Archivio digitale veneto

Ruzante, L'Anconitana [ms. Vr. Civica 36]

 

 

[2r] Comedia de Ruzante.
 
[2v] TANCREDI, THEODORO, GISMONDO, DORALICE, Ser THOMAO vechio, RUZANTE fameglio di Thomao, BESSE fante de Doralice, GINEVRA anconitana, GITTA fante di Ginevra, ISOTTA già detta Gismondo, MENATO vilano.



[Prologo primo]


[3r] IL TEMPO
 
Che non può fare la cortesia de un spirito valoroso? Poi che sono il Tempo, vincitore di quanto è creato, sono da la cortesia de un huomo vinto; et me, che con il fugir mio gli anni, i mesi, [i] giorni et l’hore, etadi, seculi et lustri consumo, et le lunge memorie de le mortali fame meno in preda, ha conduto nontio di novo caso; né di ciò mi pento, poi che a tanti nobilissimi spiriti, che quivi veggio, son venuto a porger diletto. Lassiate ogni pensiero altro, poi che un nuovo caso amoroso siete per udire, ché vi prometo, mentre che a li piacevoli ragionamenti, che a succedere hanno, darete udientia, anchora che la pronteza de l’hore non possi ritenere, nondimeno farò che per voi, né per conto del viver vostro volerano, ma per il rimanente del mondo sì, et a la fine pervenuti, più da me guadagnato, che perduto haverete. Et aciò di questo prendiate certa fidanza, io in uno de questi canti lassiato ogni mio costume mi ponerò a sedere fino a la fine.

Il caso è nuovo, et in Padoa advenuto; di poi a consolatione vostra ridotto segondo l’antiquo costume in comedia, et a quella datto il titolo de la “Anconitana”; et son certissimo che favola non si raconti più bella di questa. Et udite l’argumento.


[3v] Argumento
 
Tancredi et Theodoro, gioveni siciliani, et Isota donna di Gagieta, che soto habito di huomo si fa chiamare Gismondo, furno presi tuta tre da corsali, et venduti ad un moro; di poi da un mercatante venetiano riscatati, et condoti a Vineggia con promessa di non mai da lui partirsi se intieramente non era da loro de’ suoi denari sodisfato, i quali haveano in Sicilia mandati a togliere. Et perché erano tuta tre di virtù gentilissime vestiti, venero in questa città, fatti suoi avisi aconciarse per mezo de le virtù loro a’ servigii di alcuna valorosa donna, da quella traendo li denari per sodisfare al mercatante. Et mentre questi tre giovani racontano le virtù sue ad una cortigiana, chiamata Doralice, che ad una finestra dimorava, avene che una bellissima donna venetiana, moglie de uno richissimo vechio similmente venitiano, già sensale stato, chiamato sier Thomao, inamorassi di questo Gismondo credendolo huomo, et induce il vechio marito suo a risquoterlo; il quale amando sconciamente Doralice, mentre che per mezo de un suo fameglio detto Ruzante, che altresì in una fante de Doralice ferventemente è inamorato, cerca di venire a l’ultimo amoroso diletto.

Aviene che Ginevra, donna vedoa anconitana, veduto Gismondo in Ancona, et falsamente credendolo huomo, del suo amore ardentissimamente [4r] presa, con una sua sola fante, Gitta chiamata, in habito di huomo ambedua sonno venute in questa città per ritrovarlo, da po’ longi ragionamenti et accidenti amorosi viene a ritrovare quella essere una sua sorella otto anni peregrina andata, et da lei per morta pianta. Ultimamente si maritano: Isota prende per isposo Tancredi, et Ginevra Theodoro, trati di servitù da certi gentilhuomeni padoani, et a godersi tornano ne la loro patria. Sier Thomao et il famiglio suo Ruzante ordina con Doralice et Bessa, sua fante, il modo di godersi questa sera insieme, vano ad una villa non guari lontana.

Ma parmi udire che quello, che in breve parole vi ho divisato, essi si aconciano con longo ordine, et con più piacevoli parole [a raccontarvi]; onde, se vago desio de novelle cosse vi muove ponto l’animo, a le sue parole date benigna atentione.


[Prologo secondo]


RUZANTE
Perqué g’intrighi d’assè fate, e i schiapuci del mondo in purasé vie e muò el celibrio e le fantasie de gi huomeni va volzanto e revolzanto e sbragagnanto, e perzóntena el se vé che uno ha piasere de andar co le biestie, e deventa boaro, un altro vacaro, un altro pegoraro, [4v] un altro harà piasere de laorar in campagna, un altro de essere massaro de ca’ e de smasarizare, quel altro de guagnar roba, quel altro de costionizare e farse braoso; e l’altro, che sarà stò sbolzonò d’Amore, no zarlarà mè d’altro, e se penserà sempre mè a che muò el porae menar via la so morosa, e cognose le morose de tuti, e tuti quigi che è inamorè, hora el sta de buona vuogia, hora de mala, hora el sgnica, hora el se la ri. E de quisti inamorè ge n’è pi che ne g’è celege al tempo di migi. E perzóntena mo mi, che a’ son mi mo e che a’ sè quello che se pò saere, de Amore a’ vuogio rengare e no de altro, e chive chialò quéncena chialóndena chivelò chì in sto luogo a’ ve vuogio far sentire straparlamento de Amore com se sentisse mè, intravegnù chì in Pava; ché adesso chì, com a’ saì, e’ no g’è se no cielo e amore, e chi no è inamorò e chi favella d’altro la no ge buta bianco.

A’ he intendù fremamen che Amore, per paura de’ Turchi ch’i no l’impalesse adesso in ste moeste, è partù de Cypro da ca’ so, ello e so mare, e si è vegnù a ficarse in ste muragie per esser a la segura e in luogo pi forte, e fa inamorare tutti. Mo no vîu che chi no è duniarin e inamorò, e che no vage con el regazo e con la muleta dunianto, tutti el trogna? Mo no vîu che [5r] le done, che n’è cortesarine, i dise che le n’è belle? Mo chi cancaro favelerae d’altro? E tanto pi che, se no foesse Amore, vache, piegore, scrove, cavale, né altra biestia del roverso mondo farae mè furto.

Amore, an? Puuh, mo a’ vivesam deboto, se no foesse Amore! Mo no se ficalo, per farge vivere, chiamentre in la terra? Chi se ge ficherae, se no ello, a inamorar la terra per norigar le biave? A’ murisam pur da fame!

Amore, an? Mo guardè se ’l è homo da ben, sto Amore, e si el ne vo ben, e si ’l è de descrition: perché el cognose che, com ’l entra in gi arbore, lo g’inamora, e perché i stropari, con gi è inamorè, le strope no tien, che le n’è bone, e per no ge far sto dano el sta tanto a intrarge, che da quel tempo haon rivò de bruscare e no haon pi besogno de strope.

Amore, an? No favelare d’Amore, che ’l povereto per amor nostro, e per farge comelitè al magnare, se fica soto aqua a far inamorar i pesse e fargi smultiplicare. Chi fa andar le anguile in frega? Solamen Amore.

Amore, an? Mo per farge piasere no falo vegnire i rosignuoli a inamorarse in sto paese, che i sona sì bon a cantare che se perderae agnoli, arcagnoli, guanzelista, martore, confessore? Mare Biata!

Amore, an? Andassan a [5v] scazafaso! No favelare mè d’altro, e no voler ben a altro. Mi inchindamò a’ son sì inamorò in Amore, che ge farae cossì vontiera un servisio com cossa che a’ faesse mè. Mo se no foesse Amore, no sesen vivi, né negun mè nasù? Mo a’ cherzo ben de no, ché Amore, con dise la Leza, fa mario e mogiere de du uno, che la dise: “Erunt duo in carne l’una”. Ché se ’l mario foesse d’una volontè e la mogier d’un’altra, e uno se voltasse in qua e l’altro in là, e’ naseson in le nege! Mo l’Amore se caza de mezo e fa de du uno, e a quel muò se ven a impolare e nasire. Mo no sa tuto homo che incalma? S’te sè un arbore, e sia pur vivo e fresco se el vo: se ’l calmo e ’l calmeto n’è inamorè, el no se arpigerave mè. Poh, ’l è un gran fatto!

Amore, an? Amore no sa ficare, int’i puti e int’i huomeni gruosi, celibrio? Con sarae che, con un putato boaruolo sente Amore, de fatto el vol vestirse da festa? Amore, an? No, l’amore no fa deventar balarini? No, ’l ha ferdo. El no sa far deventar saltarini e gaiardini? No, ’l ha mosche. El no sa far deventar cantarini? No, el trogna. El no sa far deventar spadacini? No, ’l ha paura.

Amore, an? Mo chi cancaro sarae quel cancaro de quelù, che volesse mè favelare d’altro ca d’Amore? Amore per mar e per terra. Per amore de vu, bella brigà, e per farve [6r] na cosa, che ve sea in piasere, a’ fazon sta comieria, che è tuta cielo e amore. E per amore che ’l ge n’è de quigi sletran, che dise che comidiare vol dir “magnare”, azò que a’ no intendessé per sta via, che sarae ben el cancaro, Amore, per amore me, ve priega che aspitè che a’ rivon questa, ch’a’ ne faron un’altra. E mi an mi per amor de Amore a’ ve priego, brigà, che per so amore, azò que qui sente d’Amore no se desnamore, e quigi che no va in amore se inamore; e perqué el poverhom d’Amore si è con ierinu nu, quando muzavimo per i Toischi e per i Spagnaruoli, ’l è muzò an ello da ca’ so per amore de no essere impalò; e perzóntena a’ ve priego che a’ no ’l vogiè refuare da tegnirlo infra vu, femene e huomeni, a bel fatto tutti, perqué ’l dà piasere ello do’ ’l se fica. E con a’ v’he ditto de sora, se ’l no foesse ello, da che sasàngie al mondo? E tamentre vu, femene, che a’ no sassé cognosù. Mi, a’ vuò dir de mi, se foesse una femena, vegnisse pur Amore da hora, da strashora, a’ l’albergerae sempre ontiera.

Questa è la veritè, ché inanzo che cognosese Amore, an mi, perqué haea aldio dire che ’l iera ria cossa, a’ me ’l cercava da parar da cerca da mia posta. E a’ ve dirè an pi: come sentia muovere l’amore, de fatto [6v] tolea l’ordegno in man, e sì me spuava su i palmuzi de la man, e man mena e laora tanto a zapare, a vangare e sbailare, infin de tanto che ’l povereto arbassava el cao e andasea in là, e no me dasea pi fastibio. Mo dasché a’ la provié la prima fià, a’ ve dige che a’ he habù de gran piasere da ello, che pensantomelo a’ no posso star ch’a’ no spue. E da tanto ben ch’a’ ge vuogio, a’ m’he sì incatigiò el celibrio e la smalmuoria, che a’ no sè quel che a’ iera vegnù a far chivelò.

Ben, an, de davera. Mo el vignerà tri, tri, tri, e po un che ha lome quatro, e po du altri, e sì sarà inamorè. Oh, cancaro i magne, mo la serà pur la bella filatuoria, la bella novella! E quelù che favelerà a ella. E po un, che no ge serà mè pi stò, vegnirà an ello. E po, con ’l haverà ditto e ditto, el vegnerà po un altro. Oh, cancaro, la sarà la bella cancaro de noella!

Tasì pure, a’ i vuò andare a chiamare. Tasì pure, mostrè che no habiè intendù zò que habia ditto, ché i se scorezarave. Tasì pure. Aldi, a’ sento ch’i vien mo a dire.


[7r] Atto primo.
 
Tancredi, Theodoro, Gismondo, già stati schiavi de’ Turchi, et per uno mercatante venetiano riscossi, parlano insieme; et di poi a Doralice si voltano.
 

[1] TANCREDI
Io non ci veggio altro modo a liberarci, che el mezo delle virtù nostre. Elle sonno di sorte, che deveno piacere a tute le donne, et maggiormente alle donne di questa famosa cità, le quali, secondo che ho udito ragionare, oltra che sono cortesi et bellissime, sono anchora amanti delle virtù, et di le persone in cui fiorisse essa virtù. Facilmente potrà cadere ne l’animo di queste madonne voler imparar de queste nostre scientie, et per riscato di noi darano al mercatante quello che elgi diede per noi al moro. Lo esser lontano de le case nostre ci concederà senza alcuna vergogna andar visitando le altrui, et alle gentildonne di quelle far le virtù nostre chiare, et a loro adiuto adimandare, et seco stare a’ suoi servigii, fino che o letre o denari da la patria nostra veranno. Et se per tuto ciò avenisse che mai non venissero, a quali più degne, a quali più benigne persone potremo esser sugieti, che a queste nobilissime madonne? Io per me più cara mi terrei tal servitù che altra libertà.

[2] [7v] THEODORO
Veramente et io altresì sonno del tuo parere, et se mi credesse di divenire il maggiore signore del mondo, non gabarei il mercatante; il quale, oltre che per riscato di noi, che eravamo schiavi, pagò quella quantità di moneta, ci ha datto anchora libertà che ove più ne piace andiamo per ritrovar modo di rendergli li sui denari; che è stata gran cortesia, senza voler esser sicuro.

[3] GISMONDO
Non faciamo queste ragioni adesso. Quello che habiamo comminciato seguiamo. Et tu, Tancredi, saluta quella gentildonna, che a quella finestra dimora; et a lei dippoi racontiamo il caso nostro, et le virtù nostre. Forse, se ella non ne aiuterà, ne provederà de aiuto per altra via.

[4] TANCREDI
Ben hai detto, Gismondo. Ben possa star Vostra Signoria, nobilissima madonna.

[5] DORALICE
Siate ben venuti, gentilhuomeni.

[6,1] TANCREDI
Nobilissima madonna, nui fummo presi da certi corsali sopra una nave di nostre mercancie carica, et dippoi venduti ad un famoso moro, sotto la potestà del quale fra molti disaggi aspra vita fin hora habiam menata, ogni speranza lassando non mai di tal servitù ussire, se non sopravenia uno mercatante venitiano; il qualle, cognosuti noi per cristiani, per riscato nostro diede certa quantità di moneta al moro, a cui eravamo stati venduti, et noi seco [8r] fin a Vinegia trasse, con promessa nostra fatali mai non si dover partir da lui, se intieramente de li suoi denari non era da noi sodisfato. Et perché ci ritroviamo lontani da la patria nostra, che è Sicilia, ove con letere a’ parenti nostri ne habiamo avisato; ma perché per la longeza del viagio aviene tal hora che si sogliono smarire le letere, habiamo fra noi istessi deliberato metersi a’ servigii di alcuna nobilissima madonna, et ella per noi pagando li denari al mercatante, che per riscato di noi spendéno, a lui in un medesimo tratto, et a noi, et alla gentildonna sodisfare: a lui, che di suoi denari non patirà longo disaggio; a noi, che de l’obrigo, che con esso habiamo, ci libereremo; a la cortese donna poi in che sodisfaremo intendereti.

[6,2] Et prima da me incominciando, dico quella gentil madonna, per la cui cortesia di cossì fatto obrigo sarò tratto, oltre che ad un piciol ceno in tute le cosse che piacer li fieno me havrà pronto, et oltre che potrà lodarsi di un parangon di fideltà, di alcuna particular virtù potrà servirsi di me. Et questa è che io ne la mia gioveneza disposi li mei primi pensieri a la dolceza di versi de la volgar lingua. Me obrigerò adonque, fino che mi basterà la vita, consacrare al bel nome suo li pensieri, l’ingegno, la lingua, la mano, el stille, et quella [8v] con ogni mio studio mi sforzerò di fare risonare fra li nobeli inteletti, tessendo in rime ellette, et con amorose lode dipingendo hor li occhi suoi leggiadri, hor le bionde trecie, hor l’honesto petto, hor la bianca mano, hor li cari sguardi, le parole, gli atti, la leggiadria, la honestate, l’habito, l’andare; et in diverse compositioni: in capitoli, in epistole, in aegloge, in canzoni, in sextine, in soneti, in madriali, in stance, in ode, in barzelette, in balate.

[6,3] Et veramente non piciola offerta, a l’altezza de l’animo di qualunque donna, deve essere questa mia, né poco cara, pensando quanto grande siano le force della penna. Le force de la pena sono troppo maggiori che coloro non istimano, che quelle con conosimento provate non hanno. Veramente io direi cossì fate cosse in lode di una bella donna, che non che a se stessa piacendo si teniria cara, ma dal mondo tutto saria tenuta cara et apregiata; et così del contrario direi cose, che udendole, non potendo morire, li faria venir in odio la vitta, et dal mondo altressì esser odiata.

[6,4] Né crediate, per tuto ciò che ho detto, che di tanta prosontione sia che poeta mi voglia dire, ma amante di essa poesia mi dirò ben; et bene o male che mi dica, lascio nel benigno iuditio di quelle persone, che più di me sanno.

[6,5] Voi dunque, i mei compagni, il [9r] cominciato ragionamento sequendo, a questa gentil signora li vostri intendimenti fareti noti; et ella intendendo le virtù nostre, per lei segliendo il più confacevole a sue bisogna, li altri dui a vicine o amiche o parente servendo potrà far liberare.

[7,1] DORALICE
Veramente gentilissima virtù è questa vostra, et poche donne o niuna è che se ne facia conto. Da che siamo noi, levatane via questa poca bellezza, la qual pochi anni guastano? Da nulla! Onde che un scritore ne faria sempre rimaner belle doppo’ morte anchora. Vardate che è avenuto di madonna Laura, tanto lodata dal Petrarca, che si trovano al dì d’hoggi de quelli, che infiammati de la sua bellezza anchor sospirano, et si dogliono non esser stati al suo tempo, overo che ella non sia stata al nostro. Gran forza hanno e’ versi!

[7,2] Horsù, et di questo altro giovene, qual virtù è la sua? Ditte, di gratia.

[8,1] THEODORO
Allo incontro de l’oro, che quella cortese anima di qualunque valorosa madonna spenderà per riscuotermi, sarò sempre a quella cordialissimo servitore. Et perché comun desio è de ciascuna donna, anci dirò somma cura, di acressere le sue bellezze naturale, et in ciò et tempo et danari ispendeno in mille maniere, in aque incorporate con sulimato, in belletti [9v] cotti, in chiarimenti, in lustri, in bianchigiamenti di capelli, in sotigliamenti di peli, in colorimenti di carne, et in mille altre brute onture; le quali cosse quanto più per piciol spatio di tempo vi faciano parere, agli ochi di coloro che vi mirano, belle et riguardevoli, tanto più, quanto cominciate a discendere alla tepida etade, vi mostrano soze e brute; percioché mancata nel vostro viso la prima virtù de’ belleti, de’ lustri, de’ chiarimenti, che più vage et più colorite a gli huomeni vi facea vedere, rimane nelle delicate carne vostre la sua fecia, che è possente di mutar la lor morbida natura nella sua ruvida qualità; et quindi nascono le spesse crespe, che per la fronte, per le guancie, per il petto inanci alla debita etade apaiono; quindi divengono rari et canuti e’ capelli; quindi il palido colore; quindi si infrigidiscono et cadeno i denti inanci tempo; quindi li ochi par che continuamente lagrimano, quasi la lor presta perduta leggiadria piangendo; senza che le labra de’ mariti vostri, che al volto per basciarvi vi si acostano, ne ritornano spesse volte invescate; et aviene che men belle parete, quanto più con questi imbratamenti vi cercate de abellire.

[8,2] Ma quella, alli cui servigii sarò, non haverà di questi empiastri, né onguenti, ma pure aque senza corpo di semplici herbe, stilate a’ fochi di odorifere legna; [10r] la virtù delle quali non solamente in abellire il viso, il petto, el colo valerà, ma rempierà le carne de’ più soavi odori, che in excellentia sieno: aqua da crespare et biondeggiare le trecie, aqua da allargare et serenar la fronte, aqua da inarcare et imbrunir le ciglia, aqua da colorire le guantie, aqua da arossir le labra, aqua da far li denti bianchi, aqua da far la gola bianca, aqua da far morbido il petto, aqua da far bianche le mano; la virtù delle quali, nel loco dove sarano adoperate, durerà per tre giorni, et altretante notte; et non averà di loro come di questi volgari belleti aviene, che, quando la matina vi levate, vi lasciano nel viso, et sotto li ochi, et nella carne una certa palideza di mille varii colori adombrata. Imaginase adonque quella leggiadra donna, a cui serò servitore, quanto da l’altre sarà istimata excellente, quanta virtù aquistarà con piciola quantità di moneta.

[8,3] Oltra di questo, di odori, di profumi potrà tutte le altre donne di gran lunga avanzare, perché io toglio l’odore al muschio, al zibeto, a l’ambra, al bengioì, al spico, al storace, a cui più, a cui meno, et di quelli compono una mistura mescolando con essa alcuni semi di herba, alcuni fiori, che diventa di tanta soavità, che per ferma opinione tengo che a l’odor di quella si potria l’alma et il corpo insiememente nutrire. Le [10v] aque rose, le aque di gesamini, le aque di fior di melangoli, le aque di profumo, le aque nanfe, le aque di fior di cedri per nulla le reputo, perché io stillerò aque di non conosciute herbe, né mai a notitia de altro huomo pervenute che alla mia, che vincerano de odore li più mirabili, che hoggi siano in precio.

[8,4] Porgete hora orechie alle virtù di questo altro compagno, che de un’altra guisa de virtù è dottato.

[9] DORALICE
Oh, galante virtù sì, per mia fe’! Ma voglio pur in questa parte deffender le donne. Quelle che si fanno belle, se sonno maritate, lo fanno per piacere alli mariti loro, aciò non si svoglino di loro, et vadino a l’altrui femine; né per tuto ciò non li possono far rimanere, che non le lassino sole et frede la notte ne’ leti loro, et vadino altrove procaciandosi di novo cibo. Ma lassiamo queste parole. Et questo altro giovene, di che altra virtù è dottato?

[10,1] GISMONDO
Non posso, gentillissima madonna, in che servirò quella magnifica madonna, per la cui generosità sarò rescatato, ch’io non dica che il padre mio doi figliuoli hebbe senza più, et egli, et la madre noi d’un medesmo parto havendo partoriti, passò di questa vita, per il che da uno avo materno nostro fummo fina alli sete anni alevati; dippoi, per odio di nostri parenti a noi portato, et [11r] per fugire le insidie loro a noi nella vita tese, fummo disgionti. Quello, che di mio fratello avenisse, non potei mai risapere. Io in habito di donna fino alli diciotto anni stei rinchiuso in uno monasterio de monache, ove in cambio delle letere a l’acco, alla roca, al fuso diedi opera; et prima imparai a tirare in filo el lino et la lana, dippoi a comporre et tessere le telle, et dippoi con l’acco di sétte di varii colori trapongerle et ricamarle d’oro et di argento, et in quelle depingere et colorire figure d’homeni, d’animali, d’arberi, di paesi, di lontani, fontane, boschi. Et in breve, quello,che faria un penello de un dotto dipintore, io con l’acco, con la seda tinta di varii colori farò.

[10,2] Et ciò che per me si dipinge è con atti, con moventie, con gerature, con panni, ignudi, in maiestà, in profilo, in cortio, adumbrati et coloriti, con reflexi, con ombre morte. Et se de diece mille figure le più belle parte scegliesse, quelle so io benissimo acompagnare, il che in pochi si ritrova; et dippoi colorire di azuro, di giallo, di perso, di vermiglio, et più e meno, come rechiede lo effetto della figura. Li lavori di camise et di gorgiere, di traponti aurati et serici benissimo li scio fare.

[10,3] Oltre di ciò ho perfetissimo iuditio et intiera cognitione di adornare una donna di vestimenti, di scufie, de balci, di trecie, di gorgiere. Et scio qualli colori di drapi sieno più confacevoli alla donna bianca, et qualli alla bruna, et qualli panni [11v] meglio se acompagnano alle divise et alle nove livree; d’imprese, come significano o amore o speranza o gelosia, et altre simile cosse; come si dêno portare le faldigie, come la scufia in balzo riesse meglio o coprendo tuti li capelli o lasiandone vedere un dito o dui; a qual donne reiscono le orechie forate, come meglio se li confacino o le perle o le fila d’oro et in anella rivolte; le guise de’ cassi come vogliano essere a far parere il petto morbido, et far mostrar le mamelle o poco o meno; gli monili, le catene d’oro, le perle ordinate in filza come facino parere la donna più altera; de le anella anchora quali diti si debano ornare; come deve movere il passo la donna, come deve ridere, come vogliere li ochi, come far riverenza, et in quali atti più di gratia et più di honestà si trova; come si dee fregiare una vesta, et nove guise de agiongere diversi colori di panni, che più legiadri paiano.

[10,4] Et invero ho veduto in questa cità molte madonne tanto inordinatamente aconcie et ornate che, se a lor stesse fussero cusì note, come a chi le mira, se andariano tute a riporre. Elle nel speglio con li proprii ochi si rimirano, o al iuditio cieco delle fantesche si riportano, le quali più presto de una scanciera di scutelle che di adornamenti di donna saperiano iudicare.

[10,5] Alcune donne ordinano li capegli equalmente castigati, et tutti ad un ordine posti, che uno l’altro non passi; alcune [12r] lassiandoli cossì inordinati hanno di acressimento di gratia et di beltà, tanto che non si potria con mille lingue racontare. Con soferenza vostra, madonna, tirate quella scufia un dito più inanci, che non si veggiano tanto e’ capegli. Oh, vedete che più di gratia havete, perché il viso vostro è alquanto scarno. Siché alla donna che mi riscoterà sarò servo et fante, et huomo et femina.

[10,6] Piacendovi adunque uno di noi, pigliarete quello che più vi piace, ché io non ho a dire altro, alli effeti remetendomi.

[11,1] DORALICE
Bellissima, oh, bellissima virtù è questa altra! Et veramente io al iuditio della mia fante mi aconciai el capo questa matina, et vedete como stava fresca! Elle dicono poi, queste tristarelle, quando le si grida: “Voi sete fastidiosa. Ella è bruta, et vol che io la facia bella. Mai non se li pò vivere!”. Ma lasciamole con el malanno.

[11,2] Invero, leggiadri gioveni, le virtù vostre sonno somamente da comendare, et da esser tenute care da l’alteza de l’animo di qualunque donna. Io per me non posso comperar tante virtù, ma non potevate capitar in meglior cità di questa, percioché ci sonno di gran signore et madonne, tanto amanti de le virtù, che creggio che con il sangue loro, non havendo altro modo, vi riscoteriano. Cercate. Sonno le donne di questa cità, cortesi, generose, liberali, magnifiche. Io non son da porre nel numero loro, che io son forestiera. Duolmi de la adversità vostra, ma cercate con bona speranza, che trovareti chi vi trarà de cossì fatto obrigo.

[12] [12v] TANCREDI
Non poco ci adolciscono le vostre parole, poi che vi dolete, gran mercé di Vostra Signoria. Siamo stati da alcune altre gentilissime madonne, da’ quali però grandissima speranza habiam riportato. Rimanetevi in pace.

[13] DORALICE
Andate, che Idio ponga bon fine al vostro desio.

[14] TANCREDI
Cortesi, invero, et piatose sonno le donne di questa cità. Con quante dolci parole tutte hanno mostrato che ’l caso nostro gl’incresca! Gismondo, quella, con chi parlamo presente il marito, ti haveva sempre li ochi adosso. Io mi creggio per certo che ella ti habbi a riscotere.

[15] GISMONDO
Volessello Idio.

[16] THEODORO
Questo medesmo parve a me. Cerchiamo altrove. Andiamo.

[17] TANCREDI
Andiamo.

[18] GISMONDO
Andiamo.
 

Fine del primo atto.


[13r] Atto secondo.
 

[1,1] SIER THOMAO
El sé una gran cossa, che son vegnuo in questa terra zà tre mesi per muar àiere, e per star con l’anemo contento, che non me possa anchora drezar a viver in pase con sta mia mogier! La vuol pur che sempre buta via el mio e contentar i suò apetiti, e no varda alla mia impossibilitae. La vuol adesso che traza un schiavo, che sé stao in man de Turchi, e tignirlo con essa per imparar vertue. E’ la vogio compiaser in questo, perché, se no ’l fesse, sempre la me rosegerave, sempre la me tegnirave strucolao. ’L ha bona ciera de zovene, el sarà anche bon da altri servisii. La dise che ’l sa cossì ben cosir, cossì ben taiar, e che l’ago ge par tanto bon in man, e che ’l fica sempre i ponti con tanta galantaria, con tanta misura. Che diavolo, la sé vertue anche questa, galante e piasevole, da donne. El sarà anche bon da vegnirme da drio anch’a mi per fante, e sì credo che ’l habia bona forza per vogar de mezo.

[1,2] Che gran quantitae de dineri sé questa? E’ ’nde spenderae volentiera el dopio, e poder haver el mio intento con quella forestiera, che son inamorao. Se mia mogier haverà sto schiavo, l’atenderà a l’ago, a farse taiar e stricar le veste, e sì no me vardarà sempre drio, e sì no vorà sempre saver donde son stao: “Che havéu fato da la tal? e da la tal?” Anche mi sarò più libero de quel che son.

[1,3] Onde poràvio catar costori? Anche Ruzante ge sé andà drio anche esso, e sì no vien ni un ni l’altro. E’ voio andar cercando per le contrae. La vista no me serve tropo ben: se “no” i vedo da lai, da lonzi no i [13v] porò figurar.

[1,4] Sto tanto caminar no fa a preposito per el mio cataro. E’ me voio voltar de qua, forsi i caterè.

[2,1] Cancaro a i Turchi e a i Muori e an a i pigè preson da Turchi! A’ he cercò bonamen tuta Pava, e sì a’ n’i vezo. Orbéntena, chi n’ha ventura no vaga a pescare.

[2,2] La mia parona, che s’è andà a inamorare in quel sberozaeto, in quel smenueto, che par un luzo firto, e sì vuò che missiere ge ’l scuoa, e sì dise che la ’l vuò, perqué el sa cossì ben taiare e cosire e arpezare, e che ’l ge piase tanto el so ovrar de gusela, e che ’l sarà bon an per missiere; e ello ge ’l vuò scuore, e sì me ha mandò a cercare s’a’ i cato.

[2,3] Cancaro el magne, l’è inamorà la mia parona in ello, che a’ ’l sè ben mi! Almanco favellésselo com a’ fazom nu. In malhora, dasché la se ge dêa inamorare! El va intoescando con la lengua “che l’amore che l’hanno fato de la vita mia, che lo sanno fare de le scufie che le parano bon...”. Cancaro el magne! Oh, cancaro, el m’è viso che a’ i voiam far biegi, i punti! El m’è cossì doiso che la [’l] vuoia per altro ca per cosire! A’ me smaravegio lomè de sto vegio che ’l se pense qualche male che porà intravegnire. Ma sì, ’l è inamorò an ello, el se pensa d’altro. Orbéntena, l’amore è orbo, lo no ge vé gozo!

[2,4] A’ sè che ’l ge n’è tri de gi amore s’un pecolo. Mata la scroa, mati i puorciegi. El me paron è inamorò in madonna Rarize e mi in la so massarola, e la mia parona in quel turco pigiò da Turchi. Cancaro, l’è la bella noella! Se Die m’aì, e’ cherzo de indivinarla [14r] miegio mi ca negun d’egi.

[2,5] A’ vuò andar a vêr s’a’ la poesse mè vêre, e catarla deschiapà e favelarge. A’ vago in casa da per tuto, e sì a’ n’he comilitè de favelarge. Pur che a’ no me perda, com a’ la veza. Dégogi aspitare che la vegne o que dégogi fare? S’a’ sbato a l’usso, so parona sentirà; s’a’ no sbato, a’ me porà fuossi cossì abirare, che la no vegnirae ancuò. Aldi, tasi. A’ sento pur sfregezare. A’ vuò sigolare. Sbio, sbio. ’L è miegio sbatere e muzare. Ta ta ta, don don don. A’ vuò tornare. Ta ta ta, don don don.

[3] Musi de giuti, hasévo sechè le man! I sbate e po muza.

[4] Sbio. An, a’ no vosé po gnian ch’i l’haesse sechè! A’ son stò mi. Con stèvo, an?

[5] Sì stò vu? A’ crêa che ’l foesse “stò” sti musi de giuti de tusi. A’ sto ben mi. E vu?

[6] A’ starae ben, se no me fessé sgagnolire. A’ me fè pur stentare, mi.

[7] A’ no fago stentar negun, mi. Que ve fàgogi?

[8] A’ no me fè gniente, mo a’ no me lagè gnian far a mi.

[9] A’ sì ben de quî vergognusi, che se laga morire. N’haivu do man pichè al busto da poerve aiare?

[10] No, aldì, una cosa me conforta, che, com dise quelù... Vì, serore, una fià e trognè. Mo a’ trognerè an mi con questo, e a corozar no vagia.

[11] A’ no trogno de gnente. A’ sè che ’l no ve se pò pi sentire andar cantando da quenze. Haì pur el bel soran, se Die m’aì, ch’a’ son inamorò in vu pi per el [14v] vostro ben cantare e bel balare, ch’a’ no visi mè, che ’l m’è viso che supia in paraiso co a’ v’aldo.

[12] No, aldì, a’ ve l’he dito, serore, anchora: no me trognè.

[13] A la fe’, a la fe’, sora de l’anema mia, che a’ no ve trogno.

[14] Cancaro, mo se a’ ne hassé sentù l’altro diazo, che a’ ierinu du, e sì a’ cantavino in quatro, e mi a’ fasea de soran, hassé dito che a’ sonavino sogoluoti o pivi de Feraresi. A’ se inorganavino che le ose e ’l cantare andasea l’un in l’altro, che a’ dissé: “I canta per ponto de reson”. Cancaro, el m’è viso che a’ se vignesan da mi e vu a cantare. Mi a’ farae de grosso e vu de sotile, o mi de sora, con a’ vossé, che a’ la fassan andare in lo àiere.

[15] A’ se avignessan, se me vossé tanto ben, com a’ ve vuogio a vu.

[16] Al sangue del cancaro, volzìve da qual lò a’ volì, a’ ve buterae de soto da ben volere! Mo ve ’l poìssio cossì mostrare, com a’ v’in vuogio, ché, al sangue del cancaro de merda, a’ meno pi duramen la mia vita, pensantome de vu, che no fé mè can. El par che ’l me supia stò becò el cuore da un gran bresparo, che ’l me vage sfregolanto per lo magon, per i buegi, tanto che ’l me buta una insagna, smagnia per adosso, che ’l par che supia cargo de fuogo salbego. E po a’ volì dir de ben volere. A’ ve vuò pi ben a vu, e sì a’ son pi inamorò in vu, in lo fato vostro de vu, che no fo mè can de chiza.

[17] Oh, Ruzante, i n’è tanti luvi in un schiapo! Se a’ me volì sì gran ben, ché no [15r] fèo che ’l vostro paron, che è inamorò in la mia parona, no guarde a dinari, che a’ stassan po tuti quatro de brigà? Ché altro muò no g’è ordene, perqué, aldì in la regia, ’l è stò dito tanto male del vostro paron a la mia parona. Puh sì, che ’l è de qua, che ’l è de là, e che...

[18] A’ intendo, pota del cancaro. A ella de ello. Sì, sì, sbossò. Sì, andè drio. ’L è vero, po.

[19] A’ stassan po de brigà tuti.

[20] Mo me imprometìvu fremamen? Mo tochème la man.

[21] A’ v’imprometo, e sì a’ ve atenderè.

[22] O man, maneta guriosa! A’ ve la vorae poer tuore senza far male, sta man. A’ ne haverà assè. L’è pur tofolota. A’ sì pur tuta bella, coluorìa com è un pomo cielà.

[23] Mesì, a’ me hegi sentio dagnhora male da no so que dì in qua. A’ vorà che a’ me hassé vezua zà assè. Signore, a’ iera pur bella, a’ iera pi sfripia che n’è na verza! Moa, “a’” vuò andare, che a’ me sento chiamare. Volìvuo vegnir su da madonna, vu?

[24,1] No, cancaro, a’ tornerè ben. A’ vuò andar a ca’, che ’l me paron me ha mandò a cercare no so que preson de Turchi, che ’l ne volea scuor un per mia madonna. A’ dirè che a’ he cercò per tuto, e che a’ n’i cato. Moa, quel ch’è ditto è ditto, che no me fessé po..., intendìvu? Lagème pur [15v] far a mi de quello. An, an?

[24,2] Oh, cancaro me magne, a’ m’he desmentegò el meiore, de dirge che a’ ge vuò ben. Mo a’ ge ’l dirè un’altra fià. Cancaro, e’ son pur venturin! L’è inamorò in lo me balare e in lo me cantare, ella. A’ ge n’he inamorò de le altre, a la fe’. Tandaran, torirondon, torirondon. Lagème vêr s’a’ saesse far de quî pieripuoli, de quî revelin che i fa a Pava. Tirò, tirondò, tirondò.

[24,3] A’ vuò andar mo a ca’, che quî turchi dê esser tornè. I se harà acorto che la mia parona ne haverà vuogia de egi, i sarè tornè. Poh mo, co ’l vegio sapia che quelù habia dito tanto mal de ello a madonna Rarize, el se despererà fremamen. Osù, a’ vuò andar a ca’.

[25,1] SIER THOMAO
A le vagnele, e’ me ho levao un gran cargo da le spale a rescuoder sto schiavo a mia moier! La tenderà mo a farse taiar a esso nuove sise de cassi, de inistiure e de sto diavolo de sbalci, che, co i sé pi grossi e pi grandi, i ge piase pi, e sì dise che le par meio. E’ poderò mo atender al mio amor intravignando l’inzegno de Ruzante de mezo, che me dreza su la via che habia mio intento. Benché credo che sarà gran fadiga, ché sto bestion sé tanto pregro che mai no compie. El sé do hore che ’l sé andao a cercar sti schiavi, e sì no vien mai, gnanche no se pensa che i poderave esser tornai a casa.’L ha pi de l’aseno ca del cavalo.

[25,2] E’ me voio meter i ochiali se ’l vedesse mai. E’ no ’l vedo. E’ voio andar spasizando davanti casa de madonna Doralice, in sto mezo el porave vegnir.

[26] [16r] Po, po, po, pota del cancaro, que hégio aldio, que hégio sentio, que hégio vezù mè a sto mondo? Rescuore un homo e essere una femena! Al sangue del cancaro, l’ha crezù rescuoere un maschio, e sì ha rescovù una maschia. L’ha fatto com fé Dondo, che crête comprar una spa, e sì comprò lomè la guaina, e co ’l vuose meter la man sul manego, el caté lomè la busa de la guaina. Potta, mo l’è la gran noella, questa. Chi n’harà mo crezù che colù fusse stò un homo? La mia parona pianze, la se sbate, la se tribola, che ’l par che ’l ge supia morto pare e mare: “Oh, ch’a’ no cusiron pi, che la gusela ha scavazò la ponta! A’ no taieron pi gonelle a la divisa, a’ no faron pi strapunti né sorapunti, che le forbese è deventè smozegon!”. El me ven quel cancaro da riso, ch’a’ cago da per tuto. Ah, ah, ah.

[27] SIER THOMAO
Chi diavolo è costù, che vien ridando? ’L è esso. On diavolo èstu stao imbusao? Ti me fa parer una bestia, insensao, a cercarte tuto ancuo.

[28] Mo a’ iera andò cercanto quî che me mandiesi, e sì a’ no gi he catè mè. A’ he cercò bonamen per tuta Pava. A’ son po stò là, saìu?

[29] SIER THOMAO
Onde, là?

[30] Da madonna Rarize.

[31] SIER THOMAO
Co, madonna Rarize? Madonna Doralice, ti vuol dir.

[32] Missier sì, missier sì, a’ son stò là.

[33] SIER THOMAO
Ben, co astu fato, fio bello?

[34] [16v] Mo haea paura de star massa, e de fatto a’ dié spazamento, e sì a’ tornié a ca’.

[35] SIER THOMAO
Ben, astu visto el preson, che ho rescosso? Piàselo a madonna?

[36] Cancar è che a’ l’he vezù! A’ sassé cativo da comprar bestiame, vu: tossé una maschia per un maschio, una porcella per un vereto.

[37] SIER THOMAO
Co, cossì?

[38] Mo ’l è una femena quelù che haì rescoù, e madonna l’ha vezù e tocò.

[39] SIER THOMAO
Co, diavolo, una femena? Che diràstu?

[40] Mo a’ sè ch’al pissare l’è una femena, mi, e madona pianze, e sì se trubula che la no haverà mè ben, che la è la pi desgratià de le altre, che la se haea pensò de far fare e de dire, e che la se ha catò le man pine de brusche. Una pianze, l’altra sgnica, che haea tanto riso, che cagava da per tuto. A’ me son tolto via, e sì a’ l’he lagè sgnicare.

[41] SIER THOMAO
Che besogna che mia moier se destruza, né che la pianza? El sé meio per essa che la sia una femena, la ge farà compagnia. E’ ’nde son anche mi pi contento, che havea qualche sospition. Una femena! L’è cara per quei danari.

[42] La no fa tanto per ella, quanto per l’atto, ch’è stò burto. E po el ge recresse pi de vu, perché el sarà stò bon da vegnirve drio a vu, e per questo madonna se trubola.

[43] SIER THOMAO
No seràstu cossì bon ti, che ti ha ciera de esser pi gaiardo, ché ello haveva una ciera de smenueto, da poca forza? Ti sé ben informao di tuò membri.

[44] L’e vera, mo mi no porè fuossi atendere a desgramegnar tante vanieze, [17r] che ’l besogna che vage in qua e in là, intendìu?

[45] SIER THOMAO
A so posta, malviazo essa! Dìme un puoco co ti ha fato là. Ben, astu parlao con essa? L’hastu vista? Hastu parlao con essa?

[46] Missier no, a’ he favellò con la so massarola. Puh sì, s’a’ saessé!

[47] SIER THOMAO
Che, caro fio bello? Di’ via.

[48] Mo no èlla inamorò in mi, la puta, che la fregola el cul da per tuto? E che la è inamorà in lo me cantare, puh sì, e che no g’è stò mè negun, che l’habia possù far inamorare lomè mi, puh sì, e che a’ he gi uochi che, com a’ vuogio, a’ le fazo inamorar le pute, puh sì.

[49] SIER THOMAO
Oh, te vegna el cancaro! Ti ha bon, donca. Onde te halla aldio cantar? Che canzon cantavestu, stramboti o barzelete?

[50] Stramuoti, missier no. La me ha aldio de fuora, ch’a’ cantavino mi e un altro di Sgnanferlati, che la dise ch’a’ he el pi bel soran, che la vêsse mè, e ’l pi gaiardo, che sempre mè sta in l’àire, puh sì.

[51] SIER THOMAO
Che canzon cantavestu? Canzon che se usa adesso o pur canzon vechie?

[52] Cantava:

 “Deh, la mala morte,

 deh, dal mio amore

 ch’a’ mi son stato”.
Puh sì.

 “Deh, levàmi de una bella matina”.
Que sège mi? Mo a’ cantava mi solo:

 “Deh, Stella Diana,

 stella relusente,

 deh, che fa spiendore

 mo a tuta questa zente”.
Va’ là po. A’ fasea perqué el no paresse che cantasse per ella, e ella de fatto sboria fuora.

[53] SIER THOMAO
Ti ha una bona bose e una bona gorza. Oh, se ti savessi le canzon che [17v] so mi, o che “mi” havesse la bose che ti ha ti, cantesemo ben! Se te bastasse l’anemo de impararne qualche una, te ’nde dirave quatro o cinque...

[54] Dìlle pure, messiere, mo dì de le pi belle.

[55] SIER THOMAO

 “El papa si ha concesso quindese anni...”

[56] Ma sì, papa. La merda, papa. Dìme canzon che dige “de lo amore, che lo me hanno fatto de la vita mia”.

[57] SIER THOMAO
Aldi quest’altra. Ti no ha intelligentia, però le te despiase.

 “Andemo, amanti, tuti in Barbaria...”.

[58] Que, a farse rasare in la barbaria? El ge vuol altro ca esser rasè, alla fe’, a piasere a le pute! El besogna che le habia don pigiare, e no esser rasè. La n’è bella gnan questa, la no menzona de lo amore. Disène una cossì:

 “Anema mia, se sola te catasse,

 o cavato ve voria esser lo core

 o cortello in lo magon per mezo el core”.
De queste che menzone “core, amore, de la vita mia”, che altramen le n’è belle.

[59] SIER THOMAO
Aldi:

 “Quatro sospiri te voria mandare

 e mi meschino fosse ambasatore”.
Te piase questa mo?

[60] Missier sì. Oh, de sti sospiri a’ vorà mo che la diesse de mi e no de vu.

[61] SIER THOMAO
Aldi, bestia, ti no intendi. La canzon dise cossì, ti la puol voltar può’, perché, quando ti canti ti, el par che ti sii ti:

 “Quatro sospiri te voria mandare

 e mi meschino fosse ambasatore”.

[62] [18r] Mo vì mo che la dise de vu “e mi meschino”? Sbio, cope fiorin, “e mi meschino”. A’ me la vossé cazare in lo carniero vu, compagnon. Com a’ la cantasse, a’ la canterae per vu.

[63] SIER THOMAO
No, diavolo, lassa che compia, se te piase.

[64] A’ vorà che havessé bel e compio mi. Dì pur, che a’ ve ascolterè.

[65] SIER THOMAO

 “Quatro sospiri te voria mandare

 e mi meschino fosse ambassatore.

 Lo primo si te deza salutare,

 l’altro te conte lo mio gran dolore,

 lo terzo si te deza assai pregare

 che tu confermi questo nostro amore,

 e lo quarto te mando inamorato,

 no me lassar morir desconsolato”.

[66] Vî, mo, a’ la sè an mi, questa, mo la no va a sto muò. La dise:

 “La mia cara serore bella de Biranza,

 no me lassar morir desconsolato.

 Derindon dorindon dorindon”.

[67] SIER THOMAO
Eh, eh, ti me fa pur rider. Ti diè haver nome Ruzante perché ti ruzi sempre, n’è vero?

[68] El me derto lome è Perduocimo, mo quando iera putato, che andasea con le biestie, sempre mè a’ ruzava o con cavale o con vache o con scroe o con piegore. E po haea un can, che a’ me haea arlevò, che a’ l’haea usò ch’a’ me ’l menava a man, ch’a’ dissé: ”’L è un asenello”. A’ ruzava sempre mè con ello, a’ ge spuava in lo volto, pur che a’ me poesse deschiapar e andar drio qualche machion a ruzar con ello. E perzóntena i me messe lome Ruzante, perché a’ ruzava.

[69] SIER THOMAO
[18v] La ge va. Ben, che dise madonna Doralice? Astu parlao con essa?

[70] Mi a’ cherzo ch’a’ no farì gnente, per quanto me ha dito la so massarolla, ché co ella a’ n’he favellò; perqué el g’è stò dito tante zanze, tante noelle, che ’l è el cancaro.

[71] SIER THOMAO
Co, zanze? Co, novelle? Chi ge ha dito ste zanze? Chi sé stao?

[72] A’ no sè chi ’l supia stò. El ge ha dito a ella: “T’iè inamorà in quel vechio, in quel vechio sbossò?”; e che a’ sì scarso co è na pétema; e che, se a’ la veessé morire, a’ no spendessé un bece; e co harì habù zò che a’ vorì, che a’ no ve drezassé dal scagno per farge un servisio; e che ’l ve puza el fiò a muò de uovi marzi; e che i piè e i scagi ve puza de freschinazo, da ongie de cavallo morto, che ’l no se ve pò star a pe.

[73] SIER THOMAO
Mi? Mi? Oh, diavolo, can, laro! Mi, an?

[74] Vu, missier sì. Aldì: e che, se ge stassé a pe una note, la imboassé tuta, che ’l parae che ’l ge foesse andò lumege per adosso; e che a’ fè tal sgargaion, che par un gran schiton de chioca; e che a’ ge fè drio tal corezon, che ’l sona un schiopeto; e che haì tanta chila, che ’l par un cassil da piva, e che per questo a’ no poì caminar inviò.

[75] SIER THOMAO
Oh, diavolo! Oh, diavolo, varda zò che i se ha impensao de dir! Se no fosse qua, e’ te farave pur veder, e sì ti tocheravi con man che ’l mente per la gola sto laro. Chi diavolo è costù?

[76] [19r] A’ cherzo che ’l supie stò un scolaro. Puh, aldì: e que haì no so que altro mal in le nege.

[77] SIER THOMAO
Che mi me vaga a negar?

[78] Vu, missier, che haì no so que mal in le nege, de drio del sgureguzo.

[79] SIER THOMAO
In le nadege, ti vol dir.

[80] Missier sì, missier sì. Un male a’ muò sbardelle, smarsarelle, merdarelle, a’ no sè ben dire.

[81] SIER THOMAO
Maroelle, ti vol dir.

[82] Missier sì, missier sì. Che ’l par ch’a’ fazè un puto, quando a’ cagè.

[83] SIER THOMAO
El mente per la gola! No ’l saveràvestu ti? Ti me ha pur visto cagar.

[84] Puh sì, e che a’ sì sbossò, e che a’ parì fato co un cortellazo, e che despoiò in zuparello a’ parì un rigobello e na spauraia da colombi, e haì una spala pi elta de l’altra un gran pe, e che parì un galo sberozò. Puh sì, a’ no ve porà mè rivar de dire.

[85] SIER THOMAO
Che diavolo no respondestu che ’l no iera vero?

[86] A’ disea che no ve he mè vezù in zuparello despoiò, e che ’l porae essere, mo tamentre che a’ no ’l crêa.

[87] SIER THOMAO
E’ voio pur che ti vedi. Zafa qua sta manega, tira. Te pàrio mo sì desfigurao?

[88] A’ sì derto co è un scato, vu! Caminè mo pian. Volzìve mo dal’altro lo. No da st’altro, da l’altro. Eh, trotè mo inviò.

[89] SIER THOMAO
Co, trotar? Che tombola, ti vol dir.

[90] [19v] Missier sì, che a’ ieri stombolò, vu. Caminè de troton, cossì, vî. Acazève mo a corere.

[91] SIER THOMAO
Iesu, sóngio vasto? Me hòio fato gram mal?

[91] Missier no, a’ no hi mal negun. Poh, a comuò a’ sì cossì incapò?

[92] SIER THOMAO
El sé stao sti zocoli, che malviazo essi!

[94] Al sangue del cancaro, che i mente per la gola, ché sì gaiardo, idente su le gambe com è un bel levriero. Cancaro i magne, ’l è lomè che i dise che a’ sì tanto scarso, e le femene trà a i dinari, perqué a’ saì pur che con i dinari se fa zò que se vuò. El besogna che a’ no supiè sì scarso.

[95] SIER THOMAO
Torna là adesso e dì che, se l’ha bisogno de danari, che la me comanda e che la no voia vardar a zanze de sti lari, che per invidia dise ste parole; e che la puol esser certa che mi no andarò ancuo drio a questa, doman drio a quel’altra, co fa i zoveni, che quella che ge fa pi apiaseri essi ge vol manco ben; e che veste e danari no ge mancherà, e che la serà donna e madonna del mio, che la ’l manizerà come ge piaserà, pur che la me voia ben. Va’ via, fio bello, adesso adesso, che mi andarò a casa a veder zò che fa madonna. Va’ via e torna presto.

[96] A’ andarè ontiera, e sì a’ ge dirè -lagè pur far a mi- che a’ v’he vezù e che a’ sì derto co è na ferza in la schina, e che haì na gamba trelada -lagè pur far a mi-, e che a’ ge volì ben a ella, e che no haì mè ben se [20r] ella no ve vo ben, perqué vu de ella..., o vusi dir ella de vu..., che na fià la no guarde a dinari. Lagè pur far a mi.

[97] SIER THOMAO
Aldi, torna presto, mo no me dir che madonna alda, sastu?

[98] A’ ge ’l dirè che la me alda lomè da ella e da mi.

[99] SIER THOMAO
Aldi, dige che ti me ha visto despoiao e che ho bella persona, mo no dir che sia cazuo per gnente.

[100] No, missier no. Cancaro, a’ son pi scaltrio ch’a’ no cri.

[101] SIER THOMAO
Aldi, aldi. Va’ via, no te voio dir altro. Fa’ pi presto che ti pol.

[102,1] Lagème pur far a mi.

[102,2] Cancaro, l’è stà la bella noella! A’ l’he mo fato despoiare. El dé un staleson in tera, che ’l soné un gran cefon che caisse. L’intraven pur le gran noelle, e chi la diesse questa, el no g’è cuore che ’l crêsse. Un vechio, che ha otanta agni pichè al culo, supia inamorò?

[102,3] A’ cherzo che l’usso è averto. Olà, olà, o da la ca’! A’ vegnirè de longo, mi. G’è can?
 

Fine del secondo atto.


[20v] Atto terzo.
 

[1] GENEVRA
Guarda che né per piaza né a l’hostaria ti uscisse di boca che io fusse femina, per quanto hai cara la salute mia, ma dimi in nome de huomo ogni cossa.

[2] GITA
Madonna sì, non vi dubitate, che sarò ben acorta.

[3] GENEVRA
A hora te lo dissi: dimmi missier sì, et chiamami patron, et dimi per nome messer Caco.

[4] GITA
Come voleti che vi chiama? Caca?

[5] GENEVRA
Caco, Caco, smemorata!

[6] GITA
Caco, madonna? Oh, è troppo bruto nome! É più neto nome Pisso che Cacco.

[7] GENEVRA
Taci, per la tua fe’, né un né l’altro non mi dire. Tu hai cossì poco cervelo che, due parole o tre che dicesti, saria scoperta, et in eterno vituperata.

[8] GITA
Vituperata potrai esser più presto in questo habito, perché, per quanto si dice, el Studio è in questa terra, et dotori e scolari, che sono gioveni, più presto li gioveni che le donne rimirano, et se ti vegono, ti verano drieto credendo che tu sie un scolaro, per cognoserti o per praticarti; il che non verria se in habito di donna fusti vestita, ché crederiano che fusti una matrona di questa città.

[9,1] GENEVRA
Taci, bestia, che in questo habito potremo gir più sicuramente. Al primo che allo incontro ci vegna, voglio dimandar di loro. Facilmente intenderemo, ma voglio fingere ch’io cerchi de un mio fratello, et non de uno amante. Et tu guarda di stare in cervello, se sarai adimandata a rispondere.

[9,2] Oh, colui che esce di quella casa sarà forse buono per informarci. Ascolta, tu.

[10] [21r] Moa, moa, no me dì altro. Cancaro, a’ m’he pensò de far la bella noella al vegio! A’ son pur venturin, a’ guagnerè, mi, de sta noella, e sì a’ me darè piasere. La m’ha donò sto bel fazoleto. O fazoleto, fazoleto, te serè cason che ’l me tirerà sempre mè el cuore a colie che me te ha dò! A’ me sborezerè con ti, con a’ no la possa haver ella.
Chi cancaro -a’ son pur aliegro- chi cancaro è costoro? Spagnaruoli? I m’ha cossì ciera de quel che ha comprò mia madonna, de no esser compì di so lembri. A’ i vuò pur saluare. Sanitè, missier signore.

[11] GENEVRA
Ben possi star, fratello. Haveresti tu veduto tre giovani, già stati prigioni de’ corsalli? Et vano cercando chi li rescuota, et entrano nelle case delle gentildonne pregando che voglino riscuoterli, et essi a’ servigii suoi si aconciariano.

[12] Quî pigè preson de Turchi? Sì, sì, a’ gi he vezù zà un pezato. El ge n’è un che sa cossì ben cosire e taiare!

[13] GENEVRA
Quelli dico io. Saprestimegli insegnare? Uno de loro è mio fratello, et sono venuto per riscuoterlo.

[14] El ge n’è un vostro frello? Dìme mo a mi qual ’l è, fuossi ve saverègie meter su la via che a’ ’l caterì.

[15] GENEVRA
Egli è il più picolo di persona, con bellissimo aspetto humano reverente, gli atti suoi sonno pieni di alcune gentileze, che par tuto amore, tuto legiadria.

[16] [21v] Sì, sì, un tal scarmeto, smenueto, biancheto, coluorio con è una rava in lo volto, con du ochieti, che par stelle a cimegare. Sì, sì, ’l è ello, sì.

[17] GENEVRA
Egli è più piciol di persona de gli altri dui, ma è più grande di gratia e di beltà.

[18] ’L ha un àere tofoloto. Sì, ’l è quello, sì, sì.

[19] GENEVRA
Come ne hai domestichezza, che ne sei cossì ben informato? Conoscilo tu?

[20] Poh, s’a’ ’l cognosso! La mia parona, sì, la mia parona l’ha rescosso, ella, che la ’l vol tegnire serviore a pe d’ella sempre, perqué el sa cossì ben cosire e taiare, conzar scufie, gonele de sea. Sì, el me paron ge l’ha rescovù, ello. E si è vostro frello, quello?

[21] GENEVRA
Egli è quello. Ahi, sventurata me, costei è stata più saggia e più presta di me!

[22] GITA
Di’ “più saggio et più presto”. Dirai di me che mi bucina el cervello.

[23] GENEVRA
Eh, che non so più che mi dire! Io mi voglio scoprire a costui, che altro rimedio non ci veggio. L’amor deve esser come se dice in proverbio, che la piaga si deve portar sopra la palma de la mano. Io me gli voglio scoprire.

[24] GITA
Fa’ tu come ti piace.

[25] A’ no intendo. Mo sta’ a dar mente: te no verè che questa vol esser una bona noella per mi? Tasi pure.

[26] GENEVRA
Giovene, poi che mi sei stato cossì cortese, io te voglio palesare un mio secreto; et oltra di ciò pregarti che aiuto o consiglio mi doni, perché [22r] io de’ danari et care gioie, che meco mi atrovo, te ne farò quella parte, che ti contentarai.

[27] Mo ontiera, pur che a’ possa! Made quide in bona fe’ sì, perché no? Se die m’aì, sì, sì ben mi che a’ ve airè. A’ son stò an mi per lo mondo, a’ sè ben che cossa è essere in luogo don no se cognosse negun. Dì pure.

[28] GENEVRA
Io son donna, et son anconitana, vedoa, rica et inamorata.

[29] Vu a’ sì una femena, vu? Poh, el no g’è cuore che a’ no diesse che a’ fossé un homo, a vêrve de drio in le spale! E denanzo a’ parì un de sti putachion, a muò scolaro.

[30] GENEVRA
Ascolta. Amor mi ha guidato cossì. Capitorono questi gioveni in Ancona, né prima vidi colui, che dici che ha riscosso la patrona tua, che di lui ferventemente mi inamorai; et non che picola quantità de dinari haveria speso per riscuoterlo, ma lo avanzo de le mie facultadi, che vagliono pur da vinticinque in trenta millia fiorini d’oro; ma per la freta, che hebbe il mercatante di partirse, avene che potei più vederlo che quella prima volta. Et intesi che verso Vinegia havea drito il suo camino; onde io disposi di doverlo seguire. Et postami con gran quantità di moneta in borsa sopra un piciol legneto, li sequitai in questo habito, come mi vedi, et con questa mia sola fante; et gionta a Vinegia intesi essi in questa famosa città di Padoa esser pervenuti. Drieto me li son condota credendo fermamente rihavere il mio amante, il che vedi ben come mi è tornato [22v] falace; onde non creggio mai più viver lieta, ma sempre... (E pianze.)

[31] Orbéntena, quel che no fa un inamorò no ’l farà gnan un soldò! A quanto prìgolo a’ ve sì metù vu, povereta. An mi, al sangue del cancaro, a’ no sè con supia vivo ch’a’ no supia stò mazò morto diese fiè. Quando iera inamorò, andasea tutto ’l dì, de notte, per segrè, a’ dormia soto nogare, che no sè che no supia inorcò, insperitò, che no habie trenta meiara de spiriti adosso. No pianzì, povereta, no ve destruzì, ch’a’ v’imprometo de far che a’ l’haverì. Stè de bona vuogia.

[32] GENEVRA
Oh, volesselo Idio, ché, oltre quello che spenderei per riscuoterlo, te faria uno presente a te di altratanta quantità!

[33] Andè, che inchinadamò a’ me ubigo squase che a’ l’ haverì. In che luogo stèu?

[34] GENEVRA
Alla hostaria de la Torre è la stantia nostra. Vieni, et dicinerai con esso nui, et imparerai la stancia. Ma dimi, come li dirai? Che fictione troverai, che la tua madonna non se ne acorga?

[35] A’ ve dirè, mi: ello no ge sta vontiera. A’ ge favelerè a ello, e sì a’ ge dirè... Lagè pur far a mi. Tornè de chivelondena fina un pezato, che a’ ve aspiterè, e sì a’ ve saverè dire con haverè fato. Una fià cherzo fremamen da far ch’a’ l’haverì. A’ ve zuro che a’ m’haì tuto conturbolò el magon. Se foessé altra ca vu, a’ no ’l farae miga per un’altra, vî; mo perqué a’ sì vignù d’oltra el mare, a’ me fè pecò.

[36] GENEVRA
Eh, falo, di gratia, ti prego, ché la mia vita in questo ponto dimora.

[37] [23r] Muora? A’ no vuò che ’l muora negun. Andè e tornè de chivelóndena fina un pezato, che a’ spiero che a’ ve darè bone noelle.

[38] GENEVRA
Anderò dunque.

[39] GITA
Andiamo, madona sì, poi che cossì largamente ti promete.

[40,1] Moa, andè pure. Al sangue del cancaro, el me ven pur le gran venture! A’ scaperè su ste puoche de brombete de suoldi an da st’altra; mo el no besogna ch’a’ ge dige che la supia una femena, che a’ no farae gnente.

[40,2] Al sangue de mi, an st’altra farà de quelle de la mia parona: con la crerà meter le man alla pria da gusare, la caterà el coaro vuò. A’ no cherzo che ’l foesse la pi bella fiaba al mondo de questa. Vaga pure al bordello questi che fa le comierie! I dise po che l’amore no fa fare. Te par che st’altra, che è una femena, supia vegnua d’oltra el mare in qua per que? Per amore!

[40,3] Horbéntena, a’ he sentio dire che l’amore è un putato e che ’l va con gi uochi abindè, e che ’l ha le ale. Altri dise che ’l è un putatuolo desordenò. E mi a’ dige, e sì a’ tegno fremamen, -e de questo a’ vorà contrastare con quanti sletran imparé mè letra, se ’l foesse ben Sostene bonamen-, che amore no è altro che potintia e desidierio, e che un tira l’altro. Te pàrsele brombe tirar una femena d’oltra el mare in qua, e po drio a n’altra femena? Che te paresestre? On se aldì mè dire che una vaca andesse drio a n’altra vacca per amore, né na scroa drio a n’altra scroa, [23v] né na piegora drio a n’altra piegora? Èllo tirare mo? Èlla potintia?

[40,4] Mo dasché la va da tirare e da poere, a’ vorò vêre an mi s’a’ posso tirare sti puo’ de beziti. Alla fe’ d’homo, el besogna che supia perdomo. Una fià la mia parona, pur che l’habia i suò dinari, a’ cherzo che de punti e de strapunti la supia pi stufa, che n’è can de carogna.

[41] TANCREDI
Theodoro, cortesi, magnifici et liberali gentilhuomeni ha questa cità per certo. Come hanno cortesemente dato a noi li denari per potersi liberare, et poi dìtone che il stare nelle case loro è a piacer nostro! Mai non mi uscirà di mente tanto beneficio. Io li sarò tenuto et obrigato fino alla morte.

[42,1] THEODORO
Io ho sempre udito lodare questa cità per bella cità, ma invero le persone che l’habitano la fano parer molto più bella. Chi sarà quel ingrato, che non habia fin che viva sempre tanto beneficio avanti gli ochi? Io per me ovunque mi sia, sempre ne tenirò conto come di cossa degna di eterna memoria.

[42,2] Deh, Tancredi, vogliam nui partirci se non ritroviamo Gismondo? Oh, gran fallo sarebbe cossì dolce compagno lasciare, anchora che non sia de la nostra cità!

[43] TANCREDI
Anci voglio che lo rimeniamo con noi, se egli vorà venire. E ti voglio dir più, che, se egli fusse femina, mi sarei di lui inamorato ardentissimamente, tanto mi hanno sempre piaciuti gli laudevoli costumi suoi; et parmi, dippoi che siamo separati da lui, che io habia meno una parte [23r bis] dil core. Che si sia non lo so io, né onde si venga.

[44] THEODORO
Oh, egli aviene che in questa miseria, in questa tristicia, siamo fatti tuta tre compagni, et meglio si giongono i peti de amicitia ne le calamitadi, ne’ disaggi, che ne li comodi et piaceri. Ma io mi sento nel core un non so che, che mi ralegra tuto, et par che mi prometa grandissima alegreza. Cerchiamo, di gratia, Gismondo. Andiamo a lo albergo di quella gentildonna che lo riscatò.

[45] TANCREDI
Andiamo.

[46] GENEVRA
Eh, non mi confortare, che so ben io che spero in vano. Credi tu che quella gentildonna se lo habia rescosso per lasiarlo poi perché io el rihabia? Eh, che speranze frali son queste!

[47] GITA
Colui deve pur haver fondata la sua opinione sopra qualche cossa. Chi pò saper li cori delle persone? Forse non l’ama ella tanto ferventemente, come l’ami tu.

[48] GENEVRA
Eh, chi non l’ama, che lo habi una volta veduto, cregio che non deve amare se stesso. Parti che quelle siano bellezze da non amare? Anci son io certissima che quella, più aventurosa di me, non mai li debbia levar le bratia dal collo, e in casa et fuore non li si deba levar mai da presso: adesso se lo debbe vanegiare, adesso se lo abracia, adesso li dice che egli è il suo core, la sua vita, la sua speranza, la sua colona, el suo conforto, adesso, adesso... Sventurata me! Ah, fortuna crudel!

[49] GITA
Forse che ’l marito di lei, entrato in qualche gelosia, non vorà ch’elo istia in [23v bis] casa. Chi pò saper tute le cosse de questo mondo?

[50] GENEVRA
Eh, Amore non li insegnarà il modo di far star cheto il marito? Non saprà ordir qualche sua favola, qualche sua zancia? Quando il marito la crutiasse sopra ciò, non saperà ella dire: “Che credete voi, ch’io sia scessa de villani, che voglia far copia di me a un schiavo? Non mi havete già ricolta del fango! In mal ponto vi vienî in casa, per non esser mai lieta. Alla croce de Idio, meritareste che vi facesse pensar del vero, come fano de le altre! Voi non eravate degno de’ mei fati!”. E che vòi che li risponda il marito, se non che si tacia?

[51] GITA
Tu te immagini gran cosse per certo.

[52] GENEVRA
Io me imagino quello che facilmente potrebbe essere. Hor torniamoci allo albergo. Costui non ritornerà hoggi. Io saria andata da l’altro capo di questa cità et ritornata.

[53] GITA
Forsi con el pensiero li saresti andata. Non deve esser anchora per aventura gionto a casa.
 

Fine del terzo atto.


[24r] Atto quarto.
 

[1] El dise che ’l è d’oltra el mare, d’una terra che ha lome a muò ste imagine, che se depenze su le carte e se ten apicà a i muri.

[2] GISMONDO
Statue? Deve esser Capua.

[3] No, cancaro, statole. De quelle che porta quî che ven da Loreto. El se ven an de lì via. De queste che se avre e che se sera. Quando un vol biastemare, i dise: “Te me farè catar l’anconeta”. De Anconeta.

[4] GISMONDO
De Ancona deve esser.

[5] Sì, sì, sì, l’è ella. Mo ben, ’l è de là, ello.

[6] GISMONDO
Oh, quanto me incresse haver lassiata la madonna tua! Io li havea posto già lo magior amore del mondo. Ma dimi, ove habiam noi a trovare questo gentilhuomo di Ancona?

[7] Chialò denanzo o, se a’ no ’l cateron, andaron a l’hostaria, che ’l sta là, ello. Cancaro, ’l è un hom da ben, vîu? El me ha voiù menar ch’a’ disnesse con ello, el me ha an promesso de donarme dinari, se fasea che ’l ve favelesse.

[8] GISMONDO
De Ancona. Chi puote esser costui? Se egli fusse femina, io mi dubiterei che egli fusse in quel medesmo eror, che pocco dinanzi era la patrona tua; ma essendo huomo, et di Ancona, esser potrà che haverà tolto un per l’altro.

[9,1] In fallo? No, cancaro. El me ha pur dè i contrasigni tuti a comuò sii fato! I no pò star ch’i no sponte. Vîgi, vîgi, gi è quisti.

[9,2] Ve ’l dissi che a’ ve ’l meneràve? La mia parona no vol dinari, la g’ha dò libertè che ’l vaga on el vo ello. Andè mo in bonhora tuti. Mi a’ he priesia, a’ no vuò [24v] pi star co vu, a’ vuò andare. S’a’ me volì dar gnente, dème.

[10] GENEVRA
Alla tua patrona et a te sarò sempre obrigato. Mo dove vòi gire? Non vòi venire a l’albergo, et dicinerai con noi?

[11] Missier no, missier no, a’ he priesia.

[12] GENEVRA
Se remaner non vòi, piglia adonque questi, et te ne farai un giupone et un paio di calce, et quelle per amor mio porterai.

[13] A’ i torè, e sì a’ me le farè an alla divisa, le calce. Moa, stè con Dio. Co a’ vegne a Loreto, a’ ve vegnerè ben a catare.

[14] GISMONDO
Tu te ne vai, Rugiante?

[15] Mo sì mi, a’ vago.

[16] GISMONDO
Saluterai el patron per parte mia.

[17] Moa, moa, sì, sì. A’ me vuò snetare presto inanzo che i se acorza che le supia femene tute do. A’ n’he fato un schiapeto de do vache, e tre con la masara. A’ no sè mo chi sarà el toro.

[18] GISMONDO
Gentilhuomo, parmi di havervi altrove veduto, et ho pensato, et penso, et finalmente non posso ricordarmi dove; però ditemi, di gratia, chi siete, et la cagione che vi fa cercar di me.

[19,1] GENEVRA
Sapiate, gratioso giovene, che io sopra tute le cosse del mondo vi amo, né altro che l’amor, che vi porto, mi ha condota, femina et peregrina, a sequitarvi in questo habito, come Amor con suo consiglio me ha insegnato. Io son donna, et in Gagieta nata, ma per alcun caso, che longo saria a ricontare, mi fugî dal mio patre, et in Ancona divienî [25r] moglie de un richissimo giovenne; il quale morendo non è anchor finito l’anno, mi lasciò di tute le cosse sue richissima posseditrice et herede.

[19,2] Hor advene, quando voi capitaste in Ancona, che vi vidi, né prima affissai gli ochi mei ne la luce di ochi vostri, che mi piaquero somamente, insieme con le legiadre fatece vostre; et una et un’altra volta riguardandovi mi pareva, da non so che cossa occulta mossa, che altre volte vi havesse similmente veduto, et come carissimo amico amato; et tanto si fermò in me questo pensiero, che o per sogno credeva havervi altre volte veduto et amato, o che un’altra volta fussemo stati al mondo insiemme, se esser può. Et da questo pensiero naque in me un cossì subito et ardentissimo amore, in modo che mi disposi, se per oro si potesse rihavervi, non risparmiar denari. Et mentre cercava modo di parlarvi, et con il mercatante, avene che con gran presteza vi partiste; perciò più crebbe lo amore in me, che che se ne avenisse, sequirvi, et tanto operare che, o con furto o con denari o con promesse, vi ritornasse in libertà, et dippoi di me farvi signore.

[19,3] Il che mi è successo meglio di quello mi pensai, onde ringratio Idio, et apresso vi prego che di me vogliate haver pietade, et de lo amor vostro vogliate farmi cortesse dono, come io di me et de le cosse mie vi facio, et voglio siate signore. Et benché de lo amor mio sia stato non legier segno lo havervi sequito, pur per più vostra sicurtà in quello, [25v] che più a grado vi fia, mi comandareti, che mi havereti sempre pronta ad obedirvi.

[20] GISMONDO
Eh, eh, ehimè.

[21] GENEVRA
Ohimè, come sospiraste voi! Vi sono forse nogliose le parole mie? Lo amor mio non vi è a grado?

[22] GISMONDO
Quando non mi fusse a grado lo amor vostro, madonna, né anco la vita mia istessa mi potria esser a grado. Ma sospirai d’altro.

[23] GENEVRA
Perché sospiraste voi?

[24] GISMONDO
Per la recordatione che havete fato di Gaieta. Ma, di gratia, non mi negate che io sapia chi fu el padre vostro, poi che di Gaieta sete nata.

[25] GENEVRA
Messer Gabrioto de gli Honesti fu il padre mio, et la matre mia mona Dionora di Neri.

[26] GISMONDO
Hebbe il padre vostro più figliuoli o figliuole di voi?

[27] GENEVRA
Sì, hebbe. Un’altra figliuola ci rimase, poi che da lui mi fugî in Ancona; et intesi quella da un huomo d’arme esser stata levata et guidata via. Dove si capitasse, né il padre né io habiamo mai potuto risapere, per il che per morta è stata pianta.

[28] GISMONDO
Conosereste voi la sorella vostra, se viva la vedeste?

[29] GENEVRA
Se la età non l’havesse transformata da gli anni puerili, io mi cregio di tenir di lei tal rememoratione, che facilmente la conoscerei.

[30] GISMONDO
Poniamo che la ritrovaste. Quanto vi saria a caro?

[31] GENEVRA
Quanto che aquistar la gratia vostra, signor mio caro, che desidero [26r] sopra tute le cosse del mondo; però che trovandola parerà avenir a me come aviene a un peregrino, che solo per un strano diserto camine et ritrove un suo carissimo amico, che quanto men sperava di trovarlo, tanto più si ralegra; perché io son senza alcuno di mei parenti o coniunti al mondo, et mi posso dir sola.

[32] GISMONDO
Non mi maraveglio che, da celata virtù mossa, cossì grande et subito amor me habiate posto, però che el sangue vostro, et le carne vostre istesse amate. Io sono la vostra isventurata sorella Isota da voi come morta pianta, otto anni peregrina andata, et tre schiava stata. Lodato Idio che inanti la mia morte mi vi fa vedere, et in lieto stato ritrovarvi. (Quivi se getano le bratia al colo.)

[33] GITA
A che è riuscito lo amor de mia madonna: in una sua sorella! Che novo caso è questo? Chi racontasse questo esser in Padoa intervenuto, ne saria reputato bugiardo. E pur è cossì in effeto.

[34] GENEVRA
Ahi, dolcissima sorella, a gran fatica ritengo le lacrime per tenereza. Andiamo allo albergo, ove recontaremo più ad agio le nostre sventure, et senza rispeto. Oh, quanto di alegreza mi è agionta! Quanto spero di menar lo avanzo di mia vita lieta, con cossì dolce compagnia come tu! Haverò con cui partir li affanni et li piaceri, che mi porgerà la fortuna.
 

[35] [26v] GITA sola.
 
GITA
Io mi maravegliava ben che quella gentildonna, che lo haveva fato riscuotere, cossì facilmente lo havesse licentiato; ma hora mi acorgo: perché ella non havea ritrovato el gambo al finochio.

[36] SIER THOMAO
Co le cosse no va a so voia, sto diavolo de sta mia moier trazerave el mondo in aqua, se la lo havesse in man! Perché l’ha trovao che colie, che la credeva che fosse un homo, sé una femena, da desperation la l’ha licentiao senza danari. El me recresse pi de essa, che no fa di danari. El me giera vegnuo la ventura in casa, e la fortuna no ha volesto che me ge habia trovao, ché mai no la lassava partir. E’ me haverave sborao con essa tal volta de sto mio inamoramento. Horsù, patientia. Vegnisse almanco costù. El sé tanto pegro.

[37,1] Que, ch’a’ no donesse via el fazoleto? A’ donerè inanzo via no so que. No habiè paura de questo, stè con Dio.

[37,2] Andaron tuti du da elle sta sera. Tondoron dorin dorin. Al sangue del cancaro, la m’ha basò! Che me vo lecare sta massella, don la m’ha basò, con la lengua. Uh, hum. O bocca mellata, o man tofolote, che m’ha tocò sta man! O saoreto pi lioso ca n’è na spiecia! Hun, hun, cancaro, a’ uolo tuto. Inchina le scarpe me uole. Ehi, eh ehi.

[38] SIER THOMAO
Estu ti, Ruzante, an? A chi digo, mi?

[39] Missier sì, missier sì, a’ son mi. Cancaro è ch’a’ son mi, e sì a’ uolo da zilibeto, da sadabon. La me n’ha butà per adosso, sentìu? Inchina mè la schina, sentìu? La m’ha dò tanti pimenti! A’ tegnia passè gi uochi, e sì [27r] la lagava fare. L’aea una zucheta, e sì me butava tanta aqua. Nasè: le scarpe inchina me vuole. Marco, Marco, al sangue del cancaro!

[40] SIER THOMAO
Sto sferdimento no me lassa sentir, sta’ in pase. Vié zà, bestia, dìme co ti ha fatto.

[41] Miegio ch’a’ fesse mè in mia vita, e la meior noella per mi che foesse mè.

[42] SIER THOMAO
Ben, che cossa? Di’ via, caro fio bello.

[43] La puta m’ha impromesso, ella a mi.

[44] SIER THOMAO
Va’, diavolo, e’ digo de mi. Co astu fato de quelle zanze?

[45] Ben, missier. Poh, cancaro, se no foesse stò mi, a’ no fasivi mè gnente. Volìvu altro? A’ no volivi gnian altro hom ca mi, che, se ’l no foesse mi..., che mi m’intendo. La me ha obigò a mi. Volìu altro, ch’a’ sarì servio?

[46] SIER THOMAO
Ben, a che muodo, quando, in che luogo?

[47] Mo aldì, missiere. Quando iera putato, che a’ lagié star de andar con le biestie, che haea quel can, che a’ me ’l menava a man, con a’ ve dissi, a’ scomentié cossì a muò a trar a le pute, che ’l no me trasea el cuore cossì al bestiame. A’ scomentié andar a filò tute le sere, tal fià tre e quatro megia lunzi, che ’l iera scuro con è una bocca de lovo.

[48] SIER THOMAO
Che diavolo de proposito sé questo? Che ha a far la luna con i gambari? Te domando a che semo del fato mio; ti me disi de to menar de bestiame, de to filoi, de to merde.

[49] [27v] Prepuositi bestiame, aldì pure, tasì pure. Gi è buoni prepuositi, ascoltème, s’a’ volì. E sì, con a’ ve dego rivar de dire de andar a filò, andasea tal fià pi de otto megia. Ma sì, a’ stemava cossì con farae a magnar una nibià o un brazello. E po, con a’ ve dego rivar de dire, mo no catiége una notte un lovo, che haea du ochi che parea du candelle, grande con è un gran aseno?

[50] SIER THOMAO
Pota, che ti me farà catar san Marzo! Che diavolo ha a far lovi con el fato mio de mi? E’ voio parlar de amor, e ti me rasoni de lovi, che manza i cristiani.

[51] A’ ve vuoio favelar an mi de amore, e del vostro amor de vu. Mo aldì, s’a’ volì.

[52] SIER THOMAO
In mio preposito? In mia specialitae de mi?

[53] In prepuosito, in spetabilitè de vu.

[54] SIER THOMAO
Horsù, va’ drio, mo compie più presto che ti puol.

[55] E sì, con a’ ve dego rivar de dire de sto lovo, a’ cato sto lovo, e sto lovo me guardava mi, e mi el guardava ello, e ello me guardava mi. Bensà che per farge paura a’ fazo: bruuu, bruuu, buu!

[56] SIER THOMAO
Te vegna el cagasangue, ti e i to lovi! Ti me ha fato scampar quanto sangue havea adosso. No te usar a farme de sti spasemi e de sti ati da bestia!

[57,1] Mo a’ he fato per far con a’ fî. E sì, con a’ ve dego rivar de dire, el no vosse haver paura, sto lovo. A’ ’l lagié stare. Haea un sponton, a’ me ’l strapenava drio, e sì a’ me fié ben pi de cento crose con le man, con la lengua, a’ dissi el Triabiti, la Salve Regina...

[57,2] E sì, con a’ ve dego rivar de dire, andasea a filò. [28r] Besà che de fato tuti saea che a’ iera cantarin. A’ se metìvinu a cantare, a zugare a purasè zuogi, al beco mal guardò, alla passarella. E con havìvinu zugò, a’ se metévino a far ravolò, e man per tuto el fogolaro nomè cielo e gusse de ravi! E ella dasea da bevere a tuti, e mi a’ bevea; e ella dasea tal fià sonda, e mi in tolea e sì a’ magnava; e ella se la risea, e mi me la risea; ella me cignava e mi a’ ge cignava a ella, la me guardava mi e mi a’ la guardava ella.

[58] SIER THOMAO
No te digo che ti no faveli a preposito? Ti parli del fato to de ti, e mi vogio saver del fato mio de mi.

[59] Pota, mo a’ sì insorio! Mo lagème dire, che a’ vegnirè col me in lo vostro.

[60] SIER THOMAO
No puol far, mi e chi me ha inzenerao, che sta cossa sia al mio preposito! E’ ho pur bon natural, no ge cato zà né cao né via che la possa vegnir a mio proposito.

[61,1] Mo s’a’ ve dige ch’a’ intrerè col me in lo vostro! A’ sè an mi “che” a’ no dir pi altro el no ge vegnerà; mo aldì, habiè un puo’ de pasintia. E sì, con a’ ve dego rivar de dire, quando a’ me partia, a’ disea cossì pian che a’ ge volea ben a ella, e ella disea che la m’in volea a mi; e mi disea che iera inamorò [28v] in lo fato so de ella, e ella in lo fato me de mi. Con andasea de festa a messa, a’ me parava de fato a la regia, fra i gi uomeni e le femene, e mi fasea vista de dir paternuostri, e sì disea: “A’ ve vo ben a vu. A’ son inamorò in lo fato vostro de vu. A’ ve vorà vu”; e ella disea che la fasea cossì an ella.

[61,2] E po andasea al so canò a favelar co ella. E havea un cortello che rasava. A’ tolea un canuolo, e sì fasea cossì di suoldi, o co un’hasta a’ segnava in terra, e sì a’ favelava co ella. L’haea mo una bambasina bianca che la parea un paveio. E mi disea: “A’ sì pur bella, a’ me piasì pure”. E ella diea: “A’ sì bello an vu, a’ me parì un pomo museto”. E mi diea: “A’ me parì un pomo ciellà, bianco e roso co è un velù de sea”. E ella diea: “E vu, ch’a’ sonè un calandrato a cantare!”. E mi a’ diea: “Mo vu, che parì un guìndolo a balare!”. A’ no me volea lagar batere de parole.

[62] SIER THOMAO
Mo compie ancuo, per l’amor de Dio! Astu compio o estu a la mitae?

[63] Missier sì, adesso a’ riverè. Aldì pure, tasì pure. E sì, con a’ ve dego rivar de dire, andasìvinu a le feste, e mi andasea da i pivi, e sì ordenava un ballo (a’ no volea mè altro ca pavana), e man a’ tolea su sta puta, e po man a ballare, degnhora con sto pe maistro inanzo. E man sta puta se dindolava, che l’harà ballò s’un dinaro, e mi a’ fasea pieripuoli e presore cossì, che a’ dissé che haesse imparò per ponto de reson.

[64] SIER THOMAO
Ti compirà pur, co ti haverà balao. Che diavolo de colegi me dastu? E sì vuol che sta cossa vegna in mio proposito. No védestu che ti disi de ti?

[65] Mo se a’ ve dige che vegnerè col me in lo vostro! Aldì pure.

[66] SIER THOMAO
Ben, ti ballavi, ti saltavi.

[67] [29r] Ma sì, a’ no saltava, ché a’ no iera massa saltarin. A’ ballava. Chi v’ha dito ch’a’ slatava? Mesì.

[68] SIER THOMAO
Ti ballavi. Horsù, e può’?

[69] A’ ballava per certo. El no iera gnian lomè un “che” me avancesse, e sì a’ ve dirè an chi. Saìvu, la Vostra Rebelintia, cognosissi mè questù...? Oh, aièmelo a dire, cancaro el magne. Che andasea balanto su quante feste iera in Pavana..., quel saltarin...?

[70] SIER THOMAO
Sì che ’l cognosso, che importa questo?

[71] Mo chi ièrelo? Co haévelo lome?

[72] SIER THOMAO
Diavolo, e’ me son andao “a” intrigar da mia posta! E’ no te voio pi responder.

[73] A’ dì ch’a’ ’l cognossì, e sì no saì gnan. ’L iera quellù, che so frello menà via quella puta de quella massaria, che i vene in costion, che i fé po lite, che la puta ge haea imprometù e so mare no volea; la puta muzà, so frello e so serore e ello, so frello, ge dé a igi, perqué ello no ge la volea dare. El ge mené de ramazon, cossì. A’ no cognossì gnian altri?

[74] SIER THOMAO
Mo compi!

[75] A’ he compio adesso, lagème dir lomè questo. E sì, con a’ ve dego rivar de dire de ballare, la iera mo una putata compia, che no ge mancava gnente. A’ ge strenzea la man. O man, maneta da impastar tre furni de pan al dì, man da bragagnar mescole, da menar polenta, peverà e faveta! E man a’ la lagava, e trasea un saltarello o na capriola, che andasea in lo àiere. E po, [29v] con hea rivò de ballare, a’ me andasea a imbusare drio a qualche cison. Pensève con a’ fasea. A’ me andasea remenanto pensantome de ella e de quella man, che a’ g’aea tocò, che assé dito: “Costù è inorcò”. A’ stravolzeva gi uochi da tanta smagna che haea.

[76] SIER THOMAO
Al corpo, che no digo, ti me fa vegnir ambastia e stravolzer i ochi anche mi! E’ me vien i suori de la morte! Havesse almanco dove sentar. El me besogna star ascoltar sti to imbertoneci al mio despeto. Varde se ’l diavolo fa ben.

[77] Mo a’ taserè, s’a’ no volì ch’a’ dige. Que me fa a mi? El dee esser fuossi per mi, questo? A’ ve dige per vegnir a dir de vu, mi.

[78] SIER THOMAO
Va’ drio, per to fe’, mo compie presto.

[79] E sì, co a’ ve dego rivar de dire, una festa... A’ no me recordo ben che festa foesse, da san Lorenzo o da san Piero. A’ falo: el fo una domenega o un sabo che iera festa, che magnié scardole su la graella, che no me ’l desmentegerè mè. O fo pur un zuobia?

[80] SIER THOMAO
Sia che zorno se voia, un zorno de festa. Una volta, compie!

[81] Missier sì, missier sì. A’ la menié da un festaro, e sì a’ g’impî el grumbiale de braciè, de nibiè, de fugacine, de braciè fuorti, ch’a’ spisi bonamen pi de cinque marchiti.

[82] SIER THOMAO
Ben, buzolai ti ge incomprasti. E può’?

[83] E po, con a’ ve dego rivar de dire, a’ la compagnié a ca’, ch’i stasea su una [30r] possion de un me amigo, che iera cossì un certo poltronazo con a’ fosse mo un, che a’ fosse me amigo, intendìu? E po, con a’ fussino a ca’: “Stè, la bona sera”, “Andè, la bona sera”.

[84] SIER THOMAO
Bona sera bon anno. Ti ha compio? Ben, a che séla al mio proposito del mio amor?

[85] No, aldì. El vene po le guerre, con a’ saì, che tuti muzava, e mi a’ fu pigiò con el me caro. El me pigié no so que Toischi, che i me scapé squaso le ongie. I favelava in toesco, cancaro i magne! Sta puta muzé per le muzaruole, e mi e ella a’ no se havìvino miga imprometù ancora. La muzé per le muzaruole. A’ no l’he mè pi vezua, ella, missier no.

[86] SIER THOMAO
Ben, astu compio?

[86] Mo a’ he compio, mo a’ no v’he gnian dito quando i Toischi me pigié a comuò i fé. Cancaro, l’è na filatuoria lunga! Mo a’ he compio de questo, missier sì.

[87] SIER THOMAO
Mo che diavolo de mio proposito sé questo? Ella, ella, ella. Chi sé, sta ella? E’ vorave pur saver se l’è madonna Doralice.

[89] No, cancaro, l’è la puta che sta con ella! La se ha recordò adesso di braciè, e sì ha favelò pre vu a madonna Ralice.

[90] SIER THOMAO
Va’, diavolo, va’, adesso intendo. Ti me ’l podevi dir in do parole, e sì ti me ha tegnuo tre hore. Ti me vol dir che per i buzolai, che ti ge comprassi, la te ha fato sto servisio, che l’ha parlao per mi a madonna Doralice. Ti ’l podevi dir in do parolle.

[91] Mo sì, i dê esser celegati da cavar fuora d’una busa in do branchè!

[92] SIER THOMAO
[30v] Ben, che ordene astu messo con ella, tandem?

[93] Mo a’ n’he metù ordene negun.

[94] SIER THOMAO
Va’, pota de santa Cataruza, semo entro i primi termeni! Con chi sóngio intrigao? In che muodo sarógio mo servio? On sé sta bona novella, che ti disevi?

[95] A’ no harè gnian fato niente, chi v’alde. N’heggi fatto assè che la no cre ch’a’ sipiè pi cossì burto homo con iera stò ditto, e che vu a’ ge favelerì?

[96] SIER THOMAO
Donca ti no ha parlao con essa?

[97] Va’, cancaro, va’. No ve digo che a’ he favellò co la mia pre vu? Le se favelerà mo una co l’altra, e po vu a’ ge andarì a favelare. Mo el besogna che a’ no ve perdè, co a’ ge favelerì, ch’a’ ge sapiè dire el fatto vostro, che a’ ge volì ben, e che a’ sì inamorò in ella, e che dabiè mè ella, e che, se a’ no havessé moiere, a’ no tossé mè altra femena ca ella, e che, co ’l supia morta vostra moiere, a’ la torì ella, e che a’ la farì star a muò una donna, intendìu? E dìge an de quel’altra, che me vuoia ben a mi, che dabiè mè elle tutte do.

[98] SIER THOMAO
Anderò io in casa a parlar con essa o da i balconi?

[99] No, cancaro, da i balcon besogna che ge favellè, perqué el no g’è ordene che andagè in ca’, staganto in sta terra; mo l’anderà de fuora.

[100] SIER THOMAO
Mo se qualche un di soi me vedesse?

[101] A’ no sarì miga far vista che ’l fatto no supie vostro? Fè vista d’aspetare [31r] qualche un. A’ no “ve” sarì miga pensare qualche noella?

[102] SIER THOMAO
E’ digo che i no havesse per mal, che i disesse: “Che fastu qua? Che vol dir sto favelar qua?”, e darme qualche feriaza, intendestu?

[103] Pota del cancaro, a’ sì spauroso! Hassé fato mal, co a’ fasea mi! A’ sassé andò de notte, co a’ fasea mi! In lo culo. Che criu che supie paura? La paura no è altro che imaginarse, pansarse. Fè cossì, aldì. A’ vuoio che facè a sto muò: mi andarè in ca’, e vu in sto mezo andè drio a sta viazuola e tornè che ’l para che ’l fato no supie vostro, intendìu? Mi a’ sarè sul balcon co ella. Se a’ me sentì cantare, guardè in su e favelège; se a’ no me sentì cantare, andè via de lungo. Moa, andè.

[104] SIER THOMAO
Co ti canti che varda in suso?

[105] Missier sì, perché co a’ cante no ge sarà prìgolo. Moa, andè. El besogna esser anemusi, a la fe’, chi se vuò inamorare. A’ son pur bon da sto mestiero. A’ no harà paura de Rolando, co a’ son inamorò. Olà, olà, o da la ca’! A’ vegnirè entro, mi. Olà.

[106] GENEVRA
Io non ho desiderato cossa al mondo altratanto come ritrovarvi, dolcissima sorella; et perché vòi che hora non ti compiacia? Io voglio che tu mi sie sorella, padre, madre, maestro et baila. Quello che ti è in piacere dillo pur sicuramente, che né più né meno farò.

[107] ISOTA
Odi, carissima sorella. Tu se’ vedoa et io senza marito, et consumando la [31v] nostra giovenezza senza marito daremo materia ad ognuno di dire che siamo men che honeste; senza che grandissimo despiacer ne fia, quando saremo divenute vechie, che staremo a dir le favole con la gata a canto al focolare. Io voglio che si maritiamo; et perciò che questo è un nodo perpetuo, devemo con ogni diligentia cercare di pigliare huomeni confacevoli a li costumi nostri. Io son, come a lo albergo ti dissi, tre anni stata schiava insieme con quelli dui gioveni, Tancredi et Theodoro, et anchora che “a” niuno di loro per donna mi sia manifestata, io ho nottato cossì ben li costumi suoi, che mi pare esser certa che sariano degni di haver per moglie ogni gran donna; et di Tancredi sono stata ferventemente inamorata. Oltre di ciò, sono sciciliani et richissimi; però mi pareva a me, quando paresse a te, che io dovessi devenir moglie di Tancredi et tu di Theodoro, et tuti quatro senza indugia ritornarsi ne la patria nostra, a godersi il nostro.

[108] GENEVRA
Io son disposta a compiacerti. Fa’ tu.

[109] ISOTA
Cerchiamoli adunque, che, se non haveran trovato chi li habia riscossi, li riscoterem noi; e hora hora a la volta di Vinegia imbarcati, se ne anderemo. Et hora, che le nostre miserie hanno havuto fine, non più in questi panni, ma in habito feminile rivestite, insieme con gli sposi nostri nella patria nostra tornaremo. Vogliamo cossì?

[110] [32r] GENEVRA
Non te ho detto, sorella mia, che facia tu?

[111] 

 “E caro amore, e dolce amore,

 doname una balestrina”.

[112] SIER THOMAO
Dio ve contente, perla mia, zogielo caro.

[113] DORALICE
Ben vegni Vostra Signoria, signor mio.

[114] SIER THOMAO
Horben, a che semo nu, an?

[115] DORALICE
La vostra cortesia mi ha vinta in modo, che non posso esser se non vostra, signor mio caro.

[116] SIER THOMAO
Vu trazé balotte, an? Havé torto.

[117] DORALICE
Io naqui a sdegno di fortuna, perché le mie parole non possono esser credute! Io son pur vostra quando vi piacia ch’io sia. Benché la moglie vostra me habia fatto minaciare, io non mi rimarò però di amarvi.

[118] SIER THOMAO
Quel diavolo de mia mioer? Al sagramento mio, ge voio dar diese bastonae per ste parole! E perzò, fia bella, fia zentilesca, le nostre cosse fémole secretamente. Non sten ben qua su la via, che la zente me veda int’el passar.

[119] DORALICE
Io vi farei entrar in casa, ma queste vicine mie son troppo maledete. Ci sono di quelle che mi fanno la guardia fino a meza notte, sol per haver che dire di me: “La tal fa cossì, la tal fa colà”.

[120] SIER THOMAO
Oh, diavolo, mala cossa la cativa vesinanza.

[121] DORALICE
Io son disposta a compiacervi, ma in questa terra non li è ordine alcuno. Et se io non rimanesse per un poco de impacio, adesso adesso me ne [32v] anderia in villa, et voi ne venireste, et questa sera saressemo insieme; ma rimango per uno certo intrico.

[122] Iz, iz, olà, olà. Missier! “Missier”, fè vista.

[123] SIER THOMAO
An, che sé?

[124] El n’è gnente, cancaro. L’è stò le buele, che me bogìa. A’ crêa che ’l foesse un. Moa, andè drio.

[125] SIER THOMAO
Va’, diavolo, butta i ochi de qua e de là.

[126] Buttè le regie lunzi, s’a’ sentissé qualcossa. Aldì, co a’ subie una botta, tove via de fatto.

[127] SIER THOMAO
An, ben mio, an, fia bella, che disévu, che volé andar in vila? Magari, che vu no havessé visinanza, che ve desse fastidio. E perché restévu?

[128] DORALICE
Per un certo impacio, che da Ruzante intendereti.

[129] SIER THOMAO
Ruzante sa esso? Basta. Pur che se possa, al santa sacre de vagnele, non mancarò mai, per far mentir per la gola sti lari, che dise ste zanze de mi, che i meriterave de un pugnal int’i petti.

[130] DORALICE
Non è pegior cossa, che la mala lingua.

[131] SIER THOMAO
Mo la vostra, zogielo caro, tresoro mio, no sé trista, essa. E’ credo che la sia pi dolce che coronela de zucaro fin. Ben, zugerémoi po, con siamo in villa, an, carne mie?

[132] DORALICE
Io non imparai mai a iocare.

[133] SIER THOMAO
[33r] No, an? Fina le mamole sa ziogar a sti ziogi che dige mi.

[134] DORALICE
Come se chiamano questi giochi?

[135] SIER THOMAO
A le pance, alla scondaruola: mi sconderò e vu tengniré ochio.

[136] Sbio, iz, iz, sbio. Toionse via. No sé tri o quatro, che ven da cao de sta viazuola?

[137] SIER THOMAO
Mogia, a’ me recomando, fia bella.

[138] La no g’è, cancaro, che l’ha habù paura. Cancaro, no vuogio dir ve vegna, s’a’ vuogio, missiere! A’ no sì de quî da Figaruolo, de quî buoni. A’ sè che g’haì ditto el fato vostro. Cope fiorin, al sangue, a’ no me l’harà mè pensò! Po i dise, po.

[139] SIER THOMAO
Co, co, cossì?

[140] Co, co. A’ dige: “So, so, via dal me cortivo!”. A’ parì cossì un stizo coverto in lo viso, e sì a’ sì un mal sbregon, vu. A’ no l’harà mè crezù. I provierbii no fale mè: gata piata, fievera ve bata. Cancaro, te parsele brombe?

[141] SIER THOMAO
Al sagramento mio, no intendo zò che ti vuol dir de brombole.

[142] Oh, el no me intende, l’homo! Sì, el è figo! Mostrève da bona villa! A’ sè che a’ le saì inamorar, mi, le pute.

[143] SIER THOMAO
Varda, Ruzante, al corpo de santa Cataruza, la no sé stà mai imbertonà in mi nomè adesso. E sastu a che muodo?

[144] Mo sì, mo sì, che a’ no ’l sè inanzo che adesso? A’ no ve l’he sempre mè dito che la smagna, che la rabia per vu?

[145] SIER THOMAO
[33v] Costie, quando la se acorse che mi iera imbertonao in essa, la se impensà de tegnirme su sti imbertoneci, de farme bona ciera perché no me desbertonasse, e forsi con anemo pensao de farme trazer. Mo Dio me ha aidao, che la se ha imbertonao essa int’i fati miè, che la non se ’nde ha acorto.

[146] Cossì purpiamen, cossì sparciso. Que ve disévigi mi? Ve hala dito zò que a’ dî fare?

[147] SIER THOMAO
No, la m’ha dito che ti sa ti, e che ti me ’l dirà ti.

[148] La m’ha dito che ’l no g’è muò che a’ possé andar in ca’ da ella staganto ella in sta terra; mo, perché a’ ge possé andare, la vuol andar de fuora a Arquà.

[149] SIER THOMAO
La me ha dito cossì anche a mi; e che l’ha un certo intrigo che la no puol.

[150] Mo a’ ve dirè: la dê dar no sè que dinari a un, e sti dinari la no gi ha, mo la i dê ben scuore fina un mese. Se la haesse da dargegi ancuò de bel ancuò, la anderà de fuora de bel adesso, e de bel sta sera po an nu andassan da elle, da tute do, intendìu?

[151] SIER THOMAO
Ben, dinari. Te hala dito la quantitae?

[152] Quanti dinari? Missier sì, cento lire de lì via.

[153] SIER THOMAO
Lire de grossi o de pìzoli?

[154] A’ cherzo che a’ fassé megio darge smozanige e marciè, ca [34r] darge beze, ché la porà star tanto a lumbrare, che a’ no andessan sta sera. E mi a’ ge dissi che la no guardesse a dinari, co a’ me havì dito, e se no bastava cento, a’ ge ’n darì an un megiaro, e che i poltron, che ge ha dito le parole de vu, no farà miga cossì, igi.

[155] SIER THOMAO
Ti ha fato ben. Oh, ti sé stà ascorto, pota che no digo!

[156] Ve vàgogi mo per carezà? Que criu che supie? A’ no darà la lengua a un altro, per favelare.

[157] SIER THOMAO
Andemo a casa, che te darò i danari, che ti ge i porterà. Magari andassemo sta sera! Ge fosse ordene!

[158] Que? ’L è anchora grandhora a sera. Sta sera, no me l’hala dito a mi?
 

Fine del quarto atto.


[34v] Atto quinto.
 

[1] TANCREDI
Deh, perché, dolce Isota, moglie mia, non vi siete manifestata a me nel tempo che siamo stati schiavi? Quanti lieti giorni habiam perduto. Le nostre passione sariano state men gravi, almanco li primi fruti de amore haverissimo colti honestamente insiemme. Ma converà che, radopiando li amorosi abratiamenti, avantiamo quel che per adrieto habiam perduto, et siamo, come in volgar proverbio si suol dire, quatro corpi e una sol’anima. Non sarà cossì, madonna Genevra, cognata mia?

[2] GENEVRA
Signor sì. Et quanto per me, non pregarò Idio tanto de altra cossa, quanto che il rimanente di nostra vita sia in modo che tuti quatro de un medesimo volere viviamo. Cossì potessimo le noce celebrare, ma ne la patria nostra le celebraremo.

[3] THEODORO
Et perché non deverò io pregare continuamente Idio? Qual compagnia mi potrà esser più a grado di questa? Et moglie et sorella mi siete, una et l’altra.

[4] ISOTA
Cossì Idio el viagio nostro prosperi, et lieti, ove hoggi intendiamo di andare, ne conduca, come ch’io desidero che de una medesima voluntà, de un medesimo desire viviamo.

[5] TANCREDI
O cità gloriosa, che sei stata la fine de le nostre adversità et il principio di tanto nostro bene, il guiderdone, che meritaresti, non posso né, se havesse più poter del poter de tuti gli huomeni del mondo insieme, potria darte conveniente a tanto dono; ma il Sommo Motore [35r] ne prego che lo ti renda, come quello, a cui nulla è impossibile, et l’amor, la cortesia, la gentilezza, la magnificentia de’ tuoi signori, de’ tuoi egregii citadini, de le tue nobillissime donne sempre in honore tenga, et te soto tranquila pace governi, et di abundantia ti colmi, te difenda contra ogni furore de’ tuoi inimici, ti guardi da ogni loro insidia. E più presto di ogni tuo lieto et pacifico stato si dogliano li mali vicini tuoi, che tu ad alcuno porti invidia; et il nome de li chiari spirti, che in te albergano, rimanga al mondo con eterna fama. Cità per mille, et mille opre famosa, rimante in pace.

[6] Caro frello, cantóne un’altra, e nu du contónla in quatro. Mi solo a’ canterè ben in du. Aldi:

 “E de la mala morte...”
Vîtu? Co ’l grosso tase, el sotil canta, e co ’l sotil tase el grosso canta.

[7] Al sangue del cancaro, l’è ben bella chi poesse fare an che una vacca tiresse per do e du pan fesse per quatro!

[8] Per magnare a’ magnerà ben per du, e per cantare; mo per laorare, a’ laoro lomè per mezo un. Moa, scomenza.

[9] A’ te dige ch’a’ he priesia, che a’ he Menego Trelesato che me aspieta airo fuora de la porta. Lageme anare. T’he bon cantare, zà che la te va da canto.

[10] Di’ lomè questa una botta, caro frello.

[11] [35v] A’ dirè per farte cossa a piasere, co disse quelù; mo, a la fe’, a’ he priesia.

[12] Poh, va’ al bordello! Te sè pur se an mi, con disse quelù... (Cantano.)

[13] Moa, a’ vuò mo andare. Portate da perdomo. La te buta ben a ti, e sì te va da canto, che te magni co fa i cavagi di tiraore, co ’l cao in lo saco.

[14] Puoh, que vuòtu ch’a’ fage? A’ stago co sto zentiluomo vegio, e sì a’ magno. ’L è inamorò, ello, e mi a’ ge porto i mesiti. El no fa que farme sempre mè: “Ruzante, magna, magna”, e mi a’ magno; “Ruzante, bivi”, e mi a’ bevo; “Ruzante, merenda, fa’ colation”, e mi a’ la fago, puh sì. E po madonna ha tanto piasere del me cantare, che no besogna dire. Mare Biata!

[15] Mo, la dê essere inamorà an ella, n’è vero?

[16] Pensate: matto el caro, mato el buò, mato colù che ’l para. El se favella lomè de amore in quella ca’, e massare e madonna, tuti a scazafasso! Fina le banche, i scagni, le casse sente d’amore. El no g’è buso in ca’, né ordegno, che no sepia d’amore.

[17] Moa, a’ no dî star lomè in veregaia tuti vu.

[18] No favelar de piasere: el no se sente lomè cantar per quella ca’. Mo laga. S’te saisi, la pi gran noella! Oh, s’te n’aissi priesia, a’ te farà pur rire.

[19] [36r] Te me la dirè po un’altra fià. A’ vuò andar, roman ti.

[20,1] Mo va’ in susio, s’te vuò ch’a’ romagna mi!

[20,2] A’ v’he ben vezù zà un pezato, mo perqué el no se n’adesse, no ve guardava. Haon cantò pre vu, vî.

[21] A’ sè che a’ la smenuzolè, mi. Vergene Mare Biata, que havìu in quella lengua?

[22] Ma sì, el no me sa gnian ben aiare! Se haesse chi me aiasse, a’ farà ben de bello, ve sè dir. Che ’l no fo mè zarambella, che sonesse miegio de quel che a’ fassan nu! Vegnì avrì, che a’ he i dinari. To torindon dorindon dorin.

[23] SIER THOMAO
E’ son in gran fastidio, che no me so pensar che scusa catar con sta mia moier, se per ventura ancuo me convegnerà andar in villa con madonna Doralice, tamen el me sbate el cuor. No so co farà Ruzante, se ’l ge sarà ordene sta sera. E’ voio tornar a casa per spassar tempo, fina che ’l vien Ruzante. Dio el voia che sta bestia de mia moier sia contenta che vada.

[24] Oh, sea laldò Dio, andaron pur sta sera tuti a Arquà! El vegio no harà magnò indarno el confeto e i pignuoli arpigiè, né de quî, che ven d’oltra mare, mostachi, morachi, che fa bona forza. Gnian mi a’ n’harè magnò indarno le croste de formaio salò, né quî tri pan tanto fati, né bevù indarno de quel vin, che ha una vena de recento, che Mare Biata!
Cancaro, l’è pur la bella putata! L’è lomè late e vin. La dê haver tanto de gamba, tanto de lacheto, tanto de zenuochio, [36v] tanto de cossa. Oh, che -pota ch’a’ no digo male!- che bel piaser a’ se daron in quî buschi! El vegio sta assè a vegnir. El m’ha pur dito che l’aspiete da chialò via.

[25] SIER THOMAO
E’ no posso star fermo, e’ ho el mal de la formigola. Amor me travaia, el par che aspete una sententia de lite. E..., en..., el me vien i susti de la morte, e’ sento ben mi. Dio el voia che no traza i danari. Ruzante? Ruzante? E’ no te osso domandar a che semo.

[26] Eh, la megior noella! La no poea andar miegio. El besogna mo che a’ supiè un homo, da chì indrio. Le va via adesso, e sì me ha dito ch’a’ dibiamo andar, che dabiè mè mi, che ’l g’è lomè cielo e buschi, che “a’” n’haron paura almanco che negun ne faza la guarda. On volìvu la pi bella comelitè al mondo? E sì a’ se daron piasere de dì e de note. Con volìvu i pi biè contenti?

[27] SIER THOMAO
Fato sta che tuti no sarà contenti, se me parto, Ruzante.

[28] Mo chi seràgi?

[29] SIER THOMAO
Mo madonna non serà contenta.

[30] Puoh sì, a’ vo ch’a’ catè qualche scusa. A’ cherzo che la no serà contenta gnian se a’ ge stassé ben a pe, mi.

[31] SIER THOMAO
Per che rason?

[32] [37r] Perqué, dasché l’have quel despeto de quelù, che la crêa che ’l foesse un homo e iera una femena, la sé stà sempre deveosa, de mala vuogia, a muò un dugo a pesso; e perzóntena a’ digo che la no serà gnan contenta s’a’ ge stassé ben a pe.

[33] SIER THOMAO
Che diavolo de scusa me poràvio impensar? E’ me voio consegiar con ti. Se digo de andar a muar àiere, el sé una matieria.

[34] Mo aponto questa è bona.

[35] SIER THOMAO
No, perché e’ son vegnuo in sta terra per muar àiere. La dirà: “Onde voléu andar? No sé bon àiere qua?”. E’ voio dir che voio andar a veder certe terre, per comprar. Séla dessa?

[36] Oh, missier sì, missier sì. Pota, a’ ve l’haì pensà bella! Mo andè a ca’ presto, e mi a’ starè chialò a vêr se in sto mezo le andaesse via, ché a’ vuò che andagon in la barca don le va elle, che a’ se smorezeremo co gi uochi almanco. Andè via presto, e asiè le robe, che a’ volì ch’a’ porte, che a’ le tornerè a tuore po mi. Mo andè via presto, mo corì presto.

[37] SIER THOMAO
Va’, diavolo, vustu che me scavaza el colo? E’ voio portar puoche robe: una vesta a la polentina che me meta, son spazao.

[38,1] Mo ben, mo ben, andè via presto.

[38,2] Guarda che la no se despiere, madonna, perqué el vage via! Fuossi mo che ’l n’è bello da tegnir a pe, el zegio? ’L è miegio una fassina de spini assè. Sì, che la n’è inamorà? Se mè [37v] la no vé l’hora che ’l se tuoge via! La farà ben vista che ’l ge recressa, mo la pianzerà co gi uochi, e sì se la rirà col cuore.

[38,3] A’ vuò andar ascoltar se i se mete in via, al so usso. Aldi, tasi. A’ sento sfregezare, a’ sento far un gran tampelamento de scagni, de banche, de chiave, de armari. I va da l’altro usso fremamen. Aldi, aldi che la dise: “Passè ben l’usso”. Gi è andè via.

[38,4] Cancaro, sto vegio sta assè a vegnir. Oh, cancaro, haron pur piasere in quî buschi! A’ se andaron imbusanto de drio e de nanzo assè, ch’a’ pareron levraton. Aialo, va’ via, va’ via! A’ baleron: el se ge fa mo festa fin a zenuogio. A’ me farè un bel par de calce schiapè di dinari, che m’ha dò quella femena d’Ancona, e de quî ch’a’ he robò al vegio, che a’ n’he dò an a la me puta. Un bel par de calce a la doisa, e un bel zuparello, una bereta rossa con penachio, che chiamerà pute de mille meia. A’ son ben informò di miè lembri, che ’l no g’è puta che me vêsse che no me se apresse. E po a’ canto ben, e cossì vestio... Pur poesse pur sepelir a tante! A’ me vuò comprar an una spa, ché chi n’ha una bella spa, che la porte per travesso, no par bon da inamorarse.

[38,5] Lageme vêr se haverè tanti dinari, che ge face. Cancaro, gi è assè! A’ no vorà che negun me vêsse. Questo è un ducato d’oro da Veniesia, venitian. Questo un rainese. Cavaluoti, moragie, de [38r] quî da siè bece, scarantani... Cancaro, gi è assè dinari! Làgami partire. Un muchieto è le calce, l’altro muchieto el zuparello, st’altro è la bereta. Mo la pena? Tuo’ un puoco per un di muchiti. Oh, la spa? Un puoco del muchio de le calce, del muchio del zuparelo, del muchio de la bereta. Oh, a’ he fato mo una spa. El me avanza an dinari da ballare.

[38,6] A’ vuò tornar a sentire se gi è andè via. A’ no sento negun, gi è andè via fremamen. Oh, vegnesse sto vegio!

[38,7] Oh, laldò sia Dio, a’ vegnerì pure! Stè a dar mente, che a’ vuò andar a tuor le besenelle.

[39] SIER THOMAO
Vate a far dar quelle mie robe e vien presto: i miè zocoli fratoni, la mia bareta de note, i scoffoni, l’albarelo da l’onguento per la mia siatica, e l’orinal. E varda no romper gniente.

[40] Poh, a’ me le recorderè in lo culo tante besenelle.

[41] SIER THOMAO
Ho asiao ogni cossa in portego. Vien presto.

[42] Butè gi uochi in qua e in là, se ’l vegnesse mè la so massarola, che la ne andesse cercanto.

[43] SIER THOMAO
Mo ben, va’ via presto. E’ serò pur contento sta sera. E’ ho anche fato tanto, che madonna sé restà contenta. Ogni muodo el sé stao bon aviso andar in vila. Meio che qua per mille boni respeti. E ’nde son anche pi contento, mi.

[44,1] Pota del caire! Vegne el cancaro, co pi se ha priessia, el cancaro [38v] intanta pi! Te par mo che a’ he roto e rinali e pitariti e ’l cancaro?

[44,2] Che cancaro la magne, la no vêa l’hora de mandarme fuora de ca’, st’altra. “Va’ presto, tuoga mo su”. A’ no dego saer che la l’ha fato vegnir in ca’ el so berton? Vegna el cancaro..., squaso che a’ no dissi, a’ m’he sbregò un zenuogio! La pianzea, co a’ partî; adesso la sgrigna. Cancaro a ella e i suò berton.

[44,3] Moa, aviève inanzo presto, e caminè.

[45] SIER THOMAO
Hastu ogni cossa?

[46] Missier sì, caminè pur via.

[47] SIER THOMAO
Hastu i zocoli fratoni?

[48] Missier sì, a’ he ogni cossa. Caminè.

[49] SIER THOMAO
Hastu la mia bareta de note?

[50] Missier sì, cancaro a le berete. Caminè, che a’ le zonzan, caminè.

[51] SIER THOMAO
Hastu i scoffoni?

[52] Missier sì, che i dege pur haere. Pota del cancaro, che andagan in la barca, don le va elle! Caminè, caminè.

[53] SIER THOMAO
Hastu tuti do i scoffoni?

[54] Missier sì, a’ cherzo de sì, cancaro a i scoffoni. Caminè, fè i passi lungi.

[55] SIER THOMAO
Hastu l’albarello da l’onguento?

[56] A’ ’l tusi pure. Caminè, caminè.

[57] SIER THOMAO
[39r] Ti no ha zà roto gniente, no?

[58] Roto gnente, no. Caminè, messier no, caminè.

[59] SIER THOMAO
La mia cinque dea l’hastu tolta?

[60] Tolte le manege, ogni cossa. Caminè.

[61] SIER THOMAO
No digo i vanti: la storta!

[62] A’ falon, cancaro a i stuorti e a i driti! Andagon de qua, che l’è pi curta.
 

Fine de la comedia.