Archivio digitale veneto

Ruzante, Seconda Oratione [ed. Alessi 1551]

 

 

[1] Quod a natura dato! El se pò assè scoezare a fare che ’l no supia, perqué, con una consa dê essere, el pare che huomeni e femene e tutto el roesso mondo se ge metta e agìe a fare che la sipie! A’ me porissi mo dire vu: “Perqué iètu mo vegnù a dire questo?”. Que sègi mi? A’ sun vegnù a dire per la Vostra Paternitè de vu, Rebellissimo messier lo Sgardenale, ché se pò dire che no cercanto vu, e squaso contra vostra volontè, a’ supiè stò fatto sgardenale. E perqué tutto ’l mondo haea besogno de vu ch’a’ foessé, i ve ha fatto, e vu no haì possù scoezare de no essere. Made quide in bona fe’ sì. E questo è mo quello ch’a’ son vegnù a dire, che, con uno se dê azelare, el se zelerà d’aosto.

[2] A’ ve smaravegiarì fuossi anche perqué mi a’ supia chialò. A’ ge sun per certo chialò, ma a’ ge sun perqué a’ ge sun vegnù, e se no ge foesse vegnù, a’ no ge sarae. Mo a’ sun vegnù, che a’ m’arecordo ch’a’ fu n’altra fiè denanzo a chi adesso fa terra. E se ben so ch’a’ no s’aven mentoar muorti al desco, a’ dirè pur questa: che a’ cherzo che ’l se partisse de sto mondo morto per darve sto luogo a vu vivo, che no fo miga amor da friegi d’adesso. E perqué el fo me bon paron de mi, e de tutta Pavana, perqué a’ fu da ello, a’ son vegnù da vu. Perqué a’ la vezom in l’àgiere che a’ sarì paron del mondo, e per questo a’ son vegnù, e sì a’ he lagò andar soraman el que fare de agno consa, e inchinamentre mè el miere di forminti; e sì a’ sun vegnù sbatando, mi e sto me frello, perqué in sta vuostra legrisia el no giera da stare a ca’. E sì a’ ve dirè an pi che quanti è in Pavana sarae vegnù an igi, s’a’ no foesse che gi è sichi e sì desconì de fame, che i se supierae via e, con disse questù, i n’ha pi lusore con ha mossolin. E se ’l no foesse stò che nu du a’ seon pur stè ben invernè, harissi possù spittare che ge foesse vegnù negun.

[3] Mo mi per lome de tutti a’ sun vegnù a dirve que gi ha tanta legrisia, tanto piasere, e sì se ten sì bon de sta vuostra honeranza, che la camisa no ge toca le neghe. Perqué i la vé pi in àgiere ch’i n’ha vezù guano la fame, che sto mondo, ch’è stò revoltò da tante deroine e zapegò, scomenzerà pure adesso pigiare un puoco de fiò; ché ’l è stò comenzò dal bon cao a farve vu sgardenale, ch’a’ sì de nagia ch’a’ poron dire che a’ sari, con dise el Guagnello, “quel sémele patrefamilia che vage per ca’ redrezzando la so massariola, e che vage in l’hortesello buttando fuora i spini e le roe e le herbe che puzza”, que ’l ge n’è mo assè in la Cristianitè, e tamentre scomenzanto da quella mala sbrega de quel toesco Martinello dal Lautuolo.

[4] Mo laga pure, ch’a’ spiero, s’a’ ’l sonerà con el so lautuolo, vu a’ ’l farì ballare a un altro son, ello e tutti quigi che ge va drio an de sto paese; che ’l ge n’è mo assè, che no se vuole pi confessare, che no fa pi végie, che no va mai in giesia e no guarda mè altre figure che quelle ch’è su le carte. Che an per questo a’ cherzo che messier Iesundio habi mandò tante torbolation e tante roersitè su laterra, que ’l è vegnù un paese adesso sto mondo ch’a’ se pò dire: “Biè i muorti che in Domino moriare”, che adesso no se sente lomè de guerra, de deroina, de mortalitè e, dal tempo da le muzzaruole in fuora, a’ seon a piezo ch’a’ foessan mè.

[5] Guarda che le pive t’habie stornio guano! Guarda ch’a’ no s’habie suò troppo camise guano a ballare, né che ti sinti pi tusi o tose su le crosare o int’i campi a cantare! Tutti ha fatto con fa i cuchi, che, con i vé i pagiari, gi ha perdù el canto. Guarda che te no vezi pi fare quî biè zuogi che se solea fare, dal bal de le botte, dal beco mal guardò. Guarda che te n’habi vezù far tropo filè, guano. Al sangue de mile cancari, che squaso i rosignati no canta pi sì ben, con i solea!

[6] Adesso è vegnù quel tempo dal muzzaruolo, che ’l pare muzza el figiuolo. Adesso el tempo è vegnù sì insorio, che ’l mario e la mogiere è de volontà despartio un da l’altro: uno va in qua, l’altro va in là, segondo che uno ha megior muò de vivere de l’altro; e quello che no se solea fare né poeva fare, adesso è stò fatto, ché l’è rotta quella leza que diea: “Zò che Dio zonze, l’homo no spartisse”. E pure i se ha spartio.

[7] Adesso è partio l’Amore, mo la Caritè è romagnua, mo la va cercanto a usso a usso e, con dise Dondo, la va casabolanto, e sì no catta chi la vuogia albergare. In colusion ’l è deventò sto mondo con è una terra vegra. Guardè ch’a’ vezì pi un inamorò! A’ ve sè dire que la fame ge ha cazzò via l’amore dal culo, ch’i no se àldega pi a inamorare per no tuorse spesa a ca’, e quî susti e quî suspiri, che se solea trare d’amore, adesso se trà da fame. Tutti sta de mala vuogia, e tutti se lomenta, e tutti va ch’a’ dissé ch’a’ ge inse sangue de naso, e se un trà qualche sgrignetto, el ge va, con disse la bona femena, puoco indrento. Tutte le bone usanze è perdue. E con muore uno adesso, guarda ch’a’ i ge bagne tropo fazzolitti andarge pianzanto drio.

[8] A’ no vuogio pi dire de sta torbolation. Basta che, se ’l stasea pi a vegnire sta legrisia de vu in Pavana, che i cristiani sarae caì in tanta cattura, che ’l ge n’harae vogiù delle bone noelle a reffargi! Fè conto che quigi dalle ville giera con è na biava, che è acolegà da una sfrazà de pioza, che, a una spersela de sole che ge ha, scomenza a rederzare, e vu sarì po quello ch’a’ redrezzerì el mondo. E la vostra marezzuola Roma ha ben sapù zò que l’ha fatto a mandarve a tuor vu, che la vuole ch’a’ supiè el so bastoncello, che almanco la se ge porà apozare e pontarsege su, perqué a’ sì de quel fermo e bon cornaro che se catte. E sì no harà paura ch’a’ v’impigè, né che a’ sbrissè, ch’a’ no sì pola o frasca da guano, ma haì buttò cieffi, e sì a’ sì de la megior etè e di pi biè agni che se poesse cattare, ch’a’ no harì el cuor in aqua de polezuolo, con ha i zoveni, nè a’ no sarì stravaliò né de puoco anemo, con è i viegi.

[9] Cri che la v’ha ben borio fuora de gi altri, e sì v’ha ben scapò su. Fève de sto cunto, que messier Iesundio no ha vogiù che ve mariè perché sta novicetta ve tocasse a vu, e sì dovea essere vostra se a’ no volivi miga; e sì la ve ha mandò a chiamare, che la vuole ch’a’ supiè vu quello ch’a’ desgramegne le sue vie, che, per quanto a’ he intendù, è deventò cuverte d’herba; e sì ve ha mandò sto capelletto rosso perqué a’ no stagè per pioza de anare, né gnian ch’habiè paura de sole ch’a’ ve fage vegnire pontechie. Siché n’habiè paura de mal negun, andè pur via, ché l’è pinion d’huomeni che ’l Paraiso l’ habie lagò ruinare perché vu l’agiè e que a’ mostrè che a’ valerì tanto in drezzare, con harà fatto gi altri in stravolzere. E sì a’ cherzo, chi poesse aldire, in paraiso i ge fa campanò da legrisia, e ge sona pive e sugoluoti, co se fa la végia inanzo ch’a’ vegne el Santo, e san Piero e san Polo n’harà pi paura de perdere le so teste, con gi ha fatto. Vu v’apicherì quella chiave alla centura e da bon massaro a’ governarì agno consa, e sì a’ no romperì gnian le vuòvere a la chiave, ch’a’ la volzerì destramen.

[10] Guardè mo se an nu de Pavana a’ degon haere alegrisia, che haon speranza anchora che sotto quel mantello ne covrirì tutti, e vu sarì la nostra chioca e nu sarom i vuostri ponzini, perqué a’ no ve scambiarì d’anemo de far ben a i vuostri amisi.

[11] E gniam questa no può falare, que vu a’ supiè papa a sto muò che a’ sì fatto sgardenale. E da bel mo, con a’ ge supiè, no ve lagè far besogno de mi, e se a’ posso gniente, vì, comandème. Fè conto con se a’ foesse vuostro frello da vegnire a magnare e bevere de brigà con vu, e stare vu e mi da buoni friegi. E da questo a’ v’in porì contentare, perqué a’ ve darè qualche bon consegio. E aldì questo, se ’l ve saverà d’agio.

[12] Una botta a’ sarì vu quello, che ha da conzare sto mondo, e vogiantolo conzare a’ ’l besogna ch’a’ togiè via tutti quigi che ’l guasta. E de tutte le roesse naration el no ge n’è neguna pezore, né che la guaste pi, con fa sti stramontani Toischi slanzacanelle. E perqué, quando messier Iesundio fé el mondo, el ge fé una bona passagia tra nu e igi e un canolò spesso, e un sieve sì elto, con se foesse mo che i stesse dal so lò e no poesse vegnire a darne fastibio, sto mondo sarae conzò; e igi mo no harae mè sapù cattare vaon da passare dal nostro lò, se ’l no foesse stò el perdon da Roma, che a’ ge gi haon lagò vegnire a uno a uno, a tri a tri, a diese a diese, tanto che gi ha imparò, sbusò, sbregò, svaonò e fatti tanti truozi e vie che i ge ven adesso a megiara e, con disse questù, a schiapi con fa i striùli a l’ua. E perzóntena a’ vorae, Bonsegnore, che a’ ge tossan sti truozi. A comuò, mo? A muò cha’ ve dirè.

[13] A’ vorae che, con a’ supiè a Roma, azò che i no vegne pi per scusa de perdon, che a’ ge mandè el perdon da Roma a star de live da quelle montagne, se a’ ge ’l dossé mandare per comun su tanti cari, perqué i no haesse quella scusa de vegnire. E con gi haesse el perdon de là, le vie, che gi ha fatto, se insalbegarave e i vaon se stroperae e an igi se desmentegerae de vegnire, e nu a’ sassan seguri. E negun stramontan a’ no ’l lagassan pi vegnire, da gi Ungari in fuora, che gi è bona zente igi. I se pò lagar vegnire igi, che gi è quigi che ne dà la carne. Che ve pareste de questo? E uno. Mo aldì st’altro.

[14] A’ saì, Bonsegnore la Vuostra Stelientia de vu, que le lite è quelle che desfa i parentè e i poveriti, e ten el mondo in custion. E questo a’ no cherzo que ’l vegne da altro che da tante leze que è al mondo, perqué un procuraore catta una leza che te la dà venta, un altro in catta un’altra che te la dà perdua. Damò ch’a’ cherzo che sta leza se fage in pi piezzi e se desnoa pi che no fa una piva sordina, e que se slànega con fa na tripa, e a que muò e a que verso la se vuole, la se tira. E perzóntena a’ vorae que a’ faessé lomè una leza sola frema, ch’a’ no se poesse desfare; e farla sì grande che tutti la poesse vêre e saere, e que tutti se goernasse per quella. E se pure no se poesse fare co una sola, que ’l g’in besognasse assè, perqué sto mondo è grande, a’ vorae ch’a’ le torniessi a reffare e chiamarne an nu da le ville, perqué a’ seon ingané, a’ no haon leza dal nostro lò, né que dige pre nu, né que ge supia stò legun di nuostri. A’ sento lomè dire: “La leza de Dato, la leza de Bartale, la leza de Gesto dise cossì”; a’ no sento mè dire: “La leza de Menego, la leza de Nale”, né “la leza de Duozzo”. Tutte ste leze è de cittaini. Se a’ ne chiamerì an nu, a’ faron an nu le nuostre; e si a’ in farì una sola, a’ se goerneron tutti per quella, que a’ sè ch’a’ la farì iusta e derta e gualiva. E da bel mo, se a’ fè questo, el sarà el pi bel tegnire el mondo in pase ch’a’ se poesse mè cattare, perqué a’ saì che per le lite a’ s’amazza purassè huomeni e se perde l’amore. Madesì, e do! Gnian questo no sa da granzo.

[15] E damò fève pi inanzo a st’altro. El disse messier Iesundio al nostro pare Adamo e an a nu tutti, che a’ ge seon vegnù drio: “In suore vultu tui te magnerè pane tui”. Mo el me pare mo ch’a’ la vage a n’altro muò, che nu, che a’ se suom, a’ no n’haon mè, e gi altri, ch’a’ no se sua, el magne. Mo lagonla pur anare, dasché el cancaro vuole cussì. A’ se suom, e sì a’ no in posson mai haere tanto que ne fage, e sì a’ besogna, s’a’ vogian vivere, que a’ ’l togiom sempre a lusura. E perqué el dare a lusura è un gran peccò, el s’in catta puochi ch’in dage, e quî puochi per el gran peccò vuole far gran guagno; e nu, perqué a’ no posson far con manco, a’ scapon su quelle zuzole e zucole, e sì ne deroinom senza colpa. E perzóntena a’ vorae per ben de agnom che chi haesse poesse dare a lusura per un priesio honesto e no miga a pi valere, e que el dare a lusura no fosse peccò mo mierito, per agiare i poeriti; perqué con tutti poesse dare a lusura, a’ in catteron sempre, e sì no harom sì gran zucole; perqué a’ saì que la fame fa fare de gran cose. El se fa purassé male adesso che ’l no se catta chi dage pan, che, com s’in cattasse, el no s’in farae. Gnan questa no impegerà el mondo. Que dìvu? E tre altre.

[16] Quelù che disse che ’l mondo starà in pase con el sarà fatto un solo lovile e un solo pastore, a’ no cherzo ch’a’ ’l falesse de gnente, perqué, con rebelientia de la Vuostra Spettabilitè, se a’ metterì puorci e piegore smissiè int’una stala, a’ no sentirì se lomè rognire e bezerlare, mo se le sarà tutte piegore, a’ no sentirì mè remore negun. E perzóntena a volere che ’l mondo stage senza rognire e che ’l riequie, el besognerae che ’l foesse tutta una leza e una fe’.

[17] Que besognerae mo fare? A’ ve ’l dirè. A’ vuò ch’a’ fagè che i zudii se posse far cristiagni senza lagare la so roba, perqué tutti se ge farae, se ’l no foesse el perder della roba; e la roba, a’ cherzo ch’a’ ’l sapiè, que la è el primo sangue e el primo limento snaturale. Cum a’ fagè sta leza, da un’hora da l’altra a’ faron una cosa miesima e tutti uno, e tante àleme, que va in dispersia, se guagnerave, ché a posta de un puo’ de robezzuola quigi, che fé sta leza, fa que le se perde, che ’l n’è zà ben fatto. Perqué chi vuole ben goernare l’àlema, besogna an ben goernare el corpo, perqué el corpo è con è una ca’, e l’àlema è cun è quigi che sta entro: cun la ca’ se descuovre, quigi che ge sta entro no sta gnian igi ben. E la roba è la megior coertura di cuorpi que consa che supia al mondo, e con ela lagasse, el corpo starae de spasso e l’alema andarae a rìsego de sborir fuora.

[18] Ch’ in dìvu de sto consegio? Ve vàgegi per carezà? Mo a’ ve ’l cherzo. Mo ve vagie scalognanto? A’ ve consegio d’amigo, a’ cherzo che n’habiè gnan el megior amigo de mi; perqué con el me besognasse un servisio, a’ vegnerae a domandarlo pi presto a vu ca hom che cognossa. E perqué a’ sapiè an vu a comuò mi a’ sè ch’a’ sun vostro amigo, a’ ve dirè. Du che son amisi, si è cun è du che tira una corda, uno da un cao e uno da l’altro: el primo che ge armola, l’altro dà zo. Mi mo a’ sè che tiro a pi poere, e sì a’ cognosso che, si a’ no tiressi an vu, ch’a’ darae del culo in terra. A questo cognosso che a’ seon amisi. Mo tegno tirò ben, perqué a’ cognosso an fermamen ch’a’ ve vuò ben.

[19] A’ vuò fare adesso quel che n’he fatto zà pi d’un ano. Vuogio cantare una canzon e fare an mi chialò zo alegrisia con se fa <essa> in paraiso là su festa. Fàte in qua, Nale, scoménzene una.