Archivio digitale veneto

Ruzante, Seconda Oratione [ms. Marc. It. XI 66]

 

 

[1] Quo da natura dato! El se pò asè scoezare a fare che ’l no supia, perqué, com una cosa dê essere, el pare che huomeni e femene e tutto el roverso mondo se ge ametta e aìa a fare che la supie. A’ me porissi mo dire vu a mi: Perqué iètu mo vegnù a dir questo?. Que sège mi? A’ son vegnù a dire per la Vostra Paternitè de vu, Rebelissimo massier lo Sgardenale, ché ’l se pò dire che no cercanto vu, e squase contra vostra volontè, a’ supiè stò fatto sgardenale. E perqué tutto el mondo haea besogno de vu che a’ foessé, i ve ha fatto; e vu no haì possù scoezare de no essere. Made quida in bona fe’ sì. E questo è mo che a’ son vegnù a dire, che, com un se dê azelare, el se azelerae de aosto.

[2] A’ ve smaravegerì fuosi an perqué mi a’ supia chialò. A’ ge son per certo chialò, mo a’ ge son perqué a’ ge son vegnù, e se a’ no ge foesse vegnù, a’ no ge sarae. Mo a’ son vegnù, che me arecordo che a’ fu an un’altra fià, dananzo a chi adesso fa terra. E se ben no se aven a menzonar muorti al desco, a’ dirè pur questa: che a’ cherzo che ’l se partisse de sto mondo morto per darve el so luogo a vu vivo, che ’l no fo miga amor da friegi d’adesso. E perqué el fo me bon paron de mi, e de tutta Pavana, perqué a’ fu da ello, a’ son vegnù an da vu. Perqué a’ la vezon in àire che a’ sarì paron del mondo, e per questo a’ son vegnù, e sì he lagò andare soraman el que fare de ogno cosa, inchinamentre el miere di forminti; e sì a’ son vegnù sbatando, mi e sto me frello, perqué in sta vostra legrisia el n’iera da stare a ca’. E sì a’ ve dirè an pi, che quanti è in Pavana sarae vegnù an igi, se no foesse che gi è sì sichi e sì desconì da fame che i se supierae via e, com disse questù, i n’ha pi lesura com ha un mossolin. E se ’l no foesse stò che nu du a’ seom pur stè ben invernè, harissi possù aspitare che ge fosse vegnù negun.

[3] Mo mi per lome de tutti a’ son vegnù a dirve che gi ha tanta legrisia, tanto piasere, e sì se ten sì bon de sta vostra noranza, che la camixa no ge toca le nege. Perqué i l’ha pi vezù in àire, che i n’ha vezù guanno la fame, che sto mondo, che è stò arvoltò da tante deroine e zapegò, scomenzerà adesso a pigiar pur un puo’ de fiò; ché ’l è stà scomenzò dal bon cao a farve vu sgardenale, che a’ sì de nagia, che a’ poron dire che a’ sarì, com disse el Guangielio, quel semele patre familia, che vage per ca’ redrezando la so masariola, e che vage in l’horteselo butando fuora i spini e le roe e l’erbe che puza, che ’l ge ne è mo asè in la Cristianitè, e tante, scomenzanto da quella mala sbrega de quel toesco Martinello da Lautuolo.

[4] Mo laga pure, che a’ spiero che, se ’l sonerà el so lauto, vu a’ ’l farì balare a un altro son, ello e tutti quigi che ge va drio an de sto paese; che ’l ge n’è asè che no se vuò pi confessare, che no fa pi vége, che no va mè in giesia e no guarda mè altre figure che quelle che è su le carte. Che an per questo a’ cherzo che massier Iesumdio habia mandò tanta torbolation e tante roversitè in la terra, che ’l è vegnù un paese adesso sto mondo che ’l se pò dire: “Biè i muorti che in Domine moriata”, che adesso no se sente nomè de guerra, de [...], de mortalitè e de fame, e dal tempo de le muzarole in fuora a’ seom piezo che a’ fossemo mè.

[5] Guarda che le pive t’habia instornio guanno! Guarda che ’l no se habia suò tropo camise guanno a ballare, né che te sienti tusi né tose in le crosare o int’i campi a cantare. Tutti ha fato com fa i cuchi, che, com i vé i pagiari, gi ha perdù el canto. Guarda che te vîzi fare pi quî biè zuogi che se solea fare, dal bal de le botte, dal beco mal guardò. Guarda che te no habi vezù far tropo filò, guanno. Al sangue de mille cancari, che squasi i rosignatti no canta pi sì ben com i solea.

[6] Adesso è vegnù quel tempo del muzaruolo, che ’l pare muza el figiuolo. Adesso è vegnù el tempo sì insorio, che ’l mario e la mogiere de volontè è partio un da l’altro: uno va in qua, l’altro va in là, segondo che uno ha migior muò da vivere un de l’altro; e quello che no se poeva fare, adesso è stò fatto, ché l’è rotta quella leza che diea: “Zò che Dio zonse, l’homo no partissa”. E pure i se ha partio.

[7] Adesso è spartio an l’Amore. Mo la Caritè è romagnua, mo la va mo cercanto a usso a usso e, com disse Dondo, la va casabolando, e sì no cata chi la vuogia albergare. In colusion ’l è doventò sto mondo co è una terra vegra. Guardè che a’ vezè pi un inamorò. A’ ve sè dire che la fame ge ha cazò via l’amor dal culo, che i no se aldega inamorare per no tuorse spesa a ca’, e quî susti e quî suspiri, che se solea trar d’amore, adesso se trà d’afano. Tuti sta de mala vuogia, e tutti se lamenta, e tutti va ch’a’ dissé el ge inse sangue da naso; e se un trà qualche sgrignetto, el ge va, com disse la bona femena, puoco indentro. Tutte le bone usanze è perdù. E com muore un adesso, guardè che i ge bagne tropo fazoliti andarge pianzando drio.

[8] A’ no vuò pi dire de sta torbolation. Basta che, se ’l stasea pi a vegnire sta legreza de vu in Pavana, che i cristiani sarae caì in tanta catura che ’l ge ne harae vogiù de le bone noelle a refargi! Fè conto che quî da le ville giera com è una biava acolgà da una sfrazà de pioza, che, com l’ha una speresella de sole, scomenza alzare el cao. Questa bona noella, fè conto, è stà quella sperezella de sole che gi ha scomenzà a redrezare, e vu po sarì quello che redrezerà el mondo. E la vostra madrezuola Roma ha ben sapù zò che ha fatto a mandarve a tuor vu, che la vuole che a’ supiè el so bastoncello, che almanco la se ge porà apozare e pontarsege su, perqué a’ sì de quel fremo e bon cornolaro che se cate. E sì no harà paura che a’ ve impigè e che a’ sbrisè, ché a’ no sì pola o frasca da guanno, mo haì butò cieffi, e sì a’ sì de la megior etè e de i pi biè anni che se poesse catare, che a’ no harì el cuore in aque de polizuolo, com ha i zoveniti, né no sarì stravaniò né de puoco anemo, co è i vieghi.

[9] Cri che la v’ha ben borio fuora di gi altri, e sì ve ha ben scapò su. Fève de sto conto, che massier Iesumdio non ha vogiù che ve mariè, perqué sta noizeta ve tocasse a vu, e sì dêa esser vostra se a’ no volivi miga; e sì la ve ha mandò a chiamare, che la vuò ch’a’ supiè vu quello che desgramegne le suò vi, che, per quanto he intendù, è deventè coverte da herba; e sì ve ha mandò sto capelleto rosso perqué a’ no stagè per pioza de andare, né gnan che habiè paura del sole che ve fage vegnir pontechie. Siché no habiè paura de male negun, andè pur via, ché l’è pinion de huomeni che ’l paraiso l’habia lagà roinare perché vu a’ l’aiè e che a’ mostrè che a’ valerì tanto vu in drezare, com harà fatto gi altri in stravolzere. E sì a’ cherzo che, chi poesse aldire, in paraiso i ge fa campanò da alegreza, i ge sona pive e segoluoti, con se fa la vîlia inanzo che viegna el Sancto, e san Piero e san Polo no harà pi paura de persere le suò teste com gi ha fatto. Vu ve apicherì quella chiave a la centura e da bon massaro a’ governerì ogni cosa, e sì a’ no romperì gnan le uòvere a la chiave, che a’ la volzerì destramen.

[10] Guardè mo se an nu de Pavana a’ degom havere alegreza, che haum speranza anchora che sotto a quel mantello ne covrerì tutti, e vu sarì la nostra chioca e nu saron i vuostri ponziniegi, perqué a’ no ve scambierì de anemo de far ben a i vuostri amisi.

[11] E gnan questa non pò falare, che vu a’ supiè papa, perqué a’ sì hom da esserge; e così com a’ sì stò scardenale senza esserge e mo a’ ge sì, e’ ge zugarè un tron che a’ sarì an papa a sto muò che a’ sì stò sgardenale. E da bel mo, com a’ ge supiè, no ve lagè haver besogno de mi, e se a’ posso, vì, gniente, comandè. Fè com se a’ foesse vostro frello da vegnire a magnare e bever de brigà con vu, e star vu e mi da boni friegi. E de questo a’ ve in porì contentare, perqué a’ ve darò qualche bon consegio. E aldì questo se ’l ve saverà da agio.

[12] Una bota a’ sarì vu quello che ha da conzar sto mondo, e vogiandol conzare el besogna che a’ togè via tutti quigi che ’l guasta. E de tutte le roverse naration el no g’è neguna pezora né che la guasta pi co fa sti stramontani Toischi slanzacanele. E perqué, quando massier Iesumdio fé el mondo, el ge fé una bona passagia tra nu e igi, un canolò spesso e un bon sieve alto, com se fosse mo che i stesse dal so lò e no poesse vegnirne a darne fastibio, sto mondo sarae conzò; e igi mo no harae mè sapù catare vaon da passare dal nostro lò, se ’l no foesse stò el perdon da Roma, che a’ ge gi aom lagè vegnire a un a un, a tri a tri, a diese a diese, tanto che gi ha imparò, sbusò e sbregò el vaon, e fati tanti truozi e vie che i ge ven adesso a megiara e, com disse costù, a chiapi com fa i striuli a l’ua. E perzóntena a’ vorae, Bonsegnore, che a’ ge tossam sti truozi. A comuò? Mo a muò che a’ ve dirè.

[13] A’ vorae che, com a’ supiè a Roma, azò que i no vegna pi per scusa de perdon, che a’ ge mandè el perdon da Roma a star de là de quelle montagne, se a’ ge ’l doessé mandare per comun su tanti carri, perqué i no haesse quella scusa de vegnire. E com igi haesse el perdon de là, le vie, che gi ha fatte, se insalbegerae, el vaon se astroperae e an i se desmentegerae la via de vegnirge, e nu a’ sasan seguri. E nigun stramontan a’ no ’l lagessam pi vegnire, da gi Ongari in fuora, ché gi è bona zente, igi. I se pol lagar vegnire, igi, ché igi è quigi che ne dà la carne. Che ve ne parseste? E uno. Mo aldì st’altro.

[14] A’ saì, Bonsegnore la Vostra Stiliencia de vu, che le lite è quelle che desfa i poveriti e ten el mondo in costion. E questo a’ no cherzo che ’l vegna da altro che da tante leze che g’è al mondo, ché un procuraore cata una leza che te la dà venta, un altro in cata un’altra che te la dà perdua. Damo che a’ cherzo che ste leze se fage in pi piezi e se desnoa pi ca no fa una piva sordina, e che le se slànega com fa una tripa, a che verso se vuole le se tira. E perzontena a’ vorae che a’ faessé che ’l foesse lomè una leza sola frema, che no se poesse desfare; e farla sì grande che tutti la poesse vêre e saere, e che tutti se governasse per quella. E se pure el no se poesse fare con una sola, che ’l g’in besognasse assè, perqué sto mondo è grande, a’ vorà che a’ le torniessi a refare, e chiamarne an nu da le ville; perqué a’ seom inganè, a’ no haon leza dal nostro lò né che diga per nu, né che ge supia stò negun di nuostri. A’ sento lomè dire: “La leza de Datto, la leza de Bartole, la leza de Gesto dise così”; a’ no sento mè dire: “La leza de Menego, la leza de Nale, la leza de Duozo”. Tutte ste leze è de citaini. Se a’ ne chiamerì an nu, a’ faron an nu le nuostre; e se a’ in farì una sola, a’ se governerom tutti per quella, ché a’ sè che la farì derta e giusta e gualiva. E da bel mo, se a’ farì [...]