Archivio digitale veneto

Sonetto di Leonardo Trevisan

 

 
 
 - Maistro, a’ comprerae quel laoriero
 s’a’ savesse cognoscer quel che fosse
 quelle impeltrigaure bianche e rosse
 sì ben insegnolè su quel sforciero.
5- Frelo, quel che tu vì su quel cimiero
 si è quel che non se vé, mo el se cognosse
 quando che ’l fa vegnir sì grande angosse
 e sì gran infiason dentro el bragiero.
 Vìtu l’arco che ’l porta e quella frezza?
10Co el sitta, pure che ’l passe el zuparelo,
 el fa debotto che ’l cogion se drezza.
 - Que vuol dir che ’l ha l’ale a muò un oselo?
 - ’L ha le ale ché ’l scon zir mè in frezza:
 se ’l è chì adesso el scon zir po al bordelo.
15A la fe’, questo è belo.
 Mo quel vuol dir che ’l è senza la braga?
 - Perché sempre mè el fotte o ’l pissa o ’l caga.