Archivio digitale veneto

Ruzante, Prima Oratione [ed. Alessi 1551]

 

 

[1] Perqué ’l è ’l cancaro a cazzarse do’ no se dê, e don no è honesto, e mo mi, che son mi e ch’a’ son, co disse questù, hom compio, e ch’a’ guardo ben co a’ faghe, perzóntena, Rebelendissimo messier lo Sgardenale, a’ n’he vogiù vegnire a farve sto sprolico a Pava. Perqué mo? Perqué quî cancari de quî sbagiaffaore cagariegi sletran l’harae habio per male, perqué, com disse el provierbio, “non bene convientre zudiegi cum samaritani”, che ven a dire che ’l no sta ben i donziegi con i mariè. E perqué? Mo perqué cussì co i donziegi cerca de far bichi i mariè, cussì i cittaini ne magna e ne deleza nu puoveri containi da le ville; e perzóntena a’ muzzon pi da igi, che non fa le celeghe dal falchetto. E questo mo è ch’a’ no son vegnù a Pava, ma son vegnù chialò chive quénzena chialóndena in sta villa per poer ben dire e slainare la mia rason per lome de tutto el territuorio pavan, che m’ha slezù mi com hom ben parlente e sprolicaore.

[2] Né gnan guardè ch’habiam vogiù mandare uno de quigi dalle centure inzaffranè, che favelle per gramego in lenguazo fiorentinesco, de quigi, saìu?, che se chiama dottore; perqué, se gi è igi dottore, a’ ge seon nu tre delle torre.

[3] Mo no saìu che nu haon piasere de tegnire el nostro snaturale in pè dertamen per la natura, e smissiare la lengua a nostro muò, e non alla fiorentinesca? E a’ vuò dire de mi: inchindamò a’ no cambierae la me lengua pavana con dosento fiorentinische, né a’ no torae d’esser nassù in l’Egito de Betheleme, don nassé messier Iesundio, per no esser nassù sul Pavan.

[4] Mo no saeràgio an mi, s’a’ volesse, faellare fiorentinesco? A’ dige, faellare sì fieramen che anca dissé ch’a’ foesse purpio un pulitan da Rubin? Mo ascoltè, Bonsegnore: “io mi a’ siamo containi della villa, che habitamo, stasamo sul Pavano, et io mi se rebutamo alla Vostra de vu Signoria”. Ve par mo, per la vostra cara fe’, ch’a’ parerae ch’a’ foesse mè nassù sul Pavan? Poh, ’l è un gran cagare! Mo, con a’ v’he ditto, a’ no vuogio. A’ vuogio anar col me snaturale in pè dertamen co a’ digo.

[5] Mo dìme un puoco: messier Francesco Spetrarca no nascéllo in Fiorentinaria? Mo cancar è! E perqué el fo malcontento d’esserge nassù, ch’a’ ’l vorrae esser nassù sul Pavan, el ge vene a stare, el ge morì, el ge vosse esser an sotterò. E sì no fu né buffa né capelletta. E sì no guardé partirse don ’l iera nassù e lassar el parentò a i morti. A’ saì pur che ’l se dise: “Lìgame le man e i piè, e méttime de brigè co i miè”. El se ge partì, e vene sul Pavan, e lagé tut’hom; e sì a’ ’l saea pur quel che se pò saere.E perqué el féllo mo? Mo perqué el volea dapò morto esser pavan, dasché el no g’haea possù nascire, ch’a’ ’l cognosea che ’l nostro si giera el pi bel favellare del mondo, e el pi bel paese.

[6] Potta, mo el signor Tènore che vene oltra el mare de Turcaria per far Pava sul Pavan? Ché prima fo el Pavan de Pava, e i nuostri antessor viechi vosse che se mettesse lome a Pava de femena, perqué la stesse sempre de sotto al Pavan, e che ’l Pavan tegnisse sottomettù Pava. E la va mo a n’altro muò. Adesso ch’a’ ’l poì fare, a’ la conzerì, che ’l è peccò de sto puovero Pavan.

[7] Pavan, an? Mo no ge vien le cisiole, che se parte de là del Colocutto, inchinamentre mè de là dal coaro del sole, per vegnirge chì sul Pavan? E per vegnire a far i suò furti con nu, in le nostre ca’, senza paura, con le foesse desmestege, e canta tutta la doman per farne piasere, e sì no guarda che a vegnire chì sul Pavan le g’habia a passare tanto mare e tanta salbegura? Mo le quagie, che an ele ven d’invelò a ingrassarse chì per dar ben da magnare a nu pavani? Pavan, an? Mo i betussi, parussole, coarussi, rosignati, turdi e tanta altra fatta de osiegi, che ven de là oltra de la Terra Toesca, e passa tante montagne e tante nieve per vegnire, mo onve? Mo sul Pavan! A far mo que? Mo a ingrassarse!

[8] Pavan, an? Mo a’ no se pò gnan andar a Roma, chi ven dalla volta de Treviso, che i no passe sul Pavan!

[9] Pavan, an? Mo dì ch’a’ se sapia fare un bel ballo, chi no fa la pavana!

[10] Mo se no foesse lomè i bagni da Albano, sul Pavan, che ge n’è tanti altri megiore, che ge ven tutto el dì g’huomeni follestieri muorti amalè con le casse al culo, e torna via arsanè!

[11] Pavan, an? Mo che àgiere che g’è! Cristo da Loreto, con uno è amalò, e maximamente de quî dalle Vignesie con gi è ben impocolè e malmenè e i se ge fa portare, a’ dige, senza bagni defatto defatto i guarisse chì in su sto Pavan.

[12] Pavan, an? Mo quel pan che ge nasce, an?, che se fa pan scaffettò e pan sbuffetto che, con te ’l magni, le croste bore chinamen al cielo, che ’l ge perderae un spezzapria, miegio che nibiè o bracciegi! Mo quel vin? Purpio da resuscitar i muorti! Vin garboso, vin che dise “bìvime”, che salta int’el mogiuolo. Vin purpio da far pair le pri.

[13] Pavan, an? Mo no ge nasce de tutta fatta legume del mondo? De fava no favellare, che no se ge pò fare che no s’in magne quattro scuelle a chi comenza! Pezzuoli,può’? Fasuoli, che i chiama verze imbriaghè da mille megia? Mo cesere, mo lente, mo bisi, mo panizzo, mo biave po, co è mégio, sorgo, spelta, segala, orzo, scandella, vena, vezza! Mo herbame? Mo verze, verzuoti, capuzzi, herbette, latuge, persimboli e radichio? Mo ceole, scalogne, agio, puorri, cogumbari, zucche, molon, ravi, ravaniegi, pestenagie e carotte?

[14] Mo furti può? Mo de furti no faellare! Pumi musiti, pumi rùzene, pumi pioli, pumi calamani, pumi dolzani, pumi brutti e buoni, pumi cielà, che è russi e bianchi co è un velù de sea! Mo piri? Potta, piri da san Piero, piri vertusi, piri strangolapreve! Mo nose e noselle? Mo che besogna dire? Inchinamentre mè le ciese e i spini in sto paese fa furto! Mo no fa le roe le more, e i spini nigri i brombioli, e i bianchi i sbrogiaculi, che pur an igi è furti buoni per i boaruoli?

[15] Mo che int’i fossè no ge ven utilitè? No, i g’ha mosche! I vuò esser per gniente igi? Sì, i no sarae far delle scardoe, che roste sotto le bronze el ne magnerae i muorti? I no sarae far an delle rane, ch’in lagresta el s’in porae dare a un papa, e an mi, pensantome co le è bone, el se me desconisse el cuore, ch’a’ no posso far ch’a’ no spue? E on è sti fossè e ste rane? Mo sul Pavan.

[16] Pavan, an? Mo di erbore? Poh oh, mo no faellare. On fo vezù mo mè i pi biè pollari e i pi biè salgari, i pi biè róere, ulmi, upi, frassene, carpene?

[17] Mo de bestiami? Poh, che biegi buò, belle vacche! Mo chi cancaro è mo quel sì poverhom che n’habi na bella vaca in ca’? Mo piegore e castron? Ge n’è a bellezza! Mo cavagi e cavalle, mo puorci e scroe, mo cavere e bichi? Cancaro, mo el ge n’è de grande, a’ dige, de sì biegi con supia al mondo! Mo aseni e asenon grande? Poh oh, che vuogio pi stare a frappare? In colusion a’ cherzo verasiamen che, quando messier Iesundio fese el deslubio, che ’l arsuné in l’arca de Loè de tutte le biestie del roesso mondo, che ’l cavé fuora e descargé l’arca di bestiame chì sul Pavan.

[18] Pavan, an? Mo favellon mo delle femene, ch’è miegio ca biestie. Per certo el g’è pur le belle femene! E comenzanto de sotto in su e da i piè, potta, mo che biè peazzon largi e frimi! Guardè che le zoppe e i scataron, andando, con le va, descolze, ge fazza male! Sì, in lo culo! El vuò ben esser scattaron che ’l no se torza e zoppa che no se sfregole! E po quelle belle gambe grosse, con quel lachetto passù, che persenari, a’ dige dal lò grosso, sì ge perderae. E quelle cossonazze! Haìu mè vezù, la Vostra Rebelincia, de quî biegi ceffi e remonazzi de nogara, de quî ch’ha quella scorza gualiva, viva, frissia da morbezzo, ch’è gruossi con è uno atravesso, che trà cussì al bianco? Mo ben, e cussì è le so cossonazze, e cussì dure int’el pizzegare.

[19] Va’ po pi in su. Quelle so belle neghe, bianche e reonde, sprecisamen con è un porco ben grasso con ’l è pelò da fresco, che, con te le vì, te no te pò tegnire de no ge dare d’amore a man averta cussì na schiapezà! Mo quello ch’è da l’altro lò denanzo, infra le gambe un somesso alto, che pensantome se me desconisse el cuore! A rebelientia della Vostra Spettabilitè, pure sì come preve, a’ no ’l vuogio dire. A’ dige quello che me tira el cuore de dire, si ’l è ben quello de donde a’ seon vegnù al mondo. El basta, tason, lagonla pur stare, che la n’è troppo segura a favelarge, che an l’homo se porae incordare con fa i cavagi.

[20] E po quella panza reonda, purpio da portar tri putti int’un portè! Con quelle tettonazze che se g’asconderae el cao in mezzo. Mo tette veramen brigole da latte! Con quelle spallazze da portare ogni gran carga, che disse: “Càrgame, s’te me sé cargare, che porterae in spalla du sechi e in bigolon”! Con quelle brazze da faiga e man da baile, che no se stancherae a cargar cento barelle al dì! Con quel voltonazzo reondo, nuorio, bianco e rosso che ge perderae fette de persutto inverzellò o ravi de quigi bianchi e russi, quando gi è ben lavè! E po con quig’uogi de sole inrazè, che trà de punta che passerae le muragie de Pava e gi ancùzene! Cristo da Loretto, mo gi è pur biegi! L’ è pure a bel fatto belle tutte le nostre femene! E on nàssele ste belle femene? Mo in sul Pavan. Pavan, an? Poh oh, mo no faellare mo del Pavan! In clusion a’ cherzo verasiamen che ’l sipia el paraiso terestre, tanto pi bello e megiore, perché là su no se ge magna e chialò sì.

[21] Spettabele messier lo Sgardenale, saiù zò que vuò dire Pavan? Tanto vuò dir Pavan con vuò dire “va’ al pan”. E senza pan no se può vivere, e chi vuò vivere vage al pan, e chi vuò ’l pan vage sul Pavan. Pavan, an? L’anderae male se ’l no ge foesse el Pavan! Pavan, an? Sti cogombari de sti sletran vuol faellar per gramegno in fiorentinesco, e va cercanto megior pan che de fromento; e perzóntena a’ i lagerè bagiare, e sì faellerè alle nostre divise, che è le pi belle del mondo, da bon pavan. La Vostra Salientia Spaternitè Magnificentia e Serenitè Lostrissima, piasantove mo a vu, me ascolterà mo mi, e mi a’ dirè, piasantove con a’ dige. Né gnan guardè che vuogia stare a frapare, né a dire, né a sbagiaffare de la vostra schiatta e naration, com ha fatto quî slettran da Pava in le suò rengaure, che tante i ve n’ha fatte che, se Die m’aì, a’ diì essere bello e stuffo, e com disse questù, le ve dê esser cazù dal culo; perché, con a’ saì, cercanto laldarve,i ve dasea contra, perqué i dise ch’a’ sì de schiata vegnù da Romagnuoli da Roma. A la fe’, i v’ha dò un bel laldo. Mo no g’è la pezor zenia de Romagnuoli. Mo no ègi Sbresiegegi e Pulitani da Rubin? Da igi a Spagnaruoli el g’è puoca deffierientia. Mo no gi haonte provè in ste guerre, scarabuore e muzzaruole? El no fu mè romagnuolo ch’haesse fe’ né leza. Mo no ègi tutti a bel fatto biastemaore? A’ fagi de Dio e di santi con s’i gi haesse fatti con un cortellazzo! A’ ge tragi el cancaro con s’i lo tresse int’un salgaro! Cope fiorin, te par mo ch’i v’habie dò el bel laldo?

[22] A’ dige mo mi, ch’a’ no sun sletran con gi è igi, ch’a’ sì dalle Vegniesie, venitian di buoni e di maore. Mo chi cancaro no ’l sa che Ca’ Cornaro è la maor Ca’ del mondo? Mo no ge n’è da per tutto? Alla fe’ no trognanto: così co no g’è megior legno al mondo del cornaro, a’ dige pi tegnente e pi fremo e che dure pi, cussì è Ca’ Cornaro, la pi frema, che se mantegnerà pi che tutte le altre. Cherzì che se pò ben dire che Ca’ Cornaro sipia de cornaro frema. Mo dì ch’a’ se fazza na bona caechia? Mo dente da molin? Sì, se ge masenerae doman s’i dente da molin no foesse de cornaro! Mo se no foesse Ca’ Cornaro, che è adesso parona del Pavan, con stasson nu, ch’hagon speranza ch’a n’agiè? Basta ch’a’ sì da Ca’ Cornaro e della terra che è parona del Pavan e de Pava.

[23] V’hala mo sapio d’agio, questa? El non g’è altra terra al mondo che sipia parona del Pavan. No zà Roma de Romagnuolaria, no zà Spagna de Spagnaria, no zà Franza de Franzosaria, no zà Rubin, no zà Colocuta, no zà Terra Toesca, no zà Loretto. Siché, Bonsegnore lo Sgardenale, a’ sì vu della terra delle Vegniesie, parona de Pava e del Pavan, che no g’è zà de tante neguna altra. Igi dise ch’a’ sì da Roma romagnarolo, cancaro i magne!

[24] Mo a’ me fiègi ben po squasio cagar da riso, quando ch’i dise ch’a’ sì grand’homo? Mo no vêgi, morbo i magne? A’ sìvu ben pizzol homo e no un grand’homo! Haì ben na gran cosa, per pìzzolo ch’a’ sì, ch’i no ’l saea dire, mo a’ ’l dirè ben mi: haì per certo un gran cuore, per quel che intendo.

[25] Mo disìme un puoco, per la vostra cara fe’, da frello, ch’a’ no ve tegno, se Die m’aì, gnan altramen: chi cancaro sarae quel cancaro de quellù che foesse a cavallo e che vêsse un cengiaro abavò che ge vegnesse incontra, che no se tolesse da un lò e muzzare? Mi inchindamò a’ me torrae via! E se a’ foesse a pe ch’a’ no poesse muzzare, a’ me roegerae s’un erbore! E vu, messiere Bonsegnore, a’ desmontè zo da cavallo, e sì a’ l’andè può’ tal botta a fremare, a’ dige, da pardhuomo, e sì a’ l’amazzè. Te parse mo che questa se tegne al baile?

[26] No fè, che alla fe’ la no è tropo segura, la ve porae buttar an male, e con a’ foessé muorto vu, a’ sessé deruinò del mondo, e sì hassé scapò su quella bromba! Che vorissi mo pi fare de cengiari né de vescoè? E mi, cossì pover hom co a’ son, a’ no torrae d’esser muorto e esser papa. Che papa? Papa la merda! Perdonème ampò, a’ dige che no torrà d’esser segnor del roesso mondo.

[27] A’ ve vuogio dare alla Vostra Rebelientia un consegio, che quigi slettran da Pava no ve l’ha sapio dare. Ampò a’ gi he sentù an mi col me paron assè del so rengare ch’i v’ha fatto. Mo legèvela al deo, che l’è d’importantia: ch’a’ ’l è miegio vivere poltron che morir valenthom. Siché no guardè al vostro gran cuore, e co un cengiaro ve vien incontra, andè da un altro lò. Hai imparò, disìme da compagno reale, in le so renge anchora mè tanto de cazza? Poh, ch’a’ g’insegno mi a igi tal ponto, che Sostene e Seneca no se pensé mè.

[28] I saea dire lomè ch’a’ sì sgardenale e che a dire sgardenale el ven a dir “quigi che ten su le porte del paraiso”, che nu a’ i chiameno cancari. A’ vorrae che ’l cancaro me vegnesse a mi se gi ha mai vezù, igi, el paraiso, né le porte né quigi, che i dise ch’a’ sì vu, che le tien su, che se chiama cancari; e s’i no l’ha vezù, che ’l cancaro i magnasse igi.

[29] Doh, cancaro i magne, matti, a’ dìsegi ch’i vuole che vu a’ siè el cancaro! A’ sì sgardenale e no el cancaro, ch’havéssegi cavè gi uogi! A’ stessé fresco s’a’ fossé co i dise igi! A’ sì sgardenale, con a’ ve dirè mi e con a’ ve slainerè. I ve dirae pur cognoscere al capelletto rosso e tante intrà! “Sproficiata vobis domino”, possé an esser papa e che a’ doesson vegnir tutti a Roma in gatolon con una morise de can al collo!

[30] Sgardenale, an? Deh, morbo a i sletran! El vuò dire un gran signore rico, che se dà a sto mondo piasere, e con el muore (perché tutti a’ moron), se ben a’ n’haì fatto massa ben, andè de longo al paraiso; se la porta è passà, a’ la sgardenè, e sì intrè entro per ogno via e per ogno buso. E questo ven a dire sgardenale, che sgardene, e no un cancaro che ten su l’usso, che ’l cancaro i magne igi e le so lettre, matti! N’èlla mo cossì? Ben, vìu s’a’ l’intendo pi d’igi?.

[31] Sgardenale, an? L’è pur la bella cosa esserge! Mo inchindamò, se Die m’aì, che mi a’ torrae de no magnare mè pan de fromento e esserge! A’ serae purpio co a’ sì vu, a’ sesé me compagno. Gnan mi a’ no farae mè mosima de dinari in le muragie, co ha fatto tal sgardenale, che è zà stò chì sul Pavan, che n’haea cuor da spendergi. G’in foesse pur, n’è vero?, co ben a’ i spendasson! Né a’ no cherzo mè ch’a’ i decipasson in prie da statoe intagiè, né in quelle parpagiuole, ch’ha quelle figure su, ch’a’ i le chiama merdolagie. Almanco se spendessele co se fa la monea! Doh, cancaro a le smerdolagie, e a l’agio e le ceole, el m’è mo mi deviso che ’l sipia un favellar co i muorti, a favellar con quî bordiegi! No torrae zà a esser stampò là su e esser stò Rolando, e no ge esser pi lomè in stampa. Se Die m’aì, che chi ha depiasere de elle, no la intende. A haver piasere de muorti! I muorti co i muorti e i vivi co i vivi!

[32] ’L è pur un piaser vivo, naturale a sentir borire un braco e cazzar fuora una salbesina de un machion, e ti vêrla e lassarge el can levriero drio! E ella muzzare e ello corere on la va, e ti criare e dire: “Ah, poltron! Ah, traitore”, e vêre che ’l to can la pigie, e ti zonzerge adosso e rivarla da mazzare, e basar el can e alzarlo per tornarge le buelle a so luogo. E po chiamar i compagni e dire: “L è morto! ’L è morto!”,quanto se pò mè de ose, e sonare el corno fazzando legrezza. Mierdolagie in culo! E po arivar i compagni e dirge co l’è andà, e un dire haer vezù el tutto, e che ’l braco l’ha borì ben, e che te ge lascissi el levriero, e che ’l è un bon levriero quello, e che te fussi presto a zunzerge adosso, e che te sì bon cazzaore; e ti dire: “G’in fusse pur de gi anemale, s’i foesse ben lion!”. E te sinti, frello, che la camisa no te tocca el culo, che ’l t’è mo daviso d’haverlo int’un cain de latte lomè monta. Te trè un salto, te te sfregoli le man, te guardi el to can, te vì che gi altri el guarda e dise: “L è stò quello”; te guardi po el nemale, che è di viechi. E mo questo un bel piasere vivo? E no le merdologie, che n’è buone da spendere!

[33] Orbèntena, chi la intende e chi no la intende. E a’ sè che vu, Bonsignore, a’ la intendì, la Vostra Spaternitè, e sì a’ sè che andè per la carezà. Crìme a mi, alla fe’, ch’haì un gran cilibrio, e ch’ a’ sì un gran pizzol’hom da ben. E se a’ fossé altramen, a’ ve ’l dirae, mi. Que me fa mi, intendìu? A’ sì an sliberale, bon compagno, smaregale, a’ no sì gnan de sti proivieri, né de sti stinè, ch’i no sa mè de que vuogia i sipia, intendìvu?, de sti altieri, che vuò star sempre de sora de tutti e sottomettere tutti, ch’i no cre che sipia altri al mondo.

[34] Alla fe’, ch’a’ me piasì, e per questo a’ ve vuogio de bon ben, dige, sì con da frello. Andè pur drio per sta carezà com a’ fè, la Vostra Rebelientia e Magnificientia, e goernè pur ben le vostre piegore, ch’a’ seon nu del Pavan, perqué a’ sì nostro pegoraro e pastore, e nostro vescovo e papa, ch’haì libertè, com disse messier Iesundio, de fare e de desfare, e in clusion de volzere la torta a vostro muò. E perzóntena nu poveriti a’ ve haon desiderò pi che no fé mè cavalla magra, seca e restia l’herba nuova, e haon fatto che mi a’ son vegnù per lome de tutti a legrarme della vostra vegnua. Tochème la man, che sipiè el ben vegnù e ’l ben trovò.

[35] A’ vuogio che ne fazzè no so que leze e stratuti nuovi, che è ben de rason, made quide in bona fe’ sì.

[36] La prima. Che ogni cazzaore o oselaore, che va per piasere e no per guagno alla cazza o a osellare, possa anare la domenega senza aldir messa, e no sipia peccò; perché, co a’ saì, in quel’hora ’l è el bel del piasere per pi rason, ché chi perde quel’hora, la no torna mè pi indrio.

[37] La segonda. Che negun da villa no sipia ubigò a zunare; perqué, con vu a’ saì, el faigar farae pair pri, e con se ha paio, chi no magna se ge desconisse el cuore e va a rìsego de morire e de spuare el polmon da salivo che te ven in bocca. Te vè po in letto, te no può dromire, e s’te he mogiere, per pararte la fame e farte vegnir sono, te fè quel che te no farissi che te dormirissi; e s’te n’he mogiere, te stè ocioso, e se fa po piezo, co a’ saì vu, intendìvu?

[38] La terza. Che dal tempo de tagiar i forminti no sipia peccò a ovrar de festa; perché da un’hora a l’altra pò vegnire na sfrazà de tempesta e deruinarne. A’ biastemon po co fa can. E chi no biastemerae, disìme per la vostra cara fe’? A’ scognon po anare a robare, se a’ vogion vivere, e a sto muò a’ fazzon dupio peccò, e sì n’ haon la colpa. L’è pur cossì.

[39] La quarta. Che se possa magnare la doman inanzo messa per poer po stare con el cuore a Dio; ché ’l è el cancaro, quando se ha fame e che se è alla giesia. ’L è pur forza havere el cuore a ca’, al magnare; e se haon magnò, haon el cuore in cielo a Dio, e no a ca’ al pan.

[40] La quinta. Che per magnare no sipia peccò de gola quando se magna pur che ’l sipia bon, se ben el no s’ha fame; perché i miè viechi dise che quel che sa bon fa bon pro, fazzando bon pro el fa sanitè, stagando sani se vive assè, vivando assè el se ven viechi, vegnendo viechi se fa del ben, fazzando del ben se va in paraiso. Siché el no pò esser male né peccò, perqué, cossì co se farae peccò chi magnasse tossego sapiando che ’l è male, cossì magnando cosa che fazza pro dê esser mierito.

[41] La sexta. Che fazzé ch’ogni preve possa haver mugiere o ch’i sipia castrè; perqué l’è cancaro la frazilitè della carne. L’è qualche volta de tanto fastibio, que no se sa in qual buso ficarse; e se gi è ben preve, gi è huomeni co a’ seon gnan nu, e de quigi an pi maschi; e perqué i no ha femene, i va tanto in veregagia che, con i s’imbatte la prima botta int’una delle nostre femene, i la ingravia de fatto, e nu poeriti a’ fazzon le spese a suò figiuoli, che la n’è zà de rason. E se igi harà mugiere, i no serà sì rabiusi né sempre sì in veregagia, ché le i tegnerà monzù; e se pure igi ingravierà le nostre femene, a’ ingravieron an nu le sue; e se nu a’ faron le spese a i suò putti, i le farà anche igi a i nuostri, e a sto muò a’ seron su e su.

[42] La settima. Perqué ’l è tanto el gran cancaro de nemistè e malevolientia tra nu containi dalla villa e i cittaini da Pava, ch’a’ se magnesson del cuore e tutto ’l dì per questo a’ se tragagion, e se a’ foessan cossì nu de sora co g’è igi, bao bao, cope fiorin, a’ no ne dureràvigi un’hora in le man! Mo pacincia. I ne dise a nu containi “villani marassi ragani”, e nu a’ ge digon a igi “cagariegi can lusulari magna-sangue-de-poeriti”. A’ vossan mo che, con a’ v’he ditto, perché a’ seon dal lò de sotto, ch’a’ conzessé sta defferientia e ch’a’ fassé ch’a’ foessan na cosa miesma. A’ vogion perzóntena ch’a’ ne fazzè sta leze, ch’agnun da villa possa tuor quattro mugiere, e agno femena da villa possa tuor quattro marì; perché, con quî cagariegi da Pava vega cussì, e perqué i trà a le nostre femene, tutti per poer havere quattro femene i se farà dalla villa, ché sta a igi a farsege; e tutte le cittaine per poere haer quattro huomeni le se farà dalla villa, e nu scaperon su quella bromba. E a sto muò a’ seren na cosa miesma, e sì no ge serà pi in villa nemistè, perqué a’ faron tutti un parentò, e tutte le femene andarà pine e si impirà la leza de messier Iesundio, que dise “Cressì e smultiplichè”. Guardè che haron mè pi paura de Turchi che ne impalle! Sì, in lo culo! Se verà se nò cielo e femene gravie e putti; perqué adesso el g’è taluna que un homo solo no la pò ingraviare, che, con se n’haverà quattro, gran fatto ch’uno no ge catte la straleca? A’ no se farà gnan negun becco né quel peccò d’andar dalle femene d’altri, ché tutti harà da fare a ca’ soa.

[43] Seràlo mo questo un bel ben, an? Quante costion se fa per questo, che no se farae! Quante belle putte poerette, che n’ha muò de poerse mariare, se marierae, che se va a far ficar monege int’i munestieri! E tutte sfigiuolerae! Ge n’è mo che sta indarno e che harae da fare. Che maor peccò della uciositè? E fuorsi mo che no ge n’è, e delle belle? Le belle e le burte harae bon viamento. Per un parente che s’haesse, el se n’harae quattro; ognun harae quattro figiuoli e pi potientia da cazzar Spagnaruoli e Toischi, s’i tornasse pi a darne fastibio. A’ no muzzasson pi de sto paese!

[44] A’ no fessi mè, se Die m’aì, la pi bella leza. Que ha fare la leza zoile del mondo né la caluòrica? Fèla, messier lo Sgardenale, ch’ a’ verì ch’a’ ’l ve serà dè tante beneition. A mi, que me fa mi, intendìu? A’ dige mo mi per vostro miegio, intendìu co a’ dige? Sì, perqué no, intendìu? Fèla pure, ch’a’ serì adorò da nu con foesse mè un santo. S’a’ no ve volesse ben, a’ no ve consegierae, ma so ben quel ch’a’ dige, che ’l serà ben per vu. A’ porì dire: “A vuò cossì”, ch’a cussì serà. E senza nu, ch’a’ valessé vu? E sì ve tegnaron tutti da pare e da figiuolo e da frello, ch’altramen gnan no ve tegnom. Dème la man e promettìme, che un’altra volta a’ vegnirè a tuore el spataffio.