Archivio digitale veneto

Ruzante, Prima Oratione [ms. Vr. Civica 1636]

 

 

[1] Perqué ’l è el cancaro a cazzarse do’ no se dê, e do’ no è honesto, e mi, ch’a’ sum mi, e ch’a’ sum, cum dise questù, un huom compio, a’ guardo ben cum a’ fago; e perzóndena, Rebellissimo messier lo Sgardinale, a’ n’hem vuogiù vegnire a farve sto sprolico a Pava. Perqué mo? Perqué quî cancari de quigii sbagiafaori, e de quigi cagariegi sletram da Pava harae habù per male, ché, cum dise el provierbio, no bene conveniente zodiè cum samaritè, che ven a dire che no sta ben donziegi cum mariè. Perqué mo? Perqué cossì cum ch’i donziegi cerca de far bichi i mariè, così i cittaini ne truogna, ne deleza gnu puoveri containi dalle ville; e perzóndena a’ muzzom pi da igi che no fa le cellege dal falcheto. E questo è mo quello ch’a’ no son vegnù a Pava, mo a’ son vegnù chive chialò quénzena chialóndena in sto luogo per poere ben dire e slainare le me rason per nome de tutto el territuorio pavan, che m’ha slenzù mi cum hom bon parlente e sprologaore.

[2] Né gnian guardè ch’aon vogiù mandar un preve, né un de quigii dalle centure insofranè, che favella per gremego e in avogaro fiorentinesco, de quigii, saìvu?, che se domanda dottori; perqué, se gi è igi dottore, a’ ge seon nu tre delle torre.

[3] Mo no saìvu ch’aum mo piasere de tegnire el nostro naturale derto in piè, e dertamen per la natura chiamentre mè ch’a’ serom vivi, smissianto la lengua a nostro muò, e no alla fiorentinesca? A’ vuò dir de mi, che inchinadamò a’ no cambiarae la mia lengua con dosento fiorentinesche, né no torae de esser nassù in l’Egitto de Betheleme, dum nassé messier Iesumdio, per no esser pavan.

[4] Mo no saveràvegio an mi zà, s’a’ volesse, favellare fiorentinesco? Favellare sì fieramen ch’a’ dissé che foesse pruopiamen un pulitan de Talia nasù a Rubin? Mo ascoltè, Bonsegnore: Io mi asseamo contadino dela villa, che habitamo e stassamo sul Pavan, e io mi se rebutamo alla Vostra de vu Segnoria. Ve par mo, per la vostra cara fe’, che ’l parerae mè ch’a’ fosse nasù sul Pavan? Poh, ’l è un gran cagare! Ve par mo che sarae an mi esserge, s’a’ volesse? Mo a’ no vuogio. A’ vuogio andare, cum a’ v’ho zà ditto, cum el me naturale in pe derto e dertamen cum a’ digo.

[5] Mo dìme un poco: messier Francesco Spetrarca mo no nascéllo in Fiorentinaria? Mo cancar è! Perqué ’l fo malcontento d’esserge nasù, che ’l vorae esser nasù sul Pavan, el ge vene a morire e stare, e sì ge vosse esser sotterò. E sì no fu buffa né capilletta. E sì no guardé a partirse donde ’l era nasù, e lagar parentò e mistè, ché saì pur el provierbio che dise: Lìgame le mane e i piè e butame de brigà di miè. El se ge partì, e sì vene sul Pavan, e lagé tutto; e sì saea pure tutto quello che se pò saere. E perqué el féllo mo? Mo per esser daspò morto pavan, adasché ’l no g’haea possù nasire, ché ’l cognoscea che ’l nostro era el pi bel favellare e parlare del mondo, e pi bel paese. Poh, ’l è cum a’ dige alla Vostra de vu Magnificentia, che no g’è de miegio de bon pavan.

[6] Poh, mo el signore Tènore, che vene oltra ’l mare de Turcaria per far Pava chì sul Pavan? Ché prima fu ’l Pavan ca Pava, e i nuostri antessori viechii vosse che se ge metesse lome de femena, perché la stesse sottomittò al Pavan. E la va mo a un aotro muò. Mo adesch’a’ ’l poì fare, a’ la conzerì, ché ’l è peccò de sto puovero Pavan.

[7] Poh, no favellare de sto Pavan! Mo no ge ven chiamentre mè le cesille, che se parte dalla Colecuta, e chiamentre mè dal coaro del sole, per vegnir chì sul Pavan? E per vegnir a far i suò furti cum gnu in le nuostre ca’, senza paura, cum se le foesse desmestege, e canta tuta la doman per fargne apiasere, e sì no guarda ch’a vegnire chive sul Pavan le habbi da passare tanti mari e tante salbegure? Mo le quagie, che ven an elle d’ivelò e ven a ingrassarse chive sul Pavan per dargne ben da magniare a gnu Pavani? Pavan? Mo i betuzzi, paruzole, coarussi, rossignati, turdi, spinchi e tanta altra fatta d’osiegii, che ven dalla Terra Toesca, e passa tante montagnie e tante nieve, e per vegnire mo onve? Mo sul Pavan! A far mo que? A ingrassarse.

[8] Pavan, an? Mo no se pò gnian andar a Roma, chi ven dalla volta de Terviso, chi no passa sul Pavan!

[9] Pavan, an? Mo se no fosse lomè i bagni de Abano, che ge n’è tanti altri de megiori, che ge ven tutto el mondo de gi huomeni folestieri muorti amalè cum le casse al culo, e torna via arsanè del Pavan!

[10] Pavan, an? Mo dì che supia fare negun bel ballo, chi no fa la pavana, che a’ fazzon gnu sul Pavan!

[11] Pavan, an? Mo che àgere g’è! Cristo da Loreto, cum un è amalò, e chinamentre de quigi da le Venesie, cum g’è ben inmelè e amalè, e che i se ge fa portare, a’ dige, senza bagni né meesine de fatto i guarisse chive su sto Pavan.

[12] Pavan, an? Mo quel pan che ge nasse, an? On, che se fa pan da frate, de quel sboffetto o pan scaffettò, che, con te ’l magni, le groste borre inchinamentre mè in cielo, che ge perdarae un spezzaprie. Miegio che nibiè o braciegi, che ’l è ben poltron chi no ne magna quatro a far collation! Mo quel vin sgarbozzo, an?, che dise bìvime, che salta int’el migiollo? Vin porpio da resussitar muorti amalè, che chi haesse cento ferie, el no gie farae male. Vin da far pair prie! On nàselo sto vin? Mo sul Pavan. Vin pavan, an.

[13] Mo no gie nase de tutta fatta legumi del mondo? De fava mo no favellare, che non se può fare che no se g’in magne quatro scuelle alla filla chi scomenza! Pezuolli po? Fasuolli? Mare Biata, che chiama verze imbraghè da mille migia! Mo cesere mo, mo lente! Bisi mo, panizzo mo! Mo biave po, come è migio, sorgo, spelta, segalla, orzo, scandella, venna e vezza. Mo herbame? Mo verze, verzuoti, capuzzi, herbete, latuge, persimboli e radichi? Mo ceolle e scalogne, agio e puori, che farae magnar un mezo morto, cogombari e zuche e molon, rave e ravaniegi, pestenege e carotte?

[14] Mo furti mo? Po de furti no favellare! Mo pumi musuotti, pumi rùzini, pumi piuolli, pumi calaman, pumi dulzani, pumi russi, pumi burti e buoni, pumi cielà, che è bianchi e russi cum è un velù de sea! Po piri, quanti! Piri ranzi, piri moscatiegii, piri zuchiolli, piri da San Piero, piri invernisè, piri strangolapreve! Mo nose e noselle? Po che besogna dire? Inchinamentre mè le ciese e spini in sto paese fa furto! Le roe fa more, i spini nigri brombiolli, e i bianchi sbrogiaculli, che è pur an igi furti buoni per i boari.

[15] Mo sì che int’i fuossi no ge ven utilitè? No, gi è mosche! I vuol esser per niente igi? Sì, i no sa far delle scardole, che soto le bronze rostie a’ g’in magnarae i muorti? I no sa far an de le rane, che in lagresto se g’in porae dar a un pappa, che pensanto con le è bone, a’ se me desconise el cuore, ch’a’ no posso far ch’a’ no spue? E un è sti fossè? E un è ste rane? Mo sul Pavan.

[16] Pavan, an? Mo de arbore? Mo no favellare. Mo on fu vezù mè i pi biegi pollari, i pi biè salgari, i pi biè rovere, upii, ulmi, frassene, carpene?

[17] Mo de bestiame po? On è i pi biè buò e vacche? Mo chi cancaro è mo quel cancaro sì poverhon, che n’abbi na bella vacca in ca’? Mo piegore e castron, ge n’è mo? Poh, no favellare. Mo cavagi e cavalle, mo puorci e scrove, mo cavre e bichi? Cancaro, ge n’è de grandi, a’ digo, sì biegi con sipia al mondo, e de la megiore naia e de la maore del mondo. Mo aseni e asenon grandi? Mo che vuogio pi star a frapare de tanta altra fatta de anemali? In collusion, a’ cherzo verasiamen che, quando Domenedio fé el deslubio e che ’l arsuné in la barca de Loè de tutte le biestie del roerso mondo, e cum el le descargé e le cavé fuora, el cavé tutto el bestiame chì sul Pavan.

[18] Pavan, an? Mo favelon mo de femene, ch’è miegio ca bestie. Per certo el ge è pur le belle femene! A comenzando de sotto in su e dai piè, potta, mo che biè piazon largi e firmi! Guardè che le zoppe o i scataron, andando, con le va, descolze, ge fazza male! Sì, in lo cullo! El vol esser ben scataron che no se intorza, e zopa che no se sfregole! E po quelle belle gambe grosse cum quel lacheto pasù che [...], a’ digo dal grosso, ge perderae. E quelle cossonazze! Haìvu mè vezù, la Vostra Silentia, de quigi fusti e ramonazzi de nogara frissia da morbezzo, che è gruossi cum è un atraverso, che trà così al bianco? Mo ben, così è le so cossenazze, e così dure int’el pizegare.

[19] Va’ po pi in su. Quelle so belle neghe bianche e reonde sprecisamen cum è un purco ben grasso, quando ’l è pellò da fresco, che cum te ’l vì te no te può tegnire de no ge dare a man averta così una schiappezà! Mo quello che è po da l’altro lò dananzo, infra le gambe un sommesso, quel che pensanto me se desconisse el cuore, e per rebelienzia de la Vostra Spettabilitè, che è pur sì cum preve, a’ no ’l vuogio dire. A’ digo mo quello che me tira el cuore de dire, se ’l è ben quello, don fina vu vegnanto al mondo el basissi. Lagonlo pur stare, che la n’è tropo segura a favellarne, che an l’hom se porae incordare con fa i cavagi.

[20] E po quella panza reonda, panza puorpio da portar tri puti in un portò, cum quelle tetonazze, che se ge puolle ascondere el cao in mìgola in mezo. Mo tette verasiamen da bergola da late! Cum quelle spalazze, che portarae ogno gran carga, che dise: Cargame, s’te me sè cargare, ch’a’ porterò o in spalla o da sacco o in bigolo! Cum quelle brazze e quelle man, puorpio brazze da faiga e man da baille, da no se stancare a cargare cento barelle al dì! Cum quel voltonazzo reondo, norio, bianco e rosso che ge perdarae fette de persuto inverzelò e ravi di quî bianchi e russi quando gi è ben lavè! E po quegi ochii de sole inrazè, che trà de ponta, che passarae le muragie de Pava! Cristo da Loreto, mo gi è pur biegi! Le è pur a bel fatto tutte belle le nostre femene! E on nàssele ste belle femene? Mo sul Pavan.

[21] Pavan, an? Mo no favellare mo del Pavan. In collusion a’ crezo verasiamen che ’l supia el paraiso taresto, e tanto pi bello e megiore cum là su no se ge magna e chialò sì.

[22] Spettabel messier lo Sgardenale, saì zò che ven a dir Pavan? Tanto vol dir Pavan cum dir “va’ al pan”. Senza pan no se pò vivere, e chi vol pan vagi sul Pavan. Pavan, an? L’andarae male se ’l no ge fosse ’l Pavan, e piezo se ’l no ge fosse pan. E sti cogiombari de sti sletran vol favellare per gramego o in fiorentinesco, e va cercanto megior pan ca de formento; e perzóndena a’ i lagarè baiare a so muò, et sì favelerè alle nostre devise, che è le pi belle del mondo, da bon pavan.

[23] La Vostra Silientia Spaternitè Magnificentia Serenitè Lustrissima, piasantone mo a vu cum a’ diga, me ascoltarà mi, e mi dirè, piasantove a vu. Né gnan guardè ch’a’ vuogia star a frapare, né dire, né sbagiafare de la vostra schiatta, zenia e narration, cum ha fatto quigi sletran da Pava in le so rengaure, che tante i ve n’ha fatto che, se Die m’aì, a’ doì esser bell’e stuffo, e cum disse questù, le ve diè esser cazù dal cullo; perqué, cum a’ saì, crezanto laldarve i ve disea contra, perqué i dise ch’a’ sì de schiata vegnù de Romagnolaria de Roma. Alla fe’, i v’ha dò un bel laldo! Mo no ’l è gnan la pezor zenia de Romagnarolli! Mo no ègii Brisigiegi o Pulitan da Rubin? Da igi a i Spagnaruolli el ge è poca differenza. Mo no gi aonte proè in ste guerre, sgagaborde e muzaruolle? Mo no fu mè romagnarollo, che haesse mo né fe’ né lianza! Mo no ègi tutti a bel fatto biastemaori? A’ fagi de Dio e di sancti cum se i gi haesse fatto cum un cortellazzo? A’ ge tragii el cancaro cum i lo tresse in un salgaro? Cope fiorini, te par mo ch’i ve habi dò un bel laldo?

[24] A’ dige mo mi, che no sum sletran cum gi è igi, ch’a’ sì da le Venesie, venetian di buoni e di maore. Mo chi cancaro no sa che Ca’ Cornaro è la maor Ca’, che supia al mondo? Mo no ge n’è da per tutto? Alla fe’ no trognanto: così cum no g’è el megior legno al mondo del cornaro, a’ digo pi tegnente e pi fremo e che duri pi, così Ca’ Cornaro se pò ben dire che la sipia de cornaro frema. Mo dì che se faci una bona gugià, né una bona caechia, se la no è de cornaro. Mo dente da molin? Sì, se masenarae doman, se i dente da molin no fosse de cornaro! Mo se no fosse Ca’ Cornaro, che è adesso parona de Pava e del Pavan, cum stassom gnu, ch’aon speranza che gn’agiè? Basta ch’a’ sì da Ca’ Cornaro e de la Ca’ parona de Pava e del Pavan. Pùzela mo da agio, questa? N’èl mo assè? El n’è zà altra terra al mondo che supia parona del Pavan. Roma de Romagnarolaria no zà, Franza de Franzosaria no zà, Spagna de Spagnaria no zà, Rubin no zà, Collocuta no zà, Terra Toesca no zà. Siché, Bonsignore messier lo Sgardenale, a’ sì vu de la terra che è delle Venesie parona de Pava e del Pavan, che no ge n’è zà de tante un’altra. E igi dise ch’a’ sì da Roma romagnaruollo. Oh, cancaro i sbreghe!

[25] Mo a’ me fagi squasi cagar da riso, quando che i dise ch’a’ sì un grand’homo? No ge vigi, morbo i magne? A’ sìvu ben pizol homo! I no ’l sa dire. A’ sì un gran pizol, e no un grand’homo. Haì ben una gran cosa, per pizol ch’a’ sì. I no ’l sa dire, mo a’ ’l dirè ben mi: ch’aì per certo un gran cuore, per quel ch’a’ he intendù.

[26] Mo disìme un po’, per la vostra cara fe’ e da frello, ch’a’ no ve tegno, se Die m’aì, altramen: chi cancaro serave quel cancaro de quelù che fosse a cavallo e che veésse un cengiaro abavò che gie vegnesse incontra, e che no se tolesse da un lò e muzare? Mi inchinadamò a’ me torae via! E s’a’ fosse a pe ch’a’ no poesse muzare, a’ me roegarae s’un albaro! E vu, messier lo Bonsignore, a’ desmontè zo da cavallo e sì l’andè pur tal fià a incontrare e a frontare, a’ digo, da prodohom, e sì l’amazè.

[27] Te parsela mo che questa se tegna al baìlle? No fè, alla fe’, che la n’è troppo segura, la ve porae an butar male, e cum a’ fossé morto, a’ sassé roinò del mondo, e sì harissi scapò su quella bromba! Che vossévu mè pi far de cengiari, né de vescoè? Mi così poverhom cum a’ sum, a’ no torae d’esser morto e esser papa! Che pappa? Pappa la merda! Perdonème ampo, a’ digo ch’a’ no torae a esser signore del roerso mondo.

[28] A’ ve vuogio dare alla Vostra Rebelientia un consiegio, che quigi sletran da Pava no ve l’harà sapù dare. Ampò hogie sentio an mi de le so rengaure asè cum el me paron, che i ve ha fatte? Mo ligèvela al deo, che la è de importanza: che ’l è miegio viver poltron ca morir valenthomo. Siché no guardè al vostro gran cuore, e cum ve ven un cengiaro incontra, tirève da un lò. Haìvu imparò, disìme da compagno reale, in le so rengaure mè tanto? Se Die m’aì, no, ch’a’ creza. Poh, a’ g’insegnarae a igi tal ponto, che Stotene né Sinica no se ’l pensé mè.

[29] I sa solamen dire ch’a’ sì sgardenale, e ch’a dir sgardenale el ven a dire “quigi che ten su le porte del paraiso”, che gnu a’ i chiamomo cancari. Deh, se gi ha igi mè vezù el paraiso, né le porte, né quigi che i dise ch’a’ sì vu, che le ten su, che se chiama cancari, a’ vorae che ’l cancaro me magnesse mi; e se no le ha vezù, a’ vorae che ’l cancaro i magnesse igi.

[30] Deh, cancaro i magne, matti, adesch’i vol ch’a’ siè el cancaro! A’ sì el sgardenale cum a’ dirè mi, e no el cancaro, che héssegii cavò gi ochii! A’ stassé fresco s’a’ fossé co i dise igi! A’ sì sgardinale, cum a’ dirè mi, e cum a’ slainerè. I dorae pur cognoscerve al capelletto rosso e tante intrè! “Proficiate vobise Domine”, possévu an esser papa, e ch’a’ dessam vegnir tutti a vêrve a Roma in gatolon cum una morise al collo da can!

[31] Sgardenale, an? Deh, morbo a i sletran! Saìvu zò che ven a dire sgardenale? Cum è a dire un gran signore rico, che se dà a sto mondo piasere, e cum el muore (perché tutti a’ morom) se ben vu non haì fatto massa ben, tamentre andè de lungo in paraiso, e se la porta è passà, a’ la sgardenalè, e sì intrè per ogni via e per ogni buso. E quello ven a dir sgardenale, che sgardena, e no un cancaro che ten su l’usso, che cancaro i magne igi e le so letre, mati spertegè! N’èlla mo così? Mo ben, vîvu se la intendo pi de igi?

[32] Sgardenale, an? L’è pur bella cosa esserge! Inchinadamò, se Die m’aì, ch’a’ torae a no magnar mè pan de fromento e esserge! A’ sarae propio cum a’ sì vu, a’ sassé me compagno e mi vostro. Gnan mi a’ no farae mè mosine de dinari in le muragie, cum ha zà fatto tal Sgardenale, che è zà stò chive a Pava, che no haea cuore de spendergi. G’in fosse pure, n’è vero?, cum ben i spendessam! Né a’ no crezo mè ch’a’ i decipesson in prie de statoe intagiè, né in quelle parpagiolle, che ha quelle figure su, che i le chiama merdolagie. Almanco se spendessele cum se fa la monea! Deh, cancaro alle merdolagie, e a l’agio e alle ceole, el m’è deviso che sipia un favelar co i morti a favellar de quî bordiegi! A’ no torae inchinadamò d’esserge stampò su e esser stò Rolando, e non gie esser pi selomè in stampa! Se Die m’aì, chi de elle ha piasere, no la intende. A haver piasere de muorti? Muorti co i muorti e vivi co i vivi.

[33] ’L è pur un piasere vivo e snaturale a sentir borir un bracco, e cazar fuora una salvegina d’un macchion, e ti vêrla e lassarge el to levriero drio, e ella muzanto farte correr don la va, e ti criare e dire: Ah, poltron! Ah, traitore! Ah, ribaldo! Ah, poltron, pìgiela!, e vêrre che ’l to can la pigie, e ti zonzerge adosso e rivarla d’ammazzare, e basar el can, e alzarlo per tornarge le buelle a so luogo. E po chiamare i compagni, e dirge: L’è morta! L’è morta!, quanto se pò mè de ose, e sonare el corno fazanto allegrezza. Merdolagie mè in cullo! E po arrivare i compagni e dirge cum l’è andà, e un dire haver vezù el tutto, e che ’l bracco l’ha borì ben, e che te gie ’l lassissi con rason, e che ’l è bon levriero quel to, e che te fussi presto a zonzerge adosso, e che te sì bon cazaore; e ti dirge: G’in fosse pur de gi animali, s’i fosse ben lion!. Te te senti, frello, che la camisa non te toca el cullo, el t’è deviso d’haverlo int’un cain de late nomà monta. Te trè un salto, te te fregoli le man, te guardi el to can, e te vì che gi altri dise: “L è stò quello!”; te guardi po l’anemale se ’l è de i viegi. E mo questo un bel piaser vivo? E no le merdolagie, che no è bone da spendere!

[34] Orbéntena, chi la intende, chi no la intende. A’ sè che vu, Bonsignore, a’ la intendì, la Vostra Spaternitè, e sì a’ sè che andè per la carezà. Crezìme a mi che, alla fe’, haì un gran celebrio, e che a’ sì un gran pizol hom da ben. E si a’ fossé altramen, a’ ve ’l dirae mi, perqué, que me fa a mi, intendìvu? A’ no so dire se nomè cum la è, intendìvu? A’ sì vu an sliberale, bon compagno, maregale; a’ no sì gnian di praviersi, de sti ostinè, spilimusi, che no se sa mè de que vuogia i supia, intendìvu?, de sti altieri, che vol star sempre da sora de tutti e sottomitare tutti, che i no cre che ge supia altri al mondo.

[35] Alla fe’, che a’ me piasì, e per questo a’ ve vuogio de bon ben, a’ dige, sì cum da frello. Andè pur drio per sta carezà cum a’ fè, la Vostra Rebellientia e Magnificentia, e governè pur ben le vostre piegore, che a’ seon gnu del Pavan, perqué a’ sì nostro pegoraro e pastore, e nostro vescoo e pappa, che haì lubertè, cum disse Iesumdio, de fare e desfare, e in collusion de volzer la torta a vostro mo. E perzóndena gnu poveritti a’ ve hon pi desirò che no fé mè cavalla magra, secca e restia l’herba nova, e haon fatto per vesinanza che mi a’ son vegnù per lome de tutti a legrarme de la vostra vegnua. Tochème la man, che a’ supiè el ben vegnù e ’l ben trovò.

[36] A’ vuogio ch’a’ me fazè no so che leze e stratuti nuovi, che è ben de rason, made quidem in bona fe’ sì.

[37] La prima. Che ogno cazaore o osellaore, che va per piasere e no per guagno a cazzare o osellare, possa andar la domenega senza aldir messa, e no sipia peccò; perqué a’ saì che in quel’hora ’l è el bello del piasere per pi rason, e chi perde quel’hora, la no torna mè pi indrio.

[38] Le do. Che negun de la villa supia ubrigò a zunare; perqué, cum a’ saì, el faigare fa pair pri, e cum se ha paio, chi no magna se ge sconisse el core, e va a rìsego de spuar el polmon e morir da salivo che te ven in boca. Te vè po in letto, e te no può dromire, e s’te he mogiere, per pararte la fame e farte vegnir sono, te fè quello che te no farissi che tu dormirissi; e se te n’he mugiere, gran fatto che de do man te no ge n’habbi una? E per non star otioso se fa po pezo, cum a’ saì, intendìvu?

[39] Le tre. Che de tempo de taiar i frominti no supia peccò a lavorare la festa; perqué da un’hora a l’altra pò vegnire una frazà de tempesta e ruinargi del mondo. A’ biastemon po a’ muò can. E chi no biastemarae, disìme per la vostra cara fe’? A’ scovegnon an robare, s’a’ vogion vivere, e a sto mo a’ fazon du pecchè, e sì n’haon la colpa. L’è pur così, n’è vera?

[40] Le quatro. Che se posse magnare la doman innanzo messa per poer stare po co ’l cuore a messier Iesumdio; ché ’l è el cancaro, quando se ha fame e che ’l se è alla giesia. ’L è pur forza havere el cuore a ca’, a magnare; e se haron magnò, haron el cuore ivelò a messier Iesomdio, e no a ca’ al pan.

[41] Le cinque. Che per magnare no supia peccò de golla, quando el se magna perché ’l sa bon, se ben no s’ha fame; perqué i vechii dise che quel che sa bon fa bon pro e fa sanitè, stagando sani se vive assè, vivendo assè se ven vechii, vegnando vechii se fa del ben, fazando del ben se va in paraiso. Siché no pò esser male, né peccò, perqué, cum sarae peccò chi magnasse tossego sapiando che ’l fa male, così magnanto cossa che faza bon pro die esser merito, cum è a magnare de bon.

[42] Le siè. Ch’a’ fazè ch’ogni preve possa haver mogiere o ch’i supia castrè; perqué l’è el cancaro le frazilitè de la carne. Le dà qualche botta tanto fastidio, che no se sa in che buso cazzarse; e se gi è ben previ, gi è huomeni cum a’ seon gnu, e de quigi an pi maschi; perqué i no ha femene, i va in tanta veregagia che, cum i s’imbate la prima botta int’una de le nuostre femene, che i le ingravia de fatto, e gnu poveritti a’ fazzon le spese a suò figioli, che ’l n’è zà ben fatto né de rason. E se i serà castrè, a’ no haron sta briga alle spalle; e se gi harà mugiere, i no serà sì rabiusi né sempre sì in veregagia, ché le i tegnerà monzù; e se pur g’ingraviarà le nostre femene, a’ ingraviaron an gnu le suò; e se gnu faron le spese a i suò putti, an igi le farà a i nuostri, e sì saron su e su.

[43] Le sette. Perqué ’l è tanto gran cancaro le nemistè e malivolientie tra gnu containi dalle ville e i citaini da Pava, ch’a’ se magnesson del cuore, e tutto ’l dì per questo a’ se tragagion, e se a’ fossom così gnu de sora con gi è igi, bao babao bao, cope fiorini, a’ no ge duraràvegi un’hora in le man! Mo patientia. I gne dise a gnu containi villani marassi ragagni, e gnu a’ ge digon a igi cagariegi can usurai magna-sangue-de-poveriti. A’ vosson mo che, cum a’ he zà ditto a’ seon da ’l lò dessoto, che a’ conciessi sta differentia, e che a’ fassé ch’a’ fosson una cosa medema. A’ vuogio perzóntena che a’ ne fazè sta leze che ogn’hom da villa possa tore quatro mogiere, e ogno femena da villa possa tuore quatro marì; perqué, cum quigi cagariegi da Pava vega così, e perché i trà alle nostre femene, tutti per poer haver quatro femene se farà dalla villa, ché ’l sta igi a farsege; e tutte le femene citaine, perqué el ge sa bon, per poere haver quatro marì se farà da villa. E gnu scaparon su quelle brombette. E a sto muò saron una consa medesma, né ge sarà invidia, né nimistè, perqué a’ seron tutti un parentò, e tutte le femene andarà piene, e se impirà la leze de messier Iesondio, che dise: Cressì e moltiplichè. Guardè che haron mè pi paura de Turchi che ne impalle! Sì, in lo cullo! Se verà se nomè cielo e femene gravie e puti e tosati; perqué adesso el g’è taluna che cum un homo solo la no se pò ingraviare, che cum la ne harà quatro, gran fatto che un no ge catti la straleca? A’ no se farà gnan negun becco, e quel peccò, che no doerae esser peccò, d’andar da le femene d’altri, ché tutti harà da far a ca’ soa.

[44] Saràllo mo questo un bel ben, an? Quante costion, che se fa per questo, no se farae! Quanti vien amazè, che sarae vivi! Quante belle pute poverete in Pava, che n’ha muò de poerse mariare, se mariarae, che le va a farse ficcare monege int’i monestieri! Tutte sfigiollerave. Ge n’è mo che sta indarno, che harae da fare. Che è maor peccò de la ociositè? E fuorsi che no gie n’è de belle? Le belle e le burte harae bon aviamento. Per un parente che se ha se ne harae quatro; ognhon harae fià e pi potientia da cazzare i Spagnaruolli e i Toeschi, se i tornesse mè pi in sto paese.

[45] A’ no fassé mè, se Die m’aì, la pi bella leze. Ch’ ha a far la leze çoille del mondo, né la caluorica, né la teluorica? Fèlla, messier lo Sgardenale, che a’ vuò mai nomè tante benidission che ve serà dè. A mi, que me fa a mi, intendìvu? A’ digo mo mi per vostro miegio, intendìvu cum a’ digo? Saìvu perqué, intendìvu? A’ faze per vu. Mo, intendìvu, che me fa a mi, intendìvu? Fèlla pure, ch’a’ serì adorò da gnu come s’a’ fossé un santo. Se a’ no ve volesse ben, a’ no ve consiegiarae; mo a’ saì ben quel ch’a’ digo, che ’l serà ben per vu. A’ porì dire: “A’ vuò così”, che così serà. Senza gnu che valessévu? E sì a’ ve tegneron tutti da pare e da figiollo e da frello, che gnan altramen a no ve tegnon. Dème la man e promettìme, che un’altra fià a’ vegnerè a tuore el spatafio. Die v’aì.