo pian. Volzìve mo da l’altro lò. No da st’altro, da l’altro. Oh, trottè mo inviò.

[89] THOMAO
Co, trottar? Che tombola, ti vuol dir.

[90] Massier sì, e che a’ ieri stombolò, vu. Caminè de troton, così, vî. Oh, cacève mo a corere.
 

[91] Thomao corendo casca e dice.
 
THOMAO
Iesu, sóngio vasto? Me hòio fatto gran mal?

[92] Massier no, a’ no haì mal negun. Poh, a che muò a’ sì cossì incapò?

[93] THOMAO
El sé stao sti zocoli, che malviazo essi!

[94] Al sangue del cancaro, che i mente per la gola, ché sì gagiardo e idente su le gambe com è un bel levriero! Cancaro i magne, ’l è lomè che i dise che a’ sì tanto scarso, e le femene trà a i dinari, perqué a’ saì pure che con i dinari se fa zò que se vuole. El besogna che a’ no supiè sì scarso.

[95] THOMAO
Torna là adesso, e di’ che, se l’ha besogno de danari, che la me comanda, e che la non voia vardar a zance de sti lari, che per invidia dise ste parole; e che la puol esser certa che mi non andarò ancuo drio a questa, doman drio quel’altra co fa i zoveni, che quella che ge fa pi apiaseri, essi ge vuol manco ben; e che veste e danari non ge mancherà, e che la serà donna e madonna del mio, che la ’l manizerà come ge piaserà, pur che la me voia ben. Va’ via, fio belo, adesso adesso, che mi andarò a casa a veder zò che fa madonna. Va’ via e torna presto.

[96] Andarè ontiera, e sì a’ ge dirè -lagè pur far a mi- che a’ ge volì ben a ela, e che no haì mè ben se la no ve vo ben, perqué vu de ella..., e’ vusi dir, ella de vu..., che na fià la no guarde a dinari. Lagè pur far a mi.

[97] THOMAO
Aldi, torna presto, mo non ge dir che madonna alda, sastu?

[98] A’ ge ’l dirè che la me alda lomè da ella e da mi.

[99] THOMAO
Aldi, dige che ti me ha visto despoiao e che ho bella persona, [133r] mo no dir che sia cazuo per niente.

[100] No, massier no. Cancaro, a’ son pi scaltrio che a’ no cri.

[101] THOMAO
Aldi, aldi. Va’ via, no te voio dir altro. Fa’ pi presto che ti puol.

[102,1] Lagème pur far a mi.
(Andando via dice.)

[102,2] Cancaro, l’è stà la bella noella! A’ l’he mo pur fatto despoiare. El dé un straloson in terra, che ’l soné un gran zeffon che caisse. L’intraven pur le gran noele, e chi le diesse, questa el no g’è cuore che ’l creésse. Un vechio, che ha otanta agni pichè al culo, supia inamorò?

[102,3] A’ cherzo che l’usso è averto. Olà, olà, o da la ca’! A’ vegnerè de longo, mi. G’è can?


Atto terzo
 
GENEVRA anconitana con la CITA sua fante in habito di huomo smontati di nave e da Ancona partiti. Ginevra a Cita.
 

[1] GINEVRA
Guarda che né per piaza né a l’ostaria ti ussisse di bocca che io fussi femina, per quanto hai cara la salute mia, ma dimi in nome di huomo ogni cosa.

[2] CITA
Madonna sì, non vi dubitate, che sarò ben acorta.

[3] GENEVRA
A hora te lo dissi: dimi messer sì, et chiamami patron, et dimi per nome messer Caco.

[4] CITA
Come voleti che vi chiami? Caca?

[5] GENEVRA
Caco, Caco, smemorata!

[6] CITA
Caco, madona? Oh, è tropo bruto nome! È più netto nome Pisso che Caco.

[7] GENEVRA
Taci, per tua fe’, né un né l’altro non mi dire. Tu hai così poco cervello che, due parole o tre che dicesti, saria scoperta et in eterno vituperata.

[8] CITA
Vituperata potrete esser più presto in questo habito, perché, per quanto si dice, el Studio è in questa terra, et dottori e scolari, che sono giovini, più presto li giovini che le donne rimirano, e se vi vegono, vi veranno drieto credendo che siate un scolaro, per cognoscervi o praticarvi; il che non adveria, se in habito di donna fuste vestita, ché crederiano che fuste una matrona di questa cità.

[9] GENEVRA
Taci, bestia, che in questo habito potremo gir più securamente. Al primo che a lo incontro ci venga voglio dimandar di loro. Facilmente ne intenderemo, ma voglio fingere che io cerchi de un mio fratello, et non de uno amante. E tu guarda di stare in cervello, se sarai adimandata a rispondere.
Oh, colui che esse di quella casa sarà forse buono per informarci. Ascolta, tu.
 

[10,1] Ruzante venendo fuor da deta dice.
 
Moa, moa, no me dì altro. Cancaro, a’ m’he pensò de far la bella noella al vegio! A’ son pur venturin, a’ in guagnerè, mi, de sta noella, e sì me darè piasere! La m’ha donò sto bel fazoleto. Oh, fazoleto, fazoleto, te sarè cason che ’l me serà sempre mè el cuore a colie che me te ha dò! A’ me sborezerè con ti, com a’ no la possa haver ella.

[10,2] Chi cancaro -a’ son pur aliegro- chi cancaro è quisti? Spagnaruoli? I m’ha cusì ciera de quel che ha comprò mia madona, de no esser compì di so limbri. A’ i vo pur saluare. Sanitè, massier signore.

[11] GENEVRA
Ben possi star, fratello. Haveresti tu veduto tre giovani stati prigioni de’ corsali? Et vanno cercando chi li riscuota, et entrano ne le case de le gentildonne pregando che li voglino riscuotere, et essi a’ servigii suoi si aconciariano.

[12] Quî pigiè preson de Turchi? Sì, sì, a’ gi he vezù zà un pezato. El ge n’è uno che sa cossì ben cosire e tagiare!

[13] GENEVRA
Quelli dico io. Saprestemili tu insegnare? Uno de loro è mio fratello, et sono venuto per riscuoterlo.

[14] El ge n’è un vostro frelo? Dìme mo a mi qual ’l è, fuosi ve saverege meter su la via che a’ ’l caterì.

[15] GENEVRA
Egli è il più piciolo di persona, con bellissimo aspetto humano, reverente; gli atti suoi sono pieni de alcune [133v] gentileze, che par tutto amore, tutta legiadria.

[16] Sì, sì, un tal scarmetto, smenueto, bianchetto, colorio com è una rava in lo volto, con du ochieti che par stelle a cimegare. Sì, sì, ’l è ello, sì.

[17] GENEVRA
Egli è più piciol di persona de gli altri dui, ma è più grande di gratia e di beltà.

[18] ’L ha un àiere tofoleto. Sì, ’l è quello, sì, sì.

[19] GENEVRA
Come ne hai domestichezza, che ne sei cossì bene informato? Conoscilo tu?

[20] Poh, s’a’ ’l cognosso! La mia parona, sì, la mia parona l’ha rescosso, ella, che la ’l vuol tegnire serviore a pe de ella sempre, perqué el sa cossì ben cosire e taiare, conzar scuffie, gonele de sea. Sì, el me paron ge l’ha rescoù, ello. E si è vostro frelo, quelo?

[21] GENEVRA
Egli è quello. Ahi, sventurata me, costei è stata più sagia e più presta di me!

[22] CITA
Dite “più sagio e più presto”. Direte di me che mi bucina il cervello!

[23] GENEVRA
Eh, che non so più che mi dire! Io mi voglio scoprire a costui, che altro rimedio non ci vegio. L’amore deve essere come si dice in proverbio, che la piaga si deve portar sopra la palma de la mano. Io me gli voglio scoprire.

[24] CITA
Fate voi come vi piace.

[25] A’ no intendo. Mo sta’ a dar mente, te no verè che questa vol essere una bona noela per mi? Tasi pure.

[26] GENEVRA
Giovine, poi che mi sei stato cossì cortese, io ti voglio palesare un mio secreto; et oltra di ciò pregarti che aiuto e consiglio mi doni, perché io de’ denari e care zoglie, che meco mi atrovo, te ne farò quella parte, che ti contenterai.

[27] Mo ontiera, pur che a’ possa! Made quide in bona fe’ sì, perché no? Se Die m’aì, sì, sì ben mi che a’ ve airè. A’ son stò an mi per lo mondo, a’ sè ben che cosa è a essere in luogo don no se cognosse negun. Dì pure.

[28] GENEVRA
Io son donna, e son anconitana, vedova, rica et inamorata.

[29] Vu, a’ sì na femena, vu? Poh, el no g’è cuore che no diesse che a’ fossé un homo, a vêrve de drio in le spale! E denanzo a’ parì un de sti putachion, a muò scolaro.

[30] GENEVRA
Ascolta. Amor mi ha guidato così. Capitorono questi giovini in Ancona, né prima vidi colui, che dici che ha riscosso la patrona tua, che di lui ferventemente me inamorai; et non che picola quantità di denari haveria speso per riscuoterlo, ma lo avanzo de le mie facultade, che vagliono pur da 25 in 30 mille fiorini d’oro; ma per la fretta che hebbe el mercatante da partirsi, avenne che non potei più vederlo che quella prima volta. Et intesi che verso Vinesia havea diritto il camino suo; onde io dispuosi di doverlo seguire. Et postami con gran quantità di moneta in borsa sopra un piciol legnetto, li seguitai in questo habito, come mi vedi, et con questa mia sola fante; et giunta a Vinesia intesi essi in questa famosa cità di Padua esser pervenuti. Drieto me li son condutta credendo fermamente rihavere il mio amante, il che vedi ben come mi è tornato fallace; onde non cregio mai più vivere lieta, ma sempre... (E qui si cacia a piangere.)

[31] Orbéntena, quel che no fa un inamorò no ’l farà gnan un soldò! A quanto prìgolo a’ ve sì metù vu, poveretta. An mi, al sangue del cancaro, a’ no sè com supia vivo ch’a’ no supia stò mazò morto diese fiè. Quando iera inamorò, andasea tutto ’l dì, de notte, per segrè, a’ dromia sotto nogare, che a’ no sè co no supia inorcò, insperitò, che no habia trenta megiara de speriti adosso. No pianzì, povereta, no ve destruzì, che a’ ve imprometto de far che a’ l’haverì. Stè de bona vuogia.

[32] GENEVRA
Oh, volesselo Idio, ché, oltre quello che spenderei per riscuoterlo, te farei uno presente a te di altratanta quantità!

[33] [134r] Andè, che inchinadamò a’ me ubigo squase che a’ l’haverì. In che luogo stèu?

[34] GENEVRA
A la hostaria de la Torre è la stancia nostra. Vieni e disenerai con esso noi, et imparerai la stantia. Ma dimi, come li dirai? Che fictione troverai, che la tua madonna non se ne acorga?

[35] A’ ve dirè, mi: ello no ge sta vontiera. A’ ge favelerè a ello, e sì a’ ge dirè... Lagè pur far a mi. Tornè de chivelóndena fina un pezato, che a’ ve aspeterè, e sì ve saverè dire com haverè fatto. Una fià, a’ cherzo fremamen da far che l’haverì. A’ ve zuro che a’ m’haì tutto contorbolò el magon. Se fossé altra ca vu, a’ no ’l farae miga per un’altra, vî; mo perqué a’ sì vegnù d’oltra el mare, a’ me fè pecò.

[36] GENEVRA
Eh, fallo, di gratia, ti prego, ché la mia vita in questo punto dimora.

[37] Mora? A’ no vuò che ’l muora negun. Andè e tornè de chivelóndena fina un pezatto, che a’ spiero che a’ ve darè bone noelle.

[38] GENEVRA
Anderò, adunque.

[39] Andiamo, madonna sì, poiché sì largamente vi promette.

[40,1] Moa, andè pure. Al sangue del cancaro, el me ven pur le gran venture! A’ scaperè su ste puoche de brombette de soldi an da st’altra; mo el no besogna ch’a’ ge dige che la supia una femena, che a’ no farae gniente.

[40,2] Al sangue de mi, an st’altra farà de quelle de la mia parona: com la crerà metter la man a la pria da gusare, la caterà el coaro vuogio. A’ no cherzo che ’l fosse la pi bella fiaba de questa al mondo. Vaga pure al bordelo quisti che fa le comierie! I dise po che l’amore no fa fare. Te par che st’altra, che è na femena, supia vegnua d’oltra el mare in qua, per que? Per amore!

[40,3] Orbéntena, a’ he sentio dire che l’amore è un putato, e che ’l va con gi uogi abindè, e che ’l ha le ale. Altri dise che ’l è un pitétolo desordenò. E mi a’ dige, e sì ’a tegno fremamen, -e de questo a’ vorè contrastare con quanti sletran imparé mè letra, se ’l foesse ben Stotene bonamen-, che amore no è altro che potincia e dosidierio, e che un tira l’altro. Te parsele brombe tirar una femena d’oltra el mar in qua, e po drio a n’altra femena? Che te par essere? On se aldì mè dire che na vaca andesse drio a n’altra vaca per amore, né na scroa drio n’altra scroa, né na piegora drio a n’altra piegora? Èlo tirare mo? Èla potintia mo?

[40,4] Dasché la va da tirare e da poere, a’ vorò veére an mi s’a’ posso tirare sti puo’ de becitti. A la fe’ de homo, el besogna che supia prodhomo. Una fià, la mia parona, pur che l’habia i suò dinari, a’ cherzo che de punti e de strapunti la supia pi stuffa ca n’è can de carogna.

[41] TANCREDI
Theodoro, cortesi, magnifici, et liberali gentilhuomeni ha questa cità per certo. Come hanno cortesemente dato a noi li denari per potersi liberare, et poi dìttone che il stare ne le case loro è a piacer nostro! Mai non mi uscirà di mente tanto beneficio. Io gli sarò tenuto et obligato fino a la morte.

[42,1] THEODORO
Io ho sempre udito lodare questa cità per bella cità, ma invero le persone che l’habitano la fanno parer molto più bella. Chi sarà quel ingrato che non habia fin che viva sempre tanto beneficio avanti gli occhi? Io per me ovunque mi sia sempre ne tenerò conto come di cosa degna di eterna memoria.

[42,2] Deh, Tancredi, voglian noi partirci se non ritroviamo Gismondo? Oh, gran fallo sarebe cossì dolce compagno lassare, anchora che non sia de la nostra cità!

[43] TANCREDI
Anci voglio che lo rimeniamo con noi, se egli vorà venire. E ti voglio dir più, che, se egli fusse femina, mi sarei de lui [134v] inamorato ardentissimamente, tanto mi hanno sempre piaciuti li laudevoli costumi suoi; et paremi, dipoi che siamo separati da lui, che io habia meno una parte del core. Che si sia non lo so, né unde si vegna.

[44] THEODORO
Oh, egli adviene [che] in questa miseria, in questa tristicia, siamo fatti tutta tre compagni, et meglio si giungono li pette de amicitia ne le calamitade, ne i disagii che ne li comodi et piaceri. Ma io mi sento nel core un non so che, che mi ralegra tutto, et par che mi prometta grandissima alegreza. Cerchiamo, di gratia, Gismondo. Andiamo a lo albergo di quella gentildonna che lo riscatò.

[45] TANCREDI
Andiamo.
 

[46] Genevra et Cita fante in habito di huomo.
 
GENEVRA
Eh, non mi confortare, che so ben io che spero invano. Credi tu che quella gentildonna se lo habi riscosso per lassarlo poi perché io el rehabia? Eh, che speranze frali son queste!

[47] CITA
Colui deve pur haver fondata la sua opinione sopra qualche cosa. Chi può sapere li cori de le persone? Forsi non l’ama ella tanto ferventemente come l’ami tu.

[48] GENEVRA
Eh, chi non l’ama che lo habia una volta veduto, cregio che non deve amare se stesso. Parti che quelle siino belleze da non amare? Anci son io certissima che quella, più aventurosa di me, non mai li debia levare le bracia dal collo, e in casa e fuore non si li deba levar mai da presso: adesso se lo debbe vagegiare, adesso lo abracia, adesso li dise che egli è il suo core, la sua vita, la sua speranza, la sua colonna, el suo conforto, adesso, adesso... Sventurata me! Ah, fortuna crudel!

[49] CITA
Forse che ’l marito di lei è intrato in qualche gelosia, né vorà ch’elo stia in casa. Chi può saper tutte le cose di questo mondo?

[50] GENEVRA
Eh, Amore non li insegnerà il modo di far star cheto il marito? Non saperà ordir qualche sua favola, qualche sua ciancia? Quando el marito la cruciasse sopra ciò, non saperà ella dire: “Che credete voi, che io sia sesa de villani, che voglia far copia di me a un schiavo? Non mi havete già ricolta dal fango! In mal punto vi venni in casa, per non esser mai lieta. A la croce di Dio, meritereste che vi facessi pensar da vero, come fano de le altre! Voi non eravate degno de’ fatti miei!”. E che vuoi che li risponda el marito, se non ch’el si tacia?

[51] CITA
Voi vi imaginate gran cose per certo.

[52] GENEVRA
Io me imagino quello che facilmente potrebbe essere. Hor torniamoci a l’albergo. Costui non ritornerà hogi. Io sarei andata da l’altro capo di questa cità e ritornata.

[53] CITA
Forsi con il pensier li sareste andata. Non deve esser anco per aventura giunto a casa.


Atto quarto
 
RUZANTE et GISMONDO femina.
 

[1] El dise che ’l è d’oltra el mare, de una terra che ha lome a muò con ste imangine che se depenze su le carte e se ten apichè a i muri.

[2] GISMONDO
Statoe? Debbe esser Capua.

[3] No, cancaro, statole. De quelle che porta quî che ven da Loreto. El se ven an de lì via. De queste che se avre e che se sera. Quando un vuol biastemare, dise: “Te me farè catar la lanconetta”. De Anconetta.

[4] GISMONDO
De Ancona debbe essere.

[5] Sì, sì, l’è ella. Mo ben, ’l è de là, ello.

[6] GISMONDO
Oh, quanto m’incresse haver lassata la madonna tua! Io li havea già posto lo magior amore del mondo. Ma dimi, ove habiam noi a trovare questo gentilhuomo di Ancona?

[7] Chialò denanzo o, se a’ no ’l cataron, andaron a l’hostaria, [135r] ché ’l sta là, ello. Cancaro, ’l è un hom da ben, vîu? El me ha vogiù menare ch’a’ disniesse con ello, el me ha an promesso de darme dinari, s’a’ fasea che ’l ve favelesse.

[8] GISMONDO
De Ancona? Chi puote esser costui? Se egli fusse femina, io mi dubiterei che egli fusse in quel medesino errore che poco dinanci era la patrona tua; ma essendo huomo e di Ancona esser potrà che haverà tolto un per l’altro.

[9,1] In fallo? No, cancaro. El me ha pur dò i contrasigni tutti a che muò sì fatto! I no pò star che i no sponte. Vîgi, vîgi, gi è quisti.

[9,2] Ve ’l dissi che a’ ve ’l menerae? La mia parona no vuol dinari, la g’ha dò libertè che ’l vage on el vuol ello. Andè mo in bonhora tutti. Mi a’ he priessia, a’ no vuò pi star con vu, a’ vuò andare. S’a’ me volì dar gniente, dème.

[10] GENEVRA
A la tua patrona e a te sarò sempre obligato. Ma dove vuoi gire? Non vuoi venire a l’albergo, e desinerai con noi?

[11] Missier no, missier no, a’ he priesia.

[12] GENEVRA
Se rimaner non vuoi, piglia adunque questi e te ne farai un giupone et un paio di calce, et quelle per amor mio porterai.

[13] I torè, e sì a’ me le farè an a la devisa, le calce. Moa, stè con Dio. Com a’ vegne a Loreto, a’ ve vegnerè ben a catare.

[14] GISMONDO
Tu te ne vai, Ruzante?

[15] Mo sì mi, a’ vago.

[16] GISMONDO
Saluterai el patron per parte mia.

[17] Moa, moa, sì, sì. A’ me vuò snetare presto inanzo che i se acorza che le supia femene tutte do. A’ n’he fatto un schiapeto de do vache, e tre con la massara. A’ no sè mo chi sarà el toro.

[18] GISMONDO
Gentilhomo, parmi de havervi altrove veduto, et ho pensato, et penso, et finalmente non posso ricordarmi dove; però ditemi, de gratia, chi siete, et la cagione che vi fa ricercar di me.

[19,1] GENEVRA
Sapiate, gratioso giovine, che io sopra tutte le cose del mondo vi amo, né altro che l’amore ch’io vi porto mi ha condutta, femina e peregrina, a sequirvi in questo habito, come Amor con suo consiglio me ha insegnato. Io son donna, et in Gaieta nata, ma per alcun caso, che lungo saria a racontare, mi fugii dal mio patre et in Ancona divenni moglie d’un richissimo giovine; il quale morendo non è ancor finito l’anno, mi lasciò di tutte le cose sue richissima posseditrice et herede.

[19,2] Hor advenne, quando voi capitaste in Ancona, che vi viddi, [né] imprima affissai li ochii miei ne la luce de li ochii vostri, che mi piaquero sommamente, insieme cum le legiadre fattece vostre; et una et un’altra volta riguardandovi mi parea, da non so che cosa oculta mossa, che altre volte vi havessi similmente veduto, et come carissimo amico amato; et tanto si fermò in me questo pensiero, che o per sogno credeva havervi altre volte veduto et amato, o che un’altra volta fussemo stati al mondo insieme, se esser può. Et da questo pensiero naque in me un così subito et ardentissimo amore, in modo che mi dispuosi, se per oro si potesse riavervi, non rispiarmar denari. Et mentre io cercavo modo di parlarvi, et con il mercatante, avenne che con gran prestezza vi partiste; perciò più crebbe lo amore in me, che che se ne avenisse, sequirvi, e tanto operare che o con furto o con denari o con promisse vi ritornasse in libertà, et dipoi di me farvi signore.

[19,3] Il che mi è successo meglio di quello mi pensai; onde ringratio Idio, et apresso vi prego che di me vogliate haver pietade, et de l’amor vostro vogliati farmi cortese dono, come io di me et de le [135v] cose mie vi facio, et voglio siate signore. Et benché de lo amor mio sia stato non lezier segno lo havervi seguito, pur per più vostra segurtà in quello, che più a grado vi fia, mi comanderete, che mi haverete sempre prompta ad obedirvi.

[20] GISMONDO
Eh, ehimè.

[21] GENEVRA
Oimè, come sospirate voi! Vi sono forse noiose le parole mie? Lo amor mio non vi agrada?

[22] GISMONDO
Quando non mi fusse a grado lo amor vostro, madona, neanco la vita mia istessa mi potria esser a grado; ma sospirai de altro.

[23] GENEVRA
Perché sospiraste voi?

[24] GISMONDO
Per la ricordatione che havete fatta di Gaieta. Ma, di gratia, non mi negate che io sapia chi fu el padre vostro, poi che in Gaieta siete nata.

[25] GENEVRA
Messer Gabriotto de gli Honesti fu el padre mio, et la madre mia mona Dionora di Neri.

[26] GISMONDO
Hebbe il padre vostro più figliuoli o figliuole di voi?

[27] GENEVRA
Sì, hebbe. Un’altra figliuola ci rimase, poi che da lui mi fugitti in Ancona; et intesi quella da un huomo d’arme esser stata levata et guidata via. Dove si capitasse, né il padre né io habiamo mai potuto risapere, per il che per morta è stata pianta.

[28] GISMONDO
Cognosceresti voi la sorella vostra, se viva la vedeste?

[29] GENEVRA
Se la età non l’havesse transformata da gli anni puerili, io mi credo di tener di lei tal rememoratione, che facilmente la cognoscerei.

[30] GISMONDO
Poniamo che la ritrovaste. Quanto vi saria a caro?

[31] GENEVRA
Quanto che aquistar la gratia vostra, signor mio, che desidero sopra tutte le cose del mondo; però che trovandola parerà avenir a me come adviene a un peregrino, che solo per un strano diserto camine, et ritrove un suo carissimo amico, che, quanto men sperava di trovarlo, tanto più si ralegra; perché io son senza alcuno di miei parenti o coniuncti al mondo, et mi posso dir sola.

[32] GISMONDO
Non mi maraviglio che, da celata vertù mossa, così grande et subito amor me habiate posto, perché el sangue vostro, e le carne vostre istesse amate. Io sono la vostra sventurata sorella Isotta, da voi come morta pianta, otto anni peregrina andata, et tre schiava stata. Lodato Idio che inanci la mia morte mi vi fa vedere, et in lieto stato ritrovarvi.
 

[33] Quivi si gettano le bracia al collo, et mentre stanno senza ragionare CITA fante dice.
 
CITA
A che è riuscito lo amor di mia madonna: in una sua sorella! Che nuovo caso è questo? Che chi racontasse questo esser in Padua intervenuto, ne saria riputato bugiardo. E pur è cossì in effetto.

[34] GENEVRA
Ahi, dolcissima sorella, a gran fatiga ritengo le lacrime per tenereza. Andiamo a lo albergo, ove riconteremo più ad agio le nostre sventure, e senza rispetto. Oh, quanto di alegrezza mi è agiunta! Quanto spero di menar lo avanzo di mia vita lieta, con cossì dolce compagnia come tu! Haverò con cui partir li affanni et li piaceri, che mi porgerà la fortuna.
 

[35] Entrano ambedue e CITA sola resta et dice.
 
Io mi maravigliavo ben che quella gentildonna, che lo haveva fatto riscuotere, così facilmente lo havesse licentiato; ma hora mi acorgo perché: ella non haveva ritrovato el gambo al finochio.
 

[36] Messer Thomao solo esse dicendo.
 
THOMAO
Co le cose no va a so voia, sto diavolo de sta mia moier trazerave el mondo in aqua, se la lo havesse in man! [136r] Perché l’ha trovò che colie, che la credeva che fosse un homo, sé una femena, da desperation la l’ ha licentiao senza danari. El me recresse pi de essa, che no fa de i danari. El me iera vegnuo la ventura in casa, e la fortuna non ha volesto che me ge habia trovao, ché mai non la lassava partir. E’ me haverave sborao con essa tal volta de sto mio inamoramento. Orsù, pacientia. Vegnisse almanco costù. El sé tanto pregro.
 

[37,1] Ruzante a l’usso dice a Bese.
 
Que? Ch’a’ no donesse via el fazoletto? A’ donerae inanzo via no so que. N’habiè paura de questo. Stè con Dio.

[37,2] Andaron tutti du da elle sta sera. Tondoron dorin dorin. A sangue del cancaro, la m’ha basò! Che me vuò lecare sta massella, don la m’ha basò, uh, un, con la lengua. O boca melata! O man tofolette, che m’ha tocò sta man! O saoretto pi lioso ca n’è na spiecia! Vî,vî. Cancaro, a’ vuolo tutto! Inchina le scarpe me vuole. Ehi, ehi.

[38] THOMAO
Estu ti, Ruzante? An, a chi digo, mi?

[39] Massier sì, massier sì, a’ son mi. Cancaro è ch’a’ son mi, e sì a’ vuolo da zilibetto, da sadabon. La me n’ha butò per adosso, sentìu? Inchinamè la schina, sentìu? La m’ha dò tanti piminti! A’ tegnia passè gi uocchi, e sì la lagava fare. La hea una zuchetta, e sì me butava tanta aqua. Nasè: le scarpe inchinamè elle me vuole. Marco! Marco! Al sangue del cancaro!

[40] THOMAO
Sto sferdimento non me lassa sentir, sta’ in pase. Vien za, bestia, dìme co ti ha fatto.

[41] Megio che fesse mè in mia vita, e la megior noela per mi ch’a’ foesse mè!

[42] THOMAO
Ben, che cosa? Di’ via, caro fio bello.

[43] La puta m’ha impromesso, ella, a mi.

[44] THOMAO
Va’, diavolo. E’ digo de mi. Co astu fatto de quelle zanze?

[45] Ben, massiere. Poh, cancaro, se no foesse stò mi, a’ no fasivi mè gniente. Volìu altro? A’ no volivi gnian altro hom ca mi, che se no fosse mi..., ché mi, m’intendìu...? La me ha ubigò a mi. Volì altro, ch’a’ sarì servio?

[46] THOMAO
Ben, a che muodo? Quando? In che luogo?

[47] Mo aldì, massiere. Quando a’ giera putatto, che a’ lagié star de andare con le biestie, che haea quel can, che a’ me ’l menava a man, com a’ ve dissi, a’ scomencié cusì a muò a trar a le putte, che ’l no me trasea el cuore cussì al bestiame. A’ scomencié andare a filò tutte le sere, tal fià tre e quatro megia lunzi, che ’l giera scuro com è una bocca de lovo.

[48] THOMAO
Che diavolo de preposito sé questo? Che ha da far la luna co i gambari? Te domando a che semo del fatto mio; ti me disi de to menar de bestiame, de to filai, de to merde!

[49] Prepuositi bestiame. Aldì pure, tasì pure. Gi è buoni i prepuositi. Ascoltème, s’a’ volì. E sì, com a’ ve diegie rivar de dire de andare filò, andasea tal fià pi de otto megia. Ma sì, a’ stemava così com farae a magnar una nibià o un braceèlo. E po, com a’ ve dego rivar de dire, mo no catiége una notte un lovo, che haea du ochii che parea do candele, grande co è un gran aseno?

[50] THOMAO
Pota, che ti me farà catar san Marzo! Che diavolo ha da far lovi con el fatto mio? Ché e’ voio parlar de amor e ti me rasoni de lovi che manza i cristiani.

[51] A’ ve vuogio favellare an mi de amore, e del vostro amore de vu. Mo aldì, s’a’ volì.

[52] THOMAO
In mio preposito? In mia spicialitae de mi?

[53] In prepuosito, in spetabelitè de vu.

[54] THOMAO
Horsù, va’ drio, mo compi [più] presto che ti puol.

[55] E sì, com a’ ve diege rivar de dire de sto lovo, [...] e sto lovo me guardava mi, e mi el guardava ello, [136v] e ello me guardava mi. Bensà che per farge paura a’ fago: bruu, bruu!

[56] THOMAO
Te vegna el cagasangue, ti e i to lovi! Ti me ha fatto scampar quanto sangue haveva adosso. Non te usar a farme de sti spasemi e de sti ati da bestie!

[57,1] Mo a’ he fatto per far co a’ fî. E sì, con a’ “ve” diegie rivar de dire, el no vosse haver paura, sto lovo, a’ ’l lagié stare. Haea un sponton, a’ me ’l strapegnava drio; e sì me fié ben pi de cento crose con le man, con la lengua, a’ dissi el Triabiti, la Salve Regina...

[57,2] E sì, com a’ ve diege rivar de dire, andasea a filò. E bensà che de fato tutti saea che a’ giera cantarin. A’ se metìvinu a cantare, a zugare a purasè zuogi: al beco mal guardò, a la passarella. E con haìvinu zugò, a’ se metìvinu a far ravolò, e man per tutto el fogolaro nomè cielo e gusse de ravi! E ella dasea da bevere a tutti, e mi a’ beéa; e ella dasea sonda a mi, e mi me in tolea, e sì magnava; e ella se la risea, e mi me la risea; ella me cignava, e mi a’ ge cignava a ella; la me guardava mi, e mi guardava ella.

[58] THOMAO
No te digio che ti no favelli a preposito? Ti parli del fatto to de ti, e mi voio saver del fatto mio de mi.

[59] Pota, mo a’ sì insorio! Mo lagème dire, che a’ vignirè con el me in lo vostro.

[60] THOMAO
No puol far, mi e chi me ha inzenerao, che sta cosa sia al mio preposito! E’ ho pur bon natural, non ge cato zà né cao né via che la possa vegnir a mio preposito.

[61,1] Mo s’a’ ve dige ch’a’ intrarè col me in lo vostro! A’ sè an mi che a no dir pi altro el no ge vignerà; mo aldì, habiè un puo’ de pascincia. E sì, com a’ ve diegie rivar de dire, quando a’ me partia, a’ disea così pian ch’a’ ge volea ben a ella, e ella disea che la m’in volea a mi; e mi disea che giera inamorò in lo fatto so de ella, e ella in lo fatto me de mi. Com andasea de festa a messa, a’ me petava de fatto a la reza fra gi uomeni e le femene, e mi fasea vista de dir patanuostri, e sì a’ disea: “A’ ve vuò ben a vu. A’ son inamorò in lo fatto vostro de vu. A’ ve vorae vu”; e ella disea che la fasea cossì an ella.

[61,2] E po andasea al so canolò a favelar con ella. E havea un cortello che rasava. A’ tolea un canuolo, e sì fasea così di suoldi, e con una asta a’ segnava in terra, e sì a’ favelava con ella. L’haea mo una bambasina bianca che la parea un pavegio. E mi disea: “A’ sì pur bella, a’ me piasì pure”. E ella disea: “A’ sì bello an vu, a’ parì un pomo musetto”. E mi disea: “A’ parì un pomo cielà, bianco e rosso com è un velù de sea”. Ella disea: “Mo vu, che a’ sonè un calandrato a cantare!”. E mi a’ disea: “E vu, che parì un guìndolo a balare?”. A’ no me volea lagar batere de parole.

[62] THOMAO
Mo compi ancuo, per l’amor de Dio! Hastu compio o estu a la mitae?

[63] Massier sì, adesso a’ riverè. Aldì pure, tasì pure. E sì, con a’ ve diegie rivar de dire, andasìvinu a le feste, e mi andasea da i pivi e sì ordenava un ballo (a’ no volea mè altro ca pavana), e man a’ tolea su sta puta, e po man a balare, dagnora con sto pe maistro inanzo. E man sta puta se dindolava, che l’harae balò su un dinaro; e mi a’ fasea pieripuoli e presore così, che a’ dissé che haesse imparò per ponto de rason.
 
 

[150] [...]
[137r] la no gi ha, mo la i dê ben scuòere fina un mese. Se la haesse da dargegi ancuò de bel ancuò, la andarae de fuora de bel adesso, e de bel stasera po an nu andasan da elle, da tutte do, intendìu?

[151] THOMAO
Ben, danari. Te hala ditto la quantitae?

[152] Quanti dinari? Massier sì, cento lire, de lì via.

[153] THOMAO
Lire de grossi o de pìzoli?

[154] A’ cherzo che a’ fassé miegio darge smozanige e marciè ca darge beze, ché la porà star tanto a lombrare che a’ no andassan stasera. E mi a’ ge dissi che la no guardesse a dinari, com a’ me havivi ditto, e se no bastava cento, a’ g’in darì an un migiaro, e che i poltron, che ge ha ditto le parole de vu, no farà miga cossì, egi.

[155] THOMAO
Ti ha fatto ben. Oh, ti sé stà ascorto, pota che no digo!

[156] Ve vàgoge mo per carezà? Che crìu che supia? A’ no darae la lengua a un altro, per favelare.

[157] THOMAO
Andemo a casa, che te darò i danari, che ti ge i porterà. Magari andessemo stasera! Ge fosse ordene!

[158] Que? ’L è anchora grand’hora a sera. Stasera: no me l’hala ditto a mi?


Atto quinto
 
Tancredi, Theodoro, Genevra, Isota e Cita.
 

[1] TANCREDI
Deh, perché, dolce Isotta, moglie mia, non vi siete manifestata a me nel tempo che siamo stati schiavi? Quanti lieti giorni habiam perduti! Le nostre passioni sariano state men gravi, almanco li primi frutti d’amore haveresimo colti honestamente insieme. Ma converrà che radopiando li amorosi abraciamenti avanciamo quel che per adrieto habiam perduto, et siamo, come in volgar proverbio si suol dire, quatro corpi et una sola anima. Non sarà cossì, madonna Genevre, cognata mia?

[2] GENEVRA
Signor sì. Et quanto per me non pregerò Idio tanto di altra cosa, quanto che il rimanente di nostra vita sia in modo che tutti quatro de un medesimo volere viviamo. Cossì potessimo le noce celebrare! Ma ne la patria nostra le celebreremo.

[3] THEODORO
Et perché non doverò io pregare continuamente Idio? Qual compagnia mi potrà essere più a grado di questa? Et moglie et sorella mi siete, l’una et l’altra.

[4] [ISOTTA]
Cossì Idio il viagio nostro prosperi, et lieti, ove oggi intendiamo di andare, ne conduca, come ch’io desidero che di una medesima voluntà, de un medesimo desire viviamo.
 

[5] Quivi s’inbarcano per andar a Vinesia. E gionti a Vinegia.
 
TANCREDI
O cità gloriosa, che sei stata la fine de le nostre adversità, et il principio di tanto nostro bene, il guiderdone, che mereteresti, non posso, né (se havesse più poter del poter de tutti gli huomeni del mondo insieme) potria dartel conveniente a tanto dono; ma el Sommo Motore ne prego ch’el ti rendi, come quello a cui nulla è impossibile; et lo amor, la cortesia, la gentilezza, la magnificencia de’ tuo’ signori, de’ tuo’ egregii citadini, de le tue nobelissime donne sempre in honore tenga, et te sotto tranquilla pace governi, et di abondantia ti colmi, te difenda contra ogni furore de’ tuoi inimici, ti guardi da ogni loro insidia. Et più presto de ogni tuo lieto et pacifico stato si doglino li mali vicini tuoi, che tu ad alcuno porti invidia, et il nome de li chiari spiriti, che in te albergano, rimanga al mondo con eterna fama. Vinegia, per mille et mille opre famosa, rimanti in pace.
(Quivi si parteno per andar a la patria loro.)
 

[6] Ruzante e Menato cantando veneno.
 
Caro frello, cantóne un’altra, e nu du façonla [137v] in quatro. Mi solo a’ canterè ben in du. Aldi:

 “E de la mala morte...”
Vìtu? Co ’l grosso tase, el sotil canta; e co ’l sotil tase, el grosso canta.

[7] Al sangue del cancaro, l’è ben bela chi poesse [fare] an che una vaca tirasse per do, e du pan fesse per quatro!

[8] Per magnare, a’ magnerè ben per du, e per cantare; mo per laorare, a’ laoro lomè per mezo uno. Moa, scomenza.

[9] A’ te dige ch’a’ he priesia, ché a’ he Menego Trelesato che me aspetta a iro fuora de la porta! Làgame andare. Te he bon cantare, zà che la te va da canto.

[10] Di’ nomè questa una botta, caro frelo.

[11] A’ dirè per farte apiaxere, co disse quelù; mo, a la fe’, a’ he priesia.

[12] Poh, va’ al bordelo! Te sè pur se an mi..., com disse colù.
 

[13] Fenito de cantare Menato dice.
 
Moa, a’ vuò mo andare. Portate da pordhomo. La te buta bon a ti, e sì te va da canto, che te magni con fa i cavagi da tiraore col cao in lo saco.

[14] Poh, che vuòtu ch’a’ face? A’ stago con sto zentilhomo vegio, e sì a’ magno. ’L è inamorò, elo, e mi a’ ge porto i messitti. El no sa que farme. Sempre mè: “Ruzante, magna, magna!”, e mi a’ magno; “Ruzante, bivi, bivi!”, e mi a’ bevo; “Ruzante, marenda, fa’ colation!”, e mi a’ la fago, puoh sì. E po madonna ha tanto piasere del me cantare, che [no] besogna dire. Mare Biata!

[15] Mo la dê essere inamorà an ella, n’è vero?

[16] Pensate: mato el caro e mato el buò, e mato quelù che ’l para. El se favela lomè d’amore in quella ca’, e massare e madonna tutti a scazafasso! Fina le banche, i scagni, le casse sente d’amore! El no g’è buso in ca’ né ordegno, che no sappia d’amore.

[17] Mo a’ no dî stare lomè in veregagia tutti vu!

[18] No favelar de piasere: el no se sente lomè cantare per quella ca’. Mo laga. S’te staissi, la pi gran noela! Oh, s’ti n’haissi priesia, a’ te farae pur riere.

[19] Te me la dirè po un’altra fià. A’ vuò andare, roman ti.
 

[20,1] Qui Ruzante vede Bese, e dice a Menato.
 
Mo va’ in susio, s’te vuò ch’a’ romagna mi!

[20,2] (Poi dise a Bese.) A’ v’he ben vezua zà un pezato, mo perché el no se n’adesse, no ve guardava. Haon cantò per vu, vî.

[21] A’ sè che la smenuzolè, mi. Vergene Mare Biata, que haìvu in quella lengua?

[22] Ma sì, el no me sa gnan aiare! Se haesse chi me aiasse, a’ farae ben de belo, ve sè dire. Chesì, el no fo mè zarambella, che sonesse miegio de quel ch’a’ fassan nu! Vegnì avrì, che a’ he i dinari. To toridon doridon dorè.
 

[23] Messer THOMAO solo.
 
THOMAO
E’ son in gran fastidio, che no me so pensar che scusa catar con sta mia moier, se per ventura ancuo me convignerà andar in villa con madona Doralice, tamen el me sbatte el cuor. E’ no so che farà Ruzante, se ’l ge sarà ordene sta sera. E’ voio tornar a casa per passar tempo fina che ’l vien Ruzante. Dio el voia che sta bestia de mia moier sia contenta che vada.

[24,1] Oh, sea laldò Dio, andaron pur sta sera tutti a Arquà! El vegio no harà magnò indarno el confetto e i pignuoli arpigiè, né de quî che ven d’oltra el mare, mostachi, morachi, che fa bona forza. Gnian mi a’ n’harè magnò indarno le croste de formagio salò, né quî tri pan tanto fatti, né bevù indarno de quel vin, che ha una vena de recetto, che Mare Biata!

[24,2] Cancaro, l’è pur la bella putata! L’è lomè latte e vin. La dê haver tanto de gamba, tanto de [138r] lacheto, tanto de zenuochio, tanto de cossa. Oh, che -potta, ch’a’ no digo male!- que bel piasere a’ se daron in quî buschi!

[24,3] El vegio sta assè a vegnire. El m’ha pur ditto che l’aspette de chialò via.

[25] THOMAO
E’ non posso star fermo, e’ ho el mal de la formigola. Amor me ha travaiao, el par che aspetta una sentencia de lite. E..., en..., el me vien i susti de la morte, e’ sento ben mi. Oh, Dio voia che non traza i danari. Ruzante? Ruzante? E’ no te osso domandar a che semo.

[26] La megior noella! La no porà andar megio. El besogna mo che a’ supiè un homo, da chì indrio. Le va via adesso adesso, e sì me ha ditto ch’a’ dobiamo andare, che dabiè mè mi, che ’l g’è nomè cielo e buschi, che a’ n’harem paura almanco che negun ne faza la guarda. On volìu la pi bella comilitè al mondo? E sì a’ se darom piasere de dì e de notte. Com volìu i pi biè continti?

[27] THOMAO
Fatto sta che tutti non sarà contenti se me parto, Ruzante.

[28] Mo chi seràgi?

[29] THOMAO
Mo madonna non sarà contenta.

[30] Puoh sì, a’ vuò ch’a’ catè qualche scusa. A’ cherzo che la no serà contenta gnian se la ge stesse ben a pe de vu.

[31] THOMAO
Per che rason?

[32] Perché, daspò che l’have quel despetto de quelù, che la crêa che ’l foesse un homo e sì giera una femena, la sé stà sempre deveosa, de mala vuogia, a muò un dugo a penso; perzóndena a’ digo che la no serà gnian contenta s’a’ ge stasé ben a pe de ella.

[33] THOMAO
Che diavolo de scusa me poràvio pensar? E’ me voio conseiar con ti. Se digo de andar a muar àiere, el sé una matieria.

[34] Mo aponto questa è bona.

[35] THOMAO
No, perché e’ son vegnuo in sta terra per muar àiere. La dirà: “Onde voléu andar? Non sé bon àiere qua?”. E’ voio dir che voio andar a veder certe terre, per comprar. Xela dessa?

[36] Oh, massier sì, massier sì. Potta, a’ ve l’haì pensà bella! Mo andè a ca’ presto, e mi a’ starè chialò a veér se in sto mezo le andesse via, ché a’ vuò che andagam in la barca don le va elle, che a’ se smorezeremo con gi uocchi almanco. Andè via presto, e asiè le robe che a’ volì ch’a’ porte, che a’ le tornerè a tuore po mi. Mo andè via presto, mo corrì presto.

[37] THOMAO
Va’, diavolo, vuostu che me scavaza el collo? E’ voio portar puoche robe. Una vesta a la polentina che me metta, son spazao.

[38,1] Mo ben, mo ben, andè via presto.

[38,2] (Ruzante solo) Guarda che la no se despiera madonna, perché el vage via! Fuosi mo che ’l n’è bello da tegnir a pe, el zigio? L’è megio una fassina de spini asè. Sì che la no è inamorà? Se Die m’aì, la no vé l’hora che ’l se tuogie via. La farà ben vista che ’l ge rencressa, mo la pianzerà con gi uochi, e sì se la rierà con el cuore.

[38,3] A’ vuò andar ascoltare se i se mette in via, al so usso. Aldi, tasi. A’ sento sfuregare, a’ sento far un gran tampellamento de scagni, de banche, de chiave, de armari. I va da l’altro usso fremamen. Aldi, aldi che la dise: “Passa ben l’usso”. Gi è andè via.

[38,4] Cancaro, sto vegio sta assè a vegnire. Oh, cancaro, harem pur piasere in quî buschi! A’ se andarom imbusando dedrio e denanzo a elle, a’ so ch’a’ parerom levoraton. Ailo, va’ via, va’ via! A’ balerom: el se ge fa mo festa fin a zenuogio. A’ me farè un bel paro de calce schiapè di dinari, che m’ha dò quella femena de Ancona, e de quî che a’ he robò al vegio, che a’ n’he dò an a la mia puta. Un bel paro de calce a la devisa, e un bel zuparelo e na baretta rossa con una penachia che chiamarà putte da mille megia. A’ son mo ben informò di miè limbri, che ’l no g’è putta che me veésse che no me se apressesse. E po a’ canto ben, e cossì vestio... Pur poesse pur sepelire a tanti! A’ me vuò comprare [138v] an una spa, ché chi n’ha na bella spa che la porte per traveso, no par bon da inamorarse.
Làgame vêr se haverè tanti dinari che ge face. Cancaro, gi è assè! A’ no vorà che negun me veésse. Questo è un ducato d’oro da Veniesia venician. Questo è [un] ranese. Cavaluoti, moragie, de quî da siè beze, scarantani... Cancaro, gi è assè dinari! Làgami partire. Sto muchieto è le calce, st’altro muchieto è el zuparelo, st’altro è la baretta. Mo la penna? Tuo’ un puoco per un di muchiti, ho la penna. La spa? Un puoco del muchio de le calce, del muchio del zuparello, del muchio de la baretta. Oh, a’ he fatto mo una spa! El me avanzarà an dinari da ballare.

[38,5] A’ vuò tornare a sentire se gi è andè via. A’ no sento negun. Gi è andè via fremamen. Oh, vegnisse sto vegio!

[38,6] Oh, laldò sia Dio, a’ vignerì pure! Stè a dar mente, che a’ vuò andare a tuor le besenelle.

[39] THOMAO
Va’ a farte dar quelle mie robe, e vien presto: i miè zocoli fratoni, la mia baretta da notte, i scoffoni e l’albarelo da l’onguento per la mia siatica. E l’orinal. E varda non romper niente.

[40] Poh, a’ me l’arecoderè in lo culo tante besenelle.

[41] THOMAO
Ho asiao ogni cosa in portego. Vien presto.

[42] Butè gi uochi in qua e in là se ’l vegnesse mè la so massarola, che la ne andesse cercando.

[43] THOMAO
Mo ben, va’ via presto. E’ sarò pur contento sta sera. E’ ho anche fatto tanto che madonna è restà contenta. Ogni muodo el sé stao bon aviso andar in villa. Meio ca qua per mille boni respetti. E’ ’nde son anche pi contento, mi.
 

[44,1] Ruzante con le robe casca e dice.
 
Pota del caire! Vegna el cancaro, com pi se ha priessia, el cancaro intanta pi! Te par mo che a’ he rotto e renali e pitaritti e ’l cancaro?

[44,2] Che ’l cancaro la magne, la no veéa l’hora de mandarme fuora de ca’, st’altra! “Va’ presto! Tuoga mo su”. A’ no dego savere che la l’ha fatto vegnire in ca’, el so berton? Vegna el cancaro..., squaso ch’a’ no dissi, a’ me he sbergò un zenuochio! La pianzea, com a’ partî, adesso la scrigna. Cancaro a ella e i suò berton!

[44,3] Mogia, aviève inanzo presto, caminè.

[45] THOMAO
Hastu ogni cosa?

[46] Massier sì, caminè pur via.

[47] THOMAO
Hastu i zocoli fratoni?

[48] Massier sì, a’ he ogne cosa. Caminè.

[49] THOMAO
Hastu la mia baretta da notte?

[50] Massier sì, cancaro a le barette. Caminè, che le azonzem, caminè.

[51] THOMAO
Hastu i scuffoni?

[52] Massier sì, caminè, che i dege pur havere. Pota del cancaro, che andagam in la barca, don le va elle! Caminè, caminè.

[53] THOMAO
Li hastu tutti do, i scuffoni?

[54] Massier sì, a’ cherzo de sì, cancaro a i scoffoni. Caminè, fè i passi lungi.

[55] THOMAO
Hastu l’albarelo da l’onguento?

[56] El tussi pur. Caminè, caminè.

[57] THOMAO
Ti non haverà rotto niente, no?

[58] Rotto ninte, no. Caminè, massier no, caminè.

[59] THOMAO
La mia cinquedea l’hastu tolta?

[60] Tolte le manezze, ogni cosa. Caminè.

[61] THOMAO
Non digo i vanti: la storta!

[62] A’ fallom la via, cancaro a i stuorti e a i derti! Andagon de qua, che l’è pi curta.
 

Finis.