Archivio digitale veneto

Ruzante, La vaccaria

 

 

[A 1r] Vaccaria comedia
del nominatissimo Tasco Ruzzante
horhora venuta in luce.



[A 1v] Interlocutori: SPIRITO FOLLETTO; PLACIDO vecchio; FLAVIO innamorato; CELEGA ruffiana; TRUFFO, VEZZO, LORON servi; MERCANTE; FATTORE; FORBINO ragazzo; FIORINETTA giovane; POLIDORO giovane; NOTARO; BETTA fantesca; RUSPINA matrona; PIOL cantore.


Prologo primo


FOLLETTO parla.
 
FOLLETTO

Giocamo un pegno, che non è fra voi alcuno, che sappi chi io sia. Volete dir ch’io son Mercurio, o pur un recitator di argomenti di comedie; ma no lo indivinareste giamai. A non tenervi in tempo, sapete chi son? Uno spirto folletto. Sapete perché me vi lascio vedere? Perché me vi mostro. Sapete onde io vengo? Da l’altro mondo. Et voglio dirvi perché.

Uno che di là Actio, et di qua Plauto è nominato, perché è huomo da bene, di là ha cura di chi è huomo da bene [A 2r] di qua, manda a dirvi che, dovendosi questa sera recitar una comedia, non vogliate biasmarla se ella non è latina, o in verso, o di lingua tutta polita; ché se egli fosse fra’ vivi a questi tempi, non farebbe le sue comedie di altra maniera, che di questa medesima, di cui sete spettatori. Et soggionge che non vogliate far giuditio di questa ale sue che scritte lasciò; che vi giura per Hercule et per Apollo ch’elle furono recitate altramente che non sono stampate hoggidì; perché molte cose stanno ben nella penna, che nela scena starebben male. Hor io non ho da dir, né aspettar altra risposta. Se volete che saluti alcuno di là, mi parto. A Dio.


[A 3r] TRUFFO famiglio
 

Cancaro, i frare dê far adesso el gran remore, che ’l no ge dê esser romagnù negun silientio, né una citta, ch’a’ ’l vezo tutto arsunò chialò! A’ sè ch’a’ ’l no g’è cigale, chì.

Donca sanitè e dinari, imprima mi, e po tutti vu. Perqué a’ me parì huomeni da ben, a’ ve farae così ontiera un servisio a uno per uno, con cosa ch’a’ faesse mè. Mo a’ no cherzo mè poer far tanto, ch’a’ ve contentè; perqué questo ch’a’ son vegnù a fare adesso no è me mestiero, ché mi a’ son famegio e no sprolicaore. Mo a’ ve dirè a comuò me g’ha scognù vegnire.

A’ son vegnù per de chì via, e igi m’ha mandò in pe d’un altro, perché quel cancarello de quella cossezzuoletta que vene inanzo de tutti, quel che vene senza vegnire, que fo portò, quello che nu a’ ge digon el mazzaruollo, e ello ve ha ditto que ’l è un sperito supietto... No, a’ fallo: un sperito mantesetto... No, a’ no digo ben: un sperito folletto, a’ dirè pur ben. Mo ben, ello ha tolto la ose e la loquella a quelù che dea vegnire, che do’ ’l va el tuole sempre qualcosa, tanto que ’l è stò forza ch’a’ sea vegnù mi impè de quelù. E co a’ ve dige, a’ no sè mo s’a’ porè far tanto, mo amanco a’ no v’andarè strafagando, que ’l strafare no me piase mè. A’ v’andarè dertamen e snaturalmen, e sì no [A 3v] farè co fa de tale ge n’è, que strafà tanto, che quel che dirae anar da un lò, i lo mette da l’altro, e quel che dirae star de sotto, i lo mette de sora.

A’ no dige miga per vu, femene, perqué a’ siè là su elte, qué ’l n’è strafatto a metterve là de sora; perqué a’ sì artanti agnoliti e arcagnoliti, e perzò a’ stè ben elte. Mo stège, e stège an segure, che ’l g’è tante ponte e tanti pontiegi de sotto, e de gruossi e de curti e de lunghi, que i no ve lagherà miga caìre in terra. E l’hom da ben, que fa fare sta festa, ha fatto fare an sti solari elti e seguri, azzò que tutti ge stage senza pensiero, perqué i posse pigiare el piasere de sta noella compiamen; qué, se haìssi in la fantasia qualche fastidio, el piasere no ge porae intrare; perqué cussì con no pò intrare do caegie int’una busa sola, cussì no se pò ficare el piasere don è el fastidio. E perzóntena chi ha diebiti, o chi è inamorè, o chi ha mala mogiere, o chi vorae far roba assè e farla presto, no tegne sti fastidii in lo cao; ché co ’l piasere cate stopò el buso, el tornerà indrio, sì che ’l se spanderà de fuora via. E la colpa no serà del piasere que ’l no see bello e bon, mo la serà de vu, que no g’harì slargò la via; e con pi in romagnerà de fuora, tanto piezo pre vu.

A’ ve vuò insegnare a farge via, se a’ fè quel che a’ ve dirè mi. Quigi che ha diebiti e no ha de que pagare, lage el fastidio a quelù que dê havere; e quigi que se vorrae far richi tosto, con haom rivò vage corranto dal conte Pandin, que ’l ge darà tanti carri e [A 4r] tanti cavagi cargè d’oro, que i doventerà richi de fatto, e no vegnerà a farse richi con l’usura, con fa la maor parte. Quigi può’ que è mal continti d’esser mariè, lage sta melencuolia tutti, perqué el no se può cattare se no un solo, que se contente de la so femena. De sti inamorè a’ no dige, perqué a’ sè ben que ’l n’è fastibio que dage pi que fare, de quello, tanto ch’i no sa tal botta in que buso ficarse. I sa ben, igi, que ’l besogna que i sea secrieti, que i fage i fatti suò da so posta, e solliciti, que i no stage co le man apiché a la centura!

A’ vuò pur an a vu femene farve tanto, ch’a’ no perdè piasere; qué ’l no pò essere que an vu a’ no habiè qualche fastibio per zilosia de vuostri marì. Aldì, no ve tolì fantasia fina que a’ rivom, que a’ v’insegnerò un anemaletto, que, s’a’ ’l porterì apicò a la centura, con fè quî vuostri ziribini, o in man, que è anchora miegio, se mè vostro mario va da altre femene e ve lage vu, a’ ne vuò tuor a restar mi del me.

Mo don sóngie andò col faellare? Pur ch’a’ no me perda, tegnìme chiamò, ch’a’ sapia tornare donde a’ me son spartio senza ch’a’ me sia moesto. Ben, sì, sì, da davera! A’ dige dirve d’una comielia. Madesì, i ge dise comielia, perqué la è con è la miele int’i busi, que in la prima a volerne tuore el se catta qualche besevegio que ponze, mo de drio l’è po dolce. Cossì an questa: in prima el parerà que no se posse fare que i sipie continti, mo in dreana a’ sentirì ben sta comielia. Mo mi a’ ve la porto, no in spala, mo in parole, e vu [A 4v] tolìla no co le man, mo con le regie. E tolìla, que mi adesso a’ ve fage argomento, que a’ n’habiè paura a tuorla, perqué a’ la intenderì; qué la n’è fatta co la solea essere zà tempo fatta, a’ dige, de aseni, qué gi aseni è nemal massa deshoniesti, que vegnando su sti solari i porae ragiare e trar pitti. L’è fatta de vacche, que è nemale pi da utilitè, e an de pi piasere, tanto que se catta de quigi que in vuol sempre in ca’.

Seando mo de do lengue, a’ no cherzo mo que ’l besogne ch’a’ ve dige altro, perqué chi cancaro è quelù que no ge piasesse pi tosto haer do lengue che na sola? Que una sarae bona da tasere, e l’altra da faellare.

A’ no ve starè gnan a dire che questa, che è chialò, sea Pava, que a’ la cognoscirì a sta giesia; e se ben a’ no g’haì mè vezù sto reondo, que i ge dise un Culibeo, a’ l’haon fatto da nuovo, perqué el ge solea essere per tempo passò antigo. Del resto a’ intenderì da vostra posta, perqué a’ vegnerè fuora col me paron viegio, e in lo nostro primo faellare a’ intenderì ch’a’ stagon là in quella ca’, e in st’altra ge sta na ruffiana, que ha na figiuola, que ’l figiuolo del me paron g’è inamorò; e perqué el no ha dinari da darge, co ’l ge ha dò, la ’l vuole cazare fuor de ca’, e nu a’ vossan cattarge sti dinari da nostra posta. Dagando mente, a’ intenderì.

Stè donca artinti fina ch’haom rivò. E se la noella ve piaserà, a’ ne ’l farì a saere, perqué a’ se remetton in vu. Mo vî a punto el me paron, que inse fuora. Tasì e scoltè.


[B 1r] Atto primo, Scena prima
 
Interlocutori: TRUFFO famiglio et PLACIDO vecchio.
 

[1] Paron, se vu per tasere, e mi per no faellare, a’ possan saer un da l’altro quel ch’a’ vogion, a’ sarae fuora de du faige, mi de domandare e vu de respondere; mo perqué a’ no ’l posson fare, ’l è forza che mi a’ scomenze. Disìme la veritè, se Dio ve dage tanta gratia ch’a’ possé fare el disnar mortuoro de vuostra mugiere; e se no me la disì, que ella possa veérve cantare la “Riequia e scampa in pace” a i preve.

[2] PLACIDO
Io mi sento scongiurare da te per cosa ch’io non ti potrei dir bugia; sì che dimanda sicuramente ciò che tu vòi.

[3] Quando a’ cigavi pur mo, con a’ fè sempre mè con vostra mugiere, che in lo cigare a’ disivi ch’a’ gieri contento che nu famegi a’ la robessan ella per dare a vuostro figiuolo messier Flavio, disìvivu dal bon seno quelle parole?

[4] PLACIDO
Pensi tu forse ch’io voglia essere come è la maggior [B 1v] parte de gli altri padri, che son tali contra i figliuoli, che fan desiderarsi la morte trent’anni avanti il tempo? Io amo tanto Flavio mio figliuolo, quanto mai amasse altro padre, et cerco di compiacerlo in ogni sua voglia, acciò ch’io sia contracambiato da lui in amore; perché chi si fa amare dal suo figliuolo, non ha il miglior amico né vivo, né morto.

[5] L’è vera, perqué a farse voler ben a i figiuoli el besogna esserge pare e no paron; perqué gi è matti quigi che cre de farse voler ben a negun per forza. Perqué l’amore si è co è na corda, e du que la tire de voluntè uno da un cao e uno da l’altro, e con agnun tira ontiera al so cao, i sta in pe; mo se ’l è uno que tire per forza, el tira de tanto que ’l no pò far de manco, mo co ’l se la vé bella, el g’armola, e l’altro scovien dar del culo in terra.

[6] PLACIDO
Io mi ricordo che mio padre, vedendomi inamorato di una giovanetta, di maniera che mai io mi davo pace, si vestì in forma di mercante, et tolse con inganno al ruffiano colei ch’io amavo, et la menò fino al mio letto, senza ch’io ne sapessi cosa alcuna; né hebbe rispetto, vecchio in quella età, far una barreria sì fatta, non per altro se non perch’io lo ricontracambiassi de l’amor che mi portava.

[7] A’ saì ben, co disse i filuorichi, que vuol essere un viegio “sprondentrem e memorentrem”.

[8] PLACIDO
So che la vecchiezza è odiata da’ giovani, sì per esser contraria in costumi alla giovanezza, sì etiandio [B 2r] perché a’ giovani pare che dalli vecchi sia lor interdetta una certa libertà di poter far a lor modo. Et io debbio appresso questo mal voler naturale aggiunger anchor maggior causa che odio? Ma io no ’l farò mai, perché voglio esser amato da i miei.

[9] A’ la intendì. I viegi vuole esser buoni co i zovene, perché i viegi si è com le bótte, e i zoveni si è con è el vin que ge ven mettù entro: se la botte sa da cattivo, gnian el vin pò saere bon.

[10] PLACIDO
Non credi tu ch’io sappi che Flavio ama Fiorinetta, colei che pur questo anno cominciò diventar cortigiana? Io il so per certo, ma non l’ho però a male, perché queste son cose che la gioventù porta con seco, et se io volessi per forza rimoverlo da questo amore, finalmente egli sarebbe sforzato a inamorarsi in altra et a più vergognosa di questa.

[11] A’ sì ben un pare da indorare e an da sorindorare, que a’ no sì de quigi que se ten guardò lomè denanzo da i piè. A’ vî da lunzi, vu!

[12] PLACIDO
Io vedo che l’amor suo non è dishonesto, né pericoloso, perché costei non è monaca, che è amore il qual si deve fuggire da ognuno che vuole esser tenuto buono; costei non è damigella, che un giorno a mio dispetto se la pigli per moglie; non è maritata, che sai con quanto pericolo della vita sieno tali inamoramenti; con costei finalmente non vi pò andare altro che roba e danari. Vada in malhora!

[13] A’ dige, vage in bonhora! A’ ge fé anar uno una botta [B 2v] el carro e i buò, e vu volì sparagnar dinari!

[14] PLACIDO
Benché io in molte cose al mio tempo non andassi come Flavio, non voglio però esserli contrario, né aspero, che io non son di coloro che stimano bene se non quelle cose che loro hanno fatto.

[15] Messier sì, el ge n’è de quigi! Me barba Sati, que era tanto burto, malfatto, desgraciò, que ’l no catté mè femena que ’l volesse, e co ’l fo viegio un so nevò mené via na putta, e ello ge cigava e ge disea: “Mè no se dirà de mi cossì!”, e sì se laldava de quello che ’l n’haea possù fare. Mo a’ ve dirè: co ’l putto inse de carezà, marièlo.

[16] PLACIDO
Egli è sì gran ventura ritrovar donna che si confaccia alli costumi del marito, ch’io tardo più che posso a darli moglie, accioché manco tempo li avanzi per consumar in affanno con moglie cattiva; et piglio essempio da me medesimo, ch’io presi donna tanto giovanetto, che hoggi hormai fanno trentatré anni ch’io sono in questa pena, et sono anchora fresco huomo.

[17] I fungi nasce pur int’una notte.

[18] PLACIDO
E la mala ventura nasce in un sol punto.

[19] On cattiessi sta mala mugiere?

[20] PLACIDO
Ove si trovano le bone?

[21] El besognerae que ’l ge foesse un statuto sora de dar indrio le mugiere, come sora de dar indrio i cavagi in cao de tanto tempo, co ’l se ge cattasse defetto; benché nu da le ville a’ falom puoche fiè, perqué alla prima a’ tragom a cognescir le femene. Mo [B 3r] vu, pur ch’a’ scapè su la roba, a’ no v’incurè d’altro.

[22] PLACIDO
A noi bisogna creder al consiglio degli amici.

[23] Mo i fa con fé quella bolpe que lagé la coa in l’usso, que consegiava le altre que se la faesse tagiare, perqué el se giera pi leziere. I disea essere mal mariè, igi. I no veéa l’hora ch’a’ ve mariesse an vu per haere compagnia.

[24] PLACIDO
Egli è così, ché mi dipinsero costei la più discreta, piacevole, obediente di quante erano a que’ tempi; et è stata tutta al contrario, et tu lo sai che ben la conosci.

[25] Se a’ no la cognescesse lomè, el serae un piasere! Mo an tal botta el me la coven proare, quando la me fa pi bramare un piezzo de pan, que no fé mè un oco un torso de verza. Fè que la ve stage de sotto, con è de rason.

[26] PLACIDO
Per rispetto della grandissima dote supporto, ché non vorei farla entrare in bizaria di lasciar preti e frati heredi della sua robba.

[27] ’L è d’haer paura, perqué a’ la vezo assè fiè a gran strette co preve e frare; né mè el ve n’andé negun per ca’, que ’l no faesse de quel de le lumege, que don le va le ge laga el segnale.

[28] PLACIDO
L’amor di mio figliuolo, come ho detto, mi fa supportar ogni cosa.

[29] L’è gran stretta quella di figiuoli! Né ussi né pénole strenze sì fieramen. Perqué el figiuolo si è con è la raise del peon del pare, quello que no laga mè morir la nagia fina in bissecola, tanto que ’l figiuolo [B 3v] ven a essere la vita del pare, e però se dê agiarlo a mantegnire.

[30] PLACIDO
Non l’aiuti tu in questo suo amore?

[31] Messier sì, e an el nostro Vezo, l’altro famegio. A’ ge fazzo de ponta e de calacagno, con fa quî che balla.

[32] PLACIDO
Tu fai bene, né mi potresti far il magior apiacere.

[33] Se ’l no stesse pur tanto male, el serae un piasere a agiarlo.

[34] PLACIDO
Che male è il suo?

[35] Que ’l no ha pi que dare.

[36] PLACIDO
Questa mattina a punto lui mi adimandò certi danari, et io voglio che n’habbia. Anchor che sua madre ci tratti assai strettamente, al tutto voglio che tu li trovi questi dinari.

[37] A’ no viti mè volere mi e no poere lomè vu! El fattore no manézelo agno cosa, ch’ a’ no poì mè haere un bezze? Perqué haì fatto purpiamentre con fé quelù, que per comprare un tasco el spendé quanti dinari ’l haea, e po no g’haea que metter entro.

[38] PLACIDO
Tu dì il vero. Io comprai la gran dote di mia moglie con la mia libertà. Ma lasciamo queste parole. A te convien trovare quelli cinquanta fiorini che bisognano a Flavio, perché sopra te io ho posta ogni speranza.

[39] Mi, cattare tanti dinari? A’ ’l besognarae ch’a’ gi haesse logè, s’a’ i diesse cattare!

[40] PLACIDO
Se tu vorrai, non ti mancherà modo a farmeli trare.

[41] A’ porae an andare a pigiar pesce in le priare da [B 4r] Lispia, con a’ ve fesse trar a vu, se vu no i fassé trare a vostra mogiere!

[42] PLACIDO
O a lei o al fattore, attaccati a chi più ti piace.

[43] I no è ancini da poerse tacare a un solo.

[44] PLACIDO
Hor non hai tu per compagno Vezzo, l’altro famiglio? Non saperete ambidoi ordir et tramar un inganno che questi scudi si trovino?

[45] Mo se in lo menar delle calcole a’ spandessam può’ el buosemo, chi la conzerae può’ con madona e col fattore?

[46] PLACIDO
E dove sarò io? Oh, pensi tu ch’io ti lassi et abbandoni in cosa di tanta importantia? Piglia arditamente questo carico sopra di me.

[47] S’haì donca da fare, andè fè, que, se no volì altro da mi, a’ vuò anare fin in piazza.

[48] PLACIDO
Va’, ma dimmi.

[49] Que?

[50] PLACIDO
Quando ti vorrò, dove sarai tu?

[51] A’ serè don piaserà a i me paron, ch’a’ no stago pi con vu, dasché a’ m’haì dò licientia ch’a’ fage sta noella de sti dinari. A’ stage adesso con le noelle e con le frabole, e don le vorrà elle, a’ scognerè anare.

[52] PLACIDO
Io serò al barbieri a seder sopra quelle sue banche in piazza.

[53] Alla piazza della Segnoria?

[54] PLACIDO
Sì, se per caso tu havessi bisogno di me.

[55] Moa, a’ me recorderè.

[56] PLACIDO
Io mi parto alquanto con l’animo consolato, poi che Truffo si ha pigliata la impresa. Egli si lascierebbe [B 4v] più tosto morire, che non la condurre ad effetto; et per far un gionto o una barreria, mi cennò... Basta, andrò a starmi un pezzo alla barberia, come gli ho detto.
 

[57] TRUFFO solo
 
Orsù, Truffo. A’ son mo chiario de quel ch’a’ volea saere: se ’l paron viegio foesse contento ch’a’ cattasse sti dinari per lo me paron pìzzolo. Se ’l m’haesse fatto preve, que è uno di pi biè mestieri, e de manco faiga que se faze ancuò, el no m’harae fatto sì gran piasere co ’l m’ha fatto a dirme ch’a’ catte sti dinari; perqué, con tutto ch’a’ n’haea vuogia per amore del putto, a’ no me risegava. A’ cognosso ch’a’ so da qualcosa, qué, se ’l no m’haesse cognessù bon, el no me l’harae ditto. Horsù donca, man a i fierri! El primo si è ch’a’ vage a cattar Vezzo, che an ello ha na re’ que pigierae sti dinari, se ben gi olesse pi que no fé falchetto drio celega. A’ dige mo olare, perqué el se dise che ’l no g’è cosa che ole pi con fa i dinari. El vederon adesso. A’ vuò anare a cattar Vezzo.
 

[58] FLAVIO giovane inamorato, solo.
 
FLAVIO
A questo modo si fa? Così mi cacciate di casa? Questo è il merto del bene ch’io vi ho fatto? Ma ricordati, vecchia ladra, che tutto il male ch’io ti potrò fare, [C 1r] non serò mai per mancarti. Ruina di giovani, herbara, faturatrice, che con le tue strigarie hai fatto consumar tre giovani di questa terra, de li primi! Tu non credi, ribalda, che ciò si sappia? Ma, poiché quello, ch’io ti ho dato sei mesi continui, l’ho gettato via in un punto, io ti farò tornare a guadagnarti il pane con le braccia, come facevi avanti ch’io ti conoscesse. Io ti farò ritornare piacevole, come si fanno le tue pari bestie, con la fame. A te, dico, volto di cagnazza, non a quella semplicetta di tua figliuola, che non tiene colpa della tua gagliofferia. Vorrò a punto veder chi serà colui, che metta piedi qui dentro! Ma inanti ti voglio tagliar quel visaccio di porca. Ecco a punto che l’è venuta su la sua porta. Hora mi sfogarò pur a mia voglia, né li haverò quel rispetto, che li ho havuto per esser in casa sua.
 

[59] CELEGA ruffiana e FLAVIO
 
CELEGA
Crida ben, bravo magro! Fatti ben sentir alla vicinanza! Sì, perché io fo gran conto delle tue parole! Perché non saprò viver senza di te, come faceva avanti ch’io ti vedessi! Questa è la usanza di voi altri squassa-penacchi. Perché sète ricchi, et potenti, figliuoli di primi di questa terra, volete che la vostra nobiltà e richezza vi vagli per ogni cosa; et come vi si adimanda un soldo, saltate su le bravarie, et sul voler tagliar il viso alle meschine, che [C 1v] non hanno altro soccorso, che le virtù loro. Pensi tu che le carne di mia figliuola, che tu hai goduto tanto tempo, non vagliono trenta, over quaranta desgratiati fiorini, che tu hai speso in casa mia?

[60] FLAVIO
Se io ne havessi goduto pur uno per cento di quel ch’io ho speso, non mi pesaria; ma della vostra ingratitudine mi doglio, perché non dovresti amar, né adorar altri, che Flavio.

[61] CELEGA
Chi vole esser adorato solo, convien che solo suplisca al nostro bisogno.

[62] FLAVIO
E quando finirà questo supplire?

[63] CELEGA
E quando finirà questo voler esser solo?

[64] FLAVIO
Ah, vecchia, tu ti porti mal con meco.

[65] CELEGA
Io mi portarei male non cercando l’util mio, perché chi fa l’officio suo bene, non si porta male. Vien qui un poco. Dimmi, dove hai tu mai veduto che una par mia si porti male, cercando di guadagnar più che la pò, havendone bisogno? Mal fai tu, che fai il contrario di quello che dovresti fare, che, essendo giovane, ricco, solo figliuolo, dovresti far minor stima di danari, che di fava. In che vòi tu spendere, se non spendi in cose di amore?

[66] FLAVIO
Credi tu forsi ch’io possi spender sempre a mio modo? Non sai tu la madre ch’io ho?

[67] CELEGA
Ecco, non ti voglio insignar che tu fingi con lei di volerti far frate, o di andar alla guerra, ma egli si fa ben tutto el dì delle chiave contrafatte, et de gli stocchi. Che bisogna dir più? Tu hai mille vie da caminare a bon fine, et a me convien andar a un solo. [C 2r] Tu cerchi impedirlo.

[68] FLAVIO
Eh, Celega, non sai tu che tutte quante le vie mi sono tagliate? Ma si tu aspettassi tanto, ch’io potessi rincider la lana...

[69] CELEGA
A bonhora, fratello, già il martello ti serebbe passato! Non sai che ’l pesce si vuol mangiare mentre gli è fresco? Voi inamorati, fino che sète freschi in amore, spendeti assai largamente, donando a tutti, e insino a i cani di casa; ma quando vi intepidite, chiudendo la borsa perdete la bontà. Io voglio conoscer il tempo, per non diventar di quelle che, quando hanno manco denti, hanno più bisogno di pane.

[70] FLAVIO
Non ti bisogna temer di questo, Celega, ché, se mai sarò padrone di casa mia, che sarà pur una volta, io farò...

[71] CELEGA
Intendo: tu vorresti che aspettasse la morte di tua madre.

[72] FLAVIO
Vedrai a quel’hora chi sarà Flavio.

[73] CELEGA
Aspetta anchor tu fino a quel tempo a goderti di Fiorinetta.

[74] FLAVIO
Il bello serà a poter viver tanto, ch’io non sia morto di passione.

[75] CELEGA
Eh, tu viverai di lacrime e di sospiri, come fanno tutti li inamorati.

[76] FLAVIO
Egli è troppo amaro cibo.

[77] CELEGA
Non temessi io di morir per fame, non trovando chi spendesse in tuo loco! Impara, impara a vivere, et spendi gagliardamente, ché li dinari sono fatti [C 2r] per questo!

[78] FLAVIO
E se io non havesse da spendere?

[79] CELEGA
Già ho trovato chi ha da spender per te.

[80] FLAVIO
Mo quel ch’io ti ho dato?

[81] CELEGA
Se quello che si dà una volta durasse per sempre, io sarei fora di molti pensieri, perché le cose che mi bisognano per casa mia non mi verrebbeno a mancare; ma mi fa mestier ogni giorno comprarne di novo, perché non sono come il sole o la luna, o il giorno o la notte, che non mancano mai.

[82] FLAVIO
Accetta a tempo una promessa per man di nodaro, et chiedi poi tu.

[83] CELEGA
Il fornaro, il becaio, il patron della casa non vogliono promesse, né tempo; sì che non parlar di tempo.

[84] FLAVIO
Ogni tempo si vien una volta, si dice.

[85] CELEGA
Sì, ma bisogna prima haver tempo di aspettarlo, si dice.

[86] FLAVIO
Ogni partito, ch’io ti mettesse davanti, saria scarso, ché tutto il tuo pensiero è a farmi trare.

[87] CELEGA
O bella astutia di giovane inamorato! Vòi escusar la tua avaritia col mostrar di esser accorto.

[88] FLAVIO
Io non lo dico per altro, se non perché mi par cosa assai nova esser trattato sì male da te, che non lo facevi per lo passato, anci ti contentavi di ciò ch’io faceva, e tu, et tua figliuola, et tutti di casa mi havevano caro, con danari et senza.

[89] CELEGA
Ah, simpliciotto, non sciai tu che gli uccellatori, prima che tirino la rete, lasciano adescar ben gli [C 3r] uccelli per riffarsi in tre doppie della spesa? Voi inamorati siete gli uccelli, Fiorinetta mia si è la esca, et io lo uccellatore, che mai anchora non ho voluto tirar la corda se non adesso. Sì che non te ne maravegliar più, ma trova pur li scudi et torna da capo, che serai il più caro, et più padron, e meglio veduto che mai.

[90] FLAVIO
Tu non vòi dunque manco di cinquanta scudi?

[91] CELEGA
Come manco? Non sciai tu che un quattrino meno guasterebbe il mercato?

[92] FLAVIO
Ecco, io son contento di darteli, ma con tal patto, che altro huomo che io non metta piedi dentro di quella porta, dico, per haver seco dimestichezza.

[93] CELEGA
Per satisfarti io farò castrare ciò che io havrò di maschio in casa. Et si vòi far una scritta con le conditione che tu vòi, io l’accettarò, portando però la moneta.

[94] FLAVIO
Dami almen tanto tempo, ch’io possi andar alla piazza, et pigliar questi danari benedetti.

[95] CELEGA
Tempo non ti posso promettere, perché io ho medesimamente promesso a Polidoro, quel giovane ricco che sono hormai più di sei mesi che mi prega, et sollecita per haver mia figlia. Dunque chi di voi più tosto verrà, quello harà il pallio, et l’altro la vessica. Sì che tu m’hai intesa, io vo in casa.

[96] FLAVIO
Questa porta è serrata, né preghi, né minaccie mi gioveranno ad aprirla, perché ella è porta per chi porta, ma per chi non porta, non è porta. Con quanta amaritudine de l’animo mio hora mi accorgo [C 3v] quanto possa lo haver danari, ché mi torna a mente (lasciamo star) che tutti di questa casa, quando io havevo da spendere, mi ridessero in bocca. Fino li cani, i topi mi facevano festa, et erano presti a’ miei comandamenti. Ma queste porte parevano haver occhi, che pur non durava fatica a batterle acciò che mi fussero aperte, ma non mi avicinava a loro una gittata di pietra, che si sparavano da sé medesime! Et ciò aveniva perché io havevo meco quelle benedette chiavi di oro et d’argento, alle quali non fu mai uscio alcuno, che resistesse. Ma che getto io parolle indarno? Hora a me fa bisogno ritrovar queste chiavi, et pregar, et supplicar amici et non amici, degni et non degni, et non lasciar prova, accioché io le trovi. Andarò alla piazza, et il primo viaggio ch’io faccio, voglio che sia allo hebreo.


[C 4r] Atto secondo
 
TRUFFO, VEZZO, MERCANTE et FATTORE
 

[1,1] A’ no cherzo che ’l sea el pezor famegio al mondo de quelù que ven tegnù el megiore; perqué a esser bon, el besogna esser cattivo, e con pi uno è cattivo, quelù è megiore per servire. S’a’ foesse bon mi adesso, con è sti altri famigi, a’ no sarae stò bon d’haver cattò sti dinari al me paron pìzzolo; ma per esser cattivo a’ gi son vegnù a cattare; e perzò a’ son megior de gi altri buoni.

[1,2] Mo on cancaro cateriègi mo Vezzo, l’altro famegio, (ch’a’ ’l me besogna pi adeso, que no besogné herba nuova a cavalla seca) per dirge che questù, que è vegnù co sti dinari? Que a’ no cherzo que ’l vegnesse mè tanto a hora sason temporiva, per quigi ch’ha vuogiè gi arcile, con è vegnù questù per mi. Mo eccotelo, allaffé!

[2] Dio t’aì, Vezzo fradello! A’ te ’l dirè mi, zà que te n’he negun que te ’l dige. A’ he stranuò tre botte, daspuò ch’a’ he cattò el muò di dinari per lo me paron zovenetto, né vegnanto a’ no he inscontrò femene, e el primo, ch’a’ scontrié ha lome Zane: tutti buoni segnalle que la me dê anar fatta. A’ no [C 4v] he sentio cigar zoette, né sgrolezarme drio osiegi cattivi, tanto ch’a’ spiero ch’harè pensò ben. El no me manca lomè a cattar Truffo.

[3] El me cerca mi.

[4] An ello è drio a sto cattare, mo a’ no cherzo mè que ’l la catte pi bella della mia.

[5] A’ ge vuò anare incontra.

[6] O Truffo? Potta de chi te fé, a’ t’he pi stentò a cattare ti, ch’a’ n’he stentò a cattare la noella de cattar i dinari.

[7] Te la può ben haer cattà no zà pi bella della mia.

[8] Te n’he cattò an ti una?

[9] No, a’ he habio mosche!

[10] De quanti dinari è la toa?

[11] A’ g’he tolto la mesura! De quanti ne besogna a bel ponto.

[12] La mia è megiore, qué l’è de quanti a’ vorom, e tanto pi bella, que ’l ge intraven fuogo, que è segnale de legrezza.

[13] El besognerae que ’l ge intravegnisse in mezo a fuogo qualche uno de quigi lultrii, a essere segnale compio.

[14] A’ ’l ge intraven coa agno muò, que tanto fa.

[15] La dê essere donca bella, intravegnandoge coa, perqué la coa dà piasere, com disse quî da Pallazzo, “ad utrique partio”.

[16] No, perqué a’ seron nassù alle ville, a’ no saerom mettere na noizza in letto?

[17] Sì, quî dalle città vegnirà igi a insignarnela a [D 1r] descolzare! El ge vuol altro que haere imparò assè slibrazzon grande, o dire: “A’ he stugiò diese agni”! Un buon snaturale è miegio assè, que tante luoriche e filuoriche.

[18] A’ ge zugerè mi que, revolza se i sa revuolzere, e stramissie,se i sa stramissiare, quanti libri que con sègie mi, que i no ge catterà mè la me scritta su.

[19] El ge par mo que, co i no la tuole zo de quî so libri a pelo, i no sapi far gnente.

[20] Oh, se la rua o le carte desse volta, e que nu haessam la roba e igi foesse co a’ seon nu, a’ paressam Stuòteni nu tutti, e co a’ faelessam, tutti ne scolterae per una smaravegia! Mo cossì a’ no seom ascoltè si no perqué gi ha piasere ch’a’ ge faelam cossì alla grossa.

[21] Fazze pur sti richi co i vuole, ch’i no pò fare senza nu, perqué, se nu a’ no foessam famigi, igi no serae paruni.

[22] Foesse così tutti co è sti nuostri, que per igi a’ sofrirae a far segraminti falsi!

[23] El parerae que mi ingiotisse de quî figitti da cento al marchetto: a’ zurerae e sperzurerae. Mo se i paruni è buoni, la parona vegia è ben tanto pi pezore.

[24] Mo ben, la noella che a’ he cattò, a’ la he cattò ben per ella, e con la coa, perqué la se la possa parar d’atorno.

[25] Dìmela ancuò sta noella.

[26] A’ te dirè. Sta notte in sul bel del dromire a’ vuò cazzar fuogo in ca’, e co ’l sea impigiò que ’l se cogne stentare a smorzarlo, a’ me cazzerè a cigare: “Fuogo! Fuogo!”, e man in lo portar roba fuora. A’ vo ch’a’ dagan de man sula cassa da i dinari, e bellamen dar una spenta alla vegia e buttarla sul fuogo, azzò que la no posse haer a mente a i dinari. Mo perqué a’ ’l sarae peccò a lagarla brusare e, co ’l se saesse, a’ possam esser brusè an nu, a’ m’he pensò que de tanto que ti tenderè a tuor fuora i dinari, andarè a tuor de l’aqua, mi, e sì a’ la trarè adosso alla vegia, mi, tanto que la se astoffege, e può’ a’ me trarè in lo fuogo smorzò, e sì la porterè fuora: ti tenderè a i dinari e mi a stoffegar la vegia e portarla fuora. E se a’ me brustolasse la barba e me brusasse an una massela, a’ no m’incuro. Que in dìtu de questa? N’èla spazzativa? A’ poron zurare que a’ no haon brusò la vegia, perqué la serà stoffegà.

[27] Cancaro, la fa del resto restuorio, questa! L’è una gran posta, e sì haon puoco punto. A’ vuò ch’a’ fagam la mia.

[28] Fagom quale te vuò prima, pur que la mia no romagne de fuora.

[29] Te recuòrditu quando el fattore vendé quelle vache a quel mercadante, que ’l ge romase a dare tresento liere, e ge impromesse de mandargele sto Nale agno muò?

[30] Poh, s’a’ me ’l recordo! Quelle vache que haea scomenzò a morir da mortalitè, que i le vendé per quello. [D 2r] A’ ge le agiè parare fina squaso in Terra Toesca. Sì che me l’arecordo.

[31] Mo ben, ’l ha mandò i dinari, e quelù que gi ha portè no cognosce negun de nu de ca’, se no malamen el paron grande. A’ vuogio mo ch’a’ se fazzam dar sti dinari a mi e ti per via de inzegno.

[32] Quanti dinari dìtu que gi è?

[33] N’hal ditto tresento tron?

[34] Tron, triron, don don, triton tron tron. Tresento tron.

[35] No, tron. Tresento liere.

[36] Liere liere, liliron liron liliron.

[37] Sta’ fremo, matto, ch’a’ balerom con a’ gi haverem habù, que la no ne va anchora da ballo!

[38] A’ n’in torrae un becce manco. Co hetu intendua sta cosa?

[39] A’ te dirè. Sto mercadante ch’ha porté sti dinari sì s’ha imbatù a vegnire a bevere al Volto da la Malvasia, don a’ giera andò an mi per bevere. I dise può’ de anare a dire patanuostri con se è levè! Va’ pur on te vuò, con te dê vegnir ventura, la te ven da per tutto! A’ sento che sto mercadante domanda on sta el nostro paron viegio, e dise que ’l g’ha da dare tresento liere. Besà que me fage inanzo, e sì a’ me ge proferisso de menarlo in piazza, que a’ saea don ’l iera. El me responde que ’l g’i volea dare al fattore e che quelù ge ha ordenò cussì, e sì me domanda s’a’ cognosso el fattore, e que homo ’l è. E con a’ viti que ’l no cognoscea [D 2v] el fattore, a’ me pensié de farghigi trare, e sì a’ ge dié tutte le tuò condisientie, a comuò ti è fatto, quanto grande, comuò te andasivi vestio, comuò te favellavi, agno cosa; perqué vuò che, faganto ti vista de essere el fattore, tra ti e mi fazzan tanto ch’a’ s’i fazzan dare a nu. No te basta l’animo de far da fattore?

[40] Sì, per mi farègi el fattore, mo a’ farè el desfattore per la vegia. On hetu lagò questù? Dêl vegnire?

[41] El no pò stare a spontare. Va’ in ca’ corranto, e mìtite una delle gonelle del fattore, e mi starè a spitare ch’a’ ’l vegne, e sì a’ te ’l farè vegnire in ca’. Sta’ ti a l’usso per vegnir fuora e tornar entro, quando bisognerà, e goèrnate sagondo que te sentirè ch’andarò faellando.

[42] Làgeme far a mi, no me dir altro, no insegnare a i maistri de bottega. Vuòtu que per far ben el fattore a’ te dage tri pugni?

[43] Fate pi robesto que te può. Recordate que ’l besogna che te faelli moschetto fiorentinesco, perqué a’ he ditto a quelù que ’l fattore no è de sti paesi.

[44] Te vuò ch’a’ faelle da politan romanesco? Mo no sètu che quello è el me mestiero?

[45] Muonse de gonelle, che a’ no vuò che quelù me cognossa per quelù que g’ha favelò.

[46] Tuo’. A’ me muerè tosto. Vuòtu altro?

[47] Ch’a’ te cattiessi qualche scusa d’haer da nare in qualche luogo, perqué a’ se ’l desbratiessino tosto da torno, o per poerlo menar via o che ’l ne desse i [D 3r] dinari inanzo que ’l vegnisse el fattore.

[48] A’ dirè ch’a’ vago a Vegniesia, e que ti me aspietti, e per segnale a’ te darè do bessazze in spalla, que ’l parerà que te me le vuogi portar al Portello.

[49] T’he pensò ben. Va’ via, e puòrzime le bessazze, e del resto goèrnete a muò d’un hom. El no volìa gnian star pi. Eccote a ponto quelù.

[50] Tuo’, Truffo.

[51] Chi ha el lovo in bocca, el g’è drio la copa. Quelù è qua. Sapi mo fare. El besogna que me strafazze o de faellare o de ciera, que quelù no me cognossa. A’ stage ben cossì.

[52] MERCANTE
Se colui mi ha ben insegnato, questa è la contrata dove sta quel Placido, al qual io ho da esborsar questi danari, et quella deve esser la porta della sua casa, s’io non m’inganno. Mi par così gran pazzia come possa far l’huomo pigliarsi carichi, de’ quali non si può se non perdere! Pur hora son entrato in pensiero delle cose che ponno avenire. Colui che mi diede questi danari, mi commise ch’io non dovessi darli ad altri che al fattore, che era huomo di bona fede e leale, né mi bisognava ricercarne chiarezza né scritta; et io che non conosco questo fattore, non so che mi faccia. Vorrei darli al patrone, il quale io conosco, et è huomo molto da bene; et se io gli li do, colui non si terrà satisfatto da me. S’io gli do ad uno che si dichi il fattore? So che i fattori si parteno tutto il dì da’ lor patroni; che saprò io se colui sarà quello a cui [D 3v] io havrò a darli? Et anco si fanno di molte beffe. O che alcuno si fingerà forsi il fattore? Vah, come son entrato in affanno per altri! Ma io investigerò diligentemente ogni cosa, et fatto il debito mio serò escuso. Batterò dunque alla porta.

[53] Chi sbatte a quel usso? Olà, no aldìvu, an?

[54] MERCANTE
Tu sei molto amico di queste tue porte. Io non le ho anchor tocche che tu rispondi.

[55] Vedè se ’l è el devere, seando tutti d’una ca’ e d’un paron, defenderse l’un l’altro?

[56] MERCANTE
Anzi è obligo non che devere. Ma poiché tu sei di casa, mi potrai chiarir di quello ch’io cerco.

[57] Pur que a’ sapia.

[58] MERCANTE
Vorrei prima sapere se messer Placido è in casa.

[59] El no g’è, né ge vegnerà gnan a disnare.

[60] MERCANTE
E ’l fattore?

[61] Tanto que ’l è vegnù, que ’l vuole anare a Vegnesia per una gran litia. Vî ch’a’ son asiò da portarge ste bessazze alla barca.

[62] MERCANTE
Che huomo è questo fattore?

[63] Con gi è tutti, que crê esser con crêa la mosca dal molin, che, perqué l’haea imbratò un poco la coa de farina, la crêa essere el munaro.

[64] MERCANTE
Tu non m’hai inteso. Io dimando che fogia di huomo è la sua.

[65] Maletissimo! Pensève que ’l n’è de sto paese, ’l è de la Pulitania in là oltra, el faella a muò stragnio, e sì a’ cherzo che, inanzo ch’a’ ’l foesse fattore, ’l andasea così ben a solazo con a’ fasea gnan mi co i puorci.

[66] [D 4r] MERCANTE
Tu mi rispondi pur troppo, né però a quello ch’io ti dimando. Io vorrei saper di che fattezze.

[67] Ben, mo disìme cussì: “A comuò ’l è fatto?”. ’L è bassotto per prima, un color smortaizzo, gi uogi sborrì in fuora e no fa lomè cimegare co gi uogi, le ganasse large, le cegie zonte, un pegio scuro, né guarda mè negun per lo viso.

[68] MERCANTE
Io non so dipintore che meglio mi havesse dipinto costui. Che abito è il suo?

[69] El bitta chì in questa ca’, tutti de brigà.

[70] MERCANTE
Dico come veste.

[71] El va vestio que no g’è negun che no diesse que ’l foesse un hom da ben. Mo adesso che ’l va in viazo, ’l è vestio alla curta, que ’l ha priessia da nare a Vegniesia.

[72] MERCANTE
Io ho alcuni danari da darli, et vorrei ritornar questa sera ad ogni modo ad alloggiar a Vicenza.

[73] Poh, el ve desbratterà ben tosto. A’ no viti mè homo que librasse pi presto de ello. Ègi assè dinari?

[74] MERCANTE
Trecento lire.

[75] A’ no harì vuò el sachetto, que ’l v’harà despazzò. El ne lombra tanti, que ’l se pò dire che quello è el so mestiero.

[76] MERCANTE
Vorrei che ’l patron vecchio fusse presente a questa esborsatione, che a lui solo non li darei mai.

[77] Tasì, no disì così, que se ’l lo saesse, da malbiò mi, que ’l creerae que mi a’ v’haesse consegiò; perqué a’ ge domandié dinari poco fa, e ello no me n’ha vogiù dare. No fè, per l’amor de Dio!

[78] [D 4v] MERCANTE
È egli così terribile, che tu temi tanto di lui?

[79] Tasì. Mo aldì, aldì que ’l ciga co gi altri famigi. A’ l’he indivinò a esser de fuora.
 

[80] VEZZO crida in casa.
 
Villano canagia, non fanno stima delle mie parole, co se fosseno uno bove! Faràgio come fanno lo zotto, che va per casa sempre con lo bastone in mano.

[81] Haìo sentio?

[82] MERCANTE
Che diavolo di lingua è questa?

[83] No ve disea ch’a’ n’haon mè sapù de que paese el sipia?

[84] MERCANTE
Sia di dove si voglia, parmi un huomo molto superbo.

[85] A’ no haì sentio gniente! S’a’ no ge dè sti dinari, no fo mè el pi deroinò homo! A’ pagarae qualconsa ch’a’ no foessé vegnù chialò.

[86] MERCANTE
Questa è la più nova cosa del mondo. Dunque harò a darli li denari per paura?

[87] A’ no he paura de vu, a’ he paura de mi.

[88] Ordenato che se spazano, che se carpiano ogni cosa, et non ha fatto gniente. Hanno anche ditto a colù che porta li denari del fromento che non me li dàgano a mi. Vi faranno un dì... Par che non sia patrone mi. Làssano che tornano...

[89] El ven, sentìvu?

[90] MERCANTE
Vegna a sua posta.

[91] [E 1r] No digè, ch’a’ me recomando a vu.

[92] Andarano a tuore da colune lo mio altro tabarro. Non bisogneranno mai imprestar niente.

[93] Messier Fattore, sto hom da ben ha portò dinari, e perqué el vorrae tornar sta sera a Vicenza, el ve priega ch’a’ ’l desbratè ananzo que andagè via.

[94] Non sànnolo vegnir de longo?

[95] Andè entro, andè entro.

[96] MERCANTE
Andarò, ch’io voglio pur parlar seco.

[97,1] Fè con a’ volì, pur ch’a’ no ge digè de mi. Va’ pur là, te no insirè de st’usso, que te farè de quello di sambugi, que te butterè fuora, se Vezzo è quel hom ch’a’ cherzo! A vuò ascoltare a l’usso.

[97,2] Oh, te vegna el cancaro, Vezzo, que ti è ben vezzo de quel pi bolpin! A comuò questù se inzegna a faellar moschetto, tosco, moscano, con ge dìsegi?, que ’l par che ’l sea nassù in la Lombardia! Aldi. Tasi. El fa vista de haerse desmentegò un stremento e no attendere a zò que ge dise quelù. Scolta mo. El g’ha molò na botta per far el drean, el mostra que ’l serae contento que ’l desse i dinari al vegio, perqué el no pò far tanto ello, mo el ge dise madona l’harae per male. O Vezzo, a’ t’indoro per lo primo de sto paese, s’te t’i fè dare! Mo spàzzate que, se ’l s’imbatesse a vegnire el fattore, haessan sbregò el fondo al sandolo.

[97,3] Mo al corpo del cancaro, a’ cherzo que ’l è a ponto questo que a’ vezo vegnir. ’L è ello certo! O Truffo, se mè a’ fu truffo, el besogna ch’a’ sea adesso! El m’è sorazonto ch’haea pensò agno cosa da fuora questa. E se haesse pur [E 1v] tempo da pensare, a’ ge catterae el remielio, perqué el pensare a gi huomeni è con è l’ongie e i dente e i cuorni a gi altri nemale, qué igi se deffende dal male, que può intravegnirge, con quigi, e gi huomeni se deffende col pensare.

[98] FATTORE
Non è così odiato un birro dalla città, quanto è odiato un fattor dalla famiglia, specialmente ove sia di coloro a’ quali dopo la morte del patrone si aspetta la signoria; perché egli è impossibile ubedire alla voglia di l’uno e seguir li appetiti de l’altro. Et perché ciascuno attende a contentar se medesimo, benché si faccia il suo debito, non basta, però che intende che questo far il debito non consista in altro, se non in sodisfare al loro desiderio, o bene o mal che ne segua a colui che serve.

[99] Poesse almanco far avisò Vezzo!

[100] FATTORE
Et se mai fu casa, nella quale alcun fattore dovesse riportarne odio, questa ch’io servo ne è una; e tanto più perché il governo è in man di femina, che in ogni sua operatione lascia il mezo, et sòle aplicarsi a gli estremi.

[101] Truffo, Truffo, se te no pinzi inanzo co la to bandiera, el campo è rotto, que a’ son arsaltò de drio! Madona si ha vezù quelù, e sì a’ no posso tirarlo que ’l me vuogia dare i dinari senza scritta. Pìnzite inanzo na botta, e con la to squadra dame alturio.

[102] La strenze pi de qua, que ’l fattor ven an ello e me carga adosso.

[103] Pò fare el cancaro? Vuòtu che chi se sa salvar se [E 2r] salve e ch’a’ dagon entro?

[104] No ge molon. Carga drio dal to lò, ch’a’ t’i dage rutti dal me.

[105] Tienlo a parolle pi che te può, ch’a’ pigierè volta, e sì a’ toren in mezo de qua.

[106] A’ he asiò le bombarde, que ’l no manca lomè el fuogo. Vuòtu altro, ch’a’ scoreron po per tutto, s’te tien fremo?

[107] A’ te lago, ch’a’ no g’armolerè.

[108] FATTORE
Questa è una de quelle cose che mi fanno perder la pacientia, quando ch’io veggio alcuno darsi a far cosa che non sia il suo ufficio, et quanto vi è manco atto, tanto più volervi perseverare. La vecchia patrona mia, perché ha udito dire che le sibille furono donne, pensò forse di esser una di quelle, et ha voluto pigliarsi il governo di tutta la casa, et che il marito et il figliuolo non maneggi un quattrino, dandosi ad intendere che ’l bon governo non sia fondato su altro, che sul saper tener strette le mani, et sul saper acquistar con miserie, con danno della famiglia, et con biasimo di sé medesima. Ma questa è la opinion mia, che più si guadagna col ben dare, che col mal tenere.

[109] L’è fatta, a’ no he pi paura, a’ l’he cattà, e sì a’ la posso tegnire longa e curta a me muò. A’ scomenzo.
A’ no cherzo que ’l sea consa al mondo que cressa pi, né que con pi cresce pi la piasa, con fa el piasere. Tutte le altre conse, con pi le se sparte, pi le decresce. El piasere cresce pi, perqué un solo pò haere del piasere da so posta, tanto que ’l ge fa; se gi è du, [E 2v] de quel piasere i ne po haere artanto per hom; in quattro po, no besogna faellare. A’ no vorrae mo esser solo a sto piasere.

[110] FATTORE
Non è colui Truffo, il nostro famiglio?

[111] Perqué cussì con è fatti i buò e le vache e gi aseni per slezerir le faige a gi huomeni, cossì fo fatta la compagnia, per crescere el piasere. Oh, cancaro, a’ he el gran riso! Costù da sti dinari, comuò ’l è vegnù a dare in la re senza parare!

[112] FATTORE
Deve freneticare, ch’io non vedo alcuno con cui ragioni.

[113] Se ’l s’imbattesse a vegnire qualche bon compagno, cancaro, a’ starae ben! Ah, ah, ah, ch’a’ moro da riso.

[114] FATTORE
Costui non è molto usato a ridere, gli deve esser accaduto cosa molto piacevole.

[115] No porae mo vegnire el fattore, que no è de quelle spiecie que se pensa sempre el pezo, que porae intravegnire quando se vuol fare na berta, o de quigi che, perqué i no la catta iggi la berta, i desconsegia que la no se fage. Oh, vegnésselo!

[116] FATTORE
Costui vole me, et sarò venuto a tempo. Che ci è, Truffo? Eccomi, se tu mi vòi.

[117] Oh, ventura, ventura!

[118] FATTORE
Io mi potrò chiamar dunque delli aventurati?

[119] No disì così, que i venturè è tutti menchion, perqué el no se pò essere aventurè e cima d’huomeni, que ’l mondo sarae mal partio. An, Fattore, mi a’ cherzo que le berte e le noelle, que se fa al mondo a questo e quello, fosse ordenè dal Cielo per miegio [E 3r] que pan. E vu che n’ crivu?

[120] FATTORE
Io non so a che fine tu vogli dir questo.

[121] Mo a fin perqué ’l pan ten solamen vivi e no laga morir da fame, e le berte slonga la vita; perqué le berte dà piasere, dà legrizzia, sanitè, e la sanitè vita longa, e per ella a’ vivom pi assè ch’a’ no vivon per el pan.

[122] FATTORE
Questo è certo. Ma non so anchora ciò che tu vogli inferire.

[123] A’ vuogio offerire que tutti dirae star sul far berte e noelle e beffe a questo e st’altro. Oh, le garbinelle è pur la bella consa!

[124] FATTORE
Bellissima.

[125] Mo con le se ardupia a tri e quattro duppie, le è belle in quella volta.

[126] FATTORE
Senza dubbio.

[127] Mo fare po a quigi, que se ten scaltrì da farne igi a gi altri, no èlle po bellettissime?

[128] FATTORE
Fa’ ch’io intendi hormai ciò che tu vòi dire.

[129] Mo sì, intendì. Senza de vu la no valerae gnan gniente. Tirève un puoco in qua. ’L è vegnù uno sta mattina chì in ca’, e sì g’è anche adesso, vestio que ’l pare un hom da ben, e si è miego... No, herbolato... No, indivin... No, el no in pò essere, que ’l no indivinerà la noella ch’a’ ge vogion fare. ’L è un de quisti, que vorae vivere e no far gniente.

[130] FATTORE
Deve esser astrologo.

[131] Piezo que stròlico.

[132] FATTORE
Nigromante.

[133] [E 3v] No. A’ g’hi dò a pe, que ’l fa an ello per via de libri.

[134] FATTORE
Alchimista.

[135] Que mestiero èllo quello, zà que a’ no sè la lome? Dìme zò que se ge vuòvera.

[136] FATTORE
Bozze, acque stillate, succhi di herbe, et dicono per virtù loro potersi far di rame oro, et di stagno argento, né mai se ne ritrovò alcuno ricco.

[137] Masì, el n’è de quigi tanto matti! Questù si sa cattar tresoro sotterò, sconto sotto terra.

[138] FATTORE
Io intendo, et so che si trova una certa maniera di huomini, che vanno giuntando il mondo, benché ve ne sono assai che si credeno, et hanno per certo di saper far questa arte, ma non so come si chiamino per proprio nome.

[139] A’ cherzo che ’l se dige un spiritario cattaorario o tresorario. Mo ben, questù andasea guardanto per ca’, e mi a’ me ge fago a pe, e sì a’ ge domando zò que ’l guarda. Dìselo: “A’ guardo un gran ben per sto paron de sta ca’”. A’ dige mi: “El serà bon”. Dìselo ello: “No g’è drio la stalla na corte con no so que ca’ rotte?”. Dige mi: “Le g’è”. “E lì a pe no g’è un pozzo pin de ruinazzo?”. “El g’è”, respondo mi. “A’ no he falò de gnente, donca”, dìselo ello. “De que?”, ge domando mi. “Hanno visto”, dìselo, “su la montagna de Firambia in terra de Pinossia, che in questa casa ge sono un tresoro sotterrò”. Co ’l disse cossì, dige mi infra mi: “Questù ne vuol far trare”.

[140] FATTORE
Pensasti bene, hor segui pure.

[141] “Ve bastano l’anemo”, dige mi, “che lo cavamo sto [E 4r] tresoro?”. “Madessine”, dìsselo (que ’l faella così), “ma non se pono anchora cavare che me mancano a savere no so que cose, et voraveno dar danari allo patrone, che me li salvasse fino che torno, che bisogneranno da spendere”. Dige mi co ’l dise de dar dinari: “Questù vuol trar la scardoa per pigiare el luzo. Mo laga ch’a’ ’l vuò archiapare”. Dige: “Dègi al fattore, que è pi che paron”.

[142] FATTORE
Tu respondesti benissimo.

[143] E perqué el no poesse mè tornare a redomandarve i dinari, né a vu né al paron, a’ he fatto vestir Vezzo, l’altro famegio, con delle vostre gonelle, e fàtoge muar faellare e dò intendere a quelù que ’l è ello el fattore, e sì gi he mettù a uno in ca’, que, se a’ vessé Vezzo a far el fattore, a’ morissé da riso. Mi a’ me son tolto fuora per no descroìre, que haea tanto riso, que haea paura de trare un schioppo, s’a’ stasea pi entro.

[144] FATTORE
Per mia fede, che questa è una bella beffa. I denari sonno assai?

[145] Tresento smozzanigi, vezù mi con i miè vuogi, que ’l me gi ha mostrè.

[146] FATTORE
Potriano esser falsi.

[147] False, se ’l sa falsare: el no catterà i pi falsi de mi e de Vezzo.

[148] FATTORE
Io il credo certo, se agiuntate costui, ma durerete fatica.

[149] Agno puo’ de man que me buttè, l’è fatta pi que no fo mè fatta noella.

[150] [E 4v] FATTORE
Io farò ogni cosa, et vi metterò anco i piedi, se non basta le mani.

[151] A’ no vuò altro, lomè ch’a’ confermè que Vezzo sea el fattore.

[152] FATTORE
Questa è leggier cosa da fare, pur che si trovi via che possi dirlo sì acconciamente, che colui non sospetti di me.

[153] Miegio de Talia. Hivu dinari adosso?

[154] FATTORE
Io ho una borsa con diece ducati.

[155] A’ vuogio que gi dagè senza lombrare, perqué a’ ’l para ch’a’ ve fiè, e que digè ch’a’ no volì scritta e que, co ’l torne, a’ vegnerì a fare i vuostri cunti; perqué mi de fatto a’ metterè sotto e dirè si ge gi haì dè vu, que ’l g’i puol dare an ello.

[156] FATTORE
Son contento.

[157] Mo lagème anar entro. Mo tasì. A’ sento ch’i dise de vegnir fuora. Tironse indrio, e scoltom mo.
 

[158] VEZZO, TRUFFO, MERCANTE et FATTORE
 
Questo tresoro se caverano in otto dine.

[159] Haìu sentio ch’i dise de cavare?

[160] MERCANTE
Come io vi ho detto questa mattina mille volte, io credo certo che siate di bona fede, et che ogni cosa passi per le man vostre, ma io voglio che ’l patron vechio sia presente, et voglio la sua parolla prima ch’io gli esborsi.

[161] I fatti soni staràeno freschi. Se besognasse far cussine [F 1r] sempre, no ge bisogneranno tegnir fattore!

[162] MERCANTE
Fatime questa gratia, caro fattore, andiamo fino alla piazza, et se no ’l ritroviamo, piglieremo altro espediente.

[163] No andè, messier Fattore. Tolì imprima sti dinari que v’ha portò st’hom da ben.

[164] Miracolo che non ge hanno insegnato anche a ello che vàgano a cattar lo patrone, come fano questo altro!

[165] Mi, missiere? No, no, Dio me ne guarde, no se catterà mè! Vedìo, hom da ben?, per vu a’ he de queste.

[166] FATTORE
Fattore, perch’io vi vedo andar in pressa, vi darò questi dieci ducati a bon conto, et al vostro ritorno conteremo insieme; ma ricordative di farmene creditore.

[167] Seranno fatto ogni cosa.

[168] Hom da ben, si questù g’ha dò i dinari ello, criu que ’l sea na biestia? No ge saìu dare an vu i vuostri e no me far voler mal a mi?

[169] MERCANTE
Parole.

[170] Mo le parole fa piezo ca i sponton tal botta! Que criu que sea despresiar un homo? El parerae ch’a’ foessan giotton nu, a no ve fiare.

[171] Tàseno là!

[172] A’ no posso tasere, a’ no soffrirè mè que vu, ch’a’ sì pi ca paron, siè tratò a sto muò. Fattor, Fattore, no vegnì, lagène andar a nu.

[173] MERCANTE
Tu sei turbato meco, et non hai ragione di turbarti.

[174] Chi no se turbierae, quando me ne fa sì come no vì po sì a ello?

[175] [F 1v] MERCANTE
Che hai tu detto?

[176] Mesì, ditto. Donca con se ne mi si po ne fossi che no mi la fina cosse né a sto muò.

[177] MERCANTE
Parla ch’io t’intenda, che ti risponderò.

[178] Moa, andè là, a’ g’andaron pure in piazza.

[179] FATTORE
Se ’l si usasse al mondo far paragone de gl’huomeni, come si fanno delle leghe de argenti et ori, o che ciascuno fosse signato della sua valuta come sono le monete, quanti sono tra noi stimati de gran prezzo, che a fatica troverebbeno chi li ricogliesse del fango, se per aventura vi fosseno caduti! Chi non haveria pensato costui, con quella barba lunga, con quella presentia bella, con quella voce tonante valere un stato? Et hassi lasciato uccellare da uccellacci maggiori di lui! Hor vada, che forsi pagherà hoggi parte delle barrerie, che egli ha fatte ad altrui. Io vo in casa.


[F 2r] Atto terzo
 
FORBINO, CELEGA, FIORINETTA, TRUFFO, VEZZO, FLAVIO
 

[1] CELEGA
Io vorrei saper se tu saprai così ben dire, come io t’ho insignato.

[2] FORBINO
Io dirò anchor meglio.

[3] CELEGA
Tienti a mente, sopra il tutto, di non mostrar che tu sii andato per questo.

[4] FORBINO
Questo mi havete detto et ridetto tante volte, che, s’io fossi un papagallo, me ’l teneria a mente, et saprei farlo.

[5] CELEGA
In che modo incomincierai? Fa’ un poco qui.

[6] FORBINO
Quando io sarò dinanzi a messer Polidoro, io el farò allhora, et non qui.

[7] CELEGA
Tu non te ne recordi, et però non vòi.

[8] FORBINO
Vadane un pegno.

[9] CELEGA
Ah, tristarello, tu non sai anchora quante dita hai nelle mani, et vòi contender meco! Fa’, quando ch’io creda che tu parli cum messer Polidoro, che tu sii tornato a casa. E dove torni tu?

[10] FORBINO
Torno per esser in casa, quando pensarete ch’io sia a parlar con messer Polidoro.

[11,1] CELEGA
Ah, giottarello, tu burli? Va’ via tosto.

[11,2] Fiorinetta? O Fiorinetta, odi tu? Vien qui a basso, che tu sei dimandata.

[11,3] Ti sei posto a giuocare, furfantello? Lascia, lascia. [F 2v] Va’, nella malhora, e torna tosto.

[12] FORBINO
Cancar vi vengi, vacche! “Torna tosto, torna tosto”. Vorrei che questo “torna tosto” fosse un tossico, poi che non havete mai altro in bocca. Io tornerò tosto, acciocché mi possiate rimandar hoggi cento volte alla piazza, alla spicieria o da l’hebreo, per acqua di pigna, per sullimato, o per biaca, o per pezze rosse, come fate sempre. Che vi vengi il morbo! S’io vengo mai grande...
 

[13] FIORINETTA e CELEGA
 
FIORINETTA
Chi mi dimanda, madre?

[14] CELEGA
Tu hai pur voluto per mio dispetto lasciar venir anchor Flavio in casa per l’uscio de l’horto. Io non ti ho voluto dir niente alla sua presentia, ma dimmi adesso: è possibile che tu non vogli credere alle mie parole? Tu sai pur ch’io ti dico sempre il vero, che la prima volta che tu dormisti con Flavio, perché tu non havevi mai più dormito con alcuno, et havevi tanta paura, e credevi che ’l fusse sì gran cosa dormir con uno homo, et io ti confortai che non temessi, che la mattina te ne troveresti contenta. Et così fu, non è vero?

[15] FIORINETTA
Io il so, et è più che certo, madre mia.

[16] CELEGA
Dunque perché non mi credi tu anchora, che se tu il lassi venir in casa, hora che egli non ha modo di spendere, che ’l serà la tua ruina?

[17] FIORINETTA
Perché non posso lasciarlo così tosto, ché havendoli [F 3r] voluto bene saria bisogno ch’io gli volessi male a lasciarlo, et non si pò voler bene et male a un tempo; come chi volesse far ch’io non vi amasse come madre, saria impossibile.

[18] CELEGA
Stiamo bene se vòi metter l’amore, che ti porta tua madre, con quello di uno inamorato; ch’io torrei, accioché tu diventassi gran donna, andar vestita, et calciata, a casa del Diavolo, et questo tuo inamorato non torria andar discalzo in piazza; perché tutto lo amor, che tu credi ch’egli ti porti, egli lo porta al piacer che pò pigliar di te, non a te. Il mio tutto è al contrario.

[19] FIORINETTA
Gettaria egli tante lacrime, tanti sospiri? Né faria tanti sacramenti, non mi amando, e tante promesse?

[20] CELEGA
Le lacrime e i sospiri son segni leggieri di amore. Li sacramenti son sempre fra li denti de gli amanti, e le promesse non si vedeno mai. Io non vidi mai spender né lacrime, né sospiri, né sacramenti, et chi non dà di quello che si spende, non ama di cuore. Tu vòi esser di Flavio solo, a lui solo compiacere, che egli solo ti goda. Questo, figliuola mia, è cosa da gentildonna, contentarsi di un homo solo, non da te, che sei come le fortezze, che han bisogno di molti huomeni.

[21] FIORINETTA
Se egli mi ha fatto del bene per lo passato, debbo io essergli ingrata?

[22] CELEGA
Il fatto è riputato per nulla, non facendo più. Chi ti ha fatto e fa meglio di me? Et già me ne rendi mal merito, facendo tutto il contrario di quello [F 3v] ch’io ti comando. Ma poniamo un poco che Flavio ti porti amore. Credi tu forsi che le cose stiano sempre in un stato? Tu sei ingannata, ché tosto che tu comincierai a mutar viso, egli muterà pensiero.

[23] FIORINETTA
Di questo non temerò mai.

[24] CELEGA
A punto, a punto: quello, di che non si teme, intravien più tosto, che non fa quello, di che si teme. Vien qua. Che cosa manca a messer Polidoro di quelle cose, che a gentil giovane si apartengono?

[25] FIORINETTA
Egli è brutto, sgratiato, né mai vidi la peggior aria di huomo.

[26] CELEGA
Egli è ben tanto ricco, che cuopre ogni diffetto; né si trova il più brutto, o il più sgratiato, che colui, che è senza danari.

[27] FIORINETTA
Egli ha il mal francese.

[28] CELEGA
Ah, grama, come si vede un povero giovane un poco pallido in faccia, e con una graffiatura sopra una gamba, o con una doglietta nelle braccia, tosto si dice: “Egli ha il mal francese”! Ma poniamo che egli lo havesse. Dimmi una delle pari a te che sia senza; e pur di quelle, che son più lisciate, et che fanno maggior guadagno! Cui vol tirar la rete se non alli uccelli grassi, tardi empie il sacco.

[29] FIORINETTA
Anco tal’hora si tira la rete a qualche tristo, che fa fuggire i boni.

[30] CELEGA
Non potrò trovar tanti canestri che tu non vi attrovi tanti manichi. Io ti ’l dirò in una sola parola: se tu vorrai far a tuo modo, tu serai sempre una [F 4r] povera sciagurata; ma se vorrai credere alle mie parole, tu serai tosto ricca e gran donna.

[31] FIORINETTA
Oh, Dio il faccia!

[32] CELEGA
Dio no ’l farà, se tu prima no ’l farai. Vedi tu la Nina, che soleva andar scalcia e stracciata per le taverne, et per altri luochi dishonesti, che hora ha tante veste di seta, tante collane, tanti servi, per ubedire a chi la consigliava bene?

[33] FIORINETTA
Siate contenta almanco che egli venghi qualche volta a vedermi, et ragionar meco.

[34] CELEGA
Ah, fanciulletta sciocca, tu non conosci il tuo male, ché, come si saprà che tu accarezzi chi non ha da darti, tutti terranno strette le mani, perché tutto il ponto di noi altre sta nella concorrenza. Non ti ho dimostrato cento volte ciò che tu hai a fare? Se alcuno ti farà qualche presente, o di collana, o di anello o di altro, mostrandolo a ciascuno, acchioché colui, per non esser inferiore a chi ti haverà donato, si sforci di superarlo con uno altro presente di maggior valore; e saper far bon viso a ciascuno, intertenerte con tutti, et mostrare che tu porti amore a tutti.

[35] FIORINETTA
Volete ch’io voglia bene a tutti, come voglio a Flavio?

[36] CELEGA
Anci non voglio che tu ami alcuno, ma che tu fingi di amare.

[37] FIORINETTA
Madre mia, questa saria una vita troppo aspera, ch’io non potrei mai far il contrario di quello ch’io havessi nello animo. Io penso che sia molto meglio [F 4v] l’esser maritata.

[38] CELEGA
Se tu farai al modo mio, non dormirai mai una notte sola, ché le maritate non possono far così.

[39] FIORINETTA
A me pare, madre, che l’esser maritata sia più bella vita che questa, che mi dimostrate ch’io tenga.

[40] CELEGA
Va’ in casa, va’, che, se tu sapessi che cosa è l’esser ristretta sotto il voler di un huomo, non te ne verria mai voglia. Va’, manda fuori colui di casa, che io no ’l voglio per niente. Et racconciati il capo, che non pò tardar a venir messer Polidoro.
 

[41] TRUFFO e VEZZO
 
Hetu mè vezù, Vezzo, quando ’l è da carnevale, que in Palazzo i fa quelle fiobole, que i ge dise comielie, que ’l g’intravien quî famigi, que i gi fa faellare in lengua mosca?

[42] Sì, quigi que i g’ha mettù quî lome stragni: Chiroffolino, Pirampantino, Corifilantipo. Sì, ch’a’ gi he vezù, cancaro i magne!

[43] Mo te me ge somegiavi purpio spuò in lo viso, quando te faellavi cun quelù, ch’a’ g’haon fatto trar i dinari.

[44] A’ critti ben, con a’ viti madona que la ’l vete in ca’, e que ’l no m’i volea dare, se ’l no haea scritto dal so lò, e que a’ te sentî dire que ’l vegnea el fattore, que haessan spandù la latte.

[45] Ma a’ pettié de fatto el scuellotto sotto la mia, quando a’ cattié que colù giera un cattaorio sottoterrorio; [G 1r] e po alla toa, de farte dar i dinari senza scritta, quando a’ te fié dar quigi al fattore!

[46] A’ no fu miga gnan mi prego a cattar la inchioaura per la vegia, quando la vette el mercadante in ca’.

[47] Que cattiéstu da darge d’intendere?

[48] A’ ge disse que ’l iera un arcombietto.

[49] Que cancaro de mestiero è quello? O’ ’l cattiéstu?

[50] Que cancaro sègi mi? Un arcombietto è de quî ch’è miegio que murari, que va faganto frabiche. A’ ge dissi alla vegia que ’l iera vegnù a vêr la ca’ per mesurar no sè que colmiegi. Mo no fo bella quell’altra, quando a’ vini fuora [a] dir ch’a’ cattarè tresoro?

[51] Poh, no dire, que te vegnissi pure a prepuosito.

[52] Sètu perqué? A’ se confazzon de snaturalitè.

[53] L’è vera, e per zò, si i dinari corresse pi que no fé mè lievore, a’ i pigiessan ti e mi pur que g’a’ possam mettere el naso drio.

[54] Sì, perqué a’ seon con è du brachi, que se sieguita: se mi a’ borro, ti [te] pari; se a’ treborro, te redrizzi.

[55] El ge serà mo de quigi que dirà que ’l è fuora del snaturale que villani sapie far trar dinari a quigi da le cittè, e que ’l è strafatto questo. Mo fatto sta que l’è differientia da villani a villani: a’ seon villani cima-d’-huomeni, e no villani menchion.

[56] I dise cossì, perqué a’ faellon cossì alla gruossa. A’ no darae la me lengua, così gruossa, per cento delle suò sottile.

[57] A’ cherzo que tutte le lengue sea lengue, e que con [G 1v] la mia lengua a’ ge sarae così ben dire co igi, che ’l cancaro i magne, con i sarae dirlo igi a un altro.

[58] Deh, cancaro i magne, a ponto! Lagonla andare. Quanti dinari hetu in tutto, Truffo?

[59] A’ he tresento liere del mercadante, e po quigi que te dié el fattore. Le tresento liere va al paron zovenetto, per darle alla putta, i suò a’ i darom indrio al fattore. El sarae ben da farge la noella da fargi trare, mo a’ no vuò ch’a’ mettan tanta carne a fuogo.

[60] Hetu paura ch’a’ no la fazzan bogire e cuosere? El me mancarà legne! Guarda pur s’te n’he vuogia.

[61] Cancaro, dagonge pure i suò dinari, e le tresento liere alla putta!

[62] Cancaro, gi è assè dinari da dare a na vaca per zovego d’un anno!

[63] Gi è vegnù de vache, e si tornerà in vache. Con dise i preve: “Da terra insire e da terra revertere”. Cancaro, co ’l paron fo presto a confremare que te gieri el fattore! ’L è stò contento de sto trar de sti dinari per contentar so figiuolo; e per contentarse an ello, que ’l vegnerà an ello dalla putta, e sì se ’n farà vegnir qualcun’altra da poer picegare e mordegare. No possando far altro, el starà in legracion.

[64] ’L haverà an rason, qué la tribulation el l’ha sempre in ca’. An nu pigiaron qualche piaseretto, in sta ca’, tutto st’anno.

[65] El g’è na massaruola, que, se te vuò, a muò i mantese di faveri... El sta a ti, da buoni compagni.

[66] [G 2r] Degratiario e degratiaretissimo! O mantesi o martiegi, con te vuò.

[67] No stagon in parole e que colù dalla putta portesse i dinari inanzo de nu, que a’ cantessam po su la via la canzon que dise: “Que fu sarò de fuora”.

[68] Végi a punto su l’usso, el nostro paron e ella. Oh, se l’haesse un campanello al collo, an, Truffo?

[69] Tironse chì de drio, e ascoltongi, se quelù foesse andò in ca’ e que ello fosse el pento de fuora.

[70] Scoltom.
 

[71] FLAVIO, FIORINETTA, VEZZO, TRUFFO
 
FLAVIO
Perché non mi lasci tu andar, cuor mio? Perché mi ritien tu? Per prolongare la mia pena?

[72] FIORINETTA
Vòi tu ch’io lascia partir da me l’anima mia così tosto?

[73] FLAVIO
Ella rimarrà teco, che sei l’albergo de tutti i suoi piaceri. Rimanti con Dio.

[74] FIORINETTA
Come potrò rimaner con Dio, che non ho altro dio che Flavio?

[75] FLAVIO
La fortuna e tua madre vogliono pur così.

[76] FIORINETTA
Sopra la fortuna non potrò vendicarmi, ma io ne farò anchor pianger mia madre di questo.

[77] FLAVIO
Quando quel tuo nuovo amante ti verrà avanti con tanti scudi, tu muterai tosto parere.

[78] A’ seom franchi: colù no è anchora vegnù con i dinari.

[79] [G 2v] A’ he intendù: el serà lin tardivo, que no farà somenza. Tasi, scoltom zò que la dirà ella.

[80] FIORINETTA
Ah, Flavio, non mi dire. Perché di’ tu così? Sappi che tutto l’oro del mondo non è bastante di mutarmi mai di parere, ché io non ho il cor da vendere, come le merci che sono in piazza; et se l’amor ch’io ti porto non serà buono per farmi perseverare in quello che io ho già deliberato di fare, lo sdegno di mia madre il farà, ché, volendomi ella privar di te, che sei la cosa che io più amo al mondo, né ella si allegrerà di possedermi longamente, o che io me gli torrò dinanzi attossicandomi, dandomi d’un coltello nel cuore, o in altro modo togliendomi la vita.

[81] Ch’in critu de sto morire, Truffo?

[82] A’ no ge n’he mè vezù morir negun de sti inamorè, e sì no g’è zente que faelle pi de morire de igi. Tamentre a’ cherzo ben sta mattezzoletta se lagé strenzer d’amore, perché, se ben le è use a sbertezare sempre mè, le se pigia po na botta da seno an elle, crezando sbertezare, e sì no gh’è po crezù.

[83] A’ no ’l creerè mè pi, perqué a’ cherzo que no le attenda al subiare; qué le no ha pi amore con ha un pianton seco, que no è lomè bon da fuogo.

[84] FLAVIO
Vivi pur, vita mia, che tu hai cagion di vivere, e lascia morir a questo infelice e misero, che rimanendo privo di te, rimarrà privo di quanto bene, di quanto contento si possi desiderare. A te non mancheranno diletti et piaceri per vivere.

[85] [G 3r] FIORINETTA
Vòi tu ch’io viva, se la vita mia senza di te mi serà peggio che morte? Dimmi, qual diletto serà diletto senza il mio Flavio? Qual gioia mi serà gioia? Qual piacer piacer senza di te?

[86] FLAVIO
Se morendo non morisse meco quella speranza di vederti mai più, che è il maggior bene che io habbia, sappi, cuor mio, che non morì mai huomo più lieto di me, potendomi gloriar di morire per amor della più bella giovane che mai creasse natura.

[87] FIORINETTA
Se mai rimarrò viva doppo’ di te, Flavio, sappi che tanto serà amara, et piena di tormenti la mia vita, che la morte mi pareria uno de’ maggior diletti del mondo; ma perché non seria conveniente, perdendo te, ch’io provassi alcuno altro diletto, io mi sforzerò di vivere, accioché la tormentata vita mia duri sì longamente, che con la sua pena paghi la morte di un sì caro, et leggiadro amante, qual sei tu.

[88] Oh, que parolette immelè sora immelè! Sìntitu quel ch’a’ sento mi? E’ son a muò moesto, con se haesse magnò fìrtole d’herbe incendose con miele de sora via. A’ me sento a muò sgrìsole da peccò que i me fa.

[89] Sì, con se t’haissi el culo int’un cain de latte que te scotesse.

[90] Oh, poveritti, cancaro i magne! Se a’ n’haessan i dinari, a’ no porae soffrire ch’a’ no me demostresse.

[91] Tasi, ch’a’ vuò ch’a’ g’i fazzan saer buoni, inanzo ch’a’ g’i dagan. A’ me vage pensanto na filatuoria [G 3v] longa. Mo sì, besogna che te m’aìdi an ti.

[92] Laga far pur a mi. Cìgname pur, a’ sarò là. Tasom mo.

[93] FIORINETTA
Deh, Flavio, fa’ il più piatoso offitio, che alcun altro facesse già mai: levati quella spada da canto, e passami con essa il core, che è ben ragione, se questa vita non mi è cara per altro che per te, che sei il suo bene, che morendo tu te la porti con esso teco.

[94] FLAVIO
Ahi, signora mia, più tosto piacesse a Dio ch’io potessi aggiunger del mio vivere al tuo, ché volentieri in tua presentia mi levarei questa vita, che mai fu la meglio spesa di lei, spendendola in tuo servitio.

[95] FIORINETTA
Giungendo la tua bocca a la mia, mi aggiungerai vita.

[96] FLAVIO
Ah, bocca dolce! Sia maledetto chi...

[97] FIORINETTA
Stringi la tua Fiorinetta, il mio Flavio. Ah, voglia Dio che così abbracciati siamo portati alla sepoltura! Flavio, i’ mi sento mancare. Aiutami.

[98] A’ cherzo que l’è strangossà. Cassì ch’a’ ge cogneremo pissar in lo volto, zà que n’haon altra aqua ruosa.

[99] Pur ch’a’ no scognam brusar le nostre scarpe per farge tornare la mare a suò luogo, que la ge dê esser moesta.

[100] FLAVIO
Dimmi, Fiorinetta mia cara, è questo segno de l’amor che tu dici di portarmi, volendo morir inanzi di me? Hor apri questi occhi amorosi, e non mi tener chiuso il lume de la mia vita. Era egli assai dover piangere la mia propria disaventura, senza che tu vi aggiungessi la tua. Fiorinetta? Tu [G 4r] non rispondi al tuo Flavio. Movi, anima mia, queste soavissime labra a parlarmi.

[101] Mo cancaro, la va da seno! Coron, Truffo.

[102] Mìttite a cigar ch’a’ i ne senta.

[103] No fè! No fè!

[104] Tegnìla viva, ch’haom portò i dinari.

[105] FLAVIO
Gli havete certo?

[106] A’ gi haom certuorio, que è pi che certo.

[107] FLAVIO
Anima mia, non habbiamo più cagion di attristarsi. Odi tu costoro che hanno portato li dinari?

[108] FIORINETTA
Ahimè, dove son io?

[109] FLAVIO
Nelle braccia del tuo Flavio.

[110] Cancaro, i dinari ha megior saore che aqua o que aseo! A’ no ge n’haon anchora sbruffò in lo viso, que la sé ressentia de fatto.

[111] FIORINETTA
Flavio, che non mi lassavi tu morire, ch’io moriva contenta morendoti nelle braccia?

[112] A’ sessé ruinà del mondo con foessé morta! E adesso ch’haon portò i dinari, a’ sessé po grama.

[113] FLAVIO
Confortati, vita mia, che al dispetto della fortuna nimica si goderemo più che mai. Chi ha i dinari di voi me li dia.

[114] A’ gi he mi i dinari, ma inanzo ch’a’ v’i dage abesogna na segurtè, que se mè vegnisse que ’l foesse cattò, que ’l se cattasse che mi a’ no poesse essere, né negun de miè antessore.

[115] El dise vera, perqué el g’è la leza que “zente que consente, para in pena punia”.

[116] FLAVIO
Non gli manda mio padre questi dinari?

[117] [G 4v] Maessì, vostro pare! No saì s’a’ ’l n’ha? I ven, sti dinari, per regramantia de Malacisa fina de sotto terra. Mo a’ v’i vuò ben dare.

[118] FIORINETTA
A che tardate tanto?

[119] Mo a’ no v’i posso dare ancuò, a’ v’i darè fuorsi doman.

[120] FIORINETTA
Ohimè, ch’io ho pur paura che non serai giunto a tempo!

[121] FLAVIO
Non parlar di dimane, che un momento che passi son morto.

[122] No i volìvu dare a so mare, e dargegi adesso?

[123] FLAVIO
Sì.

[124] Mo lagè, que Truffo vegnerà in ca’, e sì starà ancuò e doman, e an tri dì, se ’l besognerà, e sì tegnerà ello sempre i dinari adosso. Agno muò tanto ge farà a vostra mare, intendìvu? I dinari serà in ca’ vostra na botta.

[125] FIORINETTA
Ella non si contenterà mai fin che non gli habbia in mano per spenderli.

[126] FLAVIO
Tu non sai. Non intendi tu quanto ci sia bisogno di haverli al presente?

[127] Mo aldì, a’ ve dirè la cosa, e se a’ cattè ch’a’ v’i possa dare, a’ v’i darè; s’a’ no cattè, a’ no v’i darè.

[128] FLAVIO
Tu vòi dire che hai fatta una barreria a mia madre, o giuntato il fattore; ma di questo vivi sicuro che mai non te ne verrà male.

[129] No, cancaro, l’è piezo, questa!

[130] FLAVIO
Già haveresti finito di dire. Credo che tu ti pigli piacere di tenermi in longo.

[131] [H 1r] A’ ve desbratterè in do parole. Saìo l’altro dì, quando a’ vini da Moncelese in barca?

[132] FLAVIO
Io il so.

[133] A’ giera sentò a pe d’una vegia, ch’haea na bella putta con ella, e quando fo l’hora del magnare, que tutti magnava, a’ mittî man an mi al me carniero, e sì a’ tussi fuora pan e fromagio, e de fatto da bon compagno a’ ’l pettié in man alla putta, e sì ge dige: “E an vu, mare, ch’a’ pagerè mi el vin e la barca e agno consa”. E sì, con a’ v’he scomenzò a dire...

[134] Te no ge dì que la putta haea paura a tuorlo in man, se so mare no ge disea: “Tuòlo”, perqué ’l iera massa gran piezzo?

[135] FLAVIO
Questo non mi importa saper. Siegui.

[136] Agième, compare, s’a’ me desmentegasse qualconsa. Orbéntena, con a’ ve dige dire, con la vegia me vête così bon compagno, dìsela: “A’ te vuò fare an ti un servisio, figiuolo. El fo na certa vegia, rica, con chi stasea sta putta, che è mia figiuola, e con la morì, la ge lagè cinquanta ducati per lo so mariare, con sto patto, que i foesse dè a so mario. A’ vuogio mo”, dìsela, “que te viegni con mi da i rièditi, e que te digi que te sì so mario, fina que haon habù i dinari, que a’ te farè un bel presente”. Bessà que mi cettié el partio.

[137] Te ge lagi. No mostràvito d’haer paura fina che ti intiendissi chi giera quelloro que tocava dar i dinari? E con ti intiendissi que i no te cognoscirave, te citiessi el partio po?

[138] [H 1v] FLAVIO
Non lo interromper di gratia!

[139] FIORINETTA
Sì, per Dio, che questa è pur troppo longa diceria.

[140] Aldi. Tasi. Andagon a ca’ de quelloro, sbatton a l’usso. Con a’ seon su, agnon fo de fatto in cerca a sta putta: “Con stètu, Trese? Con vala, Trese?” (que la putta haea lome cossì) “Iètu marià, Trese?” “Sì”, dise la vegia, “a’ l’he marià, e questo è so mario”, e me gie mostra mi. Bessà que de fatto tutti m’haea gi vuogi adosso, e chi in disea una, chi ’n disea n’altra, chi stimava a na via, chi stimava a n’altra, chi me disea un laldo, chi me disea na menda, e mi saldo, fremo.

[141] FIORINETTA
Io credo certo di morire inanci ch’io ne senta la fine.

[142] FLAVIO
Finissi tosto, di gratia.

[143] I dise vero: compi! Dige a che muò te fasivi a no mostrar que t’ascoltiessi, que te fasivi vista de anar guardando quelle depenture. Mo per compire tosto, vegnon al magnare.

[144] Magnare. Con havi cenò, a’ no m’harissi cattò na rapa su la panza o una bassa al mondo. Tutti disea: “Fè honore al noizzo. Dè da magnare al noizzo. Dage un scugin de sossa, dàgene du de peverà. Magna sta piegna de ruffioli, magna sto tagiero de torta”. E mi a’ magnava. I paron de ca’, que giera zovenatti con a’ sì mo vu, con haìssino cenò, i vosse que ’l se ballesse, e man balla, salta, dai, toca, martella, e noelle, e tira via!

[145] Mo dige que te gieri tanto passù, que te andasivi trombezando col culo, que te sonavi un de quî [H 2r] sonaore da Vegniesia, que se cazza quelle pive de laton tanto in gola, entro e fuora, e que te n’harissi possù trare un siolo, chi t’haesse dò un tron, sì pettezàvitu e sberlàvitu la bocca.

[146] FLAVIO
Queste tue son pur cose che non montano nulla. Lascial venire a capo hoggimai.

[147] Làgeme dire. E sì inanzo que andagan a dromire, i me lombrà i dinari a mi in persona, e me domandé po se haea mè dromio con la noizza. Que harissi resposo vu? A’ dissi de no, per no dir bosia. Bessà que tutti scomenzà a cigare: “A’ vogion que te ge druomi sta sera! A’ vogion que te ge druomi sta sera! Que ’l ge droma! Que ’l ge droma!”.

[148] Te fali. Quando la vegia volea ella tirare i marchitti, e sì te spontignava que te no i tolissi, e ti pian pian te disivi que, se la no t’i lagava tuore, te descrovirissi agno consa, e infra de ti te disivi: “Qualche menchion t’i lagerae tuor, vegia!”.

[149] Te dì vera. I me dà tanta priessia que i me fa fallare de pur assè. A’ tornarè a scomenzare.

[150] FIORINETTA
Ohimè, che ti sento dire?

[151] FLAVIO
Ah, Truffo, compi di gratia!

[152] Va’ drio, va’ drio, mo no ge lagar le belle!

[153] FLAVIO
Tutte son belle, ma il finir presto importa assai più di quello che tu ti pensi.

[154] Messier si, a’ disì vera. I me pense ben sì, que i me pense mi e la putta int’una camara; e mi, con a’ fu entro, a’ passié l’usso de fatto.

[155] Mo que fé la vegia perqué te no ge dromissi? [H 2v] Que la cigava: “Lagèmela far benire al preve, e que ’l la spuose in giesia!”. Mo la possé dire, an?

[156] Mo bella, aldì pure. In quello ch’a’ dige: “Descolzete, Trese, e va’ in letto, che mi a’ romagnerè a smorzar la lume”, a’ senton scorlar la lettiera, el cainile e le caene, e man può’ a’ senton cigare: “Meserecuordia! Meserecuordia! Fuora, fuora! El terramuoto!”. E mi fuora e zo per la scala e su la via. Con a’ me vête su la via al scuro con i dinari in sen, mo dige: “Gi è miegio que putte, quisti!”, e man via per sotto quî puortegi, que ’l parea ch’haesse i zaffi drio. E sì portié i marchitti in qua, e quisti è i dinari, e questa è la noella.

[157] FIORINETTA
Questa mi simiglia una comedia.

[158] FLAVIO
Non vòi tu donque servirmi da questi dinari?

[159] Sì, mo con harì cattò muò que mi no vage a prìgolo, a’ v’i darè.

[160] FLAVIO
Non ti curare, che, se mai si scoprirà questo, con amici, con lettere di favore a’ giudici, ti prometto di liberarti, et obligarmi alla restitutione.

[161] A’ no ve poì ubigare, que sì figiuolo de pare. Aspittè fina a doman, que a’ saverè se a’ v’i porè dare entro o fuora.

[162] FIORINETTA
Ohimè, fino a dimane? Chi serà viva dimane, se Polidoro non pò stare a portar i danari a mia madre? Ah, caro Truffo, non esser cagione che uno tanto amore si separi. Occorrendo cosa niuna, io ti terrò ascosto nella mia camera, et dormirai nel mio letto, fina tanto che Flavio cercherà di [H 3r] assetar la cosa in Palazzo, o dove bisognerà.

[163] FLAVIO
Se tu non mi vòi dar questi denari, prestami al meno un marcello.

[164] Mal ontiera a’ i desparegio, mo tamentre a’ ve ’l darè. Que in volìu fare?

[165] FLAVIO
Comprarmi un laccio, et appiccarmi.

[166] Mo chi me renderà po el marcello? A’ volì po ch’a’ me fie de vu!

[167] A’ vuò ch’a’ v’apicchè al collo a sta putta e que di brazzi a’ fazzè lazzo. Aldi, Truffo, g’he cattò mi que te g’i può dare seguramentre.

[168] A’ son contento.

[169] Te fìitu de mi?

[170] A’ me strafio.

[171] Dage i dinari, e se quelloro te catterà, a’ dirè mi que serè quelù que gi haverà habù, e que a’ vuogio an la putta per mogiere. Te saltarè su ti e dirè que te gi he bu ti, e que te vuò la putta ti. Mi a l’incontrario a’ dirè que te dì de haver habio i dinari per haer la putta, e que la vo mi; e ti dirè que te la vo ti, e mi ch’a’ la vo mi. Tanto que mi con sto mi, e ti con sto ti, e ti e mi, e mi e ti, a’ ge la inroegeron que i no sarà a chi darla, né da chi farse dar i dinari; e a sto muò te serè solto.

[172] T’he pensò ben. Te vuò ch’a’ fazzam con fé na volta i Minigi, que uno disea que ’l iera ello e l’altro que ello giera l’altro, tanto che quelloro no saea que fare.

[173] FLAVIO
Non si poteva pensar meglio.

[174] FIORINETTA
Sì, così Dio mi aiuti.

[175] [H 3v] FLAVIO
Chiama dunque tua madre, Fiorinetta, che li numereremo li denari.

[176] Vostro pare dise ch’a’ fazzè asiare un bon disnare, que ’l vuol vegnire an ello sta mattina a bevere con vu.

[177] FLAVIO
Sia il molto ben venuto. Mo andiamo tosto, accioché tu possi andar per lui.

[178] El no vuole esser vezù. El vegnerà per l’altro usso, e sì vegnerà senza negun drio, perqué el no ge sea dò gniente.

[179] FLAVIO
Entriamo.

[180] Andom entro, Vezzo.


Atto quarto
 
TRUFFO, LORON, FORBINO, POLIDORO, NODARO, BETTIA, VEZZO, PLACIDO, FLAVIO, ROSPINA
 

[1,1] Orbéntena, a’ crezo que i dinari sea el primo e ’l megior lemento snaturale que sea. A’ guardo in sta ca’ de ste femene: el ge giera aqua, sole, fuogo, terra e vento, e perqué no ge iera dinari, tutti parea muorti a muò malaizzi, de mala vuogia. Mo co ’l g’è intrò sti dinari, gi ha parso [H 4r] gambe de mégio strangossè dal seco, e [che] questi dinari sea stò na pioza: tutti ha scomenzò a levar el cao, con gi ha sentù de sti dinari. Inchina i cuoffani e le crenze [e] gi armari è tornè vivi, alliegri! Tutti va saltando adesso per ca’, tutti balla, e chi paregia dischi, chi lava mogioli, chi fa na cosa, ch’in fa n’altra, miegio que se ge fesse nozze. I parea gazzolati que aspittesse la imbecà, e mi e Vezzo, fa’ conto, a’ seon stò le gazzuole, que ge l’ha portà. Mo ’l no ge volea miga manco de nu, qué se uno è stò cao de cattargi, l’altro è stò coa d’havergi.

[1,2] Mo chi è sto grande raore, que ven così con sti passi curti da bissa scoara? Oh, ’l è Loron, quelù che ge sa così bon magnare! El pàtriga forte con messier Polidoro, que dêa vegnire a tuor la putta, que ha habù el me paron. El dê vegnir per questo, mo el serà stò prego. A’ ’l vuogio spittare, e darge qualche schiona.
 

[2] LORON e TRUFFO
 
A’ seon tutti huomeni, mo l’è gran deffierintia da huomeni a huomeni. Quanto vale pi un sacento scaltrio, que no fa un gruosso menchion? Poh, assè. E sti villani, que no sa mo sta defferientia da homo a homo, se smaravegia a comuò a’ viva così senza laorare, ben vestio, miegio calzò, senza faigarme; e igi, que se stenta per no stentare, sempre mè stenta.

[3] [H 4v] La t’andarà ben, s’te serè del parentò di Duriegi!

[4] Mi, tutti me fa carezze, chi me mena a disnare, chi me mena a cena, chi dise: “Tuo’ sto boccon”, chi dise: “Bivi na botta”. No he neguna ca’ que sea mia, e sì a’ le he tutte, a muò quî frare, que n’ha gnente e galde agno consa.

[5] Oh, se ’l pan saesse pianzere, te no in magneriessi mè boccon de sutto!

[6] Questoro me fa ben rìere, quando i se lomenta que i no ha mestiero. I ge manca i mestieri al mondo! Mo a’ ’l bisogna saergi cattare, qué i mestieri no corre mè drio a negun. Mo a’ ’l besogna an cattare el mestiero purpio, que, co ’l no se catta, el no s’in fa mè ben, e sì se è d’agnora desgratiè in lo mestiero.

[7] Que cancaro faella questù de mestieri, que ’l no g’è negun senza mestiero se no ello, se ’l magnare no foesse an ello mestiero?

[8] Mo mi a’ me posso ben dar laldo de haerlo cattò bello e megiore que foesse mè cattò. Messier Polidoro harà sta figiuola della Celega per tutto st’anno, que ’l me manda mi a vêre se ’l dê vegnire a portarge i dinari adesso. St’anno a’ ’l magnerè almanco mezo in sta ca’, e sì magnerè de bon, que ’l no besogna vivere de viole chi druome con femene. El me s’aparegia un bon guagno del me mestiero.

[9] Alla fe’, la t’anderà busa, con fa la maor parte di pensieri.

[10] Chi è questo ch’a’ sento faellare chì a pe? Mo ’l è el me Truffo cima d’homo! Ah, quel hom da ben, amigo [I 1r] di buoni compagni! Truffo bello e polio, vita e zuogia, que se fa, frello?

[11] A’ stage a guardare.

[12] Vìtu gnente que te piasa?

[13] No, adesso. A’ viti zà per tempo que ’l no se poea pigiare el pan, se ’l no se ge suava drio.

[14] A’ t’intendo. Ti è an ti de quigi que se smaravegia ch’a’ no fago agno otto dì na festa, con fa gi altri, mo que agno dì se fa festa per mi, e que senza bruscar vigne o arar terra a’ vegne a arcuogere. Mo que vuòtu? El besogna que ’l ge sea d’agno mestiero al mondo, perqué con un solo tutti no porae fare.

[15] Te dì vera, perqué, se tutti foesse fornari, el no se catterae chi fesse stivalle. Agn’huom no pò esser buffon con ti è ti!

[16] Te falli. ’L è passò el tempo que le buffonarie dasea pan.

[17] Sì, le buffonarie de parole, mo quelle de fatti, no. Con serae magnar melestra bogiente, magnar mogioli, magnar candele de seo, tuor trenta schiaffi al marchetto, e lagarse pelar la barba per far rìere quelloro don se magna. El n’è passò quel tempo, ’l è pi che mai!

[18] A’ te vuò trare de sto errore, qué le buffonarie no è me mestiero, né no vage con buffonari. Perqué i buffon no se senta mè a desco, mo i sta dagnora in cao della tàola a far rire quî che magna; e mi a’ son el primo assentò. E così, con i buffon fa rire gi altri e no se la ri mè igi, mi son a l’incontrario, que me [I 1v] la rigo de igi.

[19] Te l’harissi ben cattò nuovo el mestiero!

[20] A’ l’he cattò sì, e perqué te no crîssi que fosse senza mestiero, a’ te ’l vuò dire. El se catta al mondo una narration d’huomeni, e a ponto de quî ch’a’ ven tegnù maore de gi altri, que, così con gi è di primi de robba, i vuol essere i primi d’agno cosa, e sì è mo tutto a l’incontrario, dalla roba in fuora. E mi con quisti a’ son drio, e con quisti a’ fage el me mestiero, perqué con i dise: “El piove”, e mi a’ zuro que a’ m’he bagnò, se ’l foesse ben sole; se i confrema, a’ strafermo; se i deniega, a’ zuro an mi de no. Con i dise può’ qualconsa da far rire, se i diesse ben le maor stampì del mondo, a’ me la rigo, que ’l se me caerae i denti. Con i faella po da bon senno, diga pur menchionarie se i sa, a’ stage sora de mi, smaravegiandome de quelle parole, mostrando que ’l para que ’l habi faellò Trullio, el Guagnelio e la Pìstola co tutto, e que quanti dottore è al mondo no harae sapù dir miegio. E con sti menchion se sente andar drio a verso, i par gagi que alze la cresta. I me darae, sentandosse così a alzare, la ca’ e i cupi. E con te dige, a’ vivo con sti menchion, e no col mestiero delle buffonarie.

[21] Te ’l he cattò bon el mestiero, che, per quel ch’a’ vezo, el no se ge dê fruar troppo ordegni, né no se ha faiga troppo.

[22] El no pò essere mestiero senza ordegno, né ovrar ordegno senza faiga, perqué an mi el me besogna [I 2r] saere cattar el punto a gi huomeni. Te no intindi, no, sto punto.

[23] No, se ’l no foesse co è cattare el ponto de la balestra.

[24] A’ te ’l dirè. El besogna saer da que pe i zoppega e, segondo el zoppegare, da quel lò metterge la crozzola. Chi ha piasere que ’l sea ditto que gi è i pi venturè de gi altri, chi de esser tegnù que tutte le femene ge vuogia ben, chi que ’l se dige che zò que gi ha sea el pi bello e el megiore de tutti, chi d’una consa, chi de l’altra, tanto que a tutti se ge vage con la piolla da piolire. Poh, a’ te porae lezere in cariega de sto mestiero! Mo a’ te vuò lagare, che vezo que t’he da fare.

[25] A’ he fatto, no star per questo.

[26] S’te he fatto, te n’harè paura de desperdere.

[27] Gnian ti, que te passerè el besestro andagando alla tardiva, a fare con t’andarè.

[28] La sason tardiva se vorae brusare.

[29] Vate brusa donca, ti e el to messier Polidoro, que sarì stè tardiviegi!

[30] Smàtetu? Favièlitu della putta? Saràela mè dò via?

[31] No, l’ha habù el tiro! L’ha an toccò i dinari!

[32] Donca a’ romagneron de fuora nu?

[33] No miga, da n’altra no. No andarìo in ca’?

[34] A’ dirè mo que messier Polidoro se cazze i suò dinari don se cazzé Tophano le spiecie quando el sentì i zafi. ’L ha tanto lombrò e cernio, que ’l g’è squaso deventò gobo e orbo, e sì no harà gniente. Tuoga mo su con ste suò pegrisie.

[35] [I 2v] No hetu aldio dire que ’l mondo si è di pi pristi?

[36] A’ he an aldio dire que porco prego no magna mè bon boccon.

[37] Du buò, que è du e si è buoni e vivi e muorti, si val manco dinari que no fa un cavalo solo, perqué ’l è presto, ello. E con questa a’ te lago, Loron frello, perqué te no dî haer priessia vogianto aspittare un altr’anno.

[38] La te va da sbertezare. Orsù, a’ vorrà mo adesso que ’l se fesse inanzo uno de quigi que dise que con dinari se fa zò que se vuole, e vêre se ’l è vero. El zuova ben haerne assè, mo a’ ’l zuova pi a saergi ben overare. El me recresse que ’l besogna que vage a provederme altrò de magnare, perqué sto messier Polidoro, co ’l veza no poere haver la putta, da malenconia no ’l vorrà magnare, né gnian vêre negun que magne. Andarè in piazza, e sì no me torrè fastibio, perqué el me mestiero perderae del mestiero con a’ me tolesse fastibio. Que hegi paura que me manche?
 

[39] POLIDORO, FORBINO ragazzo
 
POLIDORO
Va’ inanzi, Forbino. Fa’ intendere a tua madonna ch’io vengo, accioché la non mi faccia aspettare. Corri tosto.

[40] FORBINO
Io corro sempre né mai vinco pallio alcuno. Datime almanco la benentrata per la bona nova ch’io vi ho data, che Flavio non ha mai trovato un [I 3r] quattrino.

[41] POLIDORO
Io darò pur troppo a tua madonna.

[42] FORBINO
Cancar le mangi, vorrei che desti anco a me.

[43] POLIDORO
Lévatemi denanti, furfante. Tu hai imparato ad affrontare.

[44] FORBINO
Oh, il cancar mi vengi se io non pagassi un scudo, s’io l’havesse, et che Flavio inante che andasti trovasse li denari, et voi fosti serrato su la strada a cantar la “Lodolina”!

[45] POLIDORO
Impiccato, s’io ti fossi appresso...

[46] FORBINO
Perché, mi fate spese?

[47] POLIDORO
S’io ti do delle mani adosso...

[48] FORBINO
Sarà bello, ch’io non potrò voler bene a Flavio! Sì, ch’io gli voglio meglio di voi, che non mi desti mai un bezzo in vostra vita.

[49] POLIDORO
Aspettami, ch’io ti voglio dare un da dodeci.

[50] FORBINO
Qualche tondino aspettaria. A Dio, maschera bella.

[51] POLIDORO
In somma i denari a longo andare sono il vero mezo per ottener ogni cosa; et ottenuta, di conservarla. Flavio si credeva con l’esser bello, gallante, col far sonetti et col saper musica, far il cortigiano gentile, lo tillado spagnuolo, godersi sempre di Fiorinetta. Hora che vedrà lasciarsi da lei, et non solo non poterla godere, ma a pena vederla, che farà egli? Farà disperate, chiamando la sorte, il destino, et il cielo crudele, ad ogni altra cosa dando la colpa, fuori che al non haver denari. Non mi può uscir di mente quella ladra vecchia madre di lei, con [I 3v] quanta riputatione mi rispose quando io la richiesi di sua figliuola, et hora ha mandato il ragazzo a pregarmi ch’io vada a lei con i denari. Ma non serò di quelli che corrano al pallio. Ho fatto far per man di notaro una sì fatta chiarezza, ch’io non serò di coloro che spendano soli, et godeno accompagnati. Mo ecco il notaro a punto.

[52] NOTARO
Perdonatime s’io vi ho fatto aspettare. Ho tardato assai a destender questo instrumento, perché è fuori de l’ordinario.

[53] POLIDORO
Non accade tanta fretta, no.

[54] NOTARO
Il ragazzo mi sollecitava molto.

[55] POLIDORO
Egli è tratto di puttana questo mostrar di haver dimanda da molti, ma tutti non hanno denari.

[56] NOTARO
Egli è chiarissima cosa, et senza essi mal si fanno i contratti. Hor non saria meglio che udiste legere ciò ch’io vi ho scritto, accioché io non havessi lasciato alcuna cosa nella penna di quelle che vi erano allo animo ch’io dovessi notare?

[57] POLIDORO
Anzi ve ne prego, ché non si possono mai far le cose tanto chiare, che basti.

[58] NOTARO
Hor udite adunque. “L’anno 1533 et cetera, in casa di et cetera”. Lascierò le clausule generali, venendo al passo: “Donna Celega, che al presente habita nella contrà de l’Albarella, dà et conciede al molto magnifico messer Polidoro sua figliuola Fiorinetta per uno anno intiero, che principierà alla publication del presente instrumento; et questo per scudi cinquanta d’oro, che me presente li numera, [I 4r] et esborsa; con le infrascritte conditioni et patti tra loro parte affirmati: che la prefata Fiorinetta habbia ad esser presta ad ogni richiesta di esso messer Polidoro, la qual tutto questo anno non solo non possi haver la domesticatione di altrui, ma in casa sua non vi possi entrare altro huomo, in modo che tutti si intendino come banditi di casa, sì amici, come parenti”.

[59] POLIDORO
Aggiongetevi preti, frati, et medici anchora.

[60] NOTARO
Aggiungo appresso. “Che ella non possi ricevere lettera alcuna, né scriver ad altri, né tenir in cassa, over in casa, littera over sonetti di amore, mandati a lei per il passato, né carta o inchiostro per scrivere”.

[61] POLIDORO
Et che io non voglio che si confessi.

[62] NOTARO
Farò. “Et che in tanto tempo ella non possi per conto de intertenimento, o di far la cortigiana, stare a finestre e sopra la porta, né andare a solennità di alcuna chiesa”.

[63] POLIDORO
Non vi scordate notare ch’io non voglio che la vadi a balli, né mascherata, ma sopra il tutto ch’io non voglio che la vadi ad udir comedie.

[64] NOTARO
Io ne fo memoria. “Oltra di ciò, che ella né alcun altro di casa possi parlar in furbo o nella orecchia l’un l’altro, né dir mai “l’amico disse” o “l’amico fece”, ma parlar chiaro; né far cenni con tossire o sputare, né chiudendo un occhio, né atto, per lo quale si possi sospicar de secreto intendimento”.

[65] POLIDORO
Mettete di sopra nota di aggiungere nel capitolo [I 4v] del conversar in casa, ch’io non voglio che in casa entrino mai in alcun tempo né hebree con veli o con scuffie o belletti, né pizzochere, né di quelle feminette che vanno ogni dì a santi et sante per l’anime de’ morti, né quell’altra sorte di ruffianelle, che vanno per le case contaminando l’honestà delle donne, con berta di vender filo o lana o lino.

[66] NOTARO
Parmi che vi sieno dure conditioni, et patti da non accettare.

[67] POLIDORO
Non vi curate, che i denari faranno accettar ogni patto. Spendendo il mio, voglio satisfarmi. Ma notaste ch’io non voglio che ella possi ascoltar mattinate, né andando per strada tocchi, o possi esser toccata da alcuno?

[68] NOTARO
Volete obligar gli altri? Non è possibil questo.

[69] POLIDORO
Dunque annullate tutto questo ultimo capitolo, et notate il suo loco che in tutto questo anno non voglio che ella metti il piè fora delle sue porte.

[70] NOTARO
“Et se per alcuna cagione, o impedimento di lui, avennisse che esso messer Polidoro restasse privo di lei alcun giorno, o alcuna notte, che in tal caso finito l’anno essa si obligi reffarlo a giorno per giorno, et notte per notte, obligandosi et cetera. Sotto pena et cetera”.

[71] POLIDORO
Sta molto bene. Entriamo dunque in casa.

[72] NOTARO
Entriamo.
 

[73,1] LORON solo
 
O que mi a’ no son quel Loron ch’a’ suogio essere, o [K 1r] que tutti gi huomeni è muè igi da quel che i solea essere. A’ sè pure ch’a’ son stò sempre mè con è i piva, que tutto el bon tempo ch’a’ he habù, a’ l’he habù tutto a ca’ d’altri. E sì a’ sè que ’l giera in sta terra assè buoni compagni, que haea sempre mè piasere de haer buoni compagni con igi al desco, e sì a’ n’he scontrò adesso du o tri a ponto de quigi que me solea sbregare el gaban (bench’a’ no me ’l lagié mè sbregare a negun per farme pregare, ché, pur que i me cignasse, a’ giera aparechiò). Mo quisti, ch’a’ he cattè, a’ gi he saluè de un saluare el pi bello que se cattesse mè; a’ g’he agorò vita, zuogia, zò que i vuole a sto mondo, sanitè, dinari; a’ m’he smaravegiò que gi habia così buona ciera; a’ g’he ditto que i no ven mè viegi e que, con a’ i vezo, a’ m’alliegro tutto; a’ g’he tirò zo i pili della vesta, dìttoge con i fa a cattare sempre le pi belle cose de gi altri, dìttoge che, se ’l g’in foesse diese de so sorte in lo mondo, que biò el mondo; a’ g’he overò tutte le piolle e neguna no me g’ha valesto, qué negun d’igi me ha pur ditto: “Vien, bivi con mi, Loron!”. Tanto que ’l è forza che torne a cattar messier Pollidoro, e perqué la g’è andò busa della putta, el besogna ch’a’ catte qualche via que ’l no me deniege de darme da disnare.

[73,2] Quisti que dise que sto me no è mestiero mo que l’è ventura o gratia, a’ vorrae adesso contrastar con igi, qué, se la foesse ventura o gratia, el no me besognerae adesso andar cercando parole da far quel ch’a’ cerco de fare. Mo sta’ mo. Eccotelo [K 1v] a punto que ’l inse fuora. Oh, el ven grotto. A’ vage a saltar l’homo.
 

[74] NODARO, POLIDORO, LORON
 
NOTARO
Non vi dispiaccia questo esser tardato, che ogni cosa si vol pigliar per lo meglio.

[75] POLIDORO
Sì, certo. Chi sa che finito l’anno non mi fosse pentito?

[76] NOTARO
Forsi anco inanci, perché questi son pasti, che tosto vanno in fastidio. Io mi raccomando a Vostra Signoria, che so ch’io non ho a far per voi altro.

[77] POLIDORO
A Dio siate.

[78] Oh, se ’l me caro paron sora i paroni, quelù che, con a’ ’l vezo, se a’ foesse pi de mala vuogia ca hom del mondo, a’ torno liegro, s’a’ [’l] pensesse quel ch’a’ se pensa el so serviore, a’ starà ben liegro an mi!

[79] POLIDORO
Di trovar la tavola apparecchiata, et piena di vivande.

[80] Madenò. A’ vorrà ch’a’ pensiessi que ’l no se sa in sta terra ch’a’ cerchè putte, qué ’l no serae sera que harissi diese que ve pregerae per darve so figiuole, perqué a’ sì de quî che no se catta, e sì ve sta ben la lome messier Polidoro, que sì pollio e d’oro: lome que no se ge pò arzonzere pi.

[81] POLIDORO
Non mi dispiace tanto di non haver conseguita colei, quanto che quel’insensato del padre di Flavio non solo gli ha dati li denari da comprarla, ma non si vergogna, vecchio come è, insieme con suo figliuolo ballare et cantare, et in casa di lei far apparecchiar [K 2r] un desinare, non altrimente che se egli celebrasse le nozze sue.

[82] Volìu darmene un altro a mi di disnare, ch’a’ ge ’l farè fare el mal pro a tutti?

[83] POLIDORO
Dui te ne darò, se tu ’l fai!

[84] Dème la man. Cento megiara d’agni ve la posse tocare sta man! A’ no prometto zà de farvela veére, mo sì ben ch’a’ l’aldirì dire.

[85] POLIDORO
Tanto è. Mo in che modo?

[86] Andè, donca, e no cerchè altro. Fè pur apparecchiare que ’l no manche, se no vî, ch’a’ ve vegnerè con la cosa fatta.

[87] POLIDORO
Così farò. Io vo.

[88] Orbéntena, così con un dottore per reolzere e stramissiare assè libri catta purassè cose, e le salva da un lò per quando le ge vegnerà a besognare, e quelle ge dà guagno, così an nu buoni compagni per saer la pàtrega de questo e de quello, quando ven el tempo a’ catton el magnare. Con serà mo de mi adesso, que ’l è assè que a’ sè che la mare de sto Flavio sta sempre in remore in ca’ con so mario, e de scarsitè el no fo mè la pi mala femena; e con la sapia che i fazze, pare e figiuolo, sti tanfaruzzi in ca’ de ste femene, e que i consume, a’ cherzo que la ge caverà gi uogi; e perzò a’ la vuò anare a cattare, e menarla, e mostrargigi su gi ovi.
 

[89] BETTIA massara, VEZZO
 
Darindondella, dandirindondella. Vuòtu ch’a’ mette [K 2v] chialò, Vezzo?

[90] Làgame metter a mi, e tien fremo ti.

[91] Darindondella, dandirindondella.

[92] Oh, che lenguetta! A’ indromo alle calandre e a i rossignati! A’ vorrà pi tosto haer quella to lengua in bocca per via de cantare, que haer cento tron in borsa.

[93] Te me vorissi haer aldia quando a’ stasea de fuora. A’ no canto la mittè de quel ch’a’ solea fare; perqué, daspuò ch’a’ son vegnua a stare a Pava, a’ he muò el cantare, qué sta me parona me ten con se a’ foesse na noizza, de guarda. La me fa star sempre in cosina, ch’a’ son sì ontizza, ch’a’ puzzo bell’e viva.

[94] Anche i rusti è unti, e si uole pur igi, e ’l corame unto sta pi saldo al strussio. Se ti sì ben onta, te no stè d’haer quî tuò ochionazzi, que passerae na muragia, con quelle tuò carnesine, che un vuolio ge perderae.

[95] Oh, s’te m’haissi vezù zà assè, te harissi ben habù que dire, s’te dì adesso che no ge son meza!

[96] A’ no sè de vezù. A’ te vezo adesso, e sì te me piasi pi que ’l cancaro alle prie de statole intagiè de malmaro. A’ te torrà, mi, s’te volissi.

[97] A’ no vuò que negun me tuoge, né tocche. A’ vuò star cossì.

[98] Mo te deventarè salbega.

[99] Starègi per questo de star fra la zente smestega?

[100] Te n’intiendi. Con le vigne sta senza essere tagiè e bruschè spesso, le se insalbegisse.

[101] Te vuò mettere vigne, que è arbore, con mi ch’a’ [K 3r] son femena?

[102] Tutte le cose si ha qualche somegiamento al mondo. Nu huomeni seon con è pali, e vu femene con è le vigne: se ’l palo no v’è a pe, a’ no poì sorezarve né far furto, e a sto muò a’ doventè salbege. El serae pur peccò que, seando ti ràsolo de sì buona schiatta, te andissi da male.

[103] Te starissi ben frare, que te sarissi ben pricare. Destindi ’l mantile que ’l stage tirò dal to lò.

[104] ’L è squaso massa tirò dal me lò, el sta ben. E con a’ te dige, se a’ se tossan, a’ stassan ch’a’ parerissimo do colombatti, becco con becco. No vìtu que tutti i nemale s’ardoa? Guarda que te catti una arena senza el so màzaro a pe.

[105] El no è tempo anchora que me ardoe.

[106] No sètu que i cogombari no se pò magnare sì tenderiti, que i no sea a tempo? Così an vu femene a’ no sì mè mal maure.

[107] Te parerae honesto ch’a’ lagesse la me parona, que me vuol tanto ben?

[108] Oh, no faellare de ben volere de paron, que nu famigi e vu massare a’ seon con i nuostri paron alla condition purpiamentre di rostiegi: que vu massare, de tanto ch’a’ sì bone da penzere, i paron ve ten a man; e nu, de tanto ch’a’ stagon saldi in lo manego, le nostre parone ne vuòvera. Con a vu ve scomenza a caìre i dente, e nu a pigarse in lo manego, fuogo fuogo, brusa pur el rostello!

[109] A’ i sento vegnire. Tason, ch’a’ se parleron un’altra fià.
 

[110] [K 3r] PLACIDO e FLAVIO
 
PLACIDO
Quanto è facil cosa imprimere nell’animo di un giovane inamorato ogni concetto, per falso che egli si sia! Flavio si crede che voglia esser seco a parte de l’amor di Fiorinetta, perché burlando gli ne ho mottegiato; ma poiché non posso pigliarmi piacer d’altro, voglio farli una beffa.

[111] FLAVIO
Eccomi, padre.

[112] PLACIDO
Vuoglian mettersi a tavola?

[113] FLAVIO
Come vi piace.

[114] PLACIDO
Io ti veggio star molto di mala voglia per Fiorinetta, ma, perch’io ti son padre, voglio più tosto che mi ami, che tu mi temi.

[115] FLAVIO
Et io voglio far l’uno et l’altro.

[116] PLACIDO
Da questa sera inanci Fiorinetta sia tua, né ti dèi dolere ch’io la godi una sera, dovendola tu godere tutto questo anno.

[117] FLAVIO
Di cosa che da voi mi venghi, non posso né debbo dolermi.

[118] PLACIDO
Guardami ridendo, ch’io ti crederò.

[119] FLAVIO
Vedete s’io rido.

[120] PLACIDO
Così possino rider di cuore tutti li miei nimici!

[121] FLAVIO
Credete forsi ch’io non possi ridere, perché mi dispiaccia d’havervi per compagno? Ma non è così. Egli è ch’io non mi posso anchora far lieto per la paura ch’io ho havuta di perderla.

[122] PLACIDO
Orsù, fa’ che siino chiamati color che cantino, accioché il convito sia solenne. Chiamali, Bettia.
 

[123] [K 4r] ROSPINA vecchia, et LORON
 
ROSPINA
Et hai per cosa certa che Placido, mio marito, habbia tenuto mano a Flavio nel robarmi cinquanta ducati per dar a quella ribalda?

[124] No me tegnì né turco mé moro, né zodio né cristian, s’a’ me catè in bosia!

[125] ROSPINA
Ah, vituperio de’ padri, poiché non si vergogna esser compagno nelle tristitie di suo figliuolo!

[126] Con a’ v’he ditto, gi ha tolta sta putta tutti du de brigà a galdere. Mo perqué mo a’ no sè a que muò sea el patto, chi dê dromire inanzo, o quanti dì alla settemana, a’ no ve ’l so dire, qué a’ no vorrà ch’a’ possè mè dirme: “Te m’he ditto la bosia, Loron”.

[127] ROSPINA
E chi è costei tanto bestial del diavolo dell’inferno, che habbi consentito a tanta tristitia?

[128] A’ m’he pensò an mi que ’l no posse essere, mo que la putta e ’l putto sea acordè de dir così, perché ’l andesse pi ontiera a cattare i dinari. E sì a’ m’he pensò que i ge darà da cena ben, tanto ch’i lo imbriagerà, e sì el metterà ello int’una camera sarò, e igi andarà int’un’altra.

[129] ROSPINA
Andiamo tosto, che non è cosa al mondo di che mi chiarisca più volentieri, che di quest’una. Sfortunata me, va’ credi tu a marito per vecchio che sia, ch’io mi sarei confessata da lui! Et di questo suo non haver cura di robba in fuori, d’il resto l’ho tenuto sempre per uno santo.

[130] A’ ’l verì, e sì a’ ’l sentirì. Spiero ch’a’ ve ’l mostrerè sentò [K 4v] a tavola, e fuossi a brazzacollo co la putta. Mo guardè, a’ vuò ch’a’ me tornè a zurare que no ve mostrerì, né no dirì gniente, fina ch’a’ no ve ’l dige mi.

[131] ROSPINA
Io ti giuro, et osserverò più ch’io non ti ho promesso. Questa non dê esser la prima volta che lui habbia mangiato in simil luochi, et tutte quelle volte che lui mi dava ad intendere che havea mangiato con suoi amici o parenti, col tal cavallieri, col tal monsignore, mangiava in casa di qualche trista.

[132] Volìu veére el vostro zogiello assentò a desco a pe d’una bella putta? Mo fève inanzo e tasì, vî.

[133] ROSPINA
Ah, dolente me, a chi voglio tanto bene? A chi porto tanto amore? Parti che quel sia un viso allegro? Et in casa par sempre che gli esca sangue di naso!

[134] Icz, citta. Tasì.

[135] PLACIDO
Cantate hormai. Io voglio, Fiorinetta mia dolce, in cambio di questa notte che mi darai, acciò che tu ti chiami dimane contenta più, rubbare alla mia donna una delle più belle vesti che l’habbia in casa, et voglio che per mio amore tu te ne facci una sottana o di raso o di velluto.

[136] Èllo mo busaro Loron? Ve par che questa vage alla via ch’a’ ve disea? Mo tasì.

[137] ROSPINA
Quante cose mi mancano in casa, che tutte denno esser ite per questa via, et io stolta dava la colpa alle fanti di casa!

[138] PLACIDO
Non deggio provar, Fiorinetta, se questa tua bocca è così dolce, come costoro dicono cantando?

[139] Scapè su questa. El l’ha basò, haìu sentio?

[140] [L 1r] ROSPINA
Ahimè, dolente il faccia Dio! Sì, ch’io ho veduto, et di che sorte bascio, che gli deve haver succiato il sangue. Io non posso lodarmi di haverne havuto da lui mai uno simile, se non certi basuzzi svogliati, che parea ch’io gli putessi.

[141] Tasì, ch’a’ in sentiron de pi belle.

[142] PLACIDO
Oh, che fiato gentile! Mi par haver basciato una rosa! Quel di tua madre, Flavio, pute sì forte, ch’io vorrei più tosto pigliar sei medicine, che basciarla un sol tratto.

[143] No ’l lagè pi andare a torno, st’huomo, que ’l è vegnù zo de senno! Con ’l è vegnù a ca’, fèlo ligare a le massare, e metterlo int’una caponara in soffitta, e lagargelo stare guano per recordanza.

[144] ROSPINA
Io gli darò tanto mal anno, che sempre mai si ricorderà che cosa sia il vituperar sua moglie, che l’ha fatto rinascer al mondo con tanta dote, che ella li ha data.

[145] A’ v’insegnerò a renderge el pan de quella farina, que ’l v’ha imprestò. Zà que ’l dise ch’a’ ge puzzè a basarve, apichèvege al collo, e no ve ge despettè fina ch’a’ no l’haì basò, tanto ch’a’ l’astomegè, e sì farì le vostre vendette.

[146] ROSPINA
Lasciami andar a sfogarmi, tu mi ha ritenuta pur troppo.

[147] No anchora. Aldìne un’altra, e po a’ ve lago.

[148] ROSPINA
Egli è tutto in sudore per allegrezza. Queste sono le fatiche che ’l fanno venir a casa la sera stracco, [L 1v] e dorme tutta la notte come un tasso, et io misera credo che nel Palazzo, nelle Corti, dinanzi a’ giudici faccia quelle fatiche!

[149] PLACIDO
Parmi esser nel paradiso delle delitie, tra questi canti et sollazzi; et per non dover più tornar nello inferno, torrei che hor hora mi bisognasse celebrare il mortorio di mia moglie, che una subita morte mi la levassi dinanzi, ché veramente ella è lo inferno per me.

[150] ROSPINA
Io non posso più sofferire.

[151] Andè, ch’a’ ve dage licientia.

[152] ROSPINA
Il tuo inferno vive, e viverà più di te, et ti tormenterà sempre! Bella cosa, conveniente ad un padre prudente, et ad un costumato figliuolo! Oh, quanto possomi rallegrare di marito e di figliuolo! Uno dice di me tutto il male del mondo, e l’altro lo ascolta! Et tu, trista sciagurata, di ogni cosa cagione, comporti che in casa tua si tenghi tenzone delle donne da bene? Dove fuggite, senza vergogna? Vi ha smarrite le parole di una feminetta, et la conscienza del vostro vitioso animo non vi poté smarrire? Quasi ch’io non saperò trovar la porta! Aprite tosto questo uscio, se non volete ch’io lo faccia gettar in mille pezzi alla vicinanza.
 

[153] LORON solo
 
Orsù, a’ gi he metù alle man. A’ sè que ’l sta fresco, [L 2r] quel vegio. Corra pur qualcun a dire que i ge sone le campane da muorto. De tanto mo, que i se starà a cavar gi uogi, a’ me vuò tuor via de chì, e anare a cattare messier Pollidoro, e dirge ch’a’ he guagnò el disnare habiandoge fatto quel ch’a’ g’he promettù de fare, de metter sottosora agno cosa; e de tanto ch’a’ magneron, dirge que ’l me basta l’anemo che, con puochi dinari que ’l me dage da dare alla putta, de fare que ’l la galderà de compagnia con Flavio, qué an ello se contenterà; perqué du vuovi pasce miegio na zoetta ca un solo. E le zoette se contenterà an elle pi. Orsù, a’ vaghe.
 

Il fine del quarto atto.


[L 2v] Atto quinto
 
 
TRUFFO solo
 

[1,1] S’a’ vegnisse adesso d’oltra ’l mondo, da Collocuto o da Piopia, e contarve spanzane e smeravegie (con fa talun, que ven de lunzi paese, e dise que ’l ha vezù cose, que no fu mè vezù, né mè s’aldì dire), hassé rason a non me ’l créere. Mo vegnanto fuora de sta ca’, que è sì a vesin, e que ve diga na smaravegia, que è megio que miracolo, a’ farì male a no me ’l crèere; e tanto pi que a’ ’l verì vu stissi.

[1,2] A’ no ve vuò zà dire ch’habie vezù svolare un aseno, né un huomo tanto grosso e zo de seno, que se lage dar d’intendere de morire e resuscitar quando el vuole. A’ ve vuò dire que la vegia, mugiere del me paron grande e mare del me paron pìzzolo, que l’ha fatto miracoli! Con l’è stà entro, e que l’ha cattò mario e figiuolo e la putta, que in tra da paura e in d’amore un pianzea, e l’altro sgnicava, e l’altro fenfolava, el cuore, que se ge giera indurio da spasimire de far robba, se g’è vegnù a intenderire, indolcire, que l’ha fatto con farae un zopon azelò quando el sente i sirocale, [L 3r] que ’l zelore se g’è vegnù armiliare; tanto que l’è pi muà da quel che l’iera, pi strafatta, pi doventà a n’altro muò, que no farae un frare se ’l se cavesse le tonege, que ’l parerae un homo!

[1,3] La no par gnian ella pi quella. L’ha butò via quella mala volontè e romagnua a n’altro muò. L’è doventà bona, piaséole, dàtola, que a’ no ve posso dire mo pi; che, con l’ha sapù di dinari, que haon fatto trare a quelù, la se n’ha riesto tanto que ’l se g’harae cavò i dente a uno a uno, e sì ne l’ha fatta contar la noella, a mi e Vezzo, e sì ha vogiù que Vezzo fage da fattore, con el fasea, e mi da famegio. Tanto que per questo a’ consegio tutti que no stage da far qualche noella, quando i n’ha bisogno, per paura que ’l no g’intravegne male con la se descrova; perqué le se conza tutte, e gi archiapè de drio si ha po piasere an igi. E se ’l se vivesse con fa i cuchi in besecola, a’ cherzo ch’a’ se verave stramuare agno cosa a l’incontrario de quel che ’l è adesso; perqué tutto è apetò a uno su un pecolo, e incalmò s’un pe solo, el ben e ’l male, el piasere e la duogia, e se va d’uno in l’ altro, perqué, con se è in cao de uno, el se catta el cao de l’altro. Con ha fatto la vegia, que è rivà in cao della scarsitè e della malevogiencia, e si è intrà in lo cao della piaseoltè e della spenditè.

[1,4] La me manda corranto a ca’ che amazze un paro di megior capon que ge sea, e tri para delle megior galline, e po che amazze oche, arene, e che de fatto a gi [L 3v] apiche al fumo, perqué i sea tosto fruolli. A’ no sè mo quel che l’habbi vuogia de fare; mo la dê voler fare qualche gran noella, qué sto muarse così de fatto la farà fare qualche gran fare. E mi a’ no vezo l’hora de veérlo, e perzò a’ no vuò pi stare a sfiabezare chialò, mo a’ vage al ponaro gallinaro. Fuossi ge fariègi piezo que ’l martarello.
 

[2] PLACIDO vecchio
 
PLACIDO
Così come non si dê fondar la speranza sopra l’amicitia di un grande, così non si dê desperare della sua nimistà, perché non è cosa di manco fermezza che la mente de gli huomini. Et chi no ’l crede, risguardi alla subita mutatione della mia donna, che di tanto aspera, superba, avara, che egli era, in un sol punto, et quando men si sperava, è diventata sì mansueta, humile, et liberale. Oh, come credo che l’amico mio Poliffilo si rallegrerà, udendo questa nova, sì per causa dell’amore, che egli mi porta, come per la speranza che la sua donna, non manco bestial di costei, si muti anchor lei una volta. Voglio entrar in casa.
 

[3] CELLEGA e ROSPINA
 
CELEGA
Come vi dico, madonna mia, la prudenza che havete mostrata, et l’atto generoso dell’animo vostro, [L 4r] mi ha fatto venir voglia di mutar anch’io costume.

[4] ROSPINA
Farete molto bene, sorella mia, perché non è il peggior frutto di quello che mai non si maturisse. Volesse Iddio che già assai havesse fatta la deliberatione di adesso, ché la mia vita saria di meglio vinticinque anni; ma dirò come dicono i predicatori, che al ben far non si fu mai tardo. Pur hora mi son accorta ch’io facevo tutto il contrario di quello, che mi si conveniva di fare, ché, essendo femina, a l’arte delle femine, cioè a l’ago, et al fuso, et lasciar gli ufficii de gli huomini. Ma lodato sia Iddio, ch’io mi son riconosciuta tanto a tempo, che ne potrò far emenda! Et così si deve fare da ciascuna che voglia viver in pace, et con nome di donna da assai fra le persone.

[5] CELEGA
Sapiate, madonna, che sì come sotto buona arte si asconde di cattivi costumi, così alcuna volta sotto le tristitie si trovano persone da bene; il che è colpa della Fortuna, che, come si dice, è cieca. Questo dico per me, che non per farmi ricca, ma per fuggir di esser povera ho fatto quel ch’io ho fatto fin’hora. Et quando mi capitò in mano questa fanciulla, io feci ben un buon disegno, ma la poca cura, che hanno i grandi, et potenti delle povere persone, mi fece mutar parere, et effetto.

[6] ROSPINA
Fiorinetta dunque non è vostra figliuola?

[7] CELEGA
Madonna no.

[8] [L 4v] ROSPINA
Vi è nepote?

[9] CELEGA
Eh, madonna, io ho tacciuto tanto longo tempo, che potrò ben tacere anche adesso! Le guerre, i mutamenti degli stati, son cagion tal volta che avengano delli casi fuor de tutti li discorsi de gl’huomini. Basta, io l’ho allevata per mia, una volta. Et il desiderio, che io ho havuto di sodisfare a qualcuno (che Dio gli perdoni), mi ha dato ch’io farò assai, perché già son dieci anni ch’io sarei monaca nelle Convertite, et fora de li travagli di questo mondo.

[10] ROSPINA
Gran fallo fa colui, che manca al suo debito.

[11] CELEGA
Il vostro Flavio, madonna, mi diede qualche speranza che, dopo che egli vi si innamorò di lei, et con promesse, et con giuramenti ottenne quello, che mai né inanti né dopo ha attenuto alcuno altro, pensava che egli dovesse fare come deve fare ciascun gentilhomo suo par. Basta, non voglio dir altro.

[12] ROSPINA
Se Flavio haverà fatto alcuna cosa non degna di lui, io son per fargline far la menda; ma guardate che chi presta consentimento al mal fare, commette talhor maggior diffetto, che colui proprio che fa il male.

[13] CELEGA
Sì, quando le cose vanno tra uguali; ma la possanza de’ grandi sforcia talhora a doverli consentire quello, di che non si hebbe mai voglia. Costui mi era tutto il giorno a casa, hora con priegi, hora [M 1r] con minaccie, hora con promesse. E che dovea fare una povera feminella, come son io, contra un tanto potente, come è vostro figliuolo?

[14] ROSPINA
Hor non più. Entrate in casa, et fate che Flavio mi vengi a parlare.

[15] CELEGA
Così farò.

[16] ROSPINA
S’io durava nella mia passata ostinatione di esser sempre contraria in ogni cosa a’ miei di casa, oltra ch’io mi facevo desiderar la morte da tutti, facilmente sarei stata causa di qualche gran inconveniente, o nella persona di questo incauto giovane di Flavio, o in altro; ma perché per adesso non mi par il tempo atto a dover far quello, ch’io intendo di fare, voglio trovare oportunità a chiarirmi di questa cosa. Intanto basta ch’io ho trovato modo che questi rumori s’acquietino.
 

[17] VEZZO e ROSPINA
 
Madona, messier Flavio, vostro figiuolo, ve priega ch’a’ no ve parté, que ’l vuò vegnire an ello.

[18] ROSPINA
Vien qui, bon fattore, che così ben hai saputo soccorrere il tuo patrone giovane.

[19] Chi sa agiare in lo mal fare, agierà miegio in lo ben fare. A’ l’he portò in brazzo que ’l n’iera tanto longo, a’ ’l servirae se ’l g’andesse cento vite!

[20] ROSPINA
Anchor di questa amorevolezza io ti renderò merito, quando mi richiederai.

[21] [M 1v] A’ ve domando adesso.

[22] ROSPINAE adesso il farò.

[23] Quella putta, que è in ca’ de ste femene, que la n’andesse da male... Dèmela per mugiere, e dème quella chiesura de i du campi in galdimento fin ch’a’ vivon mi e ella. A’ no ve domando altro.

[24] ROSPINA
La gratia te sia fatta, et di più anchora, ché, oltra i campi, ti darò una convenevol dotte.

[25] Oh, sièvu benetta e rebenetta e strabenetta! Adesso a’ cognosso ch’a’ no haì sparagnò né fatto scarsitè, né per sparagnare né per scarsezare, mo haì sparagnò per haer da dare. Perqué chi desse sempre, no harae que dar de longo. Chi suna, ha da dare, tanto que ’l è miegio sparagnare per haer da dare, que dare e po no haer que dare. A’ sè ch’a’ l’haì intendù. A’ fussi figiuola de qualche Merlin, al muò ch’haì sapù sì ben fare!
 

[26] FLAVIO, ROSPINA e VEZZO
 
FLAVIO
Madre mia cara e dolce, non voglio che ritorniate sola a casa.

[27] ROSPINA
Non ti curar, Flavio, che noi vecchie siamo come le scarpe vecchie, che non vi si guarda o sole o accompagnate che sieno.

[28] FLAVIO
Anci verrò pure.

[29] ROSPINA
Vòi tu fare un’altra cosa, che mi serà di maggior contento, che cosa che tu facesti mai?

[30] [M 2r] FLAVIO
Comandatime, madre mia, che, se voleste ch’io lasciasse Fiorinetta, tanta è la bontà vostra, ch’io no ’l negerei mai.

[31] ROSPINA
Anci voglio che tu la meni a casa nostra, per fin che passino questi giorni di carnevale, che non potresti andar a torno la notte senza tuo grandissimo pericolo. Fallo, figliuol mio.

[32] FLAVIO
Dite voi da dovero, o pur mi burlate?

[33] ROSPINA
Ti giuro per l’anima mia che non potresti far cosa, che mi fusse più cara, perché io ti haverò sempre in casa; et poi per un altro effetto, ch’io non ti voglio dir adesso. Fa’, figliuol mio, fa’ a senno di questa vecchia, che ti consiglia bene.

[34] Sì, fèlo, que i consigi de le mare non fo mè cattivi. A’ ve consegio an mi, que a’ saì pure que a’ v’he sempre consegiè ben.

[35] FLAVIO
Io conosco veramente che non si trova amor sopra quello de la madre. Di quello, ch’io non harrei havuto ardire di parlarvi, voi mi pregate, accioché il contento mio sia doppio. Il farò, et menerò anche sua madre.

[36] Ch’a’ vage mi corranto a ca’ a scomenzare a scarpiare e spazzare e regonar la ca’ e agno consa?

[37] ROSPINA
Sarà bona cosa.

[38] Andarè, mo recordève de quel ch’a’ m’haì promettù, madonna. E vu, messiere, menè an la putta massaruola.

[39] ROSPINA
Va’, figliuol mio, non pensar più sopra.

[40] FLAVIO
Andarò, madre. Faccia pur beneficio chi sa fare, [M 2v] che mai non serà il più grato di quello, che ti vien fatto dal tuo sangue! O madre, madre, con che lingua, con qual parole vi loderò mai tanto che basti?

[41] ROSPINA
Le cose vanno secondo il pensier mio. Ma ecco Placido. Non debbo io pigliarmi alquanto di piacere di lui, dandoli a vedere che Fiorinetta sia moglie di Flavio?
 

[42] PLACIDO e ROSPINA
 
PLACIDO
Fàcciassi, poi che madonna l’ha ordinato. O Dio buono, veramente la Fortuna fa di noi un gioco, come fanno i giovani della palla, con tanta mutatione di animo; et quanto più le cose son lontane dal pensier nostro, tanto più tosto sopravengono.

[43] ROSPINA
Voi dite ben il vero, Placido. E chi haveria in mille anni pensato che Flavio dovesse hoggi pigliar moglie?

[44] PLACIDO
Che ti sento dir, donna?

[45] ROSPINA
Tosto vedrete qui Fiorinetta per celebrar le nozze.

[46] PLACIDO
E tu gli consentirai questo?

[47] ROSPINA
Perché no?

[48] PLACIDO
È forsi costei donna per lui?

[49] ROSPINA
Non havete detto mille volte che si doveria haver fatto mille prove della donna, prima che si pigliasse per moglie?

[50] PLACIDO
Questo non è al proposito. Io parlavo delle gran donne, ma costei è una feminella di vilissimo sangue.

[51] [M 3r] ROSPINA
Io vi ho udito dire che, pur che si trovasse donna che satisfacesse a l’animo del marito, che quella si devea pigliare senza haver rispetto a sangue.

[52] PLACIDO
Ma costei è senza dote.

[53] ROSPINA
Quante volte vi ho udito maledire coloro, che cercano moglie con gran dote, perché il cercar gran dote non è altro che procacciarsi un laccio alla sua libertà?

[54] PLACIDO
Io diceva scherzando.

[55] ROSPINA
Et Flavio se ’l credette da dovero.

[56] PLACIDO
Gli comporterai tu questo?

[57] ROSPINA
Farò come per lo passato vi ho veduto fare.

[58] PLACIDO
Facciassi pure, ma io non gli metterò mai parola.

[59] ROSPINA
Et se bisognarà, entrerete anco in ballo con gli altri nelle nozze.

[60] PLACIDO
Io andarò a starmi in villa, questi giorni.

[61] ROSPINA
Io dico, fate un buon animo, di goder questi giorni allegri.

[62] PLACIDO
Vòi tu così? Et così sia.

[63] ROSPINA
Entriamo dunque in casa.
 

[64] TRUFFO e VEZZO
 
Sìché, Vezzo, la vegia t’ha dò la chiesura de i du campi?

[65] La me l’ha dò, sì.

[66] Te harè da laorare quanto te porà mai, habiando habù an la putta.

[67] Tanto, que ’l no me besognerà vuòvere. Que no ge [M 3v] domanditu an ti qualconsa, que te poessi doventar to homo?

[68] Oh, frello, chi è so homo vive a so prìgolo, mo chi sta co altri vive a prìgolo d’altri! Guarda ch’habbi fastibio de gniente mi mè, né de comprare, né de vendere. A’ serom donca tutti de nozze in sta ca’, perqué an queste è nozze, menando la so morosa a ca’.

[69] ’L è an miegio questo, perqué almanco i se cognosce e se vuol ben. Mo sti altri mena tal botta la noizza a ca’, que i no l’ha vezua do volte; e sì ge n’è de quigi que fa un dì le nozze di vivi, que l’altro i vorrae fare quelle di muorti, della noizza.

[70] A’ vuò donca ch’a’ conzan an ben st’usso con della lellera e delle herbe liose, que ’l para purpio da nozze.

[71] ’L è da fare.

[72] Mo conza ben da quello, ti.

[73] Laga fare a mi.

[74] Da que crittu, caro Vezzo, que sta nostra parona sea così stramuà?

[75] Da paura de nu, ch’a’ g’in fasìvino tante, que la disse in fra ella: “Làgeme armuare, que costoro no me brusesse un dì in ca’!”. Con ge serae intravegnù.

[76] Cancaro ne magne, a’ seom piezo ca pontechie, que i dise che quî che l’ha habù, e si è romagnù vivi, gi è muà da quel ch’i solea essere! Elle no l’ha mè possua far muare, e nu sì. El besogna farge così a ste matte, quando le è così ostinè, que le vuogia [M 4r] portar elle le brage.

[77] Sì, e con se ’n catta una que sea co giera la nostra, farge la noella ch’a’ m’haea pensò.

[78] Quella del fuogo e de l’aqua?

[79] Sì, qué, co ’l se fesse a du o tri, el s’in catterae puoche pi.

[80] No dir puoche, que ’l è un male quello, que se pigia con fa el mal del mazuco; perqué, com una sa que so comare o so vesina o so parente ten sottopè so mario, o ge vuol star de sora, an ella vuò far così; tanto que ’l no g’in manca mè.

[81] Mo ben, a’ desmorbessan la ca’ col fuogo, e così, con se catta i pizzegamuorti da amorbè, a’ sessan nu i pizzegamuorti di malmarìè. A’ sè ch’a’ no lagessan pigiar el male uno da l’altro, que a’ desmorbessan ben col fuogo e po aqua drio!

[82] Cancaro, el serae un mestiero, questo, megio ca guarir con quel legno, perqué el g’è assè que pagerae, intienditu?

[83] Poh, s’a’ t’intende!

[84] A’ dige per vegnir a dire ch’a’ metterissino pase e caritè donde è malevogientia e remore. Con haon mo fatto in sta ca’, que de tanto male que i se volea, i se vuole artanto pi ben.

[85] Crittu que i ge dibia durare?

[86] El no mancarà mè la recetta.

[87] Conzon ben da sto lò, qué da questo el pare un usso da giesia.

[88] Te dì vera.
 

[89,1] [M 4v] PIOLO, TRUFFO, VEZZO
 
A’ seon ben nu huomeni con la Fortuna con è i buò col boaro, que, de tanto que gi ara, igi fa un pensiero e ’l boaro in fa n’altro, e puoche fiè i s’acorda tutti. Con a’ he fatto mi adesso, que sto stramuare de sta vegia m’ha fatto andar buso el me pensiero. Haea pensò de stare almanco chì in ca’ con igi fin que duresse sti dinari e, tra per lo me cantare e tra perqué giera smestego, a’ ge serae stò. Mo muandose mo e andagando a stare in ca’ de la vegia, el besogna ch’a’ fage un altro pensiero per poere anar a stare an mi con igi.

[89,2] Que pensiero farètu, Piolo? Quel che fa le gazzuole quando le vuol suppa, que le se mette a cantare. A’ farè così an mi. A’ andarè a cattar Truffo, que me aiaga a cantare, e senza dir altro a’ scomenzeron.

[90] A’ m’he sentù menzonare.

[91] Desmestego! Poh, a’ me smestegerè tosto, que, così con a’ he imparò dalle gazzuole a cantare, a’ cantarè per magnare. A’ he an imparò da i can a smestegarme, que, con i me cazza fuora da un usso, a’ tornerè entro da l’altro, e si i me vorrà dare, a’ me farè pìzzolo, e sì scorlerè la coa.

[92] Piolo, te perdissi el magnare con te vedissi la vegia.

[93] No haìstu pi perdù ti la ose?

[94] La m’he tornà. A’ no sè mo se ’l t’he tornò a ti el magnare.

[95] [N 1r] Poh, frello, el no se me parte mè dal giottuaro! El se pò ben stramuare agno cosa, mo la mia panza serà sempre a un muò, con petteto de magnare, perqué in pe de buiegi a’ he raise de fame in la panza.

[96] A’ crezo que, se quî brobulliti, que sta in lo pan, foesse sì fatti con ti è ti, que ’l no ge besognerae mè né crenze né armari da logarlo.

[97] Tìrete da un lò, Vezzo, que te no ge stè ben a pe: seando squaso sempre cotto, el te porae magnare.

[98] Mo no te ge segurar ti, perqué te sì pi tanto frollo que te spuzzi. Perqué ’l è con è i dugi: el magna d’agno morbò e d’agno carogna.

[99] N’habiè paura negun de vu, ch’a’ no torrae quel che dê magnare i cuorbi. Mo a’ ve consegio ben que, con a’ magne, ch’a’ no me stagè a pe, né a bisegarme sul me tagiero, perqué el no v’intravegnisse con intravene a n’altro seando a nozze. El me volea pur stare a pe, e m’andasea incalzando del magnare. Bessà que me dago na stretta a la panza con la centura, e trage un stranuo, e la centura tof in mille piezzi! E va la schiona e chiappa questù a traesso ’l naso, e ge ’l schizzé, que te dirissi ’l è stò un magio. La ge butté fuora an du dente. E de tanto que ’l tendea a spuare, e mi a’ vuggié el tagiero. Sì che no me stè a pe co a’ magno, que a’ he una mala usanza.

[100] A’ vorrae un dì imbatterme a veérte ben magnare, Piolo.

[101] [N 1v] Sì, mo ’l besognerae vêrlo schioppare, perqué el farae pi bella botta schioppando ello in persona, que schioppando la so centura.

[102] A’ v’insegnerè mi. Con a’ sean a nozze, mettìve vu du a magnare tanto ch’a’ crepè, che mi, con a’ veza que ’l no me sea romagnù gniente, a’ schiopperè da ira.

[103] An, Piolo, se te t’imbatissi a iscontrare in lo cancaro, e que ’l cancaro te vegnisse incontra con la bocca averta, e que ’l diesse: “Piolo, o magname mi o que a’ te magnerè ti!”, que faristo?

[104] Oh, cancaro magne el cancaro, a’ vuò ch’a’ magnon de buoni rusti e de buone torte e de bon fromagio!

[105] Tiémela lì. Que ordene g’è?

[106] Con sea chì le femene. Ti, che te vien de là, te ’l dirissi saere.

[107] A’ le he vezù d’intorno a uno spiechio, que le parea gatte que foesse al sole a slechignarse.

[108] Da na femena a un molin el no g’è defferientia: le no se riva mè de conzare sì ben que ’l no ge manche qualconsa. Le femene le fo figiuole de l’indusia.

[109] Vogion andarge incontra?

[110] Con te vuò.

[111] A’ son a vu.

[112] Se le sta in sta ca’ tutto guano, sti scagni e ste banche de ca’ sentirà così biè tanfaruzi con se sentisse mè.

[113] Putti, vogionse desbrattar tosto? Mettonse a cantare chialò de fuora, que, con i ne senta, i no veerà [N 2r] l’hora de vegnire.

[114] Sì, cantè. El parerà an ch’a’ fazzan legrezza delle suò legracion.

[115] Quala degóngio dire?

[116] Di’ quella, Piolo, que dise:
“Puosto creppare inanzo ca morire”.

[117] A’ no la sè, quella. A’ sè quella que dise:

 “Fuogo da cielo te cave d’affano”.

[118] No, digon quella que dise:

 “Ve posse sborir gi uogi, aneme mie”.

[119] Osù, a’ scomenzerè mi.
 

[120] 

 “Bel oselino...”
Que? Quel dal becco buso, que senza piè si salta in suso? No dir quella, dìne una a prepuosito de st’amor del putto.

[121] 

 “Sentia a lomentar

 d’un bel fantin d’amore”.

[122] Mosì, questa, que ’l se lomentava que ’l no haea dinari.

[123] Sì, sì, disì questa, ch’a’ v’agierè an mi.

[124] 

 “Ch’in brazzo alla so bella

 si stava gramezzoso

 d’un sospiro que la trasse

 per un altro moroso”.

[125] El trasea sospiri per i dinari, no per altro.

[126] Mo que fètu, Vezzo? Così col ’l folletto vegnì senza vegnire, così te canti an ti senza cantare?

[127] A’ fago perqué a’ cantan in quatro.

[128] Mo a’ seon lomè tri.

[129] N’hetu fatto mè ti solo, tanto con se a’ foessé stò du?

[130] Sì, an per tri, quando ’l magna. Ello solo no magnelo per diese?

[131] Te no me sentirè anar fuora de carezà col me [N 2v] inorganarme, né con chiave molla, con fa sti solfezaore.

[132] El dise vera, perqué co ’l contratenore ge armolla, el mette el grosso a man e tien può’ fremo.

[133] Mo digonne un’altra, che questa no se g’affà.

[134] 

 “E con l’alba de rosata

 s’in lieva el bel fantino

 per conquistare la so manza

 con battagia, que no è né de lanza

 né de cortello”.

[135] Questa se g’aven, que ’l bel fantino si è el nostro paroncin, que levé sta doman a bon’hora.

[136] Mo la battagia que n’è né de lanza né de cortello, de que èlla?

[137] L’è de dinari.

[138] 

 “La figiuola de lo Re de l’oro,

 que ha le trezze de tresoro,

 la ose de l’anzoletto

 e lo pe del levoretto”.

[139] Sta figiuola del Re de l’oro si è la vegia, que ha la monea.

[140] E ’l pe del levoretto, que corre senza far remore, con la fé ella quando magnavino, que la ne guasté i pensieri.

[141] E la ose de l’anzoletto, que l’è doventà adesso piaseola, que la pare un anzoletto. Va’ drio.

[142] 

 “Con la ’l vette sì zovenetto,

 compassione g’in vene al cuore.

 -Torna indrio-, ge prese a dire,

 -no te mettere a morire-”.

[143] Questa ven a dire quando i giera strangossè.

[144] No, el fo quando la vegia vette pianzere el putto. La disse: “Torna indrio, ch’a’ no vuogio que te mori, a’ son contenta que te l’habi”.

[145] [N 3r] Putti, a’ sento ch’i ven zo per la scala. Vogion fare una delle belle noelle e di biè muar de massaria, con fo mè fatto?

[146] Di’ pure.

[147] Mettìvene a cantare una da ballo, e mi a’ torrè su la putta, e sì a’ me avierè inanzo ballando; e vu tendì a cantare, e mi ballare, e vu cantare, e se i ne dirà gniente, a’ no ge responderon. Cantè pure, e mi a’ ballerè.

[148] L’è fatta.

[149] Né per mi no stagè.

[150] Vìgi a ponto que i ven de là fora. Alto, valenthuomeni, e tegnì duro!

[151] 

 “La deveosa, quando l’è in casa,

 la no me guarda, né no me basa;

 s’a vage in l’horto, la va in lo bruolo,

 s’a’ vage in casa, la ven de fuora.

 O traditora, vuòtu ch’a’ muora?

 O traditora, vuòtu ch’a’ muora?”

[152] Brigà, no n’aspittè pi, que andaron a magnare. A’ spiero anchora ch’a’ faron nozze da davera con sta putta. In quella fià a’ v’inviaron. E se haessé habù piasere e ve l’haì an risesto, mo fè mo festa adesso, que haon rivò.
 

Il fine