Archivio digitale veneto

Ruzante, Dialogo facetissimo

 

 

[2r] Dialogo facetissimo et ridiculosissimo di Ruzzante. Recitato a Fosson alla caccia,
l’anno della carestia 1528.



Interlocutori che parlano: MENEGO, DUOZZO, NALE, GNUA, SACERDOTE de DIANA, ANIMA del ZACCAROTTO.


[1] Duozzo [e] Menego comenza.
 
MENEGO
Zenaro, fevraro, marzo, avrille, mazo e an mezo zugno al fromento. Poh oh, a’ no g’ariveron mè! Cancaro, mo ’l è el longo anno, questo! A’ sè che ’l pan muzza da nu, mi mosì, pi che no fé mè le celleghe dal falchetto. Mo no è, questo che ven, me compar Duozzo? ’L è ello, sì. Compare, con ve valla a pan?

[2] DUOZZO
Stretta, compare. Cherzì che la vo strenzere guano senza pénole.

[3] MENEGO
Sì ben an senza mazzo! A’ me vago pure impensanto con se porae fare de magnar puoco, ché sti cancari de ravi ne ha sì slargò el buellame, che ’l se magna artanto.

[4] DUOZZO
A’ dì la veritè, compare. A’ cherzo che, chi haesse delle sorbole e in magnasse, che le strenzerae. A’ son de sta pinion, mi.

[5] MENEGO
Mo saì zò que a’ m’he pensò, compare? Che chi se astropasse la busa de sotto con s’haesse magnò, el magnare no porae insir fuora, e le buelle starae pine, e sì no vegnerae pi tanta fame.

[6] DUOZZO
Mo que disìu, compare? No, cancaro, la no è busa quella da tegnire arpassà! Inanzo el besogna tegnirla ben averta, chi vo star sani. No, cancaro, no disì de arpassarla!

[7] MENEGO
Mo, compare, quello è quel che a’ cerco, mi. A’ cerco ben de amalarme, perqué, a’ ve dirè mi, compare, con a’ son amalò, el no me ven fame, mi; e pur che no me vegnisse fame, a’ no vorà altro, mi. Intendìvu con a’ dighe, compare?

[8] DUOZO
Doh, n’andè fazanto ste mattierìe, compare, che a’ possé an morire, e sì haessé scapò su quella brombetta! Mo no ve deroinesséu del mondo, puover hom che a’ sì? Haìu paura de morire da fame? No saìu el provierbio che negun no ghe morì mè? E an quell’altro, che dise che l’anno fa con quello che ’l ha? Criu che mancherà biave guano? A’ cherzo ben de no.

[9] MENEGO
El provierbio è ben vero, se ’l poesse havere xequition, che l’anno fa con quello che ’l ha; mo gi usulari el fa fallare, perqué i no vo vendere né dar fuora la biava, e a sto muò el no porà fare. Criu che ’l gh’in serà assè che no se contenterà gnan guano de venderla? Mo cherzìlo, che gi è pi bramusi de sangue de poveritti che no è cavalla magra de herba nuova.

[10] DUOZZO
A’ dì la veritè, compare. Mo così se pòssegi inorcare o inspiritare, o doventar rabbiosi con fé mè can, azò che i foesse amazè per bel comun! Mo a’ ve dirè, compare: con sea passò tutto zenaro, el vegnerà po fuora herbame e gi uomeni se alturierà.

[11] MENEGO
Mo vì, compare, se ’l no foesse quella speranza, l’andarae male. A’ sè mi, compare, che a’ no verì guano troppo zuoggie de battasuòsele né de giottiron, che a’ le magnerom in herba inanzo che le fazze i fiore.

[12] DUOZZO
Mo gnan sparpanazzi né vison a’ no verì guano, né troppo fuogie alle vigne. Le no porà tanto buttar fuora cai, con i se magnerà!

[13] MENEGO
A’ cherzo che a’ magnerom an l’èlera, mi. A’ sè che a’ deventerom sottile, che a’ parerom huomeni muorti che suppie stè apichè al fumo, tanto saronte sottile e consumè.

[14] DUOZZO
Oh, compare, Dio aìa tutti che se vo faigare! A’ la faron an a rèmole.

[15] MENEGO
Mo cancaro, pur gh’in foesse! Haì ben pensò vu, compare, de sguazzare a quel muò, fazanto di sbiviron con acqua calda! A’ pareron puorzi che slappe. Mi, compare, a’ vuò trare a vivere, vì. Agno dì a’ vuò andare a uòvera, a faigarme per vivere.

[16] DUOZZO
Poh, compare, mo no guagnerìu mezo staro de rèmole al dì? Poh oh, a’ trionferì vu, perqué, compare, azzò que a’ sapié, messier Giesondìo farà intrare la so gratia an in le rèmole, sì con el la fé intrare l’anno passò int’el sorgo. No saìu che gi anni ananzo a’ dasìvinu el sorgo ai puorzi? Mo ben, el doventé po bona biava per gi uomeni, perqué, con a’ v’he ditto, messier Giesondìo ghe fé intrare la so gratia. Così sarà an dele rèmole. Siché, compare, n’habbiè paura.

[17] MENEGO
A’ no he miga paura, ché dela paura a’ n’he paura, mo del’angossa sì. Tamentre, compare, a’ saì pure che a’ son homo e che, se negun dirà vivere, che a’ saré mi un de quiggi.

[18] DUOZZO
Mo a’ dì la verità. A’ no haì cargo de massarìa né de figiuoli, vu. Poh, a’ sì un baron! An, compare, con la fèu con l’amore? Favellom un puoco de cose piasevole.

[19] MENEGO
Poh, così, compare. A’ ve dirè la veritè, mi. A’ giera squase tolto zo, mi, per ste carestie, intendìu, compare? Menar femene a ca’ con sta valua de pan ’l è el cancaro. L’homo che magna puoco no pò... Intendìu con a’ dighe, compare? E elle ha bona bocca, che le no vo noelle. ’L è po el cancaro... Intendìu con a’ dighe?

[20] DUOZZO
Poh, s’a’ v’intendo, an? La n’è miga pi chiara che n’è un graìzzo da vacche! No volìu che a’ la intenda? A’ volì dire che la so bocca vo magnare de dì e de notte.

[21] MENEGO
Mo que ve paresèstene? No èlla mo cossì?

[22] DUOZZO
Bessà casì. Mo el ve sarà pur vergogna che la ve sea menà via da n’altro, che a’ sè che l’è in sule strette.

[23] MENEGO
Con menà via, compare? El vorà ben essere homo figliuolo d’homo che me fesse sta noella a mi. N’habiè paura, compare, che no ghe serae negun que volesse essere sì zazarin. Menarla via, an? E po ella no vo altri ca mi. No ’l sèggi mi? A’ verì che la n’andarà con altri ca con mi, che la serà de mi sollo. Mo a’ no aspietto altro ca ’l pan novello.

[24] DUOZZO
Compare, a’ sè quel che se cazza: pan novello no magneràla a ca’ vostra, ché a’ sè che ’l gh’è uno che gh’in farà magnare del so un bon pezzo inanzo. Casì che ’l no varga tri dì che ’l la mena via!

[25] MENEGO
A’ sì stò male infromagiò de sta cosa, compare. Sì, alla fe’, no ’l sègie mi? Mo volìu che a’ ve ghe faghe tuor zo de sta pinion? Andon là da ella, che a’ ve chiarirì, e sì a’ la faron an cantare una canzon.

[26] DUOZZO
Andonghe. Mo laghème andare a tuore qualche arma per mille buoni rispetti, compare.

[27] MENEGO
Que arme, compare? A’ me fè sgrignare, e sì a’ no ghe n’he gnan vuogia. No heggi mi arme pre vu e pre mi e pre cento, se ’l besognasse? Potta, mo a’ sì spauroso, compare! Con sta storta, an?, el gh’in vorà esser di brausi, che a’ no m’i parasse da cerca! Perdonème, compare, a’ no me cognossì ben. A’ saì pur chi a’ son.

[28] DUOZZO
A’ sè ben, compare, che a’ sì un perdomo. Mo, que sègie mi? L’è pure an puoca arma, quella.

[29] MENEGO
Puoca, an? A’ la fe ben doentar asè e longa, mi, quando el besogna, vìu? A’ farae cossì, vì, du cai punsi e un stramazzon, e po così un rovesso a sgamba cavera. Ve par che a’ la missie, compare? Vì, compare, se mè ve acazisse che a’ fassam custion, tolìve pur via, perqué a’ no cognosso negun, mo a’ son con è un cengiaro abavò, che a’ corro adosso a tutti. Tuotte, tuotte, chi vo vivere, vì? Andon pure, compare, e stè sora de mi. Mo vìla aponto là, compare, la Gnua. Bon dì, Gnua, con te vala?

[30] GNUA
Mo l’andarae ben, s’a’ g’assom del pan. Questo È un mal anno pre certo.

[31] MENEGO
Mo a’ te ghe n’he ben portò un bon pezzato. A’ l’he chialò, a’ te ’l darè ben. A’ son vegnù chialò con me compare per intendere da ti no sè que noelle. Mo a’ vuò che in prima a’ canton do canzon, e po a’ favelleron de quello, che a’ vo chiarire sto me compare.

[32] GNUA
Mo canton pure, che a’ ve dirè po quel che a’ farè, mi.
 

[33] Qui cantano, e come hanno finito, Nale sopragionge e sfondrata la spada va in verso Menego dicendo: “Mitti man, mitti man, traittore!” et Menego impaurito non mette man altramente, ma senza dir cosa alcuna corrando hora in qua hora in là receve molte botte. Al fine caduto in terra, Nale mena via la Gnua, e Menego rimasto in terra dice.
 
MENEGO
Doh, cento contra uno, an? On è la descrition, an? I m’ha tutto forò e decipò! El n’è tanti busi int’un crivello da mégio con i m’ha fatto in la me vita, e sì passa tutti! Confession, confession! A’ son tutto sangue! Elo questo sangue o èla merda? La me porae an esser muzà, ché la me strenzea.
 

[34] In questo ariva Duozzo, che era fuggito, et verso Menego dice.
 
DUOZZO
Compare? O compare? Sìu vivo, compare?

[35] MENEGO
Doh, cancaro ve magne, compare! Mo com m’haìvu mè lagò mi sollo solletto contra tanti? Me haggi mo possù dare? Confession, confession! O Domenedio, s’a’ he fatto peccò, perdonanza, che a ogne muò a’ n’in farè mè pi.

[36] DUOZZO
A’ n’haverì male, compare.

[37] MENEGO
Merda, compare! Al sangue de mi, a’ m’haì ben trattò! A’ fuzì, vu, e sì a’ me laghé mi sollo solletto contra tanti. On haìu la consintia ? Hasséu almanco destramezò!

[38] DUOZZO
Con contra tanti? El no giera selomè ello sollo! E mi po a’ no haea arme. Mo no ve dìssigio: “Compare, lagème andar per arme”, e vu no volissi, e sì a’ desissi ch’haìvi arme pre mi e pre cento? E po con ’l ha besognò, a’ no haì po gnan mettù man alla storta contra a un sollo.

[39] MENEGO
Poh, perdonème, compare, che al sangue del cancaro a’ no m’he arecordò de haverla. Doh, me vegne mille cancari che me magne mi e le mie arme! Mo com m’heggi desmentegò?

[40] DUOZZO
Mo colù disea pure: “Mitti man a l’arma! Mitti man al’arma, traittore!”. Pò fare el cancaro che a’ no ve l’arecordavi? A’ la bravavi pure inanzo che ’l vegnisse, scrimianto da vostra posta, e po con ’l ha besognò, haì perdù la scrimia! E ello pur ve inviava, e sì ve diea: “Mitti man!”.

[41] MENEGO
Mesì, a’ crêa che ’l diesse a quî suò compagni, mi. A’ no m’harae mè pensò che ’l diesse a mi.

[42] DUOZZO
A qual so compagni, se ’l iera ello sollo solletto?

[43] MENEGO
Mesì, dèmelo ad intendere. A che muò volìu che un solo m’habbi dò tante ferì? No viu che a’ son tutto decipò? No sentìu con a’ stago? Doh, compare, a’ no dîvi mè muzare, ch’asé almanco destramezò!

[44] DUOZZO
A’ ve dighe, compare, che sé mal destramezare a chi n’ha arme. E po a’ me diessi che, con gieri alle man, che a’ me tolesse da un lò, perqué a’ no cognossivi negun.

[45] MENEGO
Poh, mo con che volìviu che a’ ve desse, se a’ no haea ficò man alla storta? A’ sè che a’ volì zugar de seguro, mi. A’ no ve farì mè sbusar la pelle, vu.

[46] DUOZZO
Poh, mo no basta de vu? Mostrè mo. Se Die m’aì, che a’ n’haì gnan male.

[47] MENEGO
Fè pian, compare, no tochè. Andè pure per el preve, che a’ he tratto mi i miè bolzon. Doh, puovero mi desgratiò!

[48] DUOZZO
A’ n’haì male, compare, stè de bona vuogia! Haì se lomè sta ferìa in su sta man, le altre è tutte bastonè, le no passa. A’ n’harì male.

[49] MENEGO
Andè, a’ ve dighe, per el preve, compare. Andè via presto, che a’ sè ben mi con a’ staghe, mi. A’ me sento andar via con farae puorpio un paéggio! Que criu, compare, que sippia un puoverhom decipò, con a’ son mi, che a’ me vezo el me sangue, e sì a’ son mal passù? E po a’ he an dollore dela Gnua, che a’ sè che la no gh’è andà ontiera, che quel traittore l’ha menà via pre forza. A’ ve dighe che queste è gran strette, compare. A’ sè ben che ’l no varga mez’hora che a’ morirò, mi. Andè presto per el preve, compare, e tornè corranto.

[50] DUOZZO
N’habiè paura, compare. Potta de mi, che in sti buschi el ghe sta un ragomante, uno a muò homo salbego, che fa tanti miracoli, che ’l ghe perderae quiggi de sancta Nefissa da Cornolara e an quella dai zugolari. El ghe sta per lome de quella dia... Oh, cancaro, con se chiàmala zà?

[51] MENEGO
Mo chiàmase con la vo, que me fa questo a mi? Andè ’l chiamè.

[52] DUOZZO
Oh, cancaro, l’ha pure el bel nome! Aièmelo a dire, caro compare.

[53] MENEGO
Mo que volìu, ch’a’ v’agiaghe a dire quel ch’a’ no sè? Andè via che a’ sgangolo, che ve vegne el cancaro!

[54] DUOZZO
Potta, che a’ no me ’l posse arecordare! L’è una dia che sto ragomante sta invelò per so lome. Pò far mè che a’ no ’l saì?

[55] MENEGO
Mo que volìu che a’ sapie de dia né de ragomante, mi, che a’ son squase morto? Andè via, s’a’ volì.

[56] DUOZZO
Andarè adesso. Mo a’ vorà pure dirve in prima el so lome, s’a’ poesse. L’è quella che ’l nostro paron ghe n’ha fatta una in cimignuola dela porta dela so ca’, de pria destagiè, con un speo da cengiari in man, che i dise che l’è sora le cazze e sora i buschi. Oh, cancaro, l’ha el bel lome!

[57] MENEGO
Mo que me fa a mi que l’habbia bel nome, né che la supia su porta o su cuppi? A’ starì tanto che a’ morirè, e sì harì ben mo guagnò. Mo andè via, che a’ me cago sotto d’angossa, compare.

[58] DUOZZO
Moa, andarè adesso. A’ ve vuogio pur dire el so lome, che a’ son certo che, con a’ ’l sarì, a’ ve tegnirì de esser bello e guarìo.

[59] MENEGO
Moa, mo ben, a’ ’l tegno, a’ ’l cherzo, a’ sè con l’ha lome. Andè mo via, que a’ me sento insire el fiò per la busa de sotto.

[60] DUOZZO
Oh davera, sì, sì, l’ha el lome de una stella, sì, alla fe’.

[61] MENEGO
Sì, la Stella Boara. Andè mo via.

[62] DUOZZO
No, la n’è la Stella Boara.

[63] MENEGO
La Chiocca, le Falze, i Sette Biron.

[64] DUOZZO
No, cancaro, la no è negun de quelle. L’è una stella che lieva su così inanzo dì.

[65] MENEGO
La Stella Matuttina.

[66] DUOZZO
No, la no è gnan ella.

[67] MENEGO
La Stella Diana.

[68] DUOZZO
Sì, sì, la è quella. Mo ben, sto sant’homo ragomante sta invelò per so lome de quella dia, che ha così lome Diana. Mo ben, el fa cose stupente, el ve guarirà de fatto, vì. Tegnì de esser bello e guarìo, se Die m’aì.

[69] MENEGO
Mo pure che a’ no muore inanzo che andaghè da ello!

[70] DUOZZO
No, a’ ghe andarè ben presto, mi compare. Habiè bona fe’ in ello.

[71] MENEGO
A’ l’he, mo andè mo via.

[72] DUOZZO
Mo a’ vuogio andare in prima inchina a ca’ a tuor arme, e sì a’ tornerè an de chì via, se a’ me volì dir altro, saìu, compare?

[73] MENEGO
Que volìu far de arme? Andè senza, che la importa. A’ no ve vuogio dir altro, mi.

[74] DUOZZO
A’ dì pur la vostra, vu. A’ no me vorae imbattere in quelù, mi, intendìu, compare? E po in sti buschi el gh’è di luvi, con a’ saì.

[75] MENEGO
Mo tolì sta me storta.

[76] DUOZZO
Mo se a’ la tuogo e che colù tornasse, el ve riverae de ammazare! E po, compare, sta vostra arma è desgratià.

[77] MENEGO
Mesì, desgratia! A’ son mi, el desgratià. Mo tolìla e andè via corranto, se a’ volì.

[78] DUOZZO
Dè qua, per vostra fe’. Osù, a’ vago.
Duozzo se parte e Menego, rimase sollo in terra, dice.

[79,1] MENEGO
Meisì, st’homo no vegnerà mè pi, ello, sì èlo longo! E po ’l ha bell’e cattò quelù che ’l dise, e po Dio sa se ’l è vero. E po, se ben el foesse a ca’ e che ’l lo cattasse, fuossi no voràlo vegnire; e quando ben el vegne, el ghe vorà del bon a guarirme de sta man che a’ no romagne sturpiò. A’ cherzo che Stòttene no me guarirae, mi. Poh oh, a’ romagnerè sturpiò fremamen! A che muò bruscherègie mè pi? Mesì, a’ son deruinò del mondo, mi! Chi me vorà mè pi a vuòvera? A’ guagnerè ben mo le rèmole! Sì, a’ guagnerè el cancaro che me magne, che ge he anche selomè bagie. Agno puo’ de cuore ch’haesse habbù, el no me dasea. A’ son stò sempre un poltron, el besogna che a’ muora int’el me mestiero!

[79,1] Poh mo, a’ la indevino a morir st’anno, perqué, se a’ no morìa de ste ferì, a’ morìa da fame con sta calestìa. Se Die m’aì, ’l è an mieggio che a’ me desbratte presto e che a’ me amazze. El dégoge fare o no ’l dégoge fare? Un cuore me dise: “Falo, Menego, che int’ogno muò te sì morto e, se ben te no morirè per questo, te morirè da fame!”; e l’altro cuore me dise: “No ’l fare, che te guarirè!”. E quel primo me dise: “Mo int’ogni muò te morirè da fame”; e l’altro dise: “Mo el no te mancherà mè andar cercanto, siando sturpiò”. L’altro dise: “Mo te no harè pi la Gnua. Fallo!”. Siché a’ no sè a senno de qual cancaro de cuore a’ dega fare. Mo int’agno muò a’ ’l vuoggio fare per far vendetta de quel can traittore che m’ha così decipò; ché, s’a’ me amazzo, ’l andarà in bando, el traittore. Poh oh, a’ ’l vuogio fare int’ogne muò. Oh, cancaro te magne, poltron! T’andarè pure in bando, a’ farè pure la mia vendetta! Chi se penserae mè che a’ m’haesse ammazzò da me posta? I te la butterà adosso de ti, compagnon. Poh oh, l’è fatta. A’ me vuò ammazzare.

[79,2] Mo con che me ammazzerègie, che a’ n’he gnan la storta? Deh, compare, cancaro ve magne, mo a’ sì pure la mia deroina! Adesso che la storta me besognava, a’ l’haì portà via. Doh, cancaro me magne mi, che a’ ve l’he dà! Mo int’agno muò a’ me ammazzerè senza, e sì serà an miegio, che a’ me magnerè da mia posta, e così a’ morirè pur passù a despetto de la calestìa, e negun no se ’l penserà gnan mè, mo i dirà che quelù m’harà ammazò e che i can me harà magnò, e per questo el no starà de andare in bando. Te andarè pure in bando, poltron!

[79,3] Mo ten a mente che a’ no ’l porè gnan fare per amor de me compare? Deh, compare, mo a’ me dè pure el bel fastibio! Besà, que a’ no ’l porè fare! Perqué, se a’ me ammazzo, quel giotton dirà che a’ sarì stò vu, compare, perqué negun no ha vezù a darme, e tanto pi che vu haì la mia storta. Poh oh, l’è fatta: andarì vu in bando, compare, senza cason. Mo perdonème, compare, o bando o no bando a’ me vuò ammazzare. Habbiè mo passintia, compare, la storta a’ ve la dono.

[79,4] Doh, scarpe, mo a’ sarì pur stè alla morte de uno che harà fatta una morte rabbosa, che ’l no se gh’in caté mè pi una sì fatta, che uno se magnasse da so posta! ’L è pure an el bel peccò, se Die m’aì, che a’ muore sì zovene! Doh, Gnua, a’ no te verè mè pi! O Domenedio, perdonàme che int’ogne muò a’ no farè mè pi male. A’ me confesso che a’ he robò, mo a’ ’l fié per vivere. Altro male a’ n’he mo fatto. A’ vuogio pur dire un pattanostro. E sì a’ no me vuò gnan magnare, che a’ me stenterà massa. Mo a’ me vuò strangollare.
 

[80] Duozzo, Sacerdote e Menego
 
DUOZZO
Doh, compare, mo que fèu? No ve ammazzè, cancaro, che a’ he menò l’hon da ben che ve guarirà.

[81] MENEGO
Mesì, a’ no ’l cherzo. Laghème ammazzare, caro compare, fème sto servisio.

[82] DUOZZO
Potta, mo a’ cherzo che a’ sì doventò matto, mi. Adesso che a’ doì haer del ben, a’ ve volì deroinar del mondo! St’hon da ben ve guarirà e ve farà haver la Gnua e zò que a’ vorì.

[83] MENEGO
Mesì, a’ no ’l cherzo.

[84] SAC.
Dami la mano ferrita, che con lo agiuto de la cacciatrice dea, ti farò vedere la esperientia.

[85] MENEGO
O ragomante mandò da quella dia, mo te sì ben quel domenedio che a’ cerco, che, habbiantome guarìo sì presto, te me farè pure an pervision de pan, e sì te farè che harè an la me Gnua. Potta, mo con è impossibile a guarirme sì presto? A’ son tutto tornò vivolezo e pi gagiardo che a’ foesse mè.

[86] SACERDOTE
Quello che vorai, harai.

[87] DUOZZO
Mo che volìu altro, compare? A’ sì un Rolando, vu. L’è mo fatta, che zò que a’ vorì l’harì, perqué così vegnanto l’hon da ben m’ha ditto, e sì m’ha fatto an vêre la sperintia. Poh oh, l’è fatta! A’ no possé crêre con ’l è amigo de nu cazzaore, perqué el g’ha ordenò così quella dia Diana. O compare, a’ vuò che a’ ghe domandon de Zaccarotto, che ’l ne saverà dire agno consa.

[88] MENEGO
Mo l’è fatta, domandonghe.

[89] SACERDOTE
Se volete, io farò che parlarete con esso lui, che ’l è qui appresso, ma voi non lo potrette vedere, imperoché gli occhi vostri sono mortali. Ma nondimeno gli favellerete, ancora che lui sia immortale.

[90] MENEGO e DUOZZO
Mo tanto ne fa a nu. Fè pure che a’ ghe favellon.
 

[91] In questo il Sacerdote facendo alcuni segni, si sentono alcuni rumori, de li quali Menego e Duozzo hanno paura, et dal Sacerdote rassicurati l’anima del Zaccarotto dice.
 
ZACCAROTTO
Io son qui con voi, et se bene non mi vedete, non manco de la compagnia vostra mentre vi retrovate in questi lochi. Et perché me ritrovo al servitio de Diana, non posso esser con voi in altro loco che questo, ché, se ciò non fosse, sempre sarei con voi, che troppo dolce è la compagnia vostra; né per altro mi dolse la morte, come morendo vi dissi, se non che me incresceva di lassarvi, ancora che io sapessi di dover venire a questa eterna et celeste vita, lassando quella mortale e terrena.

[92] MENEGO
Doh, messier Giacomo, zà che a’ sì vu, a’ no parì gnan vu in lo favellare! E se ’l no foesse el contrasegno che a’ ne haì dò, che è vero, dele parolle che a’ ne desissi quando a’ morivi, a’ no ve ’l cresson, vì.

[93] ZACCAROTTO
Non è maraviglia se non mi conoscete nel parlare. Pure io sono il vostro Zaccarotto, ma son mutato di voce, di età et di ogn’altra cosa da quello che era. Io sono ringiovenito e tutto fatto di altra più bella forma, non sono però mutato di esser cacciatore, ma come prima vo alla caccia, et da Diana io son tenuto in buon loco. Ma altri lochi, altre caccie, altri cani, altri cavalli et altre fiere, di altre diverse sorte sono qui tra noi, che appresso di voi non se ritrovano. Siché queste de qui, et non quelle vostre, si posson dir cazze.

[94] MENEGO
Con, adasché andè an là su alla cazza? Mo nu a sto mondo a’ crìvinu che a’ stassé tutti là su in cerchio a piasere, nu, a cantare, sonare e ballare, e tuore d’agno fatta sollazi!

[95] ZACCAROTTO
Non è così. Sappiate che de tutte le cose che l’homo se diletta nel vostro mondo, che siano però cose buone et honeste, di quelle medesime in questo nostro mondo si diletta e gode.

[96] DUOZZO
Mo cancaro, compare, que ve pareséstene, an? El nostro preve no ne dise così, ello.

[97] ZACCAROTTO
Io vi dico che chi è huomo da bene al vostro mondo, a questa nostra vita eterna ha tutto quello che egli desidera, perché sapiate che pochi sono li homeni da bene, et per esserne il numero picciolo, quando qui da noi se ne può havere uno o doi, se gli lassia fare tutto quello che gli piace. Se non si facesse cusì, saressimo tanto pochi, che ne rincresserebbe il star qui fra così poco numero.

[98] MENEGO
Ve par che inchina in paraiso el ghe sipia desàsio de huomeni da ben?

[99] DUOZZO
Mo no intendìu? An, messier Giacomo, adonca se ghe beve e magna invelò, an?

[100,1] ZACCAROTTO
Io vi dirò. El se ritrova dui paradisi, uno per li buoni compagni, i quali al vostro mondo no han fatto se non cose buone et honeste, che si hanno guardati dal troppo mangiare e troppo delicato, et così dal dishordinato bevere; et similmente hanno usato honestamente con le sue donne, et non hanno tolta la robba de alcuno, ma sono stati buoni governatori, et dispensatori de la sua, et di natura amorevoli, che si hanno dilettati de honesti solazzi et piacevoli. Questi tali, in questo nostro mondo mangiano et bevono, et fano tutto quello che più a lor diletta.

[100,2] Vi sono poi alcuni altri huomeni, che al vostro mondo non hanno fatto se non cosa buona, et si hanno preso diletto de dire orationi, de digiuni, de astinentie, e di sollitudine, et cose simile; et questi sono quelli che tra noi non mangiano, et non bevono, et si contentano ancora de qui a stare in digiuni et astinentie, et non gustano cibo alcuno, ma stano sempre a contemplare Iddio, et di quello hanno tutto il suo solazzo.

[1'1] MENEGO
Compare, el m’è viso che questo no sea paraiso pre nu, mi, an? ’L è miegio el primo.

[102] DUOZZO
Poh oh, mo s’intende. A’ ghe dromissan sempre invelò!

[103] ZACCAROTTO
Non dubitate, attendete pure a essere huomini da bene, che, dove sono io, verete ancor voi. Vivete pure allegri, da buoni compagni.

[104] MENEGO
Mo adonca quigi, che sta de mala vuogia, no ghe vegnerà igi, an? perqué gi è sempre in sul pianzere.

[105] ZACCAROTTO
Gli andaranno in quell’altro, et per questo Hieronimo Scrinzi non gli è venuto. Si sente bene il suo bel suon del corno, quando vogliamo andare alla caccia, ma lui non si vede.

[106] MENEGO
Mo fè guardare in càneva, perqué a sto mondo el trasea sempre al bon vin. An, messier Giacomo, che è de barba Polo?

[107] ZACCAROTTO
Barba Polo è qui, e più su le piacevolezze che mai, tutto ringiovenito. Io l’ho lassato adesso, che ’l havea intorno Alessandro Pacalono, che li dava animo col tuono del liutto, con parecchi altri buoni compagni, che ivi era il maggior spasso, et le maggior risa del mondo.

[108] MENEGO
An, messier Giacomo, morirente da fame guano con sta calestrìa?

[109] ZACCAROTTO
Non, che Dio gli provederà, tamen la farete ben assai magramente.

[110] MENEGO
A’ volì dire che l’andarà stretta, vu. Mo passintia, dise Baloco, pur che a’ no moron, che per st’ano a’ no vossan vegnire in paraiso. Ghe serà giandusse, an?

[111] ZACCAROTTO
Non, ma molte donne gravide morirano di parto.

[112] DUOZZO
Con criu che a’ la faron de guerra?

[113] ZACCAROTTO
Per qualche mese ancora potrà essere qualche poco di guerra, pure con lo agiuto de Iddio la cesserà, et serà una lunga pace.

[114] MENEGO
Mo Dio el vuogie! A’ vegon imbrattà el baille de sì malla merda, che a’ no se posson impensare a che muò el se furbirà.

[115] DUOZZO
An, serà bon arcolto de biave e de vin?

[116] ZACCAROTTO
Bonissimo, di tal sorte che da un altro anno serà abbondantia de ogni cosa.

[117] MENEGO
Mo Dio el vuogie, che ’l serae pur tempo. An, messier Giacomo, là su da vu ghe nasse biave e agno consa con fa chialò da nu? Se ’l gh’in nasse, el ghe dê nassire an di ravi. E gi mo buoni con gi è chialò?

[118] ZACCAROTTO
Qui suso non si semena, et non si raccoglie cosa nissuna; ma di tutto quello che l’homo ha desiderio et apetitto, li viene apresentato inanzi, et non si vede da cui, né si sa de donde venga.

[119] MENEGO
Mo così a’ vosson nu, compare: no haer faiga e havere de agno consa de quel ch’a’ vossan! Baobao! De che fatta de zente ven pi là in paraiso?

[120] ZACCAROTTO
El ge ne è di ogni sorte, di quelli che hanno vissuto bene in questo mondo.

[121] MENEGO
In colusion, chi vo vegnire là su el no besogna essere mali huomeni, ma huomeni da ben. A’ vosson mo saere a comuò el se intende sto essere huomeni da ben, per saerse governare.

[122] ZACCAROTTO
Io ve ’l dirò. Quelli si chiamano huomeni da bene, sì come ancora in parte vi ho detto, che secondo il grado, e la facultà sua, sanno dispensare il suo honoratamente, et non sono avari, né larghi fuori di ordine, et hanno più presto acresciute che minuite le sue facultade; et che stiano continuamente in qualche honorevole esercitio, senza perdere un’hora di tempo, hora in una cosa hora in un’altra; et che si dillettano di fabriche, et de far di valle, et de boschi, terre arattive, et simile altre cose, secondo li suoi gradi, et che habino asai amici, et che nelli bisogni suoi li diano agiuto, in quello che possono, dandoli buoni consigli; et che diano favore alli vertuosi de ogni sorte, et che non praticano con huomeni vitiosi, e tristi; et che si astengono di far cose vitiose, e contrarie al buon vivere; et che si dilettano di honesti sollazzi, come sonno le cazze, cantare, sonare, et cose tali; et che sopra il tutto siano huomeni allegri, et non malenconici; et a questi il paradiso è apparecchiato.

[123] MENEGO
Poh, cancaro, compare, a’ ghe andaron, nu!

[124] DUOZZO
Mo se a’ no andagon pure an pi in là!

[125] ZACCAROTTO
Voi gli verete certo, et di questo state sopra di me; ma perché hora Diana mette a hordine una gran caccia, et senza di me non si può fare, al presente vi lasserò, et ritornarò a voi dimane o un’altra fiata.

[126] MENEGO
Sia con Dio, andè in bonhora, messier Giacomo, recomandègne alla dia Diana.

[127] SACERDOTE
Hora che il Zaccaroto è partito, discostative alquanto, che con una breve incantatione, mediante l’agiuto de l’alma dea Diana, intendo di farti ricuperare la tua Gnua, et pacificarti con quello che l’ha menata seco.

[128] MENEGO
Oh sì, caro hon da ben, per la bell’amor de Dio!

[129] DUOZZO
Tironse in qua, compare, lagonlo fare la so precantola.
 

[130] In questo il Sacerdote, guardando in alto, mormorando tacitamente, facendo alcuni segni con le mani ne l’aria, mostra di fare l’incanto suo a forza del quale Nale con la Gnua sopragionge et Nale verso Menego dice.
 
NALE
Menego fradello, se a’ t’he fatto despiasere, a’ te domando perdon, e al sangue del cancaro a’ no t’in farè mè pi. Vé chialò la to Gnua, sana e salva de tutti i suò limbri, e pi slargà in lo to amore che la n’iera inanzo che la vegnesse via con mi.

[131] DUOZZO
Sì, compare, perdonèghe, zà che ’l hon da ben, che v’ha guarìo, ve ’l ha ordenò. Tochèghe la man.

[132] MENEGO
A’ son contento.

[133] GNUA
Oh, sea laldò Dio, Menego fradello, zà che a’ te son tornà in le man! Bàsame, speranza mia. No setto che a’ son [la] to bertona?

[134] SACERDOTE
Hora che vi sete reconciliati insieme, et che tu, Menego, hai havuto l’intento tuo, io mi voglio partire da voi, et ritornare a ministrare l’uffitio mio; ma prima vi esorto a star di buona voglia, et non havere per l’avenire alcuna tema de la carestia, perché con lo agiuto della dea Diana, la quale non abbandona quelli che la servono fidelmente, come fate voi, io vi provederò di vettovaglia, e di ciò che vi fa mestieri, et siate certi che questi paesi sono riservati solum per voi, et non vi dubitate che altri che voi prendi quivi salvaticina alcuna, che così è il voler della sacra dea. Hora stativene in pace.

[135] MENEGO
Andè col nome de Dio.

[136] DUOZZO
Uh, compare, mo vì quante tose e tusi ven de chialò! Stè mo, a’ cherzo che ’l ghe sipia an i zugollari, mi, se a’ no fallo.

[137] NALE
Sì, al sangue del cancaro! Mo vì che i vuol sonare e far festa. An, Duozzo, a’ vuò che a’ balon anca nu, mi.

[138] DUOZZO
A’ son contento, mi. Andagon a tuor su, che me compar Menego ballerà con la Gnua.
 

Qui ballano e finito el ballo tutti se parte tegnandose per man, homeni e donne, a doi a doi.
 
Il fine.