Archivio digitale veneto

Ruzante, Prima Oratione [ms. Vr. Civica 36]

 

 

[1] Perqué ’l è el cancaro a cazarse on no se dê, e don non è honesto, e mo mi, che a’ son mi mo e, con dise questù, hom compio, a’ guardo ben co a’ fazo, e perzóntena, Rebelissimo missiere lo Sgardenale, a’ n’he vogiù vegnire a farve sto sproleco a Pava. Perqué? Mo perqué quî cancari de quigi sbaiafaore de quigi cagariegi sletran l’harà habù per male, ché, con dise el provierbio, “no bene conveniunte zudiè con samaritani”, che ven a dire che no sta ben donzièi con mariè.

[2] Mo perqué? Mo perqué, così con i donziegi cerca de far bichi i mariè, così i citaini ne trogna e ne deleza nu poviriti da le ville; e perzóntena a’ muzon pi da igi, che no fa le celege dal falcheto. E questo è mo che a’ no son vegnù a Pava, mo a’ son vegnù chialò chive quéncena chialóndena in sta villa per poere ben dire e slainare la mia reson per lome de tuto el terratuorio pavan, che me ha slenzù mi sì con hom bon parlente e sprolegaore.

[3] Né gnian guardè che haon vogiù mandare un preve, né un de quigi da le centure insofranè, che favela per gramego o in avogaro fiorentinesco, de quigi, savìu?, che se chiama dottore. A’ ge son an mi tre de le torre.

[4] Mo nu, savìu?, haom mo piasere de tegnire el nostro naturale derto in pe, e dretamente per la natura, smissianto la lengua a nostro muò, e no a la fiorentinesca. E a’ vuò dir de mi, che mi inchindamò a’ no cambierae la me lengua con dosento fiorentinesche, né no torae de essere nassù in l’Agito de Beteleme, donde nassé Iesundio, per no essere nassù sul Pavan.

[5] Mo no saràvigio an mi, se a’ volesse, favellare fiorentinesco? Favellerae, a’ dige, sì fieramen, che a’ dissé che a’ foesse prupio un politan da Rubin! Mo ascoltè, Bonsegnore: “Io me a’ siamo contadino dela villa, che habitamo, e stasamo sul Pavano, et io me si rebutamo a la Vostra de vu Segnoria”. Ve par mo, per la vostra cara fe’, che a’ parerae mè che a’ foesse nasù in sul Pavan? Poh, ’l è un gran cagare! Mo a’ no vuogio. A’ vuogio andare co el me naturale in pe derto e dertamen, con a’ dige.

[6] Mo dìme un puo’: missiere Francesco Petrarca no nassìlo in Fiorentinaria? Mo cancar è! E perqué el fo malcontento a esserge nasù, ché ’l vorae essere nasù in sul Pavan, el ge vene a stare, e ge morì, e ge vosse essere soterò. An, questa no fo buffa né capelleta. E sì no guardé a partirse don ’l iera nasù, e lassare parentò e amistè, ché saì pure che se dise: “Lìgame le man e i piè, e métime de brigà di miè”. El se ge partì, e vene in sul Pavan, e lagé tuto hom, e sì saea pur quello che se pò saere. E perché el félo, mo? Mo per essere dapò morto pavan, e dasché el no g’havea possù nasire, ché el cognosea che ’l nostro giera pi bel favelare del mondo, e pi bel paese.

[7] Po el segnore Tènore, che vene d’oltra el mare de Turcaria per fare Pava in sul Pavan? Ché prima fo el Pavan de Pava, e i nostri antessore vegi vosse che ’l metesse lome a Pava de femena, perqué la staesse sempre soto el Pavan, e che ’l Pavan tegnesse sotomitò Pava. E la va mo a un altro muò. Mo adasché a’ ’l poì fare, a’ la conzarì, che ’l è pecò de sto povero Pavan.

[8] Pavan, an? Mo no ge ven le cesiole, che se parte de là da Colecuta, e chiamentre de là dal coaro del sole, per vignire chì in sul Pavan? e per vignire a fare i suò furti con nu in le nostre ca’ senza paura, con se le foesse desmentege, e canta tuta la doman per farge apiasere, e sì no guarda che a vignire chì in sul Pavan le habbi da passare tanti mare e tante salbegure? Mo le quagie, che ven an elle de ivelò, e ven a ingrassarse chì per darge ben da magnare a nu pavani? Pavan, an? Mo i betuzi, paruzole, coarussi, rossignati, turdi e tanta altra fata de osiegi, che ven de là oltra la Terra Toesca, e passa tante montagne e tante nieve? O per vignir mo onve? Mo sul Pavan. A far mo che? Mo a ingrassarse.

[9] Pavan, an? Mo a’ no se pò gnian andare a Roma, chi vien da la volta de Treviso, ch’i no passa sul Pavan!

[10] Pavan, an? Mo dì che se sapi fare un bel ballo, chi no fa la pavana!

[11] Mo se no foesse se lomè i bagni da Abano sul Pavan, che ge n’è tanti altri meiore, che ge ven tuto ’l dì gi huomeni folestieri morti amalè con le casse al culo, e torna via arsanè dal Pavan?

[12] Pavan, an? Mo che àire ge è! Cristo da Loreto, con uno è amalò, e tramente de quigi da le Veniesie con gi è ben impocolè e amalè, e che i se ge fa portar, e’ dige, senza bagni né mesina, de fato i varisse chì in su sto Pavan.

[13] Pavan, an? Mo quel pan che ge nasse, an, bon?, che se fa pan da frare, de quel boffeto, e pan scafetò, che, con te ’l magni, le croste borre inchiamentre mè in cielo? A’ ge perderae un spezapria. Miegio che nibiè o braciegi. Mo quel vin garbozo, an, bon?, che dise bìvime, che salta int’ol migiolo? Vin purpio da resusitare muorti e da far paire pri. Vin pavan, an?

[14] Mo no ge nase de tuta fata legume del mondo? De fava no favellare, che no se pò fare che no se g’in magne quatro scuelle, chi scomenza! Pizuoli mo, fasuoli, che chiama verze imbragè de milli mî! Mo cesere, mo lente, mo bisi, mo panizo? Mo biave, po, con mégio, sorgo, spelta, segalla, orzo, scandela, vena e veza. Mo herbame? Mo verze, verzuoti, capuci, herbete, latuge, persemoli e radichio? Mo ceole,scalogne, agio, puori, cogombari, zuche, molon, ravi, ravaniegi, pestenagie e carote?

[15] Mo furti, po? Mo de furti no favellare: pumi musiti, pumi ruzene, pumi piolà, pumi calaman, pumi dolzani, pumi burti e boni, pumi cielà, che è russi e bianchi con è un velù de sea. Mo piri, po? Piri ranzi, piri moscatiegi, piri zucuoli, piri da San Piero, piri invernici, piri strangolapreve. Mo nose e noselle? Mo che bisogna dire? Inchiamentre mè le ciese e spini in sto paese fa furto. Mo no fa le rove more, e i spini nigri brombiuoli, e i bianchi sbroiacoli, che è pur an egi furti, e boni per i boaruoli?

[16] Mo sì che int’i fossè no ge ven utilitè? No, gi ha mosche! I vo essere per gnente, igi? Sì, i no sa fare de le scardoe, che soto le bronze roste g’in magnerae i muorti? E i no sa fare an de le rane, che in gresta se g’in porae dar a un papa, che a pensanto co le è bone, a’ se me desconisse el cuore, che a’ no me posse tegnire che a’ no spue? E on è sti fossè e ste rane? Mo in sul Pavan.

[17] Pavan, an? Mo de erbore, po? Poh, no favellare. Fo vezù mè i pi biegi polari, i pi biegi salgari, i pi biè rovre, ulmi, upii, frassini, carpene?

[18] Mo de biestiame, po, con è biegi buò, belle vache? Mo chi cancaro è mo quel sì poverom, che n’habii una bella vaca in ca? Mo piegore e castron ge n’è mo? Mo cavagi e cavale, mo puorci e scrove, mo cavere e bichi? Cancaro, el ge n’è de grande, a’ digo, sì biegi con sipia al mondo! Mo asene e asenon grande? Poh oh, mo che vuogio pi stare a frapare? In colusion, a’ cherzo verasiamen che Dominedio fé el sdeluvio, e che ’l arsuné in l’arca de Loè de tute le biestie del roverso mondo, che el cavé fuora e descargé l’arca de bestiame chì sul Pavan.

[19] Pavan, an? Mo favelom mo de femene, che è miegio ca biestie. Per certo el g’è pur le belle femene! E comenzanto de soto in su e da i piè, pota, che biegi piazon, largi e firmi! Guarda che le zope o scataron, andando, con le va, descolce, ge face male! Sì, in lo culo! El vo esser ben scataron che non se intorza, o zoppa che no se sfregole! E po quelle belle gambe grosse con quel lacheto passù, che persenari, e’ dige dal grosso, ge perderae. E quelle cossonace! Haìvu mè vezù, la Vostra Scislencia, de quî biegi cieffi o ramonaci de nogara, de quigi ch’ha quella scorza vizia, gualiva, sfrisia da morbezo, che è gruossi con è un atraverso, che trà cossì al bianco? Mo ben, così è le sue cossonace, e cossì dure int’el picegare.

[20] Va’ po pi in su. Quelle sue belle nege, bianche e reonde, sprecisamen con è un porco ben grasso, quando ’l è pellò da fresco, che, con te le vì, te non te può tegnire de no ge dare d’amore a man averta cossì una schiapezà! Mo quello che è po da l’altro lò dananzo, infra le gambe un somesso alto, che pensanto se me desconisse el cuore, e per rebelentia de la Vostra Spetabilitè, che pur sì un preve, a’ no ’l vuogio dire? A’ dige mo quello che me tira el cuore de dire. Saì ben: quello don fin vu vegnanto al mondo el basassi. Lagonlo pur stare, che la n’è troppo segura a favelarge, che an l’homo se porae incordare, con fa i cavagi.

[21] E po quella panza reonda, purpio da portare tri puti int’un portò! Con quelle tetonaze, che se ge pò ascondere el cao in mìgola mezo. Mo tete veramen da vergola da late! Con quelle spalace da portare ogni gran carga, che dise: Cargame, se me saì cargare, che a’ porterè o in spala da saco o a bigolon. Con quelle brace e quelle man, purpio braci da faiga e man da baile, che no se stancarae a cargare cento barelle al dì! Con quel voltonazo reondo, norio, bianco e rosso, che ge perderae fete de persuto verzelò e ravi de quigi bianchi, ch’i è russi quando i gi è ben lavè! E po con quigi uochi de sol inrazè, che trà de ponta, che passerae le muragie de Pava e gi ancuzene! Cristo da Loreto, mo i gi è pur biegi! L’è pur a bel fato tute belle le nuostre femene! E on nàsele ste belle femene? Mo in sul Pavan. Pavan, an? Poh, no favellemo del Pavan. In colusion, a’ cherzo verasiamen che el sipia el paraiso terrestre, e tanto pi bello e megiore, con che là su non se ge magna, e chialò sì.

[22] Spetabel missiere lo Sgardenale, saìu zò che ven a dire Pavan? Tanto vol dir Pavan, co “va’ al pan”, e senza pan no se pò vivere, e chi vo vivere vage al pan, e chi vol pan vage in sul Pavan. Pavan, an? E sti cogombari de sti sletran vo favellare per gramego o in fiorentinesco, e va cercanto megior pan ca de fromento! E perzóntena a’ i lagerè baiare, e sì favellarè a le nostre divise, che è le pi belle del mondo, da bon pavan.

[23] La Vostra Silentia, Paternitè, Magnificentia e Serenitè Lostrissima, piasantove mo a vu, me ascolterà mo mi, e mi a’ dirè, piasantove con a’ dige. Né gnan vardè che a’ vuogie star a frapare, né a dire, né a sbaiafare de la vostra schiata, zenia e naration, con ha fato quelli sletran de Pava in le so rengaure, che tante i ve ne ha fate, che, se Die m’aì, a’ doì esser belle e stufo, e, con dise questù, le ve dê essere cazù dal culo; perqué, con a’ saì, credanto laldarve i ve disea contra, perché i dise che a’ sì de schiata vegnua de Romagnolaria da Roma. A la fe’, i v’ha dò un bel laldo! Mo no g’è la pezor zenia de Romagnaruoli! Mo no ègi Sbissigiegi e Politani da Robin? Da igi a Spagnaruoli el g’è puoca differentia. Mo no gh’i haonte provè in ste guerre e scagaruole e muzaruole? No fo mè romagnaruolo che havesse fe’ né leza. Mo n’ègi tuti a bel fato biastemaore? A’ fagi de Domene e de santi con se i gi havesse fatti co ’l cortellazo? A’ ge tragi el cancaro co s’i el traesse in un salgaro? Coppe fiorin, te par mo che i v’habbie dò un bel laldo?

[24] A’ dige mo mi, ch’a’ no son sletran con gi è igi, che a’ sì da le Veniesie, venitian di buoni e di maore. Mo chi cancaro no sa che Ca’ Cornaro è la maor Ca’ del mondo? Mo no ge n’è da per tutto? A la fe’ no trogniando, così co no g’è megior legno al mondo del cornaro, a’ dige pi tegnente, pi fremo e che dure pi, cossì è Ca’ Cornaro, la pi frema e che se mantegnerà pi ca tute le altre. Cherzì che se pò ben dire che Ca’ Cornaro sipia da cornaro frema. Mo dì che se faza una bona caegia, se la n’è de cornaro, né una bona zugià. Mo dente da molin? Sì, se masenerae doman, se i dente da molin no foesse de cornaro! Mo se no foesse Ca’ Cornaro, che è adesso parona del Pavan, co stason nu, che haon speranza che n’aigiagè? Basta ch’a’ sì da Ca’ Cornaro, e de la terra che è parona del Pavan e de Pava. No èl mo assè? Pùzela mo da agio, questa? El no g’è zà altra terra al mondo, che sipia parona del Pavan: Roma de Romagnolaria no zà, Spagna de Spagnaria no zà, Franza de Franzosaria no zà, Robin no zà, Collecuta no zà, Terra Toesca tuta no zà. Siché, Bonsegnore missier lo Sgardenale, a’ sì un de la terra, che è le Veniesie, parona de Pava e del Pavan, che no ge n’è zà de tante negun’altra. E egi dise ch’a’ sì da Roma romagnaruolo, cancaro i magne!

[25] Mo a’ me fagi ben po squase cagar da riso, quando che i dise che a’ sì grand’homo? Mo no végi, morbo i magne? A’ sìu ben pìzolo homo. Mo i no ’l sa dire: a’ sì un gran pìzolo, e no grande homo. Haì ben una gran cossa, per pìzolo che a’ sì, che i no ’l sa dire, mo a’ ’l dirè ben mi: haì per certo un gran cuore, per quello che a’ he intendù.

[26] Mo disìme un puo’ per la vostra cara fe’ e da frello, che a’ no ve tegno, se Die m’aì, gnan altramen: chi cancaro sarae quel cancaro de quelù, che foesse a cavalo, e che veésse un cengiaro abavò che ge vegnesse incontra, che non tolesse da un lò e muzare? Mi inchindamò a’ me torae via e, se foesse a pe, che a’ no poesse muzare, a’ me rovegerae s’un erbore! E vu, missier Bonsegnore, a’ desmontè zo da cavallo, e sì l’andè pur tal bota a frontare, a’ dige, da perdomo, e sì l’amazè. Te par mo che questa se tegne al baile? No fè, a la fe’, che la n’è troppa segura! La ve porae an butar male e, con a’ foessé morto vu, vu a’ sissé deroinò del mondo, e sì hassé scapò su quella bromba! Che vosséu mo pi fare de cengiari, né de vescovè? Mi cossì poveron, co a’ son, a’ no torae de essere morto e essere papa! Che papa? La merda! Perdonème ampò, a’ dige che a’ no torae da essere segnore del roverso mondo.

[27] A’ ve vuogio dare a la Vostra Rebelentia un consìo, che quigi sletran da Pava no ve l’ha sapù dare. Ampò hegio sentio an mi con el me paron assè de le suò rengaure che i v’ha fato. Mo ligèvela al deo, che l’è de importantia: che ’l è miegio vivere poltron ca morire valenthomo. Siché no guardè al vostro gran cuore e, co un cengiaro ve ven incontra, andè da un altro lò.

[28] Haìu imparò, disème da compagno reale, in le suò rengaure ancora mè tanto? Se Die m’aì, no che a’ cherza. Poh, a’ ge insegnerae a igi tal ponto, che Stotene gnié Sìnica no se ’l pensé mè!

[29] I sa se lomè dire che a’ sì sgardenale, e che a dire sgardenale el ven a dire “quigi che ten su le porte del paraiso”. Né le porte né quigi che ten su le porte del paraiso, che nu a’ i chiamon cancari, a’ vorae che ’l cancaro me magnasse mi; e se i no l’ha vezù, che ’l cancaro i magne egi!

[30] Doh, cancaro i magne, mati, dasché i vo che vu siè el cancaro! A’ sì sgardenale e no el cancaro, haéssegi cavò i giuochi! A’ stassé fresco, se a’ stassé co i dise egi! A’ sì sgardenale, con a’ ve dirè mi, e con a’ ve slainerè mi. I dorae pur cognoscerve al capelleto rosso e a tante intrè! “Sproficiata vobis Domine”, posséu an esser papa, e che a’ desson tuti vignirve a vêrve a Roma in gatolon con una morisse da can al collo!

[31] Sgardenale, an? Doh, morbo ai sletran! Saìvu zò che ven a dire sgardenale al nostro muò pavan? Mo a’ ve ’l dirè. Tanto ven a dire sgardenale con a dire un gran segnore rico, che se dà a sto mondo piasere, e con el muore (perqué tuti a’ moron), se ben vu a’ no haì fatto massa ben, andè de lungo al paraiso; e se la porta è apassà, a’ la sgardenè, e intrè entro per ogni via e per ogni buso. E questo ven a dire sgardenale, che sgardena, e no un cancaro che ten l’usso su, che cancaro i magne egi e le suò sletre, mati! N’èla mo cossì? Mo ben, vìu mo se la intendo pi de egi?

[32] Sgardenale, an? L’è pur bella cossa a esserge! Inchindamò, se Die m’aì, che mi torae a no magnar mè pan de fromento e esserge! E sarae purpio con a’ sì vu, a’ sessé me compagno. Gnan mi a’ no farae mè mosina de dinari in le muragie, con ha fato tal sgardenale, che è zà stò chì in sul Pavan, che n’havea cuore de spendergi. G’in foesse pure, n’è vero?, mo ben co a’ i spendesson! Né a’ no cherzo mè che a’ i spendesson in prie de statoe intaiè, né in quelle parpaiole, che ha quelle figure su, che i le chiama merdolagie. Amanco se spendessele con se fa la monea! Doh, cancaro a le merdolagie, e a l’agio e a le ceole, el m’è mo doviso che sipia un favellare [...] de quigi bordiegi! A’ no torae zà de essere stampò su, e essere stò Rolando, e no ge essere pi se lomè in stampa! Se Die m’aì, che chi de elle n’ha piasere, no la intende. A havere piasere de muorti? Muorti co muorti, e vivi co vivi!

[33] ’L è pur un piaser vivo e naturale a sentire a borire un braco, e cazar fuora una selbegina de un machion, e ti vêrla e lassarge el to levriero drio, e ella muzanto farte corer don la va, e ti criare e dire: “Ah, poltron! Ah, traitore! Ah, ribaldo! Ah, poltron, pìgiela”, e vêre che ’l to can la pigie, e ti arzonzerge adosso, e rivarla de amazare, e basar el can e alzarge per tornarge le buelle al so luogo. E po chiamar i compagni, e dire: “L è morto, ’l è morto!”, quanto se pò mè de vose, e sonare el corno fazanto alegrezza. Merdolagie mè nel cullo! E po arivare ai compagni e dirle con la è andà, e un a dire haver vezù el tuto, e che el braco l’ha borì ben, e che te ge lassasi con reson, e che ’l è bon levriero quel to, e che te fossi presto a zonzerge adosso, e che te sì bon cazaore; e ti a dire: Mo g’in foesse pure de gi animale, se i foesse ben lion! Te te sinti, frello, che la camisa non te toca el culo, che ’l t’è doviso de haverlo int’un cadin de late lomè monta. Te trè un salto, te te fregoli le man, te guardi el to can, e te vì che gi altri dise: “L è stò quello!”, ti guardi po l’animale, che è di vegi. E’ mo questo un piasere? Vìu, no le merdolagie, che n’è bone da spendere!

[34] Horbéntena, chi la intende, chi no la intende. A’ sè che vu, Segnore, a’ la intendì, la Vostra Spaternitè, e sì a’ sè che andè per carezà. Cherzìme a mi, a la fe’, che haì gran celibrio, e che a’ sì un grande pìzolo homo da ben. E se a’ fossé altramen, a’ ve ’l dirae mi, perqué, che me fa a mi, intendìu? A’ no sè dire se lomè con la è, intendìu? A’ sì an slibrale, bon compagno, moregole; a’ no sì gnan de sti provieri, di sti stinè, spisemusi, che no se sa mè de che vuogia i sipia, intendìu?, de sti altieri, che vo star sempre de sora da tuti e satomitar tuti, che i non cre che ge sipia altri al mondo.

[35] A la fe’, che a’ me piasì, e per questo a’ ve vuogio de bon ben, a’ dige, sì con da frello. Andè pur drio per sta carezà con a’ fè, la Vostra Rebelentia e Magnificentia, e governè pur ben le vostre piegore, che a’ seon nu del Pavan, perqué a’ sì nostro pegoraro e pastore, e nostro vesco e papa, che haì lubertà, con dise Iesundio, de fare e desfare, e in colusion de volzere le torte a vostro muò. E perzontena nu poveriti a’ ve haon desirò pi ca no fé mè cavala magra, secca e rostia l’herba nuova, e avon fato per visinanza che mi a’ son vegnù per lome de tuti a alegrarme de la vostra vegnua. Tochème la man, che a’ sipiè el ben vegnù e ’l ben trovò.

[36] A’ vogion che a’ ne facè no so que leza e stratutti nuovi, che è ben de rason, e made quide in bona fe’ sì.

[37] La prima. Che ogno cazaore o oselaore, che va per piasere e no per guagno a caza o a osellare, posse andare la domenega senza aldir messa, e no sipia peccò; perqué, con a’ saì in quel’hora ’l è el bello del piasere per pi reson, e chi perde quel’hora, la no torna mè pi indrio.

[38] Le do. Che neguno de villa sipia ubigò a zunare, perqué, con a’ saì, el faigarse fa pair pri, e con se ha paio, chi no magna se desconisse el cuore, o va a rìsego de morire, o de spuare el polmon da salivo che te ven in boca. Te vè po in leto e te no può dormire, e s’te he mogiere, per pararte la fame e farte vegnir sono, te fè quello, che te no farissi che te dromeressi; e se te n’he mogiere, gran fato che de do man te no ge n’habbi una? E per no star nogioso se fa po piezo, con a’ saì, intendìu?

[39] Le tre. Che dal tempo dal taiare i fromenti no sipia peccò a lavorare la festa; perqué da una hora a l’altra pò vegnire una sfrazà de tempesta e deroinarge. A’ biastemon può’ a muò can. E chi no biastemerae, disìme per la vostra cara fe’? E a’ sconvegnon po an robare se a’ vogion vivere, e da muò a’ fazon du pechè, e sì no haon la colpa. La è pur cossì.

[40] Le quatro. Che se possa magnare la doman nanzo messa per poere po stare con el cuore a Dio; ché ’l è el cancaro, quando se ha fame e che se è al gesiò. ’L è pur forza haver el cuore a ca’ al magnare; e se haron magnò, haron el cuore in cielo e a Dio, e no a ca’ al pan.

[41] Le cinque. Che per magnare no sipia peccò de gola, quando se magna perqué el sa bon, si ben no se ha fame; perqué i miegi dise che quel che sa bon fa bon pro e ’l fa sanitè, staganto sani se vive assè, se ven viegi, vegnanto viegi se fa del ben, fazanto del ben se va in paraiso. Siché no pò essere male né peccò, perqué, cossì co se farae peccò chi magnasse tossego sapianto che ’l fa male, cossì magnanto cossa che face pro dee essere mierito, co è a magnar de bon.

[42] Le siè. Che a’ facè che ogno preve possa haver mogiere o che ’l sipia castrò; perqué ’l è ’l cancaro la fragilitè de la carne. La dà qualche botta tanto fastibio, che no se sa in che buso cazarse; e se gi è ben preve, gi è huomeni co a’ seon nu, e de quigi an più maschi; e perqué i n’ha femene, i va in tanta veregaia, che, co i s’imbate in una de le nuostre femene, la prima botta i la ingravia a fatto, e nu poveriti fazon le spese a so figiuoli, che la n’è zà de reson. E si gi arà mogiere, i no sarà sì rabiusi, né sempre in veregaia, ché elle i tignirà monzù; e se pure i ingravierà le nuostre femene, a’ ingravieron an nu le suò; e si nu a’ faron le spese a i suò putti, i farà a i nuostri, e a’ saron su e su.

[43] Le sete. Perqué ’l è tanto cancaro de nemistè e malivolentia fra nu containi da le ville e citaini de Pava, che a’ se magnesson del cuore, e tuto el dì per questo a’ se tragaion; e se a’ fosson cossì nu de sora, con i gi è egi, bao babao bao, coppe fiorin, a’ no ge dureràvegi un’hora in le man! Mo passintia. I ge dise a nu containi vilani marassi ragani, e nu a’ ge digon a egi cagariegi can usulari magna-
sangue-de-poveriti. A’ vosan mo che, con a’ v’he ditto, perqué a’ seon da ’l lò de soto, che a’ conzassé sta diffirentia, e che a’ fassé che a’ fosson una cosa miesma. A’ vogion perzóntena che a’ ne facè sta leza, che ogni hom da villa possa tuore quatro mogiere, e ogni femena da villa possa tuore quatro marì; perqué, con quigi cagariegi da Pava vega cossì, e perqué i trà a le nuostre femene, tuti per poere havere quatro femene se farà de villa, ché el sta a egi a farsege; e tute le citaine per poere havere quatro huomeni se farà da villa, e nu scaperon su quelle brombete. E a sto muò a’ saron una cossa miesma, né no ge sarà pi invilia né nemistè, perqué a’ faron tuto un parentò, e tute le femene andarà pine, e se impirà la leza de Iesundio, che dise: “Cressì e smoltiplichè”. Guardè che haron mè pi paura de Turchi che ne impale! Sì, in lo culo! Se verà senò cielo e femene gravie e puti, perqué adesso el g’è taluna, che con uno homo solo la no pò ingraviare, che, con la n’haverà quatro, gran fato che uno no ge cate la straleca? A’ no se farà gnan neguno beco, e quel peccò d’andare da le femene d’altri, ché tuti harà da fare assè a ca’ so.

[44] Seràlo mo questo un bel ben, an? Quante costion, che se fa per questo, che no se farae! Quanti ven amacè, che sarae vivi! Quante belle pute poverete in Pava, che n’ha muò de poerse mariare, se marierae, che sì se va a far monege int’i monestieri! Tute sfigiuolarave. Ge n’è mo che sta indarno, che harae da fare. Che maor peccò è de la uciusitè? E fuorsi mo che no ge ne è de belle? Le belle e burte, tutte tutte harae bon inviamento; per uno parente che se ha, se ne harae quatro; ognuno harae quatro fiè pi potintia da cazare Spagnaruoli e Toischi, se i tornasse pi a darge fastibio in sto paese. A’ no mucesson mè pi de sto paese!

[45] A’ no fiessi, se Die m’aì, mai la pi bella leza. Che ha a fare tuta la leza zoile del mondo, né la caluorica, né la teluorica? Fèla, missier lo Sgardenale, che dabiù mai vu de tante benission, che ve serae dee. E mi, che me fa a mi, intendìu? A’ dige mo mi per vostro miegio, intendìu con a’ dige? Sì, perqué, me intendìu?, a’ fazo per vu, m’intendìu? Fèla pure, che a’ sarì adorò da nu, co se a’ foessé un santo. Se a’ no ve volesse ben, a’ no v’in consegierave, ma fassé ben quel che a’ dige, che ben el sarà per vu. A’ porì dire: “A’ vuò cossì”, che cossì sarà. E senza nu che valeséu vu? E sì a’ ve tegneron tuti da pare, da figiuolo e da frello, che altramen no ve tignon.

[46] Dème la man e promitìme, che un’altra volta vegnerò a tuore el spatafio. Die v’aì.